Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

E ‘un me ne ‘mporta della tu’ vittoria

Antiwar Songs Blog
E ‘un me ne ‘mporta della tu’ vittoria, perché ci sputo sopra alla bandiera; sputo sopra l’Italia tutta ‘ntera e vado ‘n culo al re con la su’ boria. Così recita un canto popolare raccolto da Pino Masi e dal Canzoniere Pisano nel 1966. Un canto, che come è stato ricordato al raduno del nostro […]
Antiwar Songs Staff 2018-11-04 18:27:00
Due anni fa Bob Dylan vinceva il Premio Nobel per la Letteratura, il primo cantante a ricevere questa onorificenza. Il signor Dylan non si scomodò neanche ad andare a ritirarlo, però nel 2017 registrò il discorso per l'assegnazione del premio.

Nel discorso commentando a modo suo il romanzo Niente di nuovo sul fronte occidentale, Dylan citava dei versi di una canzone You Ain't Talkin' to Me, attribuendola a Charlie Poole.

C'è però un problema. La citazione non era di Charlie Poole ma di una riscrittura registrata da Jim Krause assieme alla Alferd Packer Memorial String Band nel 1985 e pubblicata nell'album dal vivo "Friends for Lunch". ‎

All'epoca il nostro sito era il solo, insieme a mudcat, a riportare il testo di questa canzone. Oggi, grazie alla disponibilità della Alferd Packer Memorial String Band e di Jim Krause abbiamo pubblicato il testo completo della canzone e un link per ascoltarla e anche un adattamento in livornese!
Lorenzo Masetti 16/10/2018 - 21:55
Video!

Wheels on Fire

Album: Between Two Shores (2018)

Non so a chi si riferisca esattamente Glen Hansard in questa canzone dal suo nuovissimo album. A me ha fatto pensare a Donald Trump, ma potrebbe essere uno qualsiasi dei potenti che vogliono decidere delle nostre vite. Ma non ce la faranno: We Shall Overcome!
Well you say, you won
(continua)
inviata da Lorenzo 4/10/2018 - 23:31
Percorsi: Donald Trump
Video!

Macht Frei

[2017]
Canzone da "Dish-Is-Nein", uscito nel gennaio di quest'anno, album che segna sostanzialmente il ritorno del mitico martello dei Disciplinatha, cui si aggiungono pezzi degli Ianva e degli Skinny Puppy.
Testo trovato su dish-is-nein.bandcamp.com
Femen strike
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/10/2018 - 22:06

O fucile, vecchio mio compagno

anonimo
[1943-44]
Conosciuta anche il titolo di "Compagno fucile", è sull'aria di una canzone popolare russa. Si ritiene sia nata tra le formazioni partigiane emiliane del Reggino, dove infatti operavano parecchi soldati dell'Armata Rossa. Il testo, in diverse lezioni, si trova nei "Canti della Resistenza italiana" (1960) e ne " Il canzoniere ribelle dell’Emilia Romagna" (1967).

Incisa da Sandra Mantovani nell'album "Canti Comunisti Italiani", I Dischi del Sole, 1962, a cura di Roberto Leydi.

Non so, forse qualche d'uno si scandalizzerà perchè questa non è certo una canzone contro la guerra... Però, come diceva il subcomandante Marcos chiapaneco (chissà che fine avrà fatto... chi se li ricorda i neozapatisti messicani?!?...), "è sempre necessaria la tenerezza ma, con tanti figli di puttana che girano qui intorno, a volte può diventare necessaria anche una certa dose di piombo."

LA TERNURA

Es... (continua)
O fucile, vecchio mio compagno
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/10/2018 - 21:45
Video!

Странная cказка

Strannaja skazka
Кино - Виктор Цой
(Kino - Viktor Tsoj - Strange Story)

La canzone si riferisce alla Guerra in Afganistan
acccordi e testo in questa pagina
Снова новый начинается день,
(continua)
inviata da Donatella Leoni 4/10/2018 - 21:43

Battez Tambours !

Battez Tambours !

Chanson française – Battez Tambours ! – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 94
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – IV, II)


Dialogue Maïeutique

« Battez Tambours ! », brrr, quel impératif sinistre, ça sent la guerre à plein nez, la guerre militaire ou la guerre civile, mais bien sanglante, se récrie Lucien l’âne.

Évidemment, réplique Marco Valdo M.I., c’est sinistre, ça sent la guerre à plein nez, la guerre militaire ou la guerre civile, mais bien sanglante. Il n’y a là rien d’étonnant quand il s’agit de la Légende de Till qui raconte allégoriquement une partie de la Guerre de Quatre-vingts Ans et celle beaucoup plus longue qui se mène aujourd’hui encore partout dans le... (continua)
Aux premiers soleils de mai, les vagues enchantent
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 4/10/2018 - 13:45
Video!

