Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-11-6

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable!

Io sono là

Chanson italienne – Io sono là – Massimo PRIVIERA – 2013
JE SUIS LÀ
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/11/2013 - 21:27

Ireland Her Own

Inedita
eseguita più volte dal vivo

Words : Dick Gaughan / Music : Trad.

(To the tune of a song my grandmother Bridget Madden used to sing, "The Glens of Aherlow", which is also the tune known as "Skibbereen".)

Dedicated to the memory of Tom Jackson who wrote the splendid "Ireland Her Own", a Marxist history of Ireland following on from Connolly's "Labour in Irish History". The song is based around Fintan Lalor's statement of the aim of the Fenians - "Ireland her own and all therein 'twixt sod and sky"

The reference to "'98" is to the United Irishmen's attempted revolution of 1798 in which Catholic and Presbyterian fought together.

See also Florence Wilson's wonderful poem in Ulster Scots about the '98 revolution, The Man From God-Knows Where
It wounds me in the heart although
(continua)
inviata da DoNQuijote82 6/11/2013 - 21:10
Downloadable! Video!

Revolution

Different Kind of Love Song (1983)

Dick Gaughan : Vocal, Guitars
Judy Sweeney : Vocal
Bob Lenox : Keyboards
Dave Pegg : Bass
Allan Tall : Saxophone
Willie Lindfors : Drums, Percussion
Dave Tulloch : Drums on "Revolution"

The text is a poem by Joseph Bovshover and is from 'American Labour Songs of the 19th Century'. I wrote the music for it in (East) Berlin during the 1982 Festival of Political Song.
I come like a comet new born
(continua)
inviata da DoNQuijote82 6/11/2013 - 21:07
Downloadable! Video!

A Different Kind of Love Song

Different Kind of Love Song (1983)

Dick Gaughan : Vocal, Guitars
Judy Sweeney : Vocal
Bob Lenox : Keyboards
Dave Pegg : Bass
Allan Tall : Saxophone
Willie Lindfors : Drums, Percussion
Words & Music : Dick Gaughan

One night in 1982, I had just finished playing in a folk club somewhere in the southeast of England when a woman came up to me and proceeded to ask me all the questions in the first verse of this. When I replied, she looked at me sadly and said, "Oh, you're still at the political stage, then", and walked off.

When I had stopped laughing I wrote this.
You ask me why I sing no love songs
(continua)
inviata da DoNQuijote82 6/11/2013 - 21:04

A World Left in Peace

1983
B side of the EP She can dance
Life is just illusions
(continua)
inviata da DonQuijote82 6/11/2013 - 20:59
Downloadable!

Eyes of the Immigrant

2000
You Can't Relive The Past
They came by day, and they came by night.
(continua)
inviata da DoNQuijote82 6/11/2013 - 20:54
Video!

La guerra di Piero

PUGLIESE ALTAMURANO / APULIAN (ALTAMURA)

Versione in pugliese di Altamura di CARL
LA WERRE DE PITRE
(continua)
inviata da CARL 6/11/2013 - 20:39
Downloadable! Video!

Un giudice

Favolosa, Carl. Te lo dice lo staff delle CCG in coro, davvero. [CCG/AWS Staff]
NU'GIUDECE
(continua)
inviata da CARL 6/11/2013 - 18:41
Downloadable! Video!

Jerusalén, año cero

‎[1969]‎
Parole e musica di Silvio Rodríguez.‎
Un brano che compare per la prima volta in un disco dal vivo, insieme a Noel Nicola, ‎intitolato “Cuba canta a la República Dominicana”.‎

Una canzone che ci restituisce un’immagine del Cristo così come lo intendevano i “teologi della ‎Liberazione” e i “Sacerdotes por el Tercer Mundo”… Molti di loro, proprio come il Cristo, non ‎fecero una bella fine…‎
De mano en mano se pasa la verdad,
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 15:46
Downloadable! Video!

‎¡Ay Democracia!‎

‎[2010]‎
Parole e musica di Javier Krahe
Nell’album intitolato “Toser y cantar”‎



Non so se Francisco Franco amasse mangiare – come racconta Krahe nella terza strofa di questa sua ‎canzone - il cervello impanato di delfino e perché, forse nell’intento di acquisire l’intelligenza che a ‎lui mancava… Franco – è risaputo – era ‎un credulone ed un superstizioso e, quanto ai poveri delfini, è storicamente documentato che ‎nell’immediato secondo dopoguerra, quando la Spagna franchista restò isolata dall’embargo ‎europeo e immiserita dal “fascismo agrario” e dall’autarchia, il dittatore incoraggiò un progetto che ‎il governatore di Malaga aveva studiato per far fronte alla grave crisi alimentare: nutrire il popolo ‎con il pane di farina di pesce e con la carne di delfino… Per fortuna arrivarono prima gli aiuti della ‎Croce Rossa, ma questo non impedì allo stolto caudillo di chiamare a sé come... (continua)
Me gustas, Democracia, porque estás como ausente
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 14:38
Downloadable!

