Rade Šerbedžija

Canzoni contro la guerra di Rade Šerbedžija
MusicBrainzMusicBrainz DiscogsDiscogs Croazia Croazia


Rade ŠerbedžijaRade Serbedzija è uno dei più celebri e poliedrici artisti croati. Regista cinematografico di fama, cantante, attore, poeta...
Abbiamo potuto reperire soltanto un biografia in lingua croata, qui tradotta da Monia Verardi.

Filmografia

*

Rade Serbedžija nasce a Bunić presso Korenica il 27 luglio 1946. Si laurea nel 1969 all'Accademia di teatro, film e televisione di Zagabria. Presto prende parte al teatro d'arte drammatica di Zagabria "Gavella", poi alternativamente lavora come libero artista con impegno all'HNK di Zagabria, poi dinuovo a "Gavella"; in tempi più recenti collabora spesso con Lj. Ristić (con la più grande Jugoslavia). Pieno di talento, si impegna in diverse tecniche teatrali; è un attore di grande temperamento, suggestivo, con una dizione superlativa, con facilità ad eseguire diversi tipi di scene; si è dimostrato convincente anche in parti di repertorio classico e moderno – di diversi generi- e interpretando sia personaggi buoni che cattivi.
Ha ricevuto molti premi (per esempio è stato premiato tre volte al festival "Sterijino pozorje"* con il premio "Vladimir Nazor", "Dubravko Dujsin" e "Orlando" nei giochi estivi di Dubrovnik). Resosi famoso e attirata l'attenzione del pubblico con qualche successo e con un vasto diapason di personaggi, si è cimentato nei film. Prende parte a sporadici parti in ILLUSIONE [ingl. ILLUSION] (1967) di K. Papić, mentre la prima grande parte è in GRAVITAZIONE O FANTASTICA GIOVENTÙ DELL'IMPIEGATO BORIS HORVAT (1968) di B. Ivanda. Da allora sempre più spesso prende parte in parti principali o secondarie, diventando gradualmente sempre più famoso e entrando nel circolo degli attori jugoslavi più rispettati - nei film si assiste ad un'apertura ai drammi di guerra fino alle tematiche contemporanee. Così l'inizio degli anni '70 lo ha visto attivo nelle parti di un comunista disorientato nella sua vita privata in SPIGHE ROSSE [ing. RED WHEAT] (1970) di Z. Pavlović e di un giovane contadino messo di fronte all'ingiustizia nel RAPPRESENTAZIONE DI AMLETO NEL VILLAGGIO DI MRDUSA DONJA (1973) di K. Papic. Alla fine del decennio ha particolarmente successo nei film CACCIA [ing. MANHUNT] (1977) di Z. Pavlović e RITORNO [ING. THE RETURN] (1979) di A. Vrdoljaka; come parte di un gendarme nella successiva realizzazione del festival degli attori a Niš ottiene il premio "Ćele Kula" (insieme alla parte in ARROVENTAMENTO [ING. BURNING], 1979, di B. Drašković). In questo momento prende parte anche a film che descrivono criticamente la Jugoslavia contemporanea: come nel film BRAVO MAESTRO (1978) di R. Grlić (arena d'oro di Pola) dove dimostra la sua bravura nel descrivere persone moralmente ambivalenti e nella seguente parte in GIORNALISTA [ingl. JOURNALIST] (1979) di F. Hadžić. Probabilemnte l'anno più fecondo per lui e per la sua carriera cinematografica è stato il 1986, quando due sue parti vengono nominate al festival di Pola come le più rappresentative: una come un rivoluzionario che che si ritrova nel dopo guerra in CAMPANE DELLA SERA di L. Zafranović (arena d'oro) e l'altra quella di un operaio amareggiato della sua povertà e delle sue sfortune della vita in SOGNANDO LA ROSA [ing. DREAMING THE ROSE] di Z. Tadić (grande premio a Niš). Di un grande potenziale artistico, con successo recita anche in televisione: prima nelle serie televisive NELL'UFFICIO DEL REGISTRO, NIKOLA TESLA, MENDICANTI E FIGLI e PROCESSO DINAMITARDO (nella parte di Josip Broz Tito). Nel 1982, ha ricevuto il premio Sammy dalla televisione australiana per la parte nella realizzazione televisiva australiana del dramma LIBERAZIONE DI SKOPJE di D. Janović. Ha pubblicato due raccolta di poesie: MUTEVOLI (Subotica 1987) e NERO, ROSSO (Zagabria 1989). E' stato anche traduttore di linguaggio teatrale e ha recitato all'Accademia per il teatro, film e televisione di Zagabria; è stato anche professore; ora recita anche nell'Accademia d'arte di Novi Sad. In tempi recenti si occupa anche di regia teatrale, e recita in molte realizzazioni straniere di conosciuti registi di fama mondiale.