Time Immemorial

2014 - Album: Muna

Non sono sicuro che la canzone sia da interpretarsi letteralmente, ma la inserisco lo stesso, chi ne sa di più può commentare.
Wounded soldier, rest a while.
(continua)
inviata da Lorenzo 3/10/2018 - 23:43
Video!

Eugenia e Hajar

(2017)
Trascrizione di M R

Una canzone dal fascino particolare, che vede anche gli interventi vocali di Eugenia (figlia tredicenne del cantautore, nata a Parigi, cullata a Napoli e cresciuta a Tangeri, in Marocco) e della sua amica del cuore Hajar, come elementi fondamentali che catturano e meglio rappresentano il contenuto, come sempre essenziale per Eugenio Bennato.

Un testo che coglie l’attualità raccontando della voglia di vivere, comunicare, abbattere le barriere geografiche e culturali, insieme ai pregiudizi del mondo adulto. Nessuno potrebbe farlo meglio di due adolescenti come la figlia di Eugenio e della sua amica dal Marocco, protagoniste anche nel videoclip, girato tra Napoli e Tangeri e diretto da Loredana Antonelli.
Cette chanson et cette musique
(continua)
3/10/2018 - 14:26
Video!

Capitano (fangu, rifardu e Ganu senza onuri)

(2018)


Questa non è una canzone, è un'invettiva alla catanese, schitta e amara, senza mezzi termini, perché con quelli che si vogliono prendere il Paese i mezzi termini non servono a niente.

Chiediamo aiuto per trascrivere il testo in siciliano perché i nostri miseri tentativi sono abbastanza inconcludenti.

«Fango, rifardo e gano senza onore. Te lo voglio dire in modo schietto». Non usa allusioni né tanto meno giri di parole il cantautore catanese Cesare Basile che ha scritto una canzone dedicata al ministro degli Interni Matteo Salvini e che da ieri è possibile trovare su Youtube.

Le parole, la musica e anche la faccia dell'attrice nel video sono cariche di pathos e di serietà, sì, perché non c'è più niente da ridere adesso, è arrivato il momento di schierarsi: con o contro Salvini. E lo fa senza mezzi termini Basile.

"Capitano" si intitola, già perché il popolo dei seguaci del leader... (continua)
Fangu,
(continua)
2/10/2018 - 23:02
Video!

A Riace

(2018)


Sentite io vi devo dire una cosa a cui tengo molto, sta accadendo una cosa che dobbiamo seguire assolutamente, Mimmo Lucano sindaco di Riace sta facendo sciopero della fame, lo sapete perché?
Lui ha fatto un esperienza, la più bella del mondo osannata da tutti, lui ha fatto un accoglienza di migranti da anni e ha salvato il suo paese e ha salvato i migranti. Loro hanno ricostruito le case e il paese ora e’ nuovo e son tutti contenti, e che facciamo noi? gli tagliamo i fondi, lui ha fatto attività culturali di tutti i tipi, è un'esperienza simbolo che gira per il mondo, tranne che in Italia e che facciamo gli tagliamo i fondi….

Giovanna Marini


Così scriveva un mese fa Giovanna Marini. Ora lo Stato fa molto peggio che tagliare i fondi, il sindaco Domenico Lucano è stato arrestato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Nell'Italia di oggi chi pratica accoglienza e solidarietà... (continua)
In Calabria è un paese che sa sperare bene,
(continua)
inviata da Lorenzo 2/10/2018 - 22:29
Video!

Iron Sky

Album: Caustic Love (2014)

Sample from the final speech from "The Great Dictator"

Penso ad esempio alle persone che in nome di Dio compiono atrocità, donne uccise per il modo in cui si vestono, uomini impiccati perché ritenuti gay, in nome della religione. La fede è importante ma amare il prossimo forse lo è di più. Il senso di Iron Sky è cercare di credere in chi ti rappresenta, nella politica. Penso infatti a come la gente non sia libera di potersi esprimere, ancora oggi. Ci vorrebbe forse una rivolta. Penso alla Gran Bretagna dove le persone votano credendo in alcuni ideali e non ottengono nulla, questa non è democrazia, è dittatura!.

Paolo Nutini
We are proud individuals
(continua)
2/10/2018 - 22:02

Le Verger de Liberté

Le Verger de Liberté

Chanson française – Le Verger de Liberté – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 93
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – IV, I)


Dialogue Maïeutique

Un verger de liberté ?, décidément Marco Valdo M.I. mon ami, tu en inventes de ces titres. Qui donc aurait l’idée de faire pousser la liberté dans des arbres.