Canción de la esperanza unida

‎[1976]‎
Parole di Eduardo Paz, Javier Maestre e Maria Pilar Navarrete.‎
Musica di Javier Maestre ‎
Dal disco d’esordio del gruppo aragonese.‎

Una canzone che fa il paio con Venimos simplemente a trabajar, manifesto artistico e politico de La Bullonera…‎
Oigo que se levantan voluntades hermanas
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 11:32
Downloadable!

Ya se ha pasado el invierno

‎[1976]‎
Parole di Eduardo Paz e Javier Maestre su di una melodia popolare.‎
Dal disco d’esordio del gruppo aragonese.‎
Testo trovato su La Zamarra de Gustavo, il blog di Gustavo ‎Sierra Fernández.‎

Aún no se ha pasado el invierno…‎
Ya se ha pasado el invierno
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 11:02
Downloadable!

‎(Una vez más aquí) Estamos hablando de la libertad

‎[1976]‎
Parole di Mariano Anós (1945-), attore e regista teatrale, pittore e poeta spagnolo.‎
Musica di Javier Mestre.‎
Dal disco d’esordio del gruppo aragonese.‎
Testo trovato su La Zamarra de Gustavo, il blog di Gustavo ‎Sierra Fernández.‎
Una vez más aquí,
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 10:28
Downloadable!

Venimos simplemente a trabajar

‎[1976]‎
Parole e musica di Javier Mestre.‎
Il manifesto artistico e politico de la Bullonera, in apertura del disco d’esordio del gruppo aragonese.‎
Testo trovato su La Zamarra de Gustavo, il blog di Gustavo ‎Sierra Fernández.‎
No hemos venido aquí para deciros
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 10:21
Downloadable!

Morire sì, ma non così

Condannato: Sì morire sì,      
(continua)
inviata da donquijote82 6/11/2013 - 10:16
Downloadable!

Aquí nunca pasa nada

‎[1977]‎
Scritta da Javier Mestre de La Bullonera
Arrangiamento musicale di Alberto Gambino.‎
Nel disco intitolato “La Bullonera 2”‎
Testo trovato su La Zamarra de Gustavo, il blog di Gustavo ‎Sierra Fernández.‎
Somos madera de un árbol
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 10:12
Downloadable!

La bolsa o la vida

‎[1977]‎
Scritta da Eduardo Paz e Javier Mestre de La Bullonera.‎
Nel disco intitolato “La Bullonera 2”‎
Testo trovato su La Zamarra de Gustavo, il blog di Gustavo ‎Sierra Fernández

Gli anni della cosiddetta “transizione democratica” nella Spagna del dopo dittatura… La speranza ‎del cambiamento radicale soffocata dai “cani di sempre, solo con un collare diverso”, padroni e catto-fascisti ‎subito riciclatisi nelle nuove istituzioni “democratiche”…‎
Y al que roba en una casa
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 10:05
Downloadable!

Jota carcelera

‎[1977]‎
Versi di una canzone popolare aragonese (e non andalusa, come ci segnala Gustavo) adattati da Eduardo Paz e Javier Mestre de La Bullonera.‎
Nel disco intitolato “La Bullonera 2”‎
Testo trovato su La Zamarra de Gustavo, il blog di Gustavo ‎Sierra Fernández, dal suo blog‎

In Spagna erano gli anni della “transizione democratica” dopo il franchismo e molto aspro era il ‎confronto sull’amnistia per i prigionieri politici… Ma questa canzone ha comunque una valenza ‎universale, anche qui da noi dove detenuti di serie A vengono liberati per intercessione di ministri…‎

‎… e detenuti di serie B crepano in galera di suicidio, di malattia o massacrati dai secondini…‎
Y han escrito con carbón
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 09:47
Downloadable! Video!

We Don't Need the Army

4 novembre 2013, giorno della festa delle forze armate.
Il nuovo sindaco di Messina, Renato Accorinti, celebra a modo suo, anzi, a modo nostro...
Bernart 6/11/2013 - 09:14
Downloadable! Video!

