Mirafiori Kidz

Antiwar songs by Mirafiori Kidz

Sito ufficiale

Mirafiori Kidz, banda di musica ribelle, con testi spesso impegnati politicamente.
Abbiamo suonato in giro per l'Italia, soprattutto negli ambienti della cultura antagonista.
Abbiamo avuto collaborazioni prestigiose: Lalli ha cantato in quattro pezzi del cd I NOVE PEZZI DEL ROMPICAPO MONDIALE, Stefano Giaccone (Franti) ha suonato con noi in concerto (sax, chitarra) e ha anche scritto la canzone "Incontrandoti per caso".
Abbiamo fatto concerti in alcune radio dell'hinterland torinese (Flash, Popolare, etc.), partecipato alla trasmissione televisiva "Parlato Semplice" (RAI3).
I materiali discografici che abbiamo prodotto hanno ricevuto ottime recensioni dai migliori giornali italiani del settore e da alcune fanzines straniere.
Nel 1993 insieme alla mitica etichetta BLUBUS dei Kina abbiamo realizzato un LP - CD dal titolo Mirafiori Kidz (1993) seguito nel 1995 dal 45 Torneremo sulla Langa.
Nel 2000 abbiamo autoprodotto il cd Nove pezzi del rompicapo mondiale su etichetta MK Records e un brano compare anche nella compilation Fuori dal Mucchio Combat Folk vol. 2.
Nel 2002 abbiamo partecipato alla compilation di canzoni contro la guerra "NOT IN MY NAME" edita dalla collana Suoni di LIBERAZIONE con la cover di Luigi Tenco "E se ci diranno".
Ci piace suonare davanti a persone che abbiano voglia di pensare oltre che saltellare con la birretta in mano, ci piace davvero sudare, far ruggire chitarre e pestare e randellare tamburi e rullanti..
Ci piace raccontare ancora la storia di Giovanni Pesce e di & Dante di Nanni, perché è sempre bello sentirla, un po' come i bambini che vogliono ascoltare cento volte le stesse fiabe e non ne hanno mai abbastanza...
Ci piace cantare una nostra vecchia canzone che dice "stai su col cuore e rimettiti a lottare!" perché il tempo passa ma le parole sembrano scritte ieri… e magari suonare un bel "rock pestone" (come lo definisce l'amico Pandin) con una versione di "E se ci diranno" di Luigi Tenco o della "Canzone del maggio" di De Andrè o magari esaltarci con la mitica "I fought the law"…