Lingua   

Piccola ballata dell’infibulazione

Anna Luppi
Lingua: Italiano



Stai zitto sennò ci sentono...
Dove hai nascosto la macchina?
Venti datteri chissà se bastano...
La targa l’hai rimessa già?
Una strada, una pista, un sentiero di stelle,
una duna e dietro forse c’è la libertà
di non rischiare la morte ad ogni figlio che nasce,
guida piano se puoi che forse dorme già...
Dimmi che sei con me,
che l’amore non chiede al corpo quell’oltraggio,
fallo per lei,
non chiedo di più,
non chiedo di più.
Vestita di sogni, attaccata al mio seno,
ci fosse solo una remota possibilità
di sottrarti al dolore e a questa tradizione,
quel confine stanotte con te passerò.
Senza un taglio profondo nel corpo,
che hanno fatto un giorno a me, e quasi a tutte noi,
tu che guidi, perché adesso sudi freddo?
Stringimi forte, dimmi ancora che...
Dimmi che sei con me,
che l’amore non chiede al corpo quell’oltraggio,
fallo per lei,
non chiedo di più,
non chiedo di più.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org