Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-3-25

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Milho aos pombos

[1981]
Parole e musica di Zé Geraldo
Dall’album “Zé Geraldo”

“... e mentre tutto questo accade, io me ne sto al parco a dar da mangiare ai piccioni”
Enquanto esses comandantes loucos
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 22:44
Downloadable! Video!

Babilonia

Chanson italienne – Babilonia – Nomadi

Lorsque je l'entends (cette chanson), je pense inévitablement à combien d'êtres humains se sont retrouvés dans leur monde quotidien subitement ravagé par la guerre.
De l'antiquité à aujourd'hui, des populations entières au milieu des batailles et des destructions, fuyant la mort et l'horreur.
Laides histoires de l'humanité. Laides histoires qui semblent – malheureusement – ne jamais finir.
Mais lorsque les êtres humains seront vraiment dignes de ce nom, ils mettront sur la guerre le mot FIN.
BABYLONE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 25/3/2013 - 22:34
Video!

L'anno che verrà

Si noti che in questa pagina è comparso per la prima volta, per la sua versione greca della canzone di Dalla, il nome di un allora sconosciuto Dionysis Savvopoulos. Dal 2007 ne è passata d'acqua sotto i ponti per l'Ελληνικό Τμήμα !
Riccardo Venturi 25/3/2013 - 21:35
Downloadable! Video!

Itaca

Μετέφρασε και τραγοὐδησε στα Ελληνικά ο Διονύσης Σαββόπουλος (1997)

Succede anche questo nell'Ελληνικό Τμήμα: che una vecchia canzone di Lucio Dalla dedicata a Ulisse e a Itaca venga, φύσει, tradotta (benissimo) in greco da Gian Piero Testa per scoprire poi che, nel 1997, una versione greca la aveva già fatta e cantata nientemeno che Dionysis Savvopoulos. La cosa non può renderci che molto felici.

La versione proviene dall'album Το ξενοδοχείο del 1997, interamente dedicato da Savvopoulos a versioni greche da autori stranieri: Steve Winwood, Van Morrison, Lou Reed, Nick Gravenites, David Byrne, Brian Eno, Lucio Dalla, Jack Bruce e Ian Anderson. I quali φιλοξενούνται στα Ελληνικά, ovvero, "vengono accolti con amicizia in greco", per dirla alla lettera. Del resto, lo stesso termine greco per "albergo" (questo significa ξενοδοχείο) significa alla lettera "accoglitore di stranieri"...[RV]


ΙΘΑΚΗ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/3/2013 - 20:58
Downloadable!

Morte sul selciato

[1969]
Testo di Anton Virgilio Savona
Album: Pianeta pericoloso (Vedette Zodiaco VPA 8100)

Ancora sulla violenza razzista
Un uomo nella notte disteso sul selciato
(continua)
inviata da giorgio 25/3/2013 - 16:25
Video!

Sina de caboclo

‎[1964]‎
Scritta da João do Vale (1934-1996), musicista e cantautore del Maranhão, e Jocastro Bezerra de ‎Aquino.‎
Nell’album di Nara Leão, la “Musa della Bossa Nova” (1942-1989, morta troppo presto di un ‎tumore al cervello), intitolato “Opinião de Nara”, un disco che uscì proprio nell’anno dell’avvento ‎della dittatura in Brasile e che contiene una dura condanna della repressione militare ed una ‎denuncia delle misere condizioni di vita del popolo brasiliano.‎



Canzone del contadino povero sfruttato dal latifondista, costretto a “plantar prá dividir com quem ‎não plantou nada”…‎
Mas plantar prá dividir
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 15:52
Downloadable! Video!

Ultimo discorso registrato

è un pezzo scritto in memoria di Tenco !
barbara 25/3/2013 - 15:42
Downloadable! Video!