À la vérité, Lucien l’âne mon ami, l’idée de ce verger de liberté n’est pas de moi, on la trouve déjà dans la Légende et on peut supposer que la Légende ne fait que rapporter ce qui est « légendaire » ; en l’occurrence, ce beau nom qui fut attribué, par les Gueux, lors de sa libération, à la ville de Brielle sur l’île de Voorn, qui e situe à l’embouchure de la Meuse et... (continua)
La flotte de Hollande et de Zélande
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/10/2018 - 21:57
Video!

War

Album The New Danger (2004)

Sample from the final speech from "The Great Dictator"
War is a global economic phenomenon
(continua)
2/10/2018 - 21:55
Video!

Feminista

Album: Co-incidence : Vol.1
Comment tu veux que je me retrouves
(continua)
2/10/2018 - 21:46
Video!

Αυτόν τον κόσμο τον καλό (Ράβε ξήλωνε)

Aftón ton kósmo ton kaló (Ráve xílone)
[1972]
Στίχοι: Βασίλης Ανδρεόπουλος
Μουσική: Σταύρος Ξαρχάκος
Πρώτη εκτέλεση: Νίκος Ξυλούρης
1972, Διόνυσε καλοκαίρι μας ('Αλμπουμ: 1973)
1974, Συλλογή
(1983, Αξέχαστες επιτυχίες)

Versi di Vasilis Andreopoulos
Musica di Stavros Xarchakos
Primo interprete: Nikos Xylouris
1972, Διόνυσε καλοκαίρι μας (Album: 1973)
1974, Συλλογή
(1983, Αξέχαστες επιτυχίες)

Dallo spettacolo del 1972 Διόνυσε καλοκαίρι μας (“O Dioniso, nostra estate”), con versi di Vasilis Andreopoulos e musica, beh, di Stavros Xarchakos; ne fu tratto un album nel 1973. Primo interprete ne fu Nikos Xylouris, al quale attribuisco la canzone perché da troppo tempo mi mancava di vedere lo Psaronikos su questo sito. 1972, 1973, date amare per la Grecia e non solo; ed ecco spuntare questa canzone smaccatamente ottimista, speranzosa, quasi allegra in mezzo ai Papadopoulos e agli... (continua)
Αυτόν τον κόσμο τον καλό
(continua)
inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" 2/10/2018 - 17:02
Video!

Nothing

Musica / Music / Musique / Sävel: trad.
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Tuli Kupferberg
Monday, nothing
(continua)
inviata da Juha Rämö 2/10/2018 - 14:02

I Salvini fanno "oh"

[2 ottobre 2018]
Sull'aria dei BaNbini fanno "oh"

Forse non lo sapevate, ma il “sovranismo” ha un nuovo e riconosciuto cantore: sí, proprio lui, Giuseppe Povia, in arte “Povia” e basta, quello dei bambini che fanno “oh” e che voleva avere il becco. La trasformazione pare essere avvenuta silenziosamente negli ultimi anni tra sagre, feste, iniziative "no moschea" assieme a Magdi Cristiano Allam, raduni leghisti e di estrema destra, cattolicesimo oltranzista, famiglie tradizionali e quant'altro; e così, arrivato il momento opportuno, èccoti il Povia che, addirittura, compone e canta inni anti-immigrazione e allo sforo del DEF al 3% , addirittura di uno 0,6% superiore al 2,4% che ha fatto esultare Gigino di Maio dal balconcino di palazzino Chigino. Ovviamente, non voglio insegnare l'arte sovranista al Povia; però mi son permesso di offrirgli questa piccola rielaborazione del suo immortale successo adattata ai nuovi tempi e alla sua nuova sensibilità. Buon sovranismo a tutti! (AT-XII)
Quando i Salvini fanno “oh” c'è un cannoncino,
(continua)
2/10/2018 - 08:37
Video!

Women of the World

1983
Women of the world
Ivor Cutler e Linda Hirst

1983
Privilege

Il brano è stato reinterpretato da Jim O´Rourke nel suo album Eureka (1999); dagli Yacht nel 2008.
Women of the World take over
(continua)
inviata da Dq82 1/10/2018 - 20:45
Video!

It's Enough

(2018)
Album: Raise Vibration

Nel primo singolo dal suo nuovo album il buon Lenny Kravitz se la prende giustamente con il razzismo poliziesco e lancia un appello alla pace nel Medio Oriente. Poi però scivola sulle scie chimiche come un grillino qualsiasi e questo un po' ci dispiace.
45 caliber in the face
(continua)
1/10/2018 - 19:02
Video!

Pacto de Estado

2017
Arde la kalle

feat. Pulpul de Ska-p
Como el Sol de enero
(continua)
inviata da Dq82 1/10/2018 - 18:55
Downloadable! Video!

