Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-3-7

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Borneo

Album: The Golden Hour (2008)

Fuggire nel Borneo per scappare dagli USA di George W. Bush (una scimmia per presidente). You know I don't wanna die for the price of oil
Well I ain't gonna live in your world no more
(continua)
7/3/2013 - 22:57
Downloadable! Video!

Le temps des cerises

Durante la Commune venne aggiunta questa strofa:

Quand il reviendra le temps des cerises
Pendores idiots magistrats moqueurs
Seront tous en fête.
Les bourgeois auront la folie en tête
A l'ombre seront poètes chanteurs.
Mais quand reviendra le temps des cerises
Siffleront bien haut chassepots vengeurs.
Theophile Ferrer 7/3/2013 - 22:48
Downloadable! Video!

Onde o sol castiga mais

[1971]
Una canzone sicuramente autobiografica, composta da Bandeira all’inizio della sua carriera artistica, dopo tre anni di servizio militare trascorsi in Angola in un reparto di radiotrasmissioni.

Non si tratta certamente di una canzone pacifista nè contiene una condanna esplicita delle guerre coloniali, ma mi sembra che descriva bene il sentimento di sconforto, di paura, di insensatezza che doveva serpeggiare tra i giovani portoghesi sbattuti a combattere in quelle terre lontane, ostili, sotto un sole feroce, costretti ad uccidere per non morire, pregando Dio di riuscire a sopravvivere...
E furono proprio quei giovani soldati stanchi di guerra che, di lì a poco, posero fine alla dittatura salazarista ed al colonialismo portoghese.
Quem nunca viu, quem nunca andou a combater
(continua)
inviata da Dead End 7/3/2013 - 21:18
Downloadable! Video!

Wallflower

New blood è spettacolare ma questa canzone ti fa capire la sofferenza che ha provato peter quando l'ha scritta,scrivere un'amara verità purtroppo è difficile,per questo è un genio,perchè l'ha fatto capire all'ascoltatore
GRANDE PETER
Francesco 7/3/2013 - 20:32
Downloadable! Video!

False From True

‎[1968]‎
Parole e musica di Pete Seeger
Nel disco “Pete Seeger Now”, con Bernice Reagon e Frederick Douglass ‎Kirkpatrick.‎
Più recentemente nel disco tributo “Where Have All The Flowers Gone - The Songs Of Pete ‎Seeger” interpretata da Guy Davis‎


When my songs turn to ashes on my tongue,
(continua)
inviata da Dead End 7/3/2013 - 15:59
Video!

Broad Old River

‎[1982]‎
Parole e musica di Pete Seeger
Nel disco collettivo “Fast Folk Musical Magazine, Vol. 1, n° 2” (1984), con il gruppo degli Hudson ‎River Sloop Singers (Dan Einbender, Al Nejmeh, Steve Stanne e Travis Jeffrey, che è anche ‎l’autore di una strofa aggiunta, l’ultima, indicata per questo fra parentesi)‎

Come along with me
(continua)
inviata da Dead End 7/3/2013 - 14:57
Downloadable!

The Beast (Song of the Punch Press Operator)‎

‎[1963]‎
Parole di Bernie Packer, un operaio amico di Pete Seeger che passò buona parte della sua vita a ‎lavorare alle presse in fabbriche metalmeccaniche.‎
Musica di Pete Seeger.‎
Nel disco “Pete Seeger - Broadside Ballads, Vol. 2” edito dalla Folkways Records nel 1963‎

La bestia feroce in questione è la pressa che divora senza tregua tanto le lastre d’acciaio quanto le ‎dita e la vita dell’operaio…‎
I got a job in a factory
(continua)
inviata da Dead End 7/3/2013 - 13:12
Video!

I'd Love to Change the World

Alvin Lee is Going Home

Il chitarrista dei Ten Years After che infiammò il pubblico di Woodstock è morto a 68 anni per le impreviste conseguenze di un intervento chirurgico di routine.
6/3/2013 - 23:11

Storia senza tempo

Chanson italienne – Storia senza tempo – Los Fastidios
HISTOIRE INTEMPORELLE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/3/2013 - 15:46
Video!

