Lingua   

La croce

Darkeemo
Lingua: Italiano



Ho 18 anni...
la mia vita è come quella di tanti,
sono solo un ragazzo fra gli altri
e come gli altri, ho sogni più o meno ingombranti,
qualche progetto e lo sguardo in avanti
com'è normale se la strada alle tue spalle
è molta meno
di quella che ti resta da affrontare
che poi è normale, pensare, che il mondo ti appartiene
e che tu soltanto lo puoi cambiare
Il mio presente sono la patente, musica e karate,
lo sport e le serate insieme alla mia gente
il mio presente è già passato e tale lo è diventato
in data ventiquattro settembre
sono un ragazzo come tanti, nè diavoli nè santi,
di quelli che si trovano in piazza
di quelli che vogliono vivere, ma senza accontentarsi,
il mio nome è Fede, Federico Aldrovandi.

E' INUTILE PERDERE TEMPO CERCANDO UN MOTIVO CHE TANTO NON C'E'
RACCOGLI I MIEI SOGNI DA TERRA, E CONSERVALI INTATTI NEL CUORE CON TE.
E LASCIA CHE SPICCHINO IL VOLO,
IN UN GIORNO D'AUTUNNO ABBANDONINO IL SUOLO,
DIVENGANO PARTE DEL CIELO NEL QUALE MI MUOVO
IO RIMANGO CON TE.
IO RIMANGO CON TE
IO RIMANGO CON TE

E mi domando quale sia stato il mio errore
e l'incertezza brucia forse
anche più del dolore.
cosa ho sbagliato per subire questa punizione?
dio mio, mioddio dimmi perchè mi hai abbandonato.
il sudore condensa in gocce di sangue, la gamba cede,
un altro colpo sulle anche.
Due manganelli rotti contro il mio corpo, le manette ai polsi
in gola embrione muore un In urlo sordo.
scusami mamma, credo tornerò in ritardo
non volevo farti preoccupare, sento le tue chiamate
ma il mio cellulare giace a terra qui accanto
e so che mi colpiranno se provo a recuperarlo.
l'occhio si chiude, mentre la luce si spegne
stringimi forte madre, ritorno nel tuo ventre
perdonami per quest'assurda situazione
io ho dato la vita, a te tocca la croce


E' INUTILE PERDERE TEMPO CERCANDO UN MOTIVO CHE TANTO NON C'E'
RACCOGLI I MIEI SOGNI DA TERRA, E CONSERVALI INTATTI NEL CUORE CON TE.
E LASCIA CHE SPICCHINO IL VOLO,
IN UN GIORNO D'AUTUNNO ABBANDONINO IL SUOLO,
DIVENGANO PARTE DEL CIELO NEL QUALE MI MUOVO
IO RIMANGO CON TE.
IO RIMANGO CON TE
IO RIMANGO CON TE

Padre perdonali, non sanno ciò che fanno
mi hanno crocefisso, ma la colpa non è loro,
no, la colpa è di chi gli ha permesso di indossare la divisa
che hanno macchiato con la vergogna.
Ed ai miei genitori, nessuno ha chiesto scusa
per un figlio ucciso senza alcuna spiegazione.
Mia madre addirittura l'han portata in tribunale
querelata ed indagata per diffamazione.
Io non serbo rancore,
però non sopporto che la mia famiglia viva nel dolore.
Non m'interessa alcuna commemorazione,
chiedo solo che sia fatta
giustizia nel mio nome.
Per favore, tenete lontana la compassione,
ricordate la mia vita, non la mia uccisione.
E ai vostri figli, spiegate in modo esplicativo
la differenza
tra un poliziotto e un assassino.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org