Kara o Kruz

2013
Otra vuelta de tuerka
Mientras media humanidad está llorando de hambre,
(continua)
inviata da Dq82 1/10/2018 - 18:51
Video!

Children Of War

Children are the human future we have to tke care of them above all !!!
Heads Blowing up
(continua)
inviata da Jaider Mejía 1/10/2018 - 17:04
Video!

Who Really Are the Monsters?

Album: "Raise Vibration" (2018)
Who really are the monsters?
(continua)
1/10/2018 - 00:13
Video!

Cruz, Oro y Sangre

Album: Game Over (2018)

Canzone contro i crimini colonialisti contro i popoli nativi del continente americano che vengono celebrati il 12 ottobre nel cosiddetto Día de la Hispanidad.
Un día de otoño gris se consumó la maldición
(continua)
30/9/2018 - 23:44
Video!

Sidawa

(2016)

"Sidawa" è dedicato a Thomas Sankara, rivoluzionario leader africano del Burkina Faso, ucciso il 15 ottobre 1987 in un colpo di stato. È un brano molto duro e arrabbiato, probabilmehte il più energico di "R.E.S.".

Ondarock
Liberare uno schiavo che di esserlo non sa ancora
(continua)
inviata da Anonimo888 30/9/2018 - 23:36
Percorsi: Thomas Sankara
Video!

Całujcie się

[2018]
Parole e musica di Justyna "Sienia" Sieniuć
Il testo trascritto da YT all'orecchio
inedito
Mężczyźni z kobietami
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 30/9/2018 - 23:14
Video!

Bestiario

(2007)
dall'album "Ballata del dopocena"

testo e note dal sito ufficiale
Tutta la notte sentii gli applausi dall' Odeons Platz *
(continua)
30/9/2018 - 22:47
Video!

LiBerté

(2018)

Testo di Loredana Bertè e Fabio Ilacqua
Musica di Fabio Ilacqua

Un ritorno alla grande per la più rock delle signore della musica italiana, con un potente inno libertario, un grido di indipendenza e ode alla diversità, alla disobbedienza, alla diserzione, all'utopia e all'individualismo.


«LiBertè — spiega Loredana — è l’essere fedeli al proprio io anche a costo di essere tacciati di follia, perché il pensare con la propria testa può liberarti dalla camicia di forza imposta dalle regole sociali. È un inno alla libertà di essere sé stessi. Senza compromessi. Perché quando si è se stessi si è unici».
Io non sto fra libri e le bandiere
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 30/9/2018 - 22:09

Um uns die Fremde

[1934]
Versi di Max Herrmann (1886-1941), poeta tedesco nativo di Neiße, in Silesia. Nel 1917 aggiunse al suo cognome quello della città natale, in omaggio ai genitori entrambi scomparsi nel corso della Grande Guerra.
È la poesia che dà il titolo alla raccolta pubblicata nel 1936 in Svizzera, durante l'esilio causato dall'avvento del nazismo.
Musica di Ulrich Türk, nel disco di Lutz Görner ‎intitolato "Texte Und Lieder Verbrannter Dichter", pubblicato nel 1983.

Non so se Max Herrmann-Neiße fosse ebreo, certamente era un intellettuale molto noto nella Berlino degli anni 20, poeta espressionista ed importante autore di cabaret e anche vicino ai circoli socialisti ed anarchici. Inoltre Max Herrmann-Neiße era affetto da iposomia, un corpo deforme in cui si agitava uno spirito geniale e libero che artisti come George Grosz e Otto Dix, suoi amici nel movimento espressionista, vollero ritrarre. Nel 1933 fu quindi costretto all'esilio, ma continuò senza sosta a scrivere fino alla morte sopravvenuta a Londra nel 1941.
Wenn uns der Schlaf verläßt, sehn wir als Mauer
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 30/9/2018 - 21:40

Les Bœufs qu’on abat

Les Bœufs qu’on abat

Chanson française – Les Bœufs qu’on abat – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 92
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – IV, I)

Dialogue Maïeutique

Ça alors ! dit Lucien l’âne, on dirait du Malraux. J’ai comme le vague souvenir d’un livre qui fit fureur un temps dans certains cénacles de France.

Certes, répond Marco Valdo M.I., c’est le titre d’un livre où l’écrivain André Malraux fait parler « le Général » à la retraite, mais c’est surtout une citation de Victor Hugo, dont je lis le passage, tiré du Tombeau de Théophile Gautier :

« Tout penche et ce grand siècle, avec tous ses rayons
Entre en cette ombre immense où pâles nous fuyons.
Oh ! Quel farouche bruit font... (continua)
Till dit : « La mort vient comme un voleur ?,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 30/9/2018 - 21:21
Video!