* Il Festival di Sterijino pozorje è un festival del teatro nazionale di carattere competitivo che ebbe il suo inizio nel 1956 a Novi Sad (Serbia) nel 150esimo anniversario della nascita e 100esimo anniversario della morte del grande commediografo serbo Jovan Sterija Popović.

*

Rodjen je u Bunicu kod Korenice 27. VII 1946 godine. Diplomirao je 1969 godine na Akademiji za Kazaliste, film I televiziju u Zagrebu. Ubrzo angaziran u zagrebackom Dramskom pozoristu "Gavella", potom naizmenicno radi kao slobodni umetnik, s angazmanom u HNK u Zagrebu, te ponovo u "Gavelli"; u novije vreme cesto saradjuje sa Lj. Risticem (sirom Jugoslavije). Nadaren, iznimne glumacke tehnike, glumac I racija I temperamenta, sugestivan, vrsne dikcije, s lakocom izvodeci I fizicki najtee scene, pokazao se podjednako uverljiv u ulogama klasicnog I modernog repertoara - u raznim zanrovima, I u pozitivnim I u negativnim likovima. Dobitnik je mnogih priznanja (na primer triput nagradjen na Sterijinom pozorju, Nagrada "Vladimir Nazor", Nagrada "Dubravko Dujsin", Nagrada "Orlando" na Dubrovackim letnjim igrama. Ovisok I privlacan, s jednakim uspehom I dijapazonom likova okusao se I na film u. Debituje sporednom ulogom u ILUZIJI (1967) K. Papica, dok prvu glavnu - maldica na zivotnoj prekretnici - tumaci u GRAVITACIJI ILI FANTASTICNOJ MLADOSTI CINOVNIKA BORISA HORVATA (1968) B. Ivande. Otada sve cesce nastupa u glavnim ili drugim glavnim ulogama, postupno uvecavajuci popularnost I ulazeci u krug najrespektovanijih jugoslovenskih glumaca - u filmovima raspona od ratnih drama do savremene tematike. Tako su pocetkom sedamdesetih godina zapazene njegove uloge komunistickog aktiviste dezorijentisanog u privatnom zivotu u CRVENOM KLASJU (1970) Z. Pavlovica I seoskog mladica suocenog s nepravdom u PREDSTAVI HAMLETA U SELU MRDUSA DONJA (1973) K. Papica. Krajem decenije posebno je uspesan u filmovima iz NOB -e; HAJKA (1977) Z. Pavlovica I POVRATAK (1979) A. Vrdoljaka; za ulogu zandara u potonjemu festivalu glumackih ostvarenja u Nisu prima Cele kulu (zajedno s ulogom u USIJANJU, 1979, B. Draskovica). U to vreme istice se I u filmovima koji kriticki oslikavaju jugoslovensku savremenost: kao kalditelj kod kojeg prevladava karijerizam (sto potvrdjuje njegovu sposobnost karakterizacije moralno ambivalennih osoba) u filmu BRAVO MAESTRO (1978) R. Grlica (Zlatna arena u Puli) I u naslovnoj ulozi u NOVINARU (1979) F. Hadzica. Mozda najuspesnija na filmu za njega je godina 1986, kada se dve njegove uloge spominju kao najuspelije na pulskom festivalu: revolucionara koji se ne snalazi u poratnom vremenu u VECERNJIM ZVONIMA L.Zafranovica (Zlatna arena) I radnika ogorcenog siromastvom I -ivotnim nedacama u SNU O RUZI Z. Tadica (Velika povelja u Nisu). Golema radnog potencijala, s uspehom glumi I na televiziji: na primer u televizijskim serijama U REGISTRATURI, NIKOLA TESLA, PROSJACI I SINOVI I BOMBASKIPROCES (kao Josip Broz Tito). Godine 1982, dobio jegodisnju nagradu australijske televizije Sammy za flavnu ulogu u australijskoj televizijskoj ekranizaciji drame OSLOBODjENJE SKOPLJA D. Jovanovica. Objavio je dve zbirke pesama PROMJENLJIVI (Subotica 1987) I CRNO, CRVENO (Zagreb 1989). Bio je predavac scenskog govora I glume na Akademiji za kazaliste, film I televiziju u Zagrebu; bio je I profesor glume na Akademiji umetnosti u Novom Sadu. U novije vreme bavi se I pozorisnom rezijom I glumi u mnogim stranim ostvarenjima poznatih svetskih reditelja.

http://www.filmovi.de/de/glumci/640.shtml