Derradeira primavera

‎[1964]‎
Scritta da Tom Jobim (1927-1994, il creatore del movimento della Bossa Nova) e Vinícius ‎de Moraes.‎
Nell’album di Nara Leão, la “Musa della Bossa Nova” (1942-1989, morta troppo presto di un ‎tumore al cervello), intitolato “Opinião de Nara”, un disco che uscì proprio nell’anno dell’avvento ‎della dittatura in Brasile e che contiene una dura condanna della repressione militare ed una ‎denuncia delle misere condizioni di vita del popolo brasiliano.‎



“Dammi la mano, non ci resta che un’ultima canzone, l’ultima voce di un poeta cantore, in ‎quest’ultima primavera” … ‎
Non so se si potesse esprimere meglio il sentimento nei confronti della dittatura appena instauratasi ‎e che sarebbe durata più di 20 anni…‎
Põe a mão na minha mão
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 15:08
Downloadable! Video!

Acender as velas

‎[1964]‎
Parole e musica di Zé Keti, nome d’arte di José Flores de Jesus, (1921-1999), cantante e ‎compositore di samba.‎

Nell’album di Nara Leão, la “Musa della Bossa Nova” (1942-1989), ‎intitolato “Opinião de Nara”, un disco che uscì proprio nell’anno dell’avvento della dittatura in ‎Brasile e che contiene una dura condanna della repressione militare ed una denuncia delle misere ‎condizioni di vita del popolo brasiliano.‎



Una canzone che racconta di come nelle favelas brasiliane (così come nelle “callampas” cilene, o ‎nelle “villas miseria” argentine ed in ogni baraccopoli latinoamericana) la gente fosse così ‎abbandonata da morire, magari per una stupidaggine, senza alcun soccorso… ‎
“E la gente muore senza voler morire…”
Acender as velas já é profissão
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 14:53
Downloadable!

Hombres sin rostro

‎[2009]‎
Parole e musica di Nicolás Falcoff
Voce di Cecilia Fraiman.‎



Nell’album di esordio intitolato “La insurgencia del caracol” (“caracol” è in spagnolo la lumaca col ‎guscio, ma “Caracoles” sono anche chiamate le regioni amministrative delle comunità autonome ‎zapatiste che nel 2003 sostituirono le precedenti “Aguascalientes”. Sono amministrate dalle “Juntas ‎del Buen Gobierno”)‎
Testo trovato su di un blog dell’autore
Hombres sin rey que despiertan flotando en la nada.
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 14:18
Downloadable! Video!

Takiukum

‎[2009]‎
Parole e musica di Nicolás Falcoff
Voce di Cecilia Fraiman.‎

Nell’album di esordio intitolato “La insurgencia del caracol” (“caracol” è in spagnolo la lumaca col ‎guscio, ma “Caracoles” sono anche chiamate le regioni amministrative delle comunità autonome ‎zapatiste che nel 2003 sostituirono le precedenti “Aguascalientes”. Sono amministrate dalle “Juntas ‎del Buen Gobierno”)‎
Testo trovato su di un blog dell’autore‎



Takiukum en tzotzil significa "lugar donde hubo agua y se seco". Este tema fue escrito y compuesto ‎en el campamento de desplazados de guerra homónimo que se encuentro en la zona de los altos de ‎Chiapas. En territorio zapatista en rebeldia.‎


‎“Takiukum, in lingua tzotzil [meglio, in lingua “Bats'i k'op” o “jK'optik” – ovvero “lingua ‎originaria” o “nostra lingua” – la lingua maya parlata da circa 350.000 discendenti dei nativi di ‎etnia tzotzil in Chiapas,... (continua)
Pude ver la ansiedad guardar silencio hasta esperar.
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 13:35
Downloadable! Video!

La vie s'écoule, la vie s'enfuit

Tradução portuguesa de Riccardo Venturi
25 de março de 2013
A VIDA PASSA, A VIDA FOGE
(continua)
25/3/2013 - 13:18
Downloadable! Video!

