Lingua   

Piazza dei Cinquecento

Ianva
Lingua: Italiano



Chissà se esiste nulla che
Abbia più gran tedio di sé
Di una piovosa domenica italiana.
Se poi è già sera, ed è novembre
Con il crepuscolo che scende
Su questa guazza metropolitana,
Più ancor rimpiango le veglie attorno ai fogolàr... (1)

All’oste l’ho dovuto dire:
‎“Sei ancora in tempo per fuggire”,
E lui temeva che fosse per la cena! (2)
Di Vecchia Italia onesta scorza,
Anch’egli ignora la sua forza
E il suo affetto mi dà una dolce pena.
Ma il vino suo denso sa sempre scaldarmi il cuore...

Testimoniare verità:
Null’altro resta ormai da dire,
Vorrei il coraggio di una fede,
O emanciparmi da viltà,
Dalla paura di morire
Come sa solo far chi crede.
Ma sotto un disperato cielo
Ciò che mi spinge adesso a uscire
Sà ancora d’empietà, e spero
Avrò nuove cristianità
Dal clandestino mio Dies Irae,
Perché anche lì vi è Pietà e Amore...

Mi è caro il gergo popolare,
Il puerile senso dell’onore,
La sua allegrezza, la tragica incuranza.
Vi è ancora un senso, una passione,
Vi sopravvive una nazione
Con residuale, sfrontata appartenenza.
Non so per quanto, ma meglio di voi, di me...

Forse a guardare troppo in là
Mi ritrovai gli occhi feriti,
E un balsamo vorrei, o un figlio.
O un’innocenza che berrei
Come tra giovani banditi
Belli e cari agli Dei.
E prego
Mi si traghetti oltre la notte
Lungo i canali delle vie,
Fino alla quiete che
Concede lo stolto tempo che gli Dei
Li ha trasformati in malattie,
Febbri dei giorni miei...

Hai già cenato?
Perché mi dai del Lei?

“Che famo, annamo?”
Note tratte dal sito del gruppo

(1) Focolare tradizionale friulano, di forma circolare. Un elemento che ritorna spesso nelle memorie ‎dell'infanzia friulana di Pasolini, quasi un simbolo di quel “conforto comunitario” che il poeta dava ‎già per spacciato oltre 40 anni fa.

(2) E' “l'oste” stesso a raccontarlo: il titolare del Bar Gambrinus di Piazza dei Cinquecento, molto ‎amico di Pasolini e uno degli ultimi ad averlo visto vivo.‎


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org