Bloody Riot

Canzoni contro la guerra di Bloody Riot
MusicBrainzMusicBrainz DiscogsDiscogs Italia Italia


Bloody Riot
Nel 1981, dalle ceneri degli anni di piombo, dalla violenza terrorista, dalla guerriglia urbana e dalle spese proletarie nascono a Roma i Bloody
Riot. Il gruppo è formato da quattro giovani punks ed è composto da: Roberto Perciballi (voce), Lorenzo Canevacci (chitarra), Pierpaolo Rossi (basso),Cesare Di Porto (batteria), l'età media del gruppo è di 17 anni. Agni inizi
dell'anno 1982, Alex Vargiu prende il posto di Pierpaolo Rossi al basso. Il 30 Ottobre 1982 il "Uonna Club" (uno dei rari locali alternativi di Roma), viene chiuso dalla polizia proprio mentre i Bloody Riot salivano sul palco, per la prima volta, armati di chitarre amplificatori e microfoni. Circa due mesi dopo, il "Uonna Club" viene riaperto, permettendo così ai giovani
Bloody di esordire dal vivo con un concerto che fu memorabile. Nientedimeno è la sera del 25 Dicembre 1982. Da quel giorno i Bloody Riot hanno suonato
in diverse città italiane, ed alla fine dell'anno 1983 usciva il primo 7", dal titolo omonimo (un 33 giri con il supporto in vinile del 45 giri). Agli
inizi dell'anno 1985, Fabiano Bianco (ex Raff) detto Master prende il posto di Cesare Di Porto alla batteria.

I concerti si susseguono nei maggiori centri sociali d'Italia (il Virus a Milano, la Jungla a Bari, il Forte Prenestino a Roma, il Victor Charlie a Pisa, ecc...), nel 1985 esce il primo
12", titolato ancora una volta Bloody Riot. Discograficamente l'attività del gruppo si conclude con questo LP, a cui fanno seguito molti altri concerti e soprattutto molti batteristi tra cui Carlo Riccioli (ex Nighters), Francesco
Mancinelli (ex Uniplux), Fabrizio Ferraro (ex Klaxon) e alcuni altri. Il gruppo quindi con varie formazioni e tra varie interruzioni, ha continuato a suonare fino al 1987, anno in cui si è definitivamente sciolto, con l'ultimo concerto dal vivo che hanno tenuto nell'aula Magna dell'Università La Sapienza a Roma, con l'insolita formazione che vedeva uniti Roberto
Perciballi (voce, basso), Lorenzo Canevacci (chitarra) e Carlo Riccioli (batteria). I Bloody Riot hanno suonato a Milano, Bologna, Pisa, Bari,
Parma, Sassuolo, e tante volte a Roma. Nel 1993 si è riunito per un breve periodo suonando a Roma, Firenze e ultimo concerto al Forte Prenestino il 26 Marzo del 1994. Finalmente nel 1999 esce per la X Records e distribuito dalla Helter Skelter di Roma tutto il materiale del gruppo raccolto in un
unico cd dal titolo "Come Se Nulla Fosse" per la gloria di tutti i seguaci di questo storico gruppo capitolino. Vi lascio con una frase dello stesso
Perciballi a riguardo delle loro canzoni.

"Penso che le canzoni dei Bloody Riot siano oggi più attuali che mai e lo saranno per tanti altri anni a seguire perchè le cose non cambiano e se
cambiano, lo fanno in maniera vegetale come se nulla fosse e prima che sia troppo tardi questo gioiello di autentica spontaneità non doveva e non
poteva andare perduto. Miei cari non ci vedremo mai, non ci conosceremo mai, forse, uniti da questo filo spinato in cui tutti lasciamo la pelle."


DISCOGRAFIA

1983 7" Bloody Riot (autoprodotto)
1985 12" Bloody Riot (autoprodotto)
1999 CD "Come Se Nulla Fosse" X Records