La vie s'écoule, la vie s'enfuit

Otra traducción al castellano desde los subtítulos de otro vídeo YouTube



"Esta canción fue entonada por primera vez por algunos trabajadores en Bélgica durante las grandes huelgas de 1961." La traduzione è più fedele al testo originale di quella precedente [RV]
LA VIDA PASA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/3/2013 - 12:52
Downloadable! Video!

Stranizza d'amuri

Sono italiano ma vivo a Barcellona da otto anni. Battiato è sempre stato il mio artista italiano preferito e mi ha regalato tante emozioni negli anni, grazie ai suoi dischi ascoltati centinaia di volte e ai molti concerti che ho visto.

La settimana scorsa è venuto qui, a Barcellona, a cantare all'Auditori, dove di solito si ascolta musica sinfonica. Anche se la scelta delle canzoni non mi ha convinto del tutto - ha cantato tutto "Apriti sesamo" nella versione spagnola, che francamente non suona altrettanto bene, e ha privilegiato i soliti successi di sempre rispetto ai brani più mistici e profondi - quando ha intonato "Stranizza d'amuri" il mio cuore si è sciolto. Che gran regalo ci ha fatto, riproponendo questa splendida canzone.

La cosa buffa è che pochi giorni dopo ho avuto un colpo di fulmine... ricambiato... Sarà tutta colpa di Franco? Vedremo se funziona, per ora mi limito a unirmi al gruppo di grandi ammiratori di questo brano (e naturalmente di tutta l'opera di Battiato) e vi saluto con un sorriso :)
Da lontano... 25/3/2013 - 12:17
Downloadable! Video!

Corrido de Arturo Gámiz‎

‎[1969]‎
Parole e musica di Judith Reyes
Dal disco “Mexique – Cronica mexicana”, le Nouveau Chansonnier International, Le Chant Du ‎Monde
Testo trovato sul blog Viva la Sexta!‎

Dopo il Corrido de Lucio Cabañas, il Corrido a Genaro Vázquez e il Corrido de Rubén Jaramillo, eccone ancora uno che celebra un’altra figura di ‎resistente e guerrigliero mai dimenticato, Arturo Gámiz García.‎

‎Alla fine degli anni 50, quando l’avvocato PRIista Adolfo López Mateos assunse ‎la presidenza, il Messico era scosso dalle proteste di operai e contadini. Molto agguerriti erano ‎soprattutto il sindacato dei ferrovieri ed il Movimiento Revolucionario del Magisterio (MRM) che ‎raggruppava maestri rurali, docenti urbani ed intellettuali ma anche operai e professionisti.‎
Nella primavera del 1959 il governo decise di “acabar” con le proteste dei “comunisti” che ‎minavano la pace sociale e ostacolavano il... (continua)
Ciento veinticinco verdes
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 11:32
Downloadable! Video!

Los nadies

OS ZÉS-NINGUÉM
(continua)
inviata da Dead End 25/3/2013 - 09:05
Downloadable! Video!

O subdesenvolvido

[1961]
Parole di Francisco “Chico” de Assis
Musica di Carlos Lyra
Originariamente inclusa in «Um americano em Brasília», piece teatrale di Francisco “Chico” de Assis e Nelson Lins e Barros, fu poi incisa l’anno seguente dal Conjunto CPC nel disco autoprodotto “O Povo canta” realizzato dal Centro Popular de Cultura, un collettivo nato nel 1961 all’interno dell’União Nacional de Estudantes (UNE) di Rio de Janeiro.
In poco più di due anni di attività il CPC produsse documentari, libri, spettacoli teatrali ed il disco da cui è tratta questa canzone.
Poi, insieme all’intero paese, fu travolto dalla dittatura militare.

Canzone parodistica sulla storia del Brasile ed il neocolonialismo americano di cui era vittima in quegli anni...
O Brasil é uma terra de amores
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 21:37
Downloadable! Video!

