Language   

Canzone urgente

Ishi
Language: Italian

List of versions


Related Songs

L’uomo col braccio spezzato
(Stefano Giaccone)
Tangerine Café
(Luigi Cinque)


[1994]


Testo e musica di Stefano Giaccone e Lalli
Album: "Sotto la pioggia"

Compagno, è col tuono delle onde che canto dentro le notti più nere
Sulle spiagge vendute al cemento: false parole, false chiese
Dentro il sonno di lavoro operaio, nelle marce barriere
Io canto la morte nei cessi in stazione
Canto le mille africane sui tram
Vestite con un destino comprato a poco da un signore nascosto dietro ad
un finestrino
Comandando un mercato da solo, porta cristo e il vaiolo
Io canto la pace portata a Baghdad
Compagno, canto degli occhi di Franti seduto in mezzo a due sbirri
Mirafiori, Bovisa, Rebibbia, San Paolo del Brasile
Lo porto via, lo prendo per mano
Accendere un fuoco e poi sparire

Non mi pare proprio che "Canzone urgente" sia del 2003.
Le parole sono certamente di Stefano Giaccone, che però le scrisse nel 1994. E' infatti la canzone che apre l'unico album (se si esclude una musicassetta del 1992 intitolata "Troppo silenzio") degli Ishi, uno dei tanti progetti di Giaccone e compagni. Il disco è intitolato "Sotto la pioggia" (1995) - bellissimo! - e negli Ishi c'erano - oltre a Stefano - gli immancabili Lalli e Vanni Picciuolo, insieme a Walter Daziano, Fabrizio Mirra, Toni Ciavarra e Claudio Villiot.



Il nome del gruppo era un omaggio all'ultimo dei nativi Yahi della California, un uomo noto col nome di Ishi (1860? – 25 marzo 1916) che dopo aver perso tutto il suo popolo, rimasto solo, si consegnò ai bianchi e trascorse i suoi ultimi anni raccontando la sua cultura e la sua lingua, ormai estinte. La parola "Ishi" significa semplicemente "uomo" nella lingua yahi. Mi pare di ricordare che Ishi si lasciò chiamare così e non volle mai rivelare il suo vero nome... Lessi molti anni fa “Ishi. Un uomo tra due mondi” (1985. Jaca Book), traduzione di uno dei volumi scritti da Theodora Kracaw Kroeber Quinn (1897-1979), un’antropologa americana che studiò il popolo degli Yahi attraverso Ishi...

Bernart Bartleby - 2014/8/4 - 22:27


Solo una spiegazione sul nome scelto da questa formazione, perchè la storia che ci sta dietro mi pare molto interessante... “Ishi” fu infatti scelto da Lalli e compagni come omaggio all’ultimo nativo Yana della California, un’etnia oggi estinta, sterminata dai bianchi nei primi anni del 900.



Nel 1911, un nativo selvaggio gravemente debilitato emerse dalla foresta intorno ad Oroville e si consegnò al mondo dei bianchi. Aveva 49 anni e tre anni prima sua madre e sua sorella erano morte di stenti in seguito ad una razzia dei bianchi. Lui era rimasto solo, ultimo del suo popolo, ed era sopravvissuto nascondendosi. Quando l’antropologo Alfred Kroeber - che era molto interessato a quel selvaggio che parlava una lingua indiana ormai sconosciuta - chiese a quell’uomo come si chiamasse, lui rispose: «Non ho un nome, perchè non ho più nessuno che possa chiamarmi».
Venne chiamato «Ishi», che nella sua lingua voleva dire semplicemente «uomo»...
Ishi per cinque anni raccontò agli studiosi bianchi la cultura, le tradizioni e la lingua degli Yana. Poi, nel 1916, morì di tubercolosi. Il suo popolo era definitivamente perduto.
Il rito funebre per Ishi fu svolto secondo la tradizione Yahi, il sottogruppo degli Yana cui apparteneva: il corpo fu cremato e sepolto con 5 frecce, punte di ossidiana, farina e ghiande.
Oggi Ishi riposa in un cimitero a San Francisco.
Sulla lapide è stata scritta la frase che usava per congedarsi: «Voi restate. Io me ne vado.»

Bernart Bartleby - 2014/8/4 - 22:31


"Canto le mille africane sui tram / Vestite con un destino / Comprato a poco da un signore nascosto / Dietro ad un finestrino..."

Oggi ho raccolto per strada il seguente commento. Da una signora bianca, grassa e sudata, complice il caldone che slatentizza e squaglia merde e merdosi:

"E tutte 'ste puttane negre, hai visto cos'hanno fatto venendo tutte qui da noi? Hanno portato pure il caldo africano!"

Più che di ulteriore ipotesi sul riscaldamento globale, credo si tratti della conferma del progressivo, inesorabile divenir merda della gente...

B.B. - 2019/7/3 - 15:50


Pregherei gli Admins - perfidi ma sempre gentili - di cambiare la datazione di questo brano immortale: 1994, e non 2003!
Originariamente nel disco degli Ishi intitolato "Sotto la pioggia" e non nel successivo - quasi 10 anni dopo - "Tutto quello che vediamo è qualcos'altro" di Stefano Giaccone e Lalli...

Spesso il brano viene attribuito ai Franti e riportato agli anni 80, ma ho riguardato attentamente la discografia del gruppo ed il brano non c'è. Ciò non toglie che Stefano Giaccone possa averlo scritto anche prima del 1994, prima dell'unico, splendido album degli Ishi.

B.B. - 2019/7/3 - 21:48



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org