Inevitabilmente (lettera dal carcere)

Chanson italienne – Inevitabilmente (lettera dal carcere) – Enrico Ruggeri – 1999
INÉVITABLEMENT (LETTRE DE PRISON)
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/3/2013 - 15:13
Downloadable! Video!

Stranamore (pure questo è amore)

@Alberto: Veramente la frase sul pestaggio anch'io l'ho sempre interpretata come un ragazzo fascista preso a pugni per non voler comprare un giornale di sinistra. Cioè, a rigor di logica mi pare che sia l'unica interpretazione che regge. Perché mai dovrebbe pensare di dire "sono anch'io fascista!" se non per dare man forte all'aggredito distogliendo l'attenzione degli aggressori...? E non lo fa, appunto, perché ha paura, e mi pare improbabile che abbia paura di quello che è tenuto fermo e preso a pugni, direi. La possibilità di chiederlo a Vecchioni non l'ho, chiediglielo tu da parte mia.
Graziano 6/3/2013 - 14:50
Downloadable! Video!

Canto a la Rebelión

2013
99%
Oralé oralé oralé
(continua)
inviata da DonQuijote82 6/3/2013 - 12:02
Downloadable!

Ninna nanna del fabbricante d'armi

NINNA NANNA DEL COSTRUTTORE D'ARMI
(continua)
inviata da giorgio 6/3/2013 - 09:20
Downloadable! Video!

La moglie del soldato

[1997]
Testo e musica di Mauro Gurlino
Album: Casa
Muove piano le braccia
(continua)
inviata da giorgio 6/3/2013 - 08:49
Si chiama L' dierin-ne bataye ed è la versione dell'Internazionale in lingua Vallone; ovvero, nella 100a lingua presente in quella che è diventata, probabilmente, la pagina Web più famosa al mondo sull'inno internazionale dei Lavoratori. Dobbiamo, per questo, tutti i nostri ringraziamenti a Marco Valdo M.I., che la ha reperita.
Riccardo Venturi 5/3/2013 - 23:52
Video!

Francesco Guccini: Le ragazze della notte

Pienamente d'accordo con il commento di Riccardo Venturi, è una canzone splendida ma trascurata dal grande pubblico. Il testo è il racconto di una delle tematiche ricorrenti di Guccini, quella "bohéme confortevole" "quando tramonta il sole". Un affresco straordinario, in qualche accento forse oggi un po' demodé ma per certi versi invece attualissimo, espresso con frasi di un'eleganza unica.
Edoardo Scialis 5/3/2013 - 23:01
Downloadable! Video!

Dress Blues

Album: "Sirens of the Ditch" (2007)

‎“Dress Blues” è una canzone dedicata a Matthew Conley, un caporale dei Marines morto a Ramadi, ‎Iraq, il 18 febbraio 2006 nell’esplosione di un ordigno artigianale nascosto sulla strada che investì il ‎veicolo su cui il soldato viaggiava. Matthew Conley aveva 21 anni, sposato, con una bimba appena nata, e ‎veniva da Greenhill, la stessa cittadina dell’Alabama in cui è nato l’ex membro dei Drive-By ‎Truckers Jason Isbell… Matthew Conley, uno dei 4.409 (al 19 marzo 2013) soldati americani morti ‎in Iraq “per combattere in una guerra voluta da qualcuno giù ad Hollywood”…‎

(Dead End)
What can you see from your window?
(continua)
5/3/2013 - 22:44
Downloadable! Video!

Life, It's a Shame

‎[1982]‎
Scritta da Andy Gill e Jon King
Album “Songs Of The Free”



‎“Per il parlamentare agire per il bene vuol dire fare denaro… Un equilibrio di potere garantirà la ‎nostra sicurezza… Fare soldi è cosa buona e giusta… Il diritto di arricchirsi è costituzionale… ‎Parlare di corruzione vuol dire fomentare l’insurrezione…”‎
Don't stop out too late at night
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 16:42
Downloadable! Video!

