Language   

Niente da festeggiare

AK47
Language: Italian



Pezzo dedicato a Leonard Peltier

Niente da festeggiare
Ahi America se avessi rifiutato
Caravelle dallo sconosciuto
Il potere di scoprire non è un caso o un'occasione
E chi scopre chi, se uno esiste e l'altro pure?
A.M.E.R.I.C.A.
Immagina che un giorno ti ritoccherà
Che un fottuto barbaro ti dica incivile
In nome di un dio che sono tre
E con la croce quattro
Ma non lo puoi dire perché sei inferiore
Hai l'arco e le freccie e non hai un winchester
E poi il fragore dello sparo
Di un cannone puntato
Senza comprenderne il motivo
Sempre più accanito
Non dirmi che è passato
Lo so che non sei scemo e che hai capito
Basta che ora pensi a quello che ti dico
Per capire che oggi come ieri
L'umanità ha un nemico
A stelle e strisce, bianche e rosse
E non è cambiato niente
1992 da festeggiare?
Siate bravi, non fateci incazzare!

Dove sono oggi i Mohawk?
Dove i Navajo? I Sioux?
Gli Apache ed i Mohicani?
Come neve al sole, nel fuoco
Sotto la mano bianca della civiltà
10 centesimi, 10 per vedere
Falco Nero in gabbia, Geronimo in catene
La folle vendetta del denaro sulla pelle
Lo sguardo della luna indignata, ribelle
"Meglio rosso che morto," mi ripeto
Morire combattendo per quello che ora vedo
Rossa! Rossa! Rossa!
Mi han detto pellerossa
Rossa la mia pelle
E respira con la terra
La sento a piedi nudi
Correndo con il vento
C'è chi ha giurato di colpire
Dalle barricate mille pugni fieri al vento
Radio Kili sta chiamando

Columbus Day è la festa
Leggilo "eurocentrismo
Trasformato in un massacro
Celebrato in expo
A Genova, Siviglia, Barcellona, Santo Domingo"
Ascolta bene, yankee, poi potrò interrogati
Quanti indios massacrati?
E poi i neri, ah già, quelli li hai importati
Vai nelle riserve, vai nei ghetti, vai a vedere
Le stigmati della conquista
Non le porta certo Bush alla Casa Bianca
La sua storia è quella di John Wayne
È quella del KKK
È qualcosa che parla di razza
Dopo averne sterminata un'altra
Kid è un monello e questo è solo un disco
Non mento
Parlo col cuore e cerco di essere diretto
Un AK, 6 compagni, un unico obiettivo
Columbus Day è una festa?
Andate a fare in culo!

Ahi, ahi, ahi, che triste emigrazione
Per scoprire poi che no, non esiste distinzione
Tra il mio nulla lasciato e quello ora trovato
Stesso rituale: un'inculata totale
Bianco, giallo, rosso, nero
Cambia il colore ma è solo una facciata
Non cambia l'oppressione
Via da Asia, Africa ed America Latina
Qua in USA alla ricerca di una nuova vita
E pensa che per venire un oceano ho attraversato
E un fratello un fiume in piena ha guadato
Per ottenere cosa, ma ci avete pensato?
Un lavoro da autista, cameriere od operaio
Ma il concetto è che sono rimasto sempre schiavo
Anche se una catena d'oro loro mi hanno dato
Per uno che sale giù ce ne van 100
E i miei sogni nel cassetto distrutti qui nel ghetto
Ahi America se avessi rifiutato
Se avessi... se avessi rifiutato...

Contributed by adriana - 2014/1/26 - 11:53



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org