Ibrahîm Ehmed

Antiwar songs by Ibrahîm Ehmed

Ibrahîm Ehmed
 Ibrahîm Ehmed

Ibrahim Ahmad (6 marzo 1914 - 8 aprile 2000) (trascritto come Ibrahim Ahmed o Ibrahîm Ehmed; curdo: Ibrahîm Ehmed, ئیبراهیم ئه‌حمه‌د) é stato uno scrittore, romanziere e traduttore curdo.

Ahmad è nato a Sulaimaniya nel Kurdistan iracheno e ha studiato giurisprudenza all'Università di Baghdad, laureandosi nel 1937. Dal 1942 al 1944, è stato giudice nelle città di Irbil e Halabja. Nel 1939, insieme ad Alaaddin Sajadi, fondò il periodico letterario curdo Gelawêj. Ha svolto le mansioni di editore e caporedattore di tale giornale. Gelawêj fu pubblicato fino al 1949. Fu durante questo periodo che si dedicò alla politica.

Nel 1944 divenne capo della sezione locale del partito Komeley Jiyanewey Kurd (J.K.) a Sulaymaniyah. Successivamente la sezione ha coperto l'intero Kurdistan meridionale. Quando il J.K. cambiò nome il 16 luglio 1945 in Partito Democratico del Kurdistan (K.D.P.), Ibrahim Ahmad divenne presidente del Kurdistan iracheno. Questa corrente del K.D.P. ha pubblicato una rivista intitolata Dengî Rastî con Ibrahim Ahmad come editore. Dopo il 1947, divenne un membro attivo del Partito Democratico del Kurdistan e ricoprì al ruolo di Segretario Generale del Partito nel 1953. Nel 1949 fu condannato da un tribunale iracheno speciale, istituito dal regime monarchico, a due anni di carcere a Baghdad e due anni di arresto domiciliare a Kirkuk. Dal 1949 al 1956, è stato l'editore del giornale del K.D.P, Rizgarî. Il giornale del partito fu ribattezzato Xebat nel 1956 con Ibrahim Ahmed come caporedattore. Nel 1964 ebbe luogo una scissione politica tra i ranghi del K.D.P., con Ahmad da una parte e Mustafa Barzani dall'altra. Questa scissione portò alla formazione dell'Unione patriottica del Kurdistan nel 1975. Dopo il 1975, Ibrahim Ahmed emigrò in Gran Bretagna come rifugiato politico. Ibrahim Ahmed iniziò a scrivere romanzi in curdo nel 1933. Fu una pietra miliare importante nella letteratura curda. Il suo romanzo più importante è Janî Gel. È stato scritto nel 1956 e parla della guerra d'indipendenza curda, con particolare riguardo alla situazione curda. Nella scelta del titolo, Ibrahim Ahmed stava giocando sul doppio significato della frase curda che può significare sia l'agonia nel dare alla luce un bambino sia l'agonia di far nascere un popolo o una nazione. Fu tradotto in persiano e pubblicato in Iran nel 1980, e in turco e francese nel 1994.

Opere

Novelle
I racconti, gli articoli e le poesie di Ahmad sono stati pubblicati su tre diverse riviste: Gelawêj, Hawar e Jiyan. Ha anche pubblicato molti libri.
Yadgarî Lawan (Memorie di gioventù) , Raccolta di poesie e storie, Baghdad, 1933.
Kwêrewerî (Miseria) , Raccolta di racconti, Baghdad, 1959.
Bawik û Kur (Padre e figlio) , racconto, pubblicato sulla rivista Çirîkey Kurdistan, Inghilterra, 1979.
Pirsey Şehîd (La veglia del martire) , racconto, pubblicato sulla rivista Çirîkey Kurdistan, Inghilterra, 1980.

Romanzi
Janî Gel (La sofferenza del popolo) , Romanzo, 1972, Iraq.
Dirk û Gul (La spina e il fiore) , in due volumi, 1991. (scritto nel 1961)
Awat û Nahumêdî (Attese e Disperazione) , scritto nel 1933, non ancora pubblicato.
Herzekarî û Hejarî (Negligenza e povertà) , scritto nel 1972, inedito.
Jiyan û Xebat (Vita e lotta), scritto nel 1961, inedito.