Not Great Men

‎[1979]‎
Album “Entertainment!”‎



Confutazione della cosiddetta “Teoria dei Grandi Uomini” enunciata intorno al 1840 dallo storico ‎scozzese Thomas Carlyle, secondo il quale “la Storia del Mondo non è altro che la biografia dei ‎grandi uomini”… E invece no: La ‎Storia siamo noi
No weak men in the books at home
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 16:31
Video!

Proprio voi

‎[1974]
Album “Mi voria saver”, I Dischi del Sole, 1975.‎
Testo trovato su ‎‎La ‎Musica de L’Altra Italia



Una canzone contro il padronato con sullo sfondo la battaglia referendaria del 1974 per difendere la ‎legge Fortuna-Baslini che nel 1970 aveva introdotto il divorzio nel nostro ordinamento giuridico e ‎che era osteggiata dalla Azione Cattolica, dalla CEI, dalla DC e dai fascisti… ‎
Proprio voi che ci assegnate
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 15:15

Le Pragmatisme saxon

Le Pragmatisme saxon

Canzone française – Le Pragmatisme saxon – Marco Valdo M.I. – 2013
Histoires d'Allemagne 89
An de Grass 90

Au travers du kaléidoscope de Günter Grass : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Göttingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également) et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Ah, dit Lucien l'âne, moi, je connaissais le génitif saxon... Du moins, j'en ai déjà entendu parlé... N'est-ce pas cette étrange manière de dire les choses qui fait surgir des phrases aussi étranges que : « Le docteur, son chien a mordu la dame, sa chatte ».

Ton exemple, Lucien l'âne mon ami, et je te reconnais bien là, est pour le moins scabreux, même s'il est rigoureusement exact. Mais enfin, tu n'as pas pu t'empêcher de faire une digression... Cependant, où veux-tu en venir exactement ?

À ceci que si je connais le génitif... (continua)
À Leipzig, au fait, pourquoi pas ?
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/3/2013 - 15:05
Downloadable! Video!

Die Hard the Hunter

(1983)
E' il pezzo più complesso dell'album "Pyromania".

La song è decisamente una presa di posizione contro la guerra e viene pertanto appropriatamente introdotta da samples di tema bellico, che ora fanno sorridere ma all'epoca erano considerati lo stato dell'arte in fatto di effetti sonori campionati.Un pacato arpeggio introduce uno dei riff tanto caratteristici della band. Di nuovo l'essenzialità e la grinta emergono prepotenti. Pre-chorus e chorus non si discostano da quanto detto. Ma il vero pezzo forte della song è la lunga parte centrale, interamente strumentale: i due chitarristi si scatenano su melodie coinvolgenti e tutt'altro che scontate. Il medesimo riff del chorus chiude con decisione il pezzo.
Let's welcome home the soldier boy from (far away, far away)
(continua)
inviata da Andrea - andrea_aslan86@hotmail.it 5/3/2013 - 13:42
Downloadable! Video!

Mi voria saver

IO VORREI SAPERE
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 13:29

Da quest'autunno giorno per giorno

‎[1968]‎
Dall’album “I giorni della lotta”, I Dischi del Sole, 1970‎
Testo trovato su ‎‎La ‎Musica de L’Altra Italia

Compagni, operai, state a sentire:
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 13:25
Downloadable!

Suona la sirena

‎[1968]‎
Dall’album “I giorni della lotta”, I Dischi del Sole, 1970

Suona la sirena, son otto ore
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 13:19
Downloadable! Video!

The Deserter

A powerful Ballad of uncertain attribution (John Williams?) about pacifism, dated from the age of the British Empire.. Still very topical.
Famous the John Richards' version contained in the album "Behind the Lines".
giorgio 5/3/2013 - 12:58

Sogno proibito di un tiratore scelto durante la seconda guerra mondiale

Ho pensato che questa canzone
(continua)
5/3/2013 - 11:15
Downloadable! Video!

