Lingua   

La ballata dei militari

Collettivo Víctor Jara
Lingua: Italiano



E se un giorno dovessi partire
per difender la patria e l'onore
sarei fiero sì di disertare
per non dare una mano al potere.

Sono quindici mesi di leva
regalati tutti al padrone
per i suoi interessi lui è pronto ad usarmi
come fossi carne da cannone.

Già si muore qui senza combattere
e li chiamano incidenti del mestiere
ma ci ammazzano anche come persone
burattini ci fanno diventar.

Ma chi l'ha mai detto che dev'esser così
non continuerà poi per molto 'sta storia
giuro che prenderò in mano il fucile
solo per portare il popolo alla vittoria.

Obbedire senza discutere
chi comanda ha sempre ragione
e se provi a parlar CPR ti dan
per oltraggio al superiore.

Ma intanto nelle caserme
cominciamo già ad organizzarci
libertà di pensiero libertà di assemblea
diventeremo forza e chi potrà fermarci.
Abbiam capito da che parte dobbiam stare
per dare un senso al servizio militare
non il popolo in piazza noi dobbiamo ammazzare
ma chi lo comanda e chi lo vuol sfruttare.

Ma chi l'ha mai detto che dev'esser così
non continuerà poi per molto 'sta storia
giuro che prenderò in mano il fucile
solo per portare il popolo alla vittoria.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org