Grileiro vem, pedra vai

[1962]
Parole e musica di Raphael de Carvalho.
Interpretata negli anni 70 da Soledad Bravo nell’album “Cantos revolucionarios de América Latina”

Originariamente nel disco autoprodotto “O Povo canta” realizzato dal Centro Popular de Cultura, un collettivo nato nel 1961 all’interno dell’União Nacional de Estudantes (UNE) di Rio de Janeiro.
In poco più di due anni di attività il CPC produsse documentari, libri, spettacoli teatrali ed il disco da cui è tratta questa canzone.
Poi, insieme all’intero paese, fu travolto dalla dittatura militare.

“Grileiro” era un faccendiere con il compito di produrre falsi atti di proprietà per conto di qualche grosso proprietario o speculatore e cacciare così dai terreni d’interesse quanti li occupassero. Il termine deriva dal fatto che i documenti falsi venivano conservati in una scatola con dei grilli in modo che risultassero “antichizzati” dall’azione... (continua)
Grileiro vem, pedra vai
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 20:46
Downloadable!

Due metri per due, carcere duro

[1969]
Testo di Anton Virgilio Savona da Palermo
Album: Pianeta pericoloso

Sembrano proprio i corsi e ricorsi storici (o il Karma negativo) del rivoluzionario (magari di quello più autentico..)
Nella fotografia grande quanto una parete
(continua)
inviata da giorgio 24/3/2013 - 19:51
Downloadable! Video!

Terra terra ferita terra del Kurdistan

DA FINIRE DI TRASCRIVERE
Quante lacrime amare su quel viso stanco
(continua)
inviata da DonQuijote82 24/3/2013 - 19:26
Percorsi: Dal Kurdistan
Downloadable!

A veces

(Anónimo - Hugo Gómez - José Luis Guerra)
Dall'album "Veinticinco años" 1986
Testo trovato su Cancioneros.
«A veces llueve
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 24/3/2013 - 19:19
Downloadable! Video!

Kurdistan

Sono una lacrima che cade e và lontano
(continua)
inviata da DonQUijote82 24/3/2013 - 19:17
Percorsi: Dal Kurdistan
Downloadable! Video!

Exilio

(Pablo Neruda - Manuel García)
Dall'album "eXile" (Guillamino & Manuel García) 2008
Testo trovato su Cancioneros.
El destierro es redondo:
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 24/3/2013 - 19:10
Downloadable! Video!

Heval

[2010]
Album: Canzoni Contro

Heval dal curdo vuol dire Compagno
Heval, tu che dormi in un prato
(continua)
inviata da DonQuijote82 24/3/2013 - 18:44
Percorsi: Dal Kurdistan
Downloadable! Video!

Brasil já vai a guerra

[1960]
Parole e musica di Juca Chaves
Dall’album “As musicas proibidas“ pubblicato nel 1968.

La dittatura militare in Brasile ebbe formalmente inizio nel 1964 ma anche lì - così come in Argentina e in molti altri paesi latinoamericani - non si può certo dire che i governi precedenti fossero stati democratici. E’ il caso di quello di Getulio Vargas, un nazionalista, populista e parafascista che fu presidente del Brasile dal 1930 al 1945 e poi ancora per qualche anno nel dopoguerra. Con Vargas e grazie all’impegno nel conflitto mondiale a fianco degli USA (una decisione puramente opportunistica, che Vargas era ideologicamente molto più vicino a Mussolini ed Hitler), l’esercito brasiliano accrebbe sempre di più la sua influenza fino - come si è detto - alla presa del potere con il golpe del 1964.

Questa canzone fu scritta dal grande umorista, cantautore e compositore Juca Chaves quando nel... (continua)
Brasil já vai a guerra, comprou um porta-aviões
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 17:35
Downloadable!

Aquí arriba

Dall'album "Araca" 1984
Trovata su Cancioneros.com
Testo di José Luis Guerra

Canzone di esilio; l'amarezza è appena velata da un tono scherzoso.
Allá arriba, va la luna;
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 24/3/2013 - 17:30
Downloadable! Video!

