Cantori in Terra di Lavoro

Antiwar songs by Cantori in Terra di Lavoro

Sito ufficiale
Facebook

Davanti alla travolgente evoluzione attraverso la quale il capitalismo ha scardinato il mondo contadino trasformandolo in società industriale e di massa, con la musica della terra i “Cantori in Terra di Lavoro” oppongono resistenza, difendendo la memoria di una cultura e di un mondo estinto, i cui valori fondanti furono onestà, solidarietà, semplicità e laboriosità.
Alcuni messaggi socio-antropologici contenuti nei canti agresti in uso durante i lavori stagionali (e soprattutto nel tempo della mietitura), avevano la funzione di "valvola di sfogo" per il ceto agricolo e bracciante a causa di un lavoro mal retribuito e altamente frustrante.
I canti erano caratterizzati da un linguaggio i cui contenuti trasgredivano le regole imposte da una società stratificata che vedevano i "cafoni" relegati all'ultimo posto.
Oggi sotto altro nome (o forse sotto falso nome) padroni e possidenti si contrappongono ad un ceto medio impoverito da una crisi economica e culturale globale.
Nel terzo millennio, il diritto di cantare i valori di quella civiltà estinta, contro questo sistema globale fallimentare, è una necessità!!!
 
I musicanti e i cantori sono:
Fernando Cedrone: voce, chitarra battente e chitarra classica
Basilio Carafelli: voce, organetto, tamburi e tamburelli
Maria Rita Rinna: violino
Angelica Cedrone: voce e flauto
Riccardo Folchetti: chitarra basso
Maria Michela Cedrone: voce, tamburi, tamburelli, castagnette e danza
Oriana Iannetta: voce, tamburi, tamburelli e danza
Marzia Coletti: voce, castagnette e danza