Canción de la esperanza

‎[1978]‎
Parole e musica di Víctor Manuel.‎
Dall’album intitolato “Soy un corazón tendido al sol”‎



Español
Italiano

Tras las primeras elecciones y al año siguiente con la aprobación de la Constitución, pareciera que ‎las aguas se iban calmando. Sin embargo, la situación era bien distinta: a los problemas ‎tradicionales que dejaba la dictadura se sumaba una crisis económica mundial que dejaba a millones ‎de obreros en el paro. Comenzaba también los debates interminables acerca de temas tan ‎escabrosos, sobre todo en un país católico (en el cual, no obstante, sus detractores estaban a favor de ‎la pena de muerte), como el aborto. También escabrosas eran las amnistías: desde 1976 en adelante, ‎las sucesivas amnistías permitían que algunos exiliados volvieran y algunos presos fueran liberados; ‎pero no todos: lo más complicado era liberar a los presos pertenecientes a bandas armadas.
Pero... (continua)
Tanto imaginarnos
(continua)
inviata da Bernart 6/11/2013 - 09:04
Downloadable! Video!

People Get Ready

da Sing for Freedom - The Story of the Civil Rights Movement through its songs. Edited and compiled by Guy and Candie Carawan.

In addition to Jimmy Collier's songs, the 'End the Slums' movement has adapted many rhythm and blues songs. To the urban Negro of today, many of these songs provide an emotional release from the omnipresent suffering, while stimulating the will to struggle, serving them in much the same manner as the spirituals served their enslaved forefathers.

David Llorens, "New Birth in the Ghetto", Sing Out! July 1966
PEOPLE GET READY
(continua)
5/11/2013 - 22:43
Downloadable! Video!

Alas

‎[1976]‎
Scritta da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen (1932-)‎
Arrangiamento musicale del collettivo Limón Express.‎
Nel terzo album del duo spagnolo, intitolato “Contracorriente” pubblicato nel 1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎



Era il 1976. Francisco Franco – quel ‎‎gattaccio – era schiattato da non ‎molti mesi e già in Spagna si ricominciava a respirare un poco (anche se i fascisti – come in Italia, ‎come in Grecia – non hanno mai gettato le armi). Le Vainica Doble potevano permettersi di uscire ‎dal “mimetismo” che aveva in qualche modo caratterizzato i loro precedenti... (continua)
Hay que despreciar el tiempo
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 14:41
Downloadable!

Eso no lo manda nadie

‎[1976]‎
Testo di una canzone popolare ripresa da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen ‎‎(1932-)‎
Arrangiamento musicale del collettivo Limón Express.‎
Nel terzo album del duo spagnolo, intitolato “Contracorriente” pubblicato nel 1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎



Era il 1976. Francisco Franco – quel ‎‎gattaccio – era schiattato da non ‎molti mesi e già in Spagna si ricominciava a respirare un poco (anche se i fascisti – come in Italia, ‎come in Grecia – non hanno mai gettato le armi). Le Vainica Doble potevano permettersi di uscire ‎dal “mimetismo” che aveva in qualche... (continua)
A mí me podrán mandar, a mí me podrán mandar
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 14:32
Downloadable!

‎¡Que no!‎

‎[1976]‎
Scritta da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen (1932-)‎
Arrangiamento musicale del collettivo Limón Express.‎
Nel terzo album del duo spagnolo, intitolato “Contracorriente” pubblicato nel 1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎



Era il 1976. Francisco Franco – quel ‎‎gattaccio – era schiattato da non ‎molti mesi e già in Spagna si ricominciava a respirare un poco (anche se i fascisti – come in Italia, ‎come in Grecia – non hanno mai gettato le armi). Le Vainica Doble potevano permettersi di uscire ‎dal “mimetismo” che aveva in qualche modo caratterizzato i loro precedenti... (continua)
Todo niño es un lucero
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 14:10
Downloadable! Video!

El oso poderoso

‎[1976]‎
Scritta da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen (1932-)‎
Arrangiamento musicale del collettivo Limón Express.‎
Nel terzo album del duo spagnolo, intitolato “Contracorriente” pubblicato nel 1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎



Era il 1976. Francisco Franco – quel ‎‎gattaccio – era schiattato da non ‎molti mesi e già in Spagna si ricominciava a respirare un poco (anche se i fascisti – come in Italia, ‎come in Grecia – non hanno mai gettato le armi). Le Vainica Doble potevano permettersi di uscire ‎dal “mimetismo” che aveva in qualche modo caratterizzato i loro precedenti... (continua)
Había una vez un oso poderoso
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 14:01
Downloadable! Video!

Un mal entendido amor (Respeto y obediencia)‎

‎[1976]‎
Scritta da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen (1932-)‎
Arrangiamento musicale del collettivo Limón Express.‎
Nel terzo album del duo spagnolo, intitolato “Contracorriente” pubblicato nel 1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎



Era il 1976. Francisco Franco – quel ‎‎gattaccio – era schiattato da non ‎molti mesi e già in Spagna si ricominciava a respirare un poco (anche se i fascisti – come in Italia, ‎come in Grecia – non hanno mai gettato le armi). Le Vainica Doble potevano permettersi di uscire ‎dal “mimetismo” che aveva in qualche modo caratterizzato i loro precedenti... (continua)
‎“Respeto y obediencia
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 13:52
Downloadable! Video!