Piero Ciampi: Sobborghi

[1971]
Parole / Lyrics / Paroles / Sanat: Piero Ciampi
Musica / Music / Musique / Sävel: Gianni Marchetti
Album: Piero Ciampi



Per il mio cosiddetto compleanno, che in realtà è caduto tre giorni fa, il 25 settembre, sono solito farmi degli “autoregali”; però, quest'anno, l' “autoregalo” me lo faccio tre giorni dopo, il 28 settembre, del tutto apposta perché oggi sarebbe stato anche il compleanno di Piero Ciampi. Con quel famoso e solito “avrebbe compiuto”, perché Piero Ciampi era nato il ventotto di settembre del 1934 e oggi “avrebbe compiuto” ottantaquattro anni. Invece si è fermato a quarantasei. Immaginarmi e immaginarsi un Piero ultraottantenne è esercizio arduo, in attesa della sua Resurrezione che avevo preconizzato in un lungo racconto di molti anni fa, scritto durante una specie di esilio elvetico e pubblicato pure un 28 settembre. Così, ecco questo “autoregalo” che non si sa... (continua)
Passeggiando per Corso Vercelli
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/9/2018 - 19:48
Video!

Lobotomia

[1974]
Musica / Music / Musique / Saevel: Demetrio Stratos
Album: Caution Radiation Area

Questo pezzo degli Area, da Caution Radiation del 1974, è difficile da ascoltare.
E Demetrio Stratos è difficile da capire. Oggi.

…ognuno portava un’esperienza particolare… uno diverso dall’altro… si è cercato di fare una musica stile totale… Io vengo dalla Grecia, uno ha avuto esperienze di musica elettronica a Londra, due vengono dal jazz, uno dalla musica contemporanea… e cerchiamo di fondere… di avere un connubio tra dodecafonia e rock, fra rock e musica balcanica, …e frutto di questa esperienza nasce un gruppo che si chiama Area…

Il contenuto politico secondo me c’è anche senza che io dica: ” Noi facciamo un pezzo per i compagni palestinesi…
In radio non ci hanno mai trasmessi… chiaramente, tutti avevano dei blocchi morali, si scandalizzavano perché abbiamo fatto un pezzo che si chiamava Settembre... (continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/9/2018 - 11:28
Video!

Cinquanta Metri

Sono esattamente tre anni che mi sono laureato all'Università di Firenze. I servizi informatici ti avvisano che la tua casella di posta verrà cancellata. Mi metto di lena ad archiviare le mail.
Colgo l'opportunità per fare un po' d'ordine tra i documenti dell'università. Fra libri piratati e manifesti mai stampati, trovo questa chicca.
Un appunto di blocco note: l'emblema delle cose pensate e mai fatte. A quei tempi pensavo di fare una pièce teatrale sulla questione aeroporto, poi una canzone, poi no. Non era poi una cosa proprio fuori dal mondo, chi frequenta questo sito lo sa.

La trama è semplice.

Nonostante l'evidenza, i rilievi, la scienza.
Nonostante i ricorsi, i blocchi, le occupazioni, le barricate.
Nonostante le cassandre... l'aeroporto viene fatto.
Viene fatto a cinquanta metri dall'università.
L'università rimane dov'è, ma non vuol dire che è immobile.
Tremano le fondamenta... (continua)
Quante orecchie per sentire,
(continua)
inviata da [ΔR-PLU] 27/9/2018 - 23:04

Le Navire dans la Glace

Le Navire dans la Glace

Chanson française – Le Navire dan la Glace – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 91
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – IV, I)


Dialogue Maïeutique


Mais, enfin ! dit Lucien l’âne, voici encore un titre énigmatique. Oh, ce n’est pas que je te les reproche, ni même que je n’aime pas ça – bien au contraire, mais souvent je ne les comprends pas ou, comme dans le cas de celui-ci, je leur trouve plusieurs sens et c’est déroutant. Ce « navire dans la glace » est un titre assez ambigu, il faut bien le reconnaître. Un navire dans la glace ? Qu’est-ce que ça peut bien signifier ? Est-ce un navire qui se reflète dans un miroir ? Ou bien, est-ce un bateau pris dans la glace ?... (continua)
Sur les bateaux pêcheurs,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 27/9/2018 - 21:29
Video!

No War

2017
Guerra tra poveri

Suggerisco questo brano per la partecipazione del concorso Sanremo giovani.
SIAMO TUTTI INTRAPPOLATI IN UNA RETE...
(continua)
inviata da Veronica Micciarelli 27/9/2018 - 09:58
Video!

