Lingua   

Dopo la retata del velodromo d'inverno

Vittorio Merlo
Lingua: Italiano



Era bello tornare
era dolce il pensiero
col rumore del treno a ritmare i ricordi
a cercare parole
per poter raccontare lo stupore degli occhi
la bellezza del mare

Se la croce uncinata
ha strappato la stella
ha svuotato la gioia dei miei 15 anni
se ha lasciato il deserto intorno al mio cuore
che cosa mi rimane da dire da fare da amare

Se la croce uncinata
ha strappato la stella
mi ha lasciato da sola a contare le ore
Ho un'oasi felice dentro il mio cuore
le stelle che ho portato nel grembo brillano ancora


Era bello tornare
era il vento leggero
col rumore dei passi a ritmare il mio cuore
a trovare gli odori
a cercare gli sguardi la gioia negli occhi
di mio padre e mia madre

Se la croce uncinata
ha strappato la stella
ha svuotato la gioia dei miei 15 anni
se ha lasciato il deserto intorno al mio cuore
che cosa mi rimane da dire da fare da amare

Se la croce uncinata
ha strappato la stella
mi ha lasciato da sola a contare le ore
Ho un'oasi felice dentro il mio cuore
le stelle che ho portato nel grembo brillano ancora


Era aperta la porta
era vuota la stanza
a bloccare il respiro cancellare i ricordi
a lasciarmi lì sola per sempre


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org