'Ta llorando

Dall'album "Donde arde el fuego nuestro" del 1978

Una canzone sul lungo esilio (1974-1984):il ritorno in Uruguay culminerà con il grande concerto nell'Estadio Centenario, davanti a 50.000 persone.
Cuando en tierras extrañas miro triste
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 24/3/2013 - 16:43
Downloadable! Video!

Si el canto salió de Chile

Canzone popolare di autore anonimo.
Arrangiamento musicale di Isabel Parra.
Incisa per la prima volta insieme al fratello Ángel nel 1976, nel disco “Isabel y Ángel Parra”
Cante, cante compañero
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 15:17
Video!

Las Voces que saludan

Treinta mil son las voces que saludan,
(continua)
inviata da adriana 24/3/2013 - 14:45
Downloadable! Video!

No me gusta no

[1988]
Parole e musica di Isabel Parra. Interpretata con Tita Parra, Cecilia Echenique e Tati Penna.
Come anche Con toda la gente, una canzone composta in occasione del referendum del 1988, quello in cui quasi 4 milioni di cileni dissero “No!” a Pinochet che avrebbe voluto continuare a governare il paese fino al 1997.
Iniziò così, dopo 15 anni di dittatura, la transizione verso la democrazia.
(Resta però il fatto inquietante che 3.1 milioni, il 44% dei cileni, votarono "Sì" al regime...)

Una pacata ma feroce descrizione del tiranno Pinochet...
No es anillo que brilla en la mano
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 14:32
Downloadable!

Ni pan ni flores

[2000]
Parole e musica di Isabel Parra.
Dall’album “Colores”
Al medio de la mesa no hay pan ni flores,
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 14:08
Downloadable! Video!

La llama encendida

[1983]
Parole e musica di Isabel Parra.
Nel disco “Tu voluntad más fuerte que el destierro”
Recordemos juntos que fue ayer
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 13:55
Downloadable! Video!

La hormiga vecina

[1972]
Parole e musica di Isabel Parra.
Incisa a Cuba con parte del Grupo de Experimentación Sonora del ICAIC (Silvio Rodríguez, Patricio Castillo, Tita Parra e Sergio Vitier).
¿De qué le sirve al humano
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 13:49
Downloadable!

Con toda la gente

[1988]
Parole e musica di Isabel Parra
Composta in occasione del referendum del 1988, quello in cui quasi 4 milioni di cileni dissero “No!” a Pinochet che avrebbe voluto continuare a governare il paese fino al 1997.
Iniziò così, dopo 15 anni di dittatura, la transizione verso la democrazia.
(Resta però il fatto inquietante che 3.1 milioni, il 44% dei cileni, votarono "Sì" al regime...)
Inconfundible la puerta
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 13:28
Downloadable! Video!

Άγιος Φεβρουάριος

Ed eccoci alle prese col "San Febbraio" di Moutsis, Eleftheriou e Mitropanos (senza dimenticare la brava Petri Salpea). Ascoltando l' "Introduzione" (Εισαγωγή) colpisce immediatamente la perfetta fattura di rock progressivo: siamo nel 1972 e, evidentemente, anche nella Grecia dei colonnelli non sfuggono agli artisti di valore le tendenze musicali più moderne del momento. Forse, anche quella, una forma di resistenza?
Riccardo Venturi 24/3/2013 - 11:44
Downloadable! Video!

Enemy Maker

[1995]
Singolo poi incluso nell’album “Wrong Side of Beautiful”
Testo trovato sul sito ufficiale di questa metal/punk/reggae band gallese (estintasi nel 1999)
they swear they tell the truth
(continua)
inviata da Dead End 24/3/2013 - 11:23
Video!

Nunca más

[1999]

Album : Juste avant
Dignes, belles,
(continua)
inviata da adriana 24/3/2013 - 10:44




hosted by inventati.org