Federicoaldrovandi

2011
Mono

Era l'alba del 25 settembre 2005. Sono passati già 13 anni.
Morde la notte - gomma e ferro gelidi
(continua)
inviata da Dq82 25/9/2018 - 19:37
Downloadable!

Mare Nostrum (Don't Leave Shore)

2016
Written by Allan J Begg, performed by Elvers

Written whilst on holiday in Cyprus in spring 2015 just after the UK announced that they were withdrawing naval support for an Italian-led search and rescue operation in the Mediterranean called Mare Nostrum ("Our Sea'). The reasoning was that the likelihood of rescue was deemed a "pull-factor" for refugees and migrants to set sail. The inference being that if we let enough drown they'll soon get the message and decide to stay on shore. I suppose it seemed like a good idea at the time.

Of course desperate people fleeing genocide, brutal civil wars and extreme poverty will take pretty short odds if there's a chance of reaching safety or comfort and the people taking their money to send them out to sea in leaking wrecks don't care where the passengers end up.

Shortly thereafter a boat carrying almost a thousand refugees sank whilst being... (continua)
Oh the end here it comes
(continua)
inviata da Dq82 25/9/2018 - 17:29
Video!

Gente di colore

2017
"Il Nuovo Cantacronache n°2"
Testo Beppe Chierici da un testo di Léopold Sédar Senghor
Musica Giuseppe Mereu
Ero nero nascendo
(continua)
inviata da Dq82 25/9/2018 - 15:27
Video!

Donna stuprata

2017
Nuovo Cantacronache Volume Uno (Materiali Musicali/Irma Group)

Nato nel 1957 a Torino con lo scopo di valorizzare il mondo della canzone popolare attraverso l’impegno sociale, il Cantacronache ha raccontato l’Italia del dopoguerra, attraverso le voci di Fausto Amodei, Michele Straniero, Sergio Liberovici, Emilio Jona, Margot Galante Garrone, con uno spirito critico ed anticonformista, consegnando alla memoria collettiva fatti e momenti della storia sociale e politica, ed avvalendosi della collaborazione di scrittori come Italo Calvino, Mario Pogliotti, Franco Fortini, Umberto Eco e Gianni Rodari. A distanza di sessant’anni, e con la supervisione dell’indomita Margot Galante Garrone, il Cantacronache torna in vita, grazie alla collaborazione nata tra il comitato editoriale de “Il Cenacolo di Ares”, Materiali Musicali e Irma Records, per un progetto che vedrà succedersi ben cinque album... (continua)
O donna stuprata, raddrizza la testa
(continua)
inviata da Dq82 25/9/2018 - 15:11
Downloadable! Video!

Solcare il mare

2017
Nuovo Cantacronache Volume Uno (Materiali Musicali/Irma Group)

Nato nel 1957 a Torino con lo scopo di valorizzare il mondo della canzone popolare attraverso l’impegno sociale, il Cantacronache ha raccontato l’Italia del dopoguerra, attraverso le voci di Fausto Amodei, Michele Straniero, Sergio Liberovici, Emilio Jona, Margot Galante Garrone, con uno spirito critico ed anticonformista, consegnando alla memoria collettiva fatti e momenti della storia sociale e politica, ed avvalendosi della collaborazione di scrittori come Italo Calvino, Mario Pogliotti, Franco Fortini, Umberto Eco e Gianni Rodari. A distanza di sessant’anni, e con la supervisione dell’indomita Margot Galante Garrone, il Cantacronache torna in vita, grazie alla collaborazione nata tra il comitato editoriale de “Il Cenacolo di Ares”, Materiali Musicali e Irma Records, per un progetto che vedrà succedersi ben cinque album... (continua)
Vorrei solcare il mare
(continua)
inviata da Dq82 25/9/2018 - 15:05

La Fin du Poissonnier

Chanson française – La fin du Poissonnier – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 90
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – III, XLIV)

Dialogue Maïeutique

Ah, enfin ! dit Lucien l’âne, voici venue la fin de ce poissonnier délateur qui joue au garou dans les dunes. Comme Till avait bien eu tort de lui laisser la vie sauve quand il le tenait si bien Au bord du canal. Combien de malheurs et de victimes auraient été épargnés.

Tu y vas fort, Lucien l’âne mon ami. Là, tu mets en cause la justice et même, tu sembles justifier le meurtre justicier.

Halte-là, Marco Valdo M.I. mon ami. J’ai vécu assez longuement pour voir qu’il y a des exceptions à toute règle. Certes, il n’est pas bon, disent les bonnes... (continua)
Au matin du lendemain,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 24/9/2018 - 19:55
Video!

Bonya

(2018)
Album: Fenfo

Bonya significa rispetto. Respect - R.E.S.P.E.C.T. Mettiamo da parte le nostre differenze per un mondo di solidarietà e di pace.

