Language   

La kippà e la coscienza

Franco Trincale
Language: Italian


Related Songs

Lamento per la morte di Giuseppe Pinelli
(Franco Trincale)
L'orologio del dottor Guida
(Franco Trincale)
L'inferno bianco (Mattmark)
(Franco Trincale)


Testo e musica di Franco Trincale
Dal suo sito ufficiale.


Il fascista Fini con la kippà in testa. הפשיסט פיני עם הכיפה על ראשו
Il fascista Fini con la kippà in testa. הפשיסט פיני עם הכיפה על ראשו


Canzone ispirata alla visita, con tanto di kippà in testa, che il fascista Gianfranco Fini, in qualità di ministro degli esteri del governo Berlusconi compì alcun tempo fa al sacrario della Shoah, lo Yad Vashem di Gerusalemme. Strani tipi, questi fascisti (specie se riciclati e "democratico-occidentali"): prima sterminano gli ebrei e vi danno il loro avallo storico (ricordiamo che lo stesso Fini ebbe a definire Benito Mussolini, quello delle leggi razziali del 1938 perfettamente modellate su quelle hitleriane, "il più grande statista italiano del XX secolo"; quello che ha cominciato la sua brillante carriera politica come "figlio prediletto" del defunto Giorgio Almirante, redattore della rivista "La difesa della razza"; eccetera), poi vanno a visitare lo Yad Vashem con grandi dichiarazioni di pentimento. Noi persistiamo invece a credere che, nell'animo, nient'altro restino che dei fascisti. Del resto, lo stesso Fini era in "cabina di regia" a Genova, nei giorni del G8. Franco Trincale esprime perfettamente tutto questo in una delle sue ballate autoprodotte, che presentiamo qui volentieri. [RV]


Il padre dei padri
Ai loro figli disse
Vivete nella pace
E le tavole gli scrisse

Ma l’onta del possesso
L’uomo rese rapace
Che fa la guerra spesso
In nome della pace

Il figlio di quel padre
Che fu fascismo e lutti
Con la kippà in testa
Dice colpa fu di tutti

Le chiedo signor Fini
Con modesta riverenza
Perché soltanto adesso
Porta la sua presenza

Troppo tempo c’è voluto
Per lei prender coscienza
Per rendere il dovuto
A chi oppose resistenza

Al fascismo a quelle leggi
A razzie persecuzioni
Che ora lei in politichese
Va chiedendosi ragioni

Con discorsi allocuzioni
Deponendo le corone
Mentre qua leggi ladrone
Violan la costituzione.

Contributed by Riccardo Venturi - 2006/5/1 - 09:55



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org