Lingua   

Lino Straulino: Nicolò, lassi alfin l'Amor tiran

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Lingua: Friulano



Nicolò, lassi al fin l' Amor tiran
Di cujè, che tant timp mi ha tormentat,
Reste il cuur culì, va il pid lontan
Da chel mostro crudel d' infedeltat;
Memorabil al mond sarà l' ingian
A la presint e a la future etat;
Ognun racontarà cun gran stupor
La so incostanze e il miò tradit amor.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Oh Dio! Che almanco podess fa vedè
Chel che hai patìt par un ecess d' amor,
E il dolor che penand l' anime me
Prove par cause di un injust rigor;
Fuars che pietose tornaress cujè,
E mudaress dal miò destin tenor;
E se no impietosiss chel cuur audaz,
Nature no ' l fasè d' amor capaz.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Pur sint che la rason cussì mi dis:
Donchie tu vus amà cui cu ti sprezze?
E consumà penand oris e dis
par fati sclaf di rigide belezze?
No, no schiampà lontan,che par to avìs
porà fuars radolcì la to amarezze;
che la Done ben giold, simpri incostant,
Di tormentà, ma no piardi l'amant.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Su su donchie, o miò cuur, a la partenze,
Alìn sot altri cil pur a murì,
Che ches stelis par no' non han clemenze,
Nè ju nestris lamenz uelin sintì.
Biele Elise ti lassi e chiol licenze,
E oh me bëat! se chì podess finì
La vite, spirand l' anime ai siei pis,
Par contemplà murind il paradìs.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Ma almanco, crudel! dimi l' eror
Cu mi condane ad un chiastic sì grand,
Che ben è di fortune un reo tenor
Dovè vivi o murì simpri penand.
Ah! che il miò mal proven dal trop amor,
Che jò il donai a chel to umor sprezzand;
Cumò 'l cognoss, e tra me dìs ben spess
Jò seguitand altrui, piardi me stess.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Sì che piardi me stess, e sòi piardut,
Se 'o resti dal so amor abandonat;
Ma il miò torment al è, che 'o sòi chiadùt
Dal paradìs senze d' avè pechiat.
Justizie, amor; no volè tu in chest mût,
Che un inocent par reo sei condanat;
E se tu no ripàris al miò dan,
Tu no ses Dio d' amor, ma un Dio tiran.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org