Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2018-1-11

Rimuovi tutti i filtri
Video!

The President Sang Amazing Grace

(2016)
dall'album Small Brown Birds (2017)
Interpretata da Joan Baez nel suo album Whistle Down the Wind in uscita nel 2018.

Il 17 giugno 2015, alle 21:05 circa, Dylann Roof, suprematista bianco di 21 anni, si introdusse all'interno della Emanuel African Methodist Episcopal Church, una chiesa gospel di Charleston, nella Carolina del Sud,e si sedette vicino al reverendo Clementa Pinckney. Pickney, senatore democratico in South Carolina, era considerato uno dei simboli della cosiddetta veglia per Walter Scott, un ragazzo afroamericano disarmato ucciso da un poliziotto bianco il 4 aprile dello stesso anno, suscitando dure proteste contro la polizia.

Ad un certo punto, Roof si alzò ed estrasse una pistola dal suo marsupio per poi iniziare a sparare. Stando a quanto riferito dai sopravvissuti al massacro, il killer, durante la sparatoria, si rivolse alle vittime con queste parole:

Devo... (continua)
A young man came to a house of prayer
(continua)
11/1/2018 - 23:42

Un autre Pauvre

Un autre Pauvre

Chanson léviane – Un autre Pauvre – Marco Valdo M.I. – 2018



Tu verras, Lucien l’âne mon ami, que cette chanson commence par un distique qu’il faudra interpréter poétiquement. Il y faut de la pensée et pas seulement de la réflexion.

D’abord, Marco Valdo M.I. mon ami, avant d’aller plus loin, que veux-tu dire par cette dichotomie entre pensée et réflexion ? Quand tu auras répondu à ma question, tu pourras reprendre le fil de ton propos.

De fait, Lucien l’âne mon ami, cela mérite le détour d’une explication. Je distingue en effet la pensée de la réflexion, car, à mon sens, la réflexion s’attelle à se développer dans la précision méticuleuse : elle raisonne ; la pensée, elle, a tendance à opter pour le vague. La réflexion tend à construire de façon ordonnée en vue d’une fin ; la pensée tend à vagabonder sans fin. Par sa nature et par nécessité, la pensée est vagabonde ;... (continua)
Tout autour de la grande ville
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 11/1/2018 - 22:10

Is My Team Ploughing

[1896]
Versi del poeta inglese A. E. Housman, nella sua raccolta “A Shropshire Lad” pubblicata nel 1896
Musica di George Butterworth (1885-1916), compositore inglese, nel suo ciclo per baritono e pianoforte intitolato “Bredon Hill and Other Songs”, 1912. In seguito questa famosa poesia è stata musicata anche da altri compositori, tra cui Ivor Gurney e Ralph Vaughan Williams.

Shropshire, Herefordshire, Worcestershire, West Midlands, il cuore dell’Inghilterra rurale, la “terra della perduta felicità”, dove così tante giovani e forti braccia furono strappate agli aratri e agli affetti e costrette ad imbracciare spade e fucili per andare a morire per il mondo nelle guerre di Sua Maestà. Nello specifico, tra i versi de “A Shropshire Lad” sono sempre chiaramente visibili i fantasmi della seconda guerra boera…

Surreale conversazione tra due amici, uno vivo e l’altro morto in guerra. Ma la vita... (continua)
XXVII
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 11/1/2018 - 16:27

Das feurige Männlein

[1915]
Versi di Alfons Petzold (1882-1923), poeta austriaco, nella raccolta “Gesang von Morgen bis Mittag”, pubblicata nel 1922.
Musica di Franz Schreker (1878-1934), compositore e direttore d’orchestra austriaco, nel ciclo “Lieder aus der Reifezeit”, 1916

1915. La guerra infuoca l’Europa. Terrore e pianto sono ovunque. Solo lo spirito della guerra ghigna in modo orribile…

Il compositore Franz Schreker era ebreo. Nel 1932 fu costretto a dimettersi dalla carica di direttore del Conservatorio di Berlino. L’anno seguente perse pure l’incarico come professore all’Accademia d’Arte. Il suo cuore non resse e morì il 31 marzo 1934, risparmiandosi molti altri dolori. La famiglia fuggì subito in Argentina.
Ein feuriges Männlein reitet über die Welt,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 11/1/2018 - 11:35

Bredon Hill

[1896]
Versi del poeta inglese A. E. Housman, nella sua raccolta “A Shropshire Lad” pubblicata nel 1896
Musica di George Butterworth (1885-1916), compositore inglese, nel suo ciclo per baritono e pianoforte intitolato “Bredon Hill and Other Songs”, 1912.