Come spesso succede le parole in bambara sono per ora irreperibili e dobbiamo accontentarci della traduzione inglese da Sacks & Co.
...
23/9/2018 - 21:45
Video!

Sexcrime

(1984)

dalla colonna sonora di 1984, film basato sul libro di George Orwell.

Sexcrime (Sessoreato) in Newspeak (neolingua) indica qualsiasi pratica sessuale con scopo diverso dal procreare. Nel mondo distopico di 1984 il sexcrime è illegale. Il sexcrime è contrapposto al goodsex (buonsesso). Per buonsesso si intende la procreazione, che è un vero e proprio dovere delle coppie sposate: va praticato senza coinvolgimento emotivo, e il suo unico scopo è fornire nuovi membri al Partito.
Sexcrime, crime
(continua)
23/9/2018 - 21:16
Video!

J'aime mieux me taire

Coko et Danito / Le cri du poilu - avec Les Ogres de Barback
1 cd / 14 chansons de la grande guerre chantées par un duo respectueux des textes
EPM 6705399
Soir et matin combien de gens bavardent
(continua)
inviata da JJ 23/9/2018 - 12:15
Video!

Ballade von der Hester Jonas

Version française – BALLADE D’ESTHER JONAS – Marco Valdo M.I. – 2018
Chanson allemande – Ballade von der Hester Jonas – Cochise – 1979
Paroles : Peter Maiwald
Musique : Pit Budde

La « Ballade von der Hester Jonas » est l’histoire d’Esther Jonas, connue comme la sorcière de Neuss, sage-femme, accusée de sorcellerie, torturée jusqu’à lui extorquer des aveux, elle fut décapitée et ensuite brûlée le 24 décembre 1635.
Les Cochise en font une rêveuse et une libertaire que le pouvoir s’employa à éliminer.


Dialogue Maïeutique


Une ballade, dit Lucien l’âne en souriant, moi, j’aime les ballades et encore plus, une ballade qui raconte l’histoire d’une femme. Et puis, une ballade étrangère, mise en langue française par tes soins, ça me fait toujours vibrer par avance, car je sais que j’y trouverai du mystère, de la poésie et tout un monde nouveau. Résumons : depuis toujours, j’aime les ballades,... (continua)
Là-bas au Gnadental, un événement s’est produit
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 23/9/2018 - 12:02
Video!

Douce France

Versione ripresa nel 1984-85 (incisa in studio nel 1986) dal gruppo Carte de séjour della famosa canzone di Charles Trénet scritta nel 1943 e incisa nel 1947.


Il vero significato della cover di "Douce France" dei Carte de séjour non ha proprio niente di dolce

traduzione parziale di un articolo di Manuel Perreux

Il cantante Rachid Taha, morto lo scorso 12 settembre, ha conosciuto grandi momenti di gloria nella sua carriera, ma la sua idea più provocatoria e originale non è stata ben compresa, quando negli anni '80 incide una versione di Douce France con il suo grupppo Carte de séjour.

La band si era formata a Lione nel 1981 e comprendeva Rachid Taha, paroliere, cantante, percussionista e porta parola del gruppo. In un periodo in cui la Francia rinforzava le sue leggi sull'immigrazioe, dove i magrebini erano rappresentati mediaticamente come dei fannulloni , ambigui e potenzialmente... (continua)
Il revient à ma mémoire des souvenirs familiers
(continua)
23/9/2018 - 10:09
Video!

Il nemico è alle porte

(2018)

Una recente necessaria canzone anticolonialista e antirazzista da un gruppo di cui avremo sicuramente occasione di riparlare.
Lo sapevi che il continente africano
(continua)
inviata da Lorenzo - testo inviato dal gruppo 23/9/2018 - 10:02
Video!

Dla zasady nie ma sprawy

[1982]
Parole di Bogdan Olewicz
Musica di Zbigniew Hołdys
Dall'album "Unu"
Il testo da tekstowo.pl
Siedzę sam jak ten kołek
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 23/9/2018 - 04:44
Video!

Nie patrz jak ja tańczę

[1987]
Parole di Zbigniew Hołdys e Bogdan Olewicz
Musica di Zbigniew Hołdys
Presente su diverse compilation, per la prima volta nell'album live "Live April 1’1987".
Il testo da tekstowo.pl
Nie patrz jak ja tańczę
(continua)
inviata da Krzysiek 23/9/2018 - 02:14
Video!

If You Tolerate This Your Children Will Be Next

SI TU TOLÈRES ÇA, TES ENFANTS SERONT LES PROCHAINS
(continua)
23/9/2018 - 00:24
Video!

