Language   

L’esodo

Silvano Spadaccino
Language: Italian (Pugliese Foggiano)

List of versions


Related Songs

Lu furastiero
(Matteo Salvatore)
Matteo Salvatore: Le chiacchiere d’lu paese (Rapatatumpa)
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


Nell’EP “Il cammino senza speranza” (I Dischi del Sole) e poi nell’album “Emigrazione. Canti del ‎passaporto rosso” (nella collana “I più bei canti d'Italia” edita dalla RCA)‎
Recentemente anche nel CD di Gualtiero Bertelli e La Compagnia delle Acque intitolato ‎‎“Povera gente”, 2004.‎
Testo trovato su La Musica ‎de L’Altra Italia

cantastorie-di-silvano-spadaccino-lp-i-piu-bei-canti-ditalia-fo-E2808Ejannacci-7473477


image4351
So' remast' i vijcchie e i criature,
so' remast' i femmene e i chen'
‎'mbambulate sott'o soule
ind'e ches', p'a campagne.
Ogni juorne quà pass' nu tren'
e ogni tren' se port' guagliune,
‎'sti guagliune chiù lundane ogni juorne d' cchiù.‎

Prev' che 'a guerr' fosse fernute
sendenn' parlà d' libbertà
e 'nvece c'hann' angora chiù ' mbambulate,
chi ha parlet' è remast' quà.‎

E 'sta fem' che lass' i sijgn'
ma 'na vota 'a puitive suppurtà
l'abbetudene, i guagliune, ma 'a puitve suppurtà.
Steve 'a fem', ma steven i giuven'
te rereive 'u cour' a vederl'
mò nen zind' chiù 'na canzouna
‎.na reseta, nijnde cchiù.‎

Parev' che 'a guerr' fosse fernute
e 'nvece è appena accumenzet'
quà non ze spouse chiù nisciune
e criature chiù nun nascene ind'e ches'.‎

C'hann' apijrt' 'na scoula serel'
ma che sanne quill' che èje 'na mamm'
e 'a chese, 'u cambsand'
cumm'i vijcchie a nui ce 'mbararen'.
E chi vijcchie nun ce stann' i criature
e chi femmen' nen ce stann' mangh'i chen'
se retrivenne sul a stazjoune
a salutà chi è crisciut' pe' fatijà.‎

Parev' che 'a guerr' fosse fernute
parev'...
e c'hann' frechete! ‎

Contributed by Dead End - 2013/3/12 - 13:53



Language: Italian

Traduzione italiana da La ‎Musica de L’Altra Italia
L’ESODO

Sono rimasti i vecchi e i bambini
sono rimaste le donne e i cani
imbambolati sotto il sole
nelle case, nella campagna.
Ogni giorno qua passa un treno
e ogni treno porta via i ragazzi
questi ragazzi più lontani ogni giorno di più.‎

Sembrava che la guerra fosse finita
sentendo parlare di libertà
e invece ci hanno imbambolati ancora di più,
chi ha parlato è rimasto qua.‎

E questa fame che lascia i segni
ma una volta la potevo sopportare
l'abitudine, i ragazzi, ma la potevo sopportare.
C'era la fame, ma c'erano i giovani
ti rivive il cuore a vederli
ora non senti più una canzone
una risata, niente più.‎

Sembrava che la guerra fosse finita
e invece è appena incominciata
qua non si sposa più nessuno
nelle case non nascono più bambini.‎

Hanno aperto per noi una scuola serale
ma che ne sanno quelli che ho una madre
e la casa, il camposanto
e come i nostri vecchi ci hanno educato.
E con i vecchi non ci sono i bambini
e con le donne non sono nemmeno i cani
si ritrovano soltanto alla stazione
a salutare chi è cresciuto per faticare.‎

Sembrava che la guerra fosse finita
sembrava...
e ci hanno fregato!‎

Contributed by Dead End - 2013/3/12 - 13:55



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org