Shropshire, Herefordshire, Worcestershire, West Midlands, il cuore dell’Inghilterra rurale, la “terra della perduta felicità”, dove così tante giovani e forti braccia furono strappate agli aratri e agli affetti e costrette ad imbracciare spade e fucili per andare a morire per il mondo nelle guerre di Sua Maestà. Nello specifico, tra i versi de “A Shropshire Lad” sono sempre chiaramente visibili i fantasmi della seconda guerra boera…

Una triste canzone d’amore contro la guerra, sottolineata dall’incessante suono delle campane…

Aggiungo che il compositore, George Butterworth, morì il 5 agosto del 1916 a Pozières, durante la battaglia della Somme, freddato da un cecchino tedesco. Il suo corpo non fu nemmeno mai ritrovato...
XXI
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 11/1/2018 - 10:00
Downloadable! Video!

Hopes of Peace

buongionro
dove posso trovare la musica della canzone "la pace è un dono"?. grazie
MARIA GIOVANNA MELOSU 11/1/2018 - 08:18
Downloadable! Video!

Stranizza d'amuri

ESTRANYESA D'AMOR
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/1/2018 - 18:41

Marco et les Escrocs

Marco et les Escrocs

Canzone léviane – Marco et les Escrocs – Marco Valdo M.I. – 2018 



Ainsi, aujourd’hui, Lucien l’âne mon ami, je recommence à écrire de nouvelles chansons lévianes. Il y en aura sans doute plusieurs, mais je ne sais vraiment pas te dire combien. Celle-ci est tirée d’un récit de Carlo Levi intitulé « Briganti e contadini » (1958), ce qu’on peut traduire en français par « Brigands et paysans ». Le personnage principal dénommé ici Marco est un lointain cousin de ce Marcovaldo auquel Italo Calvino avait consacré tout un roman. C’est d’ailleurs en référence à Marcovaldo qu’il porte ici ce prénom. Quant aux escrocs, ils n’ont pas de nom ; ce sont des escrocs ; deux escrocs déguisés en policiers. Ou l’inverse. Cependant, pour l’honorabilité de la profession, on n’en dira rien.

C’est mieux, dit Lucien l’âne. Imagine un peu que ce soit le cas ; des policiers véreux, corrompus,... (continua)
Au village, Marco est un arbre
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 10/1/2018 - 18:27

Anonimo: Facciam la pace, caro bene mio

[XIX° secolo]
La prima di nove strofette popolari toscane su La Pace, in "Canti popolari toscani, corsi, illirici, greci, raccolti ed illustrati da Niccolò Tommaseo", Venezia, 1841.

Di anonimo toscano del XIX° secolo, come il nostro del XX° potrà confermare...
Facciam la pace, caro bene mio,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/1/2018 - 20:06
Downloadable! Video!

È stata tua la colpa

Chanson italienne – È stata tua la colpa – Edoardo Bennato – 1977
Texte et musique : Edoardo Bennato

« Cette chanson ouvrait l’album « Marionnette sans fil » de 1977 ; c’est une relecture de l’histoire de Pinocchio. La guerre a toujours été une des cibles préférées de l’ironie de Bennato, précédée probablement seulement par l’école (on en vient à se demander quelle expérience scolaire terrible doit avoir connue le pauvre Edoardo…) » [Lorenzo Masetti, 24 janvier 2005]


Dialogue maïeutique


Marco Valdo M.I. mon ami, qu’as-tu encore été trouver là comme chanson ? J’espère qu’elle ne m’est pas destinée.

J’ai l’impression, Lucien l’âne mon ami, que tu te sens visé. Ferais-tu, comme les grands du monde, une crise de paranoïa ? Je t’assure qu’il n’en est rien. D’abord, c’est la version française d’une chanson italienne d’il y a quarante ans, où il n’est nullement question d’un âne. Ensuite,... (continua)
C’EST TA FAUTE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 8/1/2018 - 23:31
Video!

Դլե յաման

Cerco disperatamente lo spartito di questo meraviglioso brano. Lo trovo incredibilmente commovente... Vorrei tanto cantarlo come un mantra, un canto mistico che porti pace oltre la sofferenza.. chi può aiutarmi?
Tiziana Portoghese 8/1/2018 - 22:34
Video!