Ballade von der Hester Jonas

Ho notato che con le nuove leggi, o per scelta degli autori, tanti video del YT non si aprono da noi, tipo pezzi di Michele Gazich, Giorgio Canali & Rossofuoco e questo qua.

Un fatto triste e significante

pazienza

tanto noi siamo qua
Krzysiek 22/9/2018 - 22:22

Angst packt mich an

[1914]
Versi di Erich Mühsam (1878-1934), poeta e militante anarchico tedesco, ebreo, uno dei primi a perire sotto il giogo nazista.
Nella raccolta "Wüste - Krater – Wolken", pubblicata nel 1914, alla vigilia della Grande Guerra.
Musica di Ulrich Türk, nel disco di Lutz Görner ‎intitolato "Texte Und Lieder Verbrannter Dichter", pubblicato nel 1983.
Angst packt mich an.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/9/2018 - 20:58

Das dritte Reich

[1930]
Versi di Kurt Tucholsky, pubblicati su "Die Weltbühne" il 6 maggio 1930, con uno dei suoi tanti pseudonimi, Theobald Tiger.
Musica di Ulrich Türk, nel disco di Lutz Görner ‎intitolato "Texte Und Lieder Verbrannter Dichter", pubblicato nel 1983.
Es braucht ein hohes Ideal
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/9/2018 - 20:45
Video!

Parachutiste

This translation does not claim to be of any particular value.
Glad if you liked it, sorry if you didn't.
You can reuse it as you please.
Glad if it's for knowledge or understanding, sorry if it's just for money or fame.
PARATROOPER
(continua)
22/9/2018 - 17:26

90MIN

(2018)

Singolo che anticipa l'album "Playlist"

“Aprono i conti ma chiudono i porti”... ma “Prima di essere un vero italiano cerca di essere umano”. Canzone contro il peggio dell'Italia ben rappresentata da Salvini e dai suoi amici a 5 stelle.
Yah, questa è l'Italia
(continua)
22/9/2018 - 15:31
Video!

Quanto mi sei piaciuta Firenze

L'atteggiamento oggettivamente frenastenico di Oriana Fallaci e la tranquilla smentita di ogni suo timore non hanno evitato che, alquanto tempo dopo, le venisse dedicata una piazza di Firenze con annessa fermata della nuova linea tramviaria.
In un momento di noia ho pensato di concretizzare, in maniera limitatissima e sostanzialmente ridicola, il mio dissenso nei confronti di questa scelta.
Invito per quanto possibile alla diffusione.

Una petizione per cancellare Oriana Fallaci dalla toponomastica fiorentina
Io non sto con Oriana 22/9/2018 - 11:52
Video!

Kreon

Perché
L'amore è miracoloso

Krzysiek 22/9/2018 - 01:33
Downloadable! Video!

Οι Ελεύθεροι Πολιορκημένοι

L'interpretazione di Xylouris 1977 è una delle sue poche che mi convincono - spero che nessun greco legga questo, altrimenti nei miei confronti userebbe espressioni come Barbaros e Perifronhsis, nella granitica convinzione che io stia offendendo l'artista e mai intuendo che mie critiche derivino proprio dall'ammirazione che ho verso questa musica che meriterebbe un approccio ben più meditato e scrupoloso, pari agli anni di studio che si dedicano per un'opera di Wagner (cioè non bastano 300 anni). Non so se gli esperti confermano, ma ho la sensazione che interpretazioni dozzinali (la quasi totalità) siano venerate in quanto provenienti dal cuore, mentre cantanti che hanno studiato canto (Frangoulis) sono declassati come tecnici freddi e senza anima, inadatti ad esprimere i sentimenti della poesia. Due visioni inconciliabili.
Credo però che lo stesso trattamento di perifronhsis lo guadagnerei... (continua)
Vasiloukos 21/9/2018 - 20:21
Video!

Mariposa

E oggi 21 settembre, cade il 42° anniversario dell'assassinio di Orlando Letelier del Solar.
Flavio Poltronieri 21/9/2018 - 19:45
Video!

Maggie Holland: Black Cat

Provo a rimediare per quel poco che posso: il brano apre la seconda facciata dell'LP, Sean Mayes siede al pianoforte e George Norris offre una seconda voce, il tempo è più veloce dell'originale ma Maggie Holland mantiene ben alta la tensione nell'interpretazione, manca la coda strumentale finale...però Richard Thompson, scusate amici, è di una razza rarissima che sempre trasforma in diamante ogni cosa che tocca...
Flavio Poltronieri 21/9/2018 - 19:22
Video!

I Am So Weary (Song for Refugees)

OLEN NIIN UUPUNUT (LAULU PAKOLAISILLE)
(continua)
inviata da Juha Rämö 21/9/2018 - 10:20




hosted by inventati.org