Lingua   

E la vita dei mondine

Coro delle Mondine di Opera
Lingua: Italiano (Lombardo)



E la vita dei mondine
l’è ‘na vita troppo stanca,
gh’è il padrun che me cumanda
sempre avanti a lavorar.

E la vita dei mondine
l’è ‘na vita troppo trista,
ad alzarsi fa mal la vista
ed alzarsi non si può.

Oi l’anderemo a ca’
oi l’anderemo a ca’
oi l’anderemo a ca’ a godere la libertà

La libertà l’è quella di non mondar più riso
godere il paradiso, godere il paradiso.
La libertà l’è quella di non mondar più riso
godere il paradiso e godere la libertà.

A mangiar poc, poc, poc se diventa fiacc, fiacc, fiacc,
se diventa stracc, stracc, stracc se poeu pu andà.
A mangiar poc, poc, poc se diventa fiacc, fiacc, fiacc,
se diventa stracc, stracc, stracc se poeu pu andà.

Alla mattina il latte c’è
con il caffè e senza zucchero,
alla mattina il latte c’è
con il caffè e senza zucchero amaro è.

A mezzogiorno la pasta c’è
l’è tutta colla, l’è tutta colla.
A mezzogiorno la pasta c’è
l’è tutta colla del cartolèe.

Ed alla sera il brodo c’è
l’è l’acqua calda, l’è l’acqua calda.
Ed alla sera il brodo c’è,
l’è l’acqua calda de lavà i pe’

A mangiar poc, poc, poc se diventa fiacc, fiacc, fiacc,
se diventa stracc, stracc, stracc se poeu pu andà.
A mangiar poc, poc, poc se diventa fiacc, fiacc, fiacc,
se diventa stracc, stracc, stracc se poeu pu andà.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org