E lucevan le stelle

[1899/1900]
Dall'opera Tosca, Atto III
Libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa
Musica di Giacomo Puccini
Dal dramma Tosca [1887] di Victorien Sardou
Prima esecuzione: Teatro Costanzi, Roma, 14 gennaio 1900
Tenore: Emilio De Marchi

Le opere liriche, non di rado, si basano su vicende nelle quali tragiche storie d'amore si intrecciano ad avvenimenti storici; tra di esse, probabilmente, la Tosca di Giacomo Puccini è tra quelle più note e pertinenti.

La Tosca pucciniana, su libretto di Giuseppe Giacosa e di Luigi Illica (piacentino di Castell'Arquato, a poca distanza da dove sto scrivendo adesso), fu rappresentata per la prima volta al Teatro Costanzi di Roma il 14 gennaio 1900. Inizialmente non fu accolta in modo troppo favorevole, ma nel giro di due o tre anni faceva già parte in pianta stabile del più importante repertorio lirico internazionale. Alla prima, si narra, accaddero... (continua)
E lucevan le stelle,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 8/1/2018 - 19:56
Downloadable!

C'est à coups de canon qu'on rend le peuple heureux

Poème de Victor Hugo du recueil : Les quatre vents de l'esprit

Musique et interprétation : L'invité de trop
C'est à coups de canon qu'on rend le peuple heureux.
(continua)
inviata da JJ 8/1/2018 - 15:40

The Hungry Army

anonimo
[metà 800?]
Nella seconda strofa di questa curiosa “Barrack Song” c’è un riferimento geografico preciso, quello a Ballarat, località nello Stato australiano di Victoria. Per il resto, la canzone potrebbe avere anche un’altra origine (e infatti con lo stesso titolo esiste almeno un’altra ballata, questa volta irlandese, ambientata durante la guerra di Crimea) ed essere stata adattata in Australia quando a metà 800, durante la grande corsa all’oro, le truppe coloniali furono frequentemente impegnate per reprimere i disordini causati dai cercatori che rifiutavano il pagamento delle tasse governative. Celebre la “Eureka Stockade” (decine di morti) che ebbe luogo proprio a Ballarat nel 1854.
When I was young and in me prime
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/1/2018 - 08:53
Downloadable! Video!

Stella cometa

Sei un grande...bella pagina complimenti e bella traduzione
8/1/2018 - 03:15

The Menin Road

anonimo
[1917]
Una poesia-canzone attribuita ad un anonimo ufficiale medico inglese di stanza al pronto soccorso da campo sulla strada tra Menen (Menin, in francese) e Ypres, nelle Fiandre occidentali.
Pubblicata sul "Wipers Times" (poi "B.E.F. Times"), giornale di trincea del British Expeditionary Force edito tra il 1916 e la fine della guerra tra le fila del 12° battaglione di fanteria The Sherwood Foresters.
Wipers era ovviamente la significativa storpiatura inglese per Ypres...

Quello combattuto sulla strada di Menin tra il 20 ed il 25 settembre 1917 fu solo uno dei tanti scontri avvenuti durante la cosiddetta battaglia di Passchendaele (o terza battaglia di Ypres), nel corso della quale, tra il 31 luglio ed il 6 novembre 1917, persero la vita non meno di mezzo milione di soldati, 500.000 uomini.
There are many roads in Flanders, where the horses slide and fall,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/1/2018 - 22:31
Video!

The Circle (Song for Layla Al-Attar and los Olvidados)

Traduzione spagnola da Youtube (sotto la versione di Marta Gomez)
¿Quién mató a esta mujer a este artista esta madre?
(continua)
7/1/2018 - 11:40

Scomposizione e tariffario di Giulio Regeni, ricercatore

Versi del poeta americano Anthony Evan Hecht (1923-2004), nella raccolta "The Darkness and the Light", pubblicata nel 2001

THE CEREMONY OF INNOCENCE

He was taken from his cell, stripped, blindfolded
And marched to a noisy room that smelled of sweat.
Someone stamped on his toes; his scream was stopped
By a lemon violently pushed between his teeth
And sealed with friction tape behind his head.
His arms were tied, the blindfold was removed
So he could see his tormentors, and they could see
The so-much-longed-for terror in his eyes.
And one of them said, "The best part of it all
Is that you won't even be able to pray."
When they were done with him, two hours later,
They learned that they had murdered the wrong man.
And this made one of them thoughtful. Some years after,
He quietly severed connections with the others,
Moved to a different city, took holy orders
And devoted himself... (continua)
Bernart Bartleby 6/1/2018 - 23:02
Downloadable! Video!

Yuppi Du

Bellissima indimenticabile ciao adriano
6/1/2018 - 21:19
Video!

