Language   

Saviour Machine

David Bowie
Language: English

List of versions


Related Songs

Under Pressure
(Queen)
I'm Afraid of Americans
(David Bowie)
Gunman
(Adrian Belew)


[1970]
Parole e musica di David Bowie
Nel disco “The Man Who Sold the World”

The Man Who Sold the World
The Man Who Sold the World

La “Macchina Redentrice”, battezzata “La Preghiera” fu adottata dall’illuminato “Presidente Joe” per porre fine al caos umano, alle guerre e alla fame. Per “La Preghiera” fu estremamente facile porre tutto sotto il suo controllo, così banale che ben presto il supercomputer cominciò ad annoiarsi a tal punto da desiderare di reintrodurre nella società umana, da esso totalmente dominata, qualche nuova bella guerra, qualche devastante epidemia, un’apocalittica carestia, giusto per rompere il tedio procuratogli dal suo noioso lavoro e per dare sfogo al proprio odio per la meschinità e le miserie del genere umano. E’ la stessa “Macchina Redentrice” che chiede di essere allontanata, disattivata, messa in condizioni di non nuocere perché si rende conto di non essere più in grado di contenere le proprie nefaste intenzioni…





Una canzone sull’incubo del controllo totale, distopia assai diffusa negli anni 60 e 70 e documentata in miriadi di romanzi (uno su tutti, “A Clockwork Orange” di Anthony Burgess, 1962), di canzoni e di film, come “Forbidden Planet” di Fred McLeod Wilcox (1956), o “2001: A Space Odyssey” di Stanley Kubrick (1968), o ancora “THX 1138”, esordio di George Lucas (1971)

Oggi, dopo l’avvento dei personal computer (impensabile per i più nei 60 e 70) che ci ha reso complici e propaggini ma anche controllori della “Macchina”, il genere umano non ha risolto nessuno dei suoi problemi ancestrali (guerra, fame e malattie) ma in compenso non corre nessun rischio di finire soggetto ad un controllo totale fondato sull’ipertecnologia… O NO?!?

President Joe once had a dream
The world held his hand, gave their pledge

So he told them his scheme for a Saviour Machine

They called it the Prayer, its answer was law
Its logic stopped war, gave them food
How they adored till it cried in its boredom

'Please don't believe in me, please disagree with me

Life is too easy, a plague seems quite feasible now
or maybe a war, or I may kill you all

Don't let me stay, don't let me stay
My logic says burn so send me away

Your minds are too green, I despise all I've seen
You can't stake your lives on a Saviour Machine

I need you flying, and I'll show that dying

Is living beyond reason, sacred dimension of time
I perceive every sign, I can steal every mind

Don't let me stay, don't let me stay
My logic says burn so send me away

Your minds are too green, I despise all I've seen
You can't stake your lives on a Saviour Machine

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/18 - 09:59



Language: Italian

Traduzione italiana da Velvetgoldmine
MACCHINA REDENTRICE

Il presidente Joe una volta fece un sogno.
Il mondo teneva la sua mano, s'impegnava solennemente
Così spiegò loro lo schema della Macchina Redentrice.

La chiamarono la Preghiera, la sua risposta era la legge
La sua logica fermò la guerra, diede loro cibo
Quanto la adoravano finché non gridò nella sua noia

Per favore non credete in me, per favore non siate d'accordo con me
La vita è troppo facile, un flagello è molto probabile adesso
O forse una guerra, oppure potrei uccidervi tutti.

Non lasciatemi qui, non lasciatemi qui
La mia logica dice brucia, così mandatemi via
Le vostre menti sono troppo acerbe, disprezzo tutto quello che ho visto
Non potete rischiare la vita con una Macchina Redentrice.

Ho bisogno che voliate, e vi mostrerò che morire
Significa vivere oltre la ragione, sacra dimensione del tempo
Io avverto ogni segnale, posso impadronirmi di ogni mente.

Non lasciatemi qui, non lasciatemi qui
La mia logica dice brucia, così mandatemi via
Le vostre menti sono troppo acerbe, disprezzo tutto quello che ho visto
Non potete rischiare la vita con una Macchina Redentrice

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/18 - 10:01



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org