Lingua   

Piazza Barberina

anonimo
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)



A piazza Barberina, più su der Tiritone,
sotto l'ombra de 'n lampione 'na pisciata me metto a fa'.

[De qua de lla', ciavemo la libbertà,
De qua de lla', ciavemo la libbertà]


Me s'avvicina un tale, vestito a la borghese,
cor cappello a la calabbrese, che me se mette a fa':

Giovanotto, documenti, via, nun fate lo sfacciato,
Io sono il delegato de le Guardie de Città!

Si séte un delegato nun me ne frega gnente,
che vve piji un accidente, che vve possin'ammazza'!

Se mise un dito ar culo, e fece un fischio acuto,
segnale convenuto de le Guardie de Città.

Coreveno, coreveno, pareveno pompieri
'Sti quattro culattieri de le Guardie de Città.

In cinque contro uno ve ce sapete mette,
me misero le manette, in priggione me fa porta'.

Me misero in priggione, fra cimici e pidocchi,
che faceveno a cazzotti co' le Guardie de Città.

Me diedero 'na pagnotta, mezza cruda e mezza cotta,
quei fiji de 'na mignotta de le Guardie de Città.

Me diedero 'na banana, mezza marcia e mezza sana,
quei fiji de 'na puttana de le Guardie de Città.

Ragazzini, ragazzetti, nun pisciate su li tetti,
ma pisciate sull'ermetti de le Guardie de Città.

Ragazzini, giovinotti, nun pisciate su li muri,
ma pisciate su li culi de le Guardie de Città.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org