The Beautiful People

[1994]
Scritta da Jeordie Osborne White, in arte Twiggy Ramirez, e Brian Hugh Warner, in arte Marilyn Manson
Nell'album "Antichrist Superstar" del 1996

Ora che il povero Marilyn Manson è rimasto pure orfano di padre, giacchè quel mostro di Charles Manson se n'è andato all'inferno nel novembre scorso, mi spiaceva non ci fosse una sua canzone sulle CCG/AWS. Scelgo questa, tratta dall'album che ha consacrato l'inquietante cantautore statunitense (e forse anche l'unico suo davvero degno di nota), non perchè sia un amante del genere ma perchè mi pare pertinente questa violentissima invettiva contro la "bella gente" e l'orribile società che ha creato, feroce e ingiusta, fatta di padroni e di schiavi che sembrano incapaci di ribellarsi costruttivamente e che, semmai, nella loro cieca rabbia non sanno far altro che invocare l'"uomo forte", l'ordine, e scagliarsi contro quelli ancor più disperati... (continua)
And I don't want you and I don't need you
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/1/2018 - 21:08
Downloadable! Video!

22nd Century

Versione LGBT di Justin Vivian Bond

krzyś Ѡ 6/1/2018 - 20:50
Video!

Supper's Ready

Non posso esimermi dal ringraziare l'autore di questo gran lavoro di traduzione. Sono nato nel 1958 e gli anni 70 sono stati dominati da quella che allora chiamavamo popmusic (ribattezata rock progressivo). Il periodo dal 1970 al 1975 è stato musicalmente quello con la migliore formazione dei GENESIS i quali hanno conquistato tutti gli appassionati per quel loro tipo di musica e i testi magici di Gabriel.
A distanza di anni i loro brani rimangono sempre affascinanti e conoscere sfumature dei loro testi ancora oggi aiuta a capirli.
Che bello sentire le opinioni di tanti fans!
giannitumino 6/1/2018 - 19:24
Video!

Nad ranem śmierć się śmieje

LA MORTE RIDE VERSO LA MATTINA
(continua)
inviata da Krzysiek 5/1/2018 - 22:44
Video!

Grass

ERBA
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/1/2018 - 20:24
Video!

Mangiafuoco

Chanson italienne – Mangiafuoco – Edoardo Bennato – 1977
Texte et musique : Edoardo Bennato



Quel nom étrange, tu as donné au personnage de la chanson, dit Lucien l’âne. A-t-on idée de nommer quelqu’un Pyrophage ou Mangefeu. Je ne sais lequel est le plus troublant. Il est vrai que pour moi, c’est le même mot.

Oh, dit Marco Valdo M.I., il n’est pas plus étrange que son nom d’origine en italien Mangiafuoco, qui aurait pu être renommé en français tout simplement : « Mangefeu ». Mais le titre lui-même est plus complexe qu’il n’y paraît ; si l’on pense un instant à Pantagruel et Gargantua, deux romans d’Alcofribas Nasier, alias Séraphin Calobarsy, alias François Rabelais, si l’on suit Voltaire, homme intelligent, écrivain et philosophe de haut vol, dans sa manie des titres à rebond comme « Candide ou l’Optimisme » ou « Zadig ou la destinée », ou encore « Le fanatisme ou Mahomet le prophète ».... (continua)
PYROPHAGE OU MANGEFEU, LE MANGEUR DE FEU
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/1/2018 - 20:03
Downloadable!

No More Boomerang

1968
Dark-eyed daughter
Pubblicato con il nome Phyl Vinnicombe (Lobl è il cognome da sposata)
Words: Walker (Noonuccal)
Tune: Lobl

'The 1967 referendum in which 90% of the Australian Community voted in favour of deleting sections of the Constitution discriminating against Aborigines showed goodwill. To enable Aborigines to become independent, self-reliant people this goodwill must be translated into active and positive attitudes. Together we must build a nation where dark and white live in harmony with growing understanding and respect for one another, mutually contributing to the enrichment of our Commonwealth. This is the challenge of these songs and of the present day Aboriginal advancement movement.'
 
This is still the challenge but now many aboriginal people show us the value of their culture, they show us the meaning of resilience, they show us the way ahead, they show us how... (continua)
No more boomerang no more spear,
(continua)
inviata da Dq82 5/1/2018 - 13:28
Video!

Georges Brassens: Oncle Archibald

Bellissima la versione piemontese del Maestro Amodei, così come quella italiana del grande Salvo Lo Galbo, millanta volte superiore per metrica e cantabilità all'altra versione italiana che, pur piú aderente alla lettera dell'originale, risulta assolutamente impossibile da cantare.
4/1/2018 - 19:31




hosted by inventati.org