Matteo Iammarrone

Canzoni contro la guerra di Matteo Iammarrone

Sito ufficiale
Ascolta demo su RockIt
Canale You Tube
Acquista il libro L'amore ai tempi del metrò

Nasce a Torremaggiore(Foggia) il 21 Agosto 1995 da padre impiegato ed ex chitarrista e madre casalinga .Sin da subito nasce la sua passione per lo scrivere poesie e racconti. All'età di 8 anni impara a suonare la chitarra che abbandona per qualche tempo per poi riprenderla all'età di 11 quando comincia a scrivere le prime canzoni molto semplici e banali. E' in questo periodo che comincia ad avvicinarsi al mondo della musica e sopratutto al mondo di cantautori come Fabrizio De Andrè e in seguito anche Giorgio Gaber, Franco Battiato, Edoardo Bennato, Luciano Ligabue, Roberto Vecchioni, Claudio Lolli.
A 13 anni entra in contatto con i "Superlativo", band torremaggiorese formata già da un po' di anni: qui conosce Salvio Pettinicchio, il tastierista e Alessandro Russi, il cantante di allora.
Nel gruppo svolge il ruolo di chitarrista e co-autore dei brani fino al 2010 quando comincia a svolgere il ruolo di cantante e Alessandro Russi svolge il ruolo di bassista.
Intanto prosegue la sua vita artistica tra album autoprodotti da solista e album autoprodotti con i Superlativo.
Nell'Ottobre 2010 si esibisce con due brani al No Berlusconi Day 2 a Piazza San Giovanni a Roma e continua fino ad oggi con esibizioni in centri sociali, circoli culturali e piccole piazze.
Nel Marzo 2011, dopo una serie di avventure, viaggi e peripezie soprattutto in ambienti romani autoproduce l'album "Il senso dell'equilibrio" ascoltabile su myspace e nel Luglio 2011 esce l'album dei superlativo "13 anime in una bomba", presentato per la prima volta live dal gruppo nel piazzale P.e P. di Torremaggiore il 1 Ottobre.
Intanto intensifica contatti con poeti, cantautori ed intellettuali di tutta Italia, per discutere e confrontarsi e viene influenzato da alcuni di questi, in particolare dall'"ermetismo adolescenziale" di Vasco Brondi - "Le luci della centrale elettrica".
Nel Gennaio 2012 è uscito (Scaricabile gratuitamente su rockit o youtube e acquistabile su ITunes) l'album "Incubo al cubo", i cui arrangiamenti sono stati curati da Salvio Pettinicchio.
Sonorità indie/rock/soul e testi che narrano l'ipocrisia del mondo e delle persone, vicende tragiche e drammatiche e in particolare è presente "La canzone di Valerio" che è un tributo all'antifascista Valerio Verbano ucciso nel 1980 a Roma da un gruppo di neofascisti.
Nell'Ottobre 2012 esce il suo primo libro "L'amore ai tempi del metrò", una prosa poetica sperimentale che racconta la storia di un amore a distanza tra un ragazzo pugliese e una ragazza romana.
Leggi anteprima e/o acquista
Nel Settembre 2013 esce il suo nuovo EP "Il Guado" e continua ad esibirsi presso librerie, CSO, circoli culturali...ecc..
La poetica di questo autore per certi aspetti si avvicina a quella dei cantautori della scuola genovese, ma spesso è alla ricerca di qualcosa di nuovo nello stile e nelle sonorità, ma sempre restando fedeli a tematiche molto care al cantautorato come la critica all'ideologia dominante, la lotta, l'amore, l'ipocrisia, la miseria umana.