25 Μαίου

Traduzione inglese di G. Chalkiadakis

Reproduced from the weblog Two Hundred and 77 Street Fights
Ripresa dal blog Two Hundred and 77 Street Fights
MAY 25TH
(continua)
inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ 5/3/2013 - 11:00
Video!

Carlo Giuliani

Poesia di Roberto Roversi (1923-2012), composta ‎nel 2011 e pubblicata su Zeroincondotta, quotidiano ‎autogestito in Bologna.‎

ALLA MEMORIA DI CARLO GIULIANI

I giovani non devono morire
e la piazza piange e la città è in un silenzio turbato
non un’ombra è perita nel sangue
ma un giovane uomo che ha ancora la vita vera da vivere
lì, morto
il silenzio, le grida, violenza e ancora violenza
poi morte, solo morte
la città si consuma nel delirio delle mille voci
la vita di un giovanissimo si consuma
sull’asfalto, sul marmo, sui mattoni
e spegne il sangue, spegne la luce
un giorno, un giorno ancora di orrori
dove il barbaglìo del cielo è reso nebbioso e consunto
dai colpi feroci, dagli spari feroci
tu corri e ti inseguo, tu spari e sei mio
il giorno, il giorno non tace
e gli anni, gli anni feroci sono arrivati
essi, essi non sono mai partiti
lì stanno, lì permangono, incalzano
e noi provvedere dobbiamo
per rendere il mondo, il mondo sempre più umano
Dead End 5/3/2013 - 10:48

Rodeo

‎[1976]
Parole di Norisso (pseudonimo di Roberto Roversi)
Musica di Lucio Dalla
Album «Automobili»‎
Testo trovato su Zeroincondotta, quotidiano autogestito ‎in Bologna.‎


Vent’anni fa, con “Automobili”, si interruppe la collaborazione fra Roberto ‎Roversi e Lucio Dalla. Il disco, comunque bellissimo, risultò molto diverso rispetto al progetto ‎iniziale, riduttivo rispetto allo spettacolo che Dalla aveva inscenato (e di cui, prima o poi, salterà ‎fuori qualche incisione-pirata). Una parte delle canzoni venne scartata, alcuni testi furono ‎abbreviati. Nelle note di copertina, i testi risultano di Norisso; i musicisti che collaborarono con ‎Lucio Dalla erano: Carlo Capelli, Marco Nanni, Giovanni Pezzoli, Luciano Ciccaglioni, Ruggero ‎Cini, Rodolfo Bianchi, Tony Esposito, Rosalino Cellamare. Ma a risentirle, quelle canzoni, e a ‎rileggerli, quei testi sull’automobile e sull’uomo al volante,... (continua)
L’asfalto si snoda in turniché,
(continua)
inviata da Dead End 5/3/2013 - 10:37

Dalla terra e dal mondo

Chanson italienne - Dalla terra e dal mondo – Andrea Sigona
DE LA TERRE ET DU MONDE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/3/2013 - 09:24
Downloadable!

Baleerie Baloo

[2009]
Lyrics and Music by Karine Polwart
Album: Scribbled in Chalk

For Jane Haining. http://en.wikipedia.org/wiki/Jane_Haining

Originally from Dunscore in South West Scotland, Jane worked in a Paisley thread mill before finding her "life's work", as she described it, as a missionary to a Budapest orphanage during the 1930s. During the Nazi occupation, she chose to remain in Hungary and was later arrested on charge of espionage for crimes that included weeping whilst she sewed the mandatory Star of David onto the children's clothes. She was transported to Auschwitz, where she died in 1944 at the age of 47. In 1997, Jane was recognised as one of the "Righteous Among The Nations" for her services to the Jewish people. With thanks to Billy Kay for telling me to find out more.
I know the warp of a thread
(continua)
inviata da giorgio 5/3/2013 - 08:43
Video!

One Flew Over the Cuckoo's Nest [Qualcuno Volò Sul Nido Del Cuculo]

Posso tranquillamente affermare che fino ad ora è il mio film preferito. Un'emozione dopo l'altra. Da lacrime.
Luca 'The River' 5/3/2013 - 01:36




hosted by inventati.org