La femme grillagée

Paroles et musique Pierre Perret - 2010
Écoutez ma chanson bien douce
(continua)
5/11/2013 - 13:47
Downloadable! Video!

Mariluz

‎[1971]‎
Scritta da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen (1932-)‎
Arrangiamento musicale di Pepe Nieto.‎
Nell’album d’esordio del duo spagnolo, intitolato semplicemente “Vainica Doble” pubblicato nel ‎‎1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎

Una canzone dedicata alla situazione delle donne nella Spagna franchista, machista e paternalista…‎
Y tenía que bordar Mari Luz
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 13:20
Downloadable! Video!

Guru Zakun Kin Kon

‎[1971]‎
Scritta da Carmen Santonja (1934-2000) e Gloria Van Aerssen (1932-)‎
Arrangiamento musicale di Pepe Nieto.‎
Nell’album d’esordio del duo spagnolo, intitolato semplicemente “Vainica Doble” pubblicato nel ‎‎1972.‎

Le Vainica Doble sono state un duo femminile spagnolo di musica pop che esordì negli ultimi anni ‎del franchismo. In alcune loro canzoni, apparentemente “innocenti”, si celava l’avversione e la ‎condanna verso la dittatura; in altre era contenuta una critica piuttosto esplicita all’educazione dei ‎bambini come concepita allora. ‎

Il testo di questa canzone, per esempio, potrebbe benissimo essere stato scritto dal nostro ‎‎Gianni Rodari, padre anche lui di racconti fantascientifici come “Il pianeta degli alberi di ‎Natale” e “La torta in cielo”: Guru Zakun Kin Kon è un giovane drago venusiano appassionato di ‎astronomia e fantascienza che attende speranzoso l’arrivo da... (continua)
Guru Zakun Kin Kon era un buen mozo
(continua)
inviata da Bernart 5/11/2013 - 11:30
Downloadable! Video!

El bosque armado (La Canoa)

Come diverse altre canzoni della grande cantautrice peruviana, anche questa è dedicata a Javier Heraud ‎‎(1942-1963), poeta, docente universitario e guerrigliero peruviano, ucciso dalla polizia a Puerto ‎Maldonado il 14 maggio 1963 mentre cercava di sottrarsi all’arresto fuggendo in canoa con altri ‎compagni...‎
Bernart 5/11/2013 - 10:22
Downloadable! Video!

Φωνάζω

[2010]
Parole e musica di Nikos Giolias.

Ovviamente, non sapendo pressochè una cippa di greco, lascio a chi ne sa (in primis Gian Piero e Riccardo) l’ultima parola sull’inserimento o meno di questa canzone... Io mi limito a dire che è stata scritta da Nikos in morte del fratello Sokratis (Σωκράτης Γκιόλιας, classe 1973), giornalista, blogger e conduttore radiofonico barbaramente trucidato ad Atene il 19 luglio 2010.

Sokratis Giolias era responsabile dell’informazione per la radio Thema FM ma soprattutto era stato uno dei fondatori di Troktiko (“Roditore”), un controverso blog molto seguito in Grecia attraverso il quale, senza rinunciare al gossip più bieco, Giolias aveva rivelato al paese molti intrallazzi e giochi sporchi della classe dirigente. Il giornalista - “spregiudicato e senza paura” per sua stessa definizione - era odiato un po’ da tutti, a destra come a sinistra, perchè Troktiko... (continua)
Μες στης νύχτας τα σκοτάδια
(continua)
inviata da Bernart 4/11/2013 - 23:06
Downloadable! Video!

Lysistrata

LISISTRATA
(continua)
4/11/2013 - 22:36
Downloadable! Video!

War Buddies

Album: "Little by Little..." (2005)

Remember back when I first heard this song I would go around to all my friends explaining that it was "a song about war disguised as a song about sex disguised as a song about war." I'd say that pretty much sums it up right there.

It starts off with him making cheeky sexual innuendo based around the topic - "I'll be the atheish in your foxhole," "If you've got guns, well now's the time for sticking." However, as you listen to it closer, these start to turn back around on themselves into a serious discussion. I feel it is one of the more powerful anti-war songs out there, and am upsetted a little that it didn't get the popularity it deserves.

LIGHTPIE7 - Song Meanings
Let's be war buddies
(continua)
4/11/2013 - 21:17
Downloadable! Video!

4 maggio 1944 - In memoria

GRAZIE PER AVER COMMEMORATO I MIEI NONNI E I MIEI ZII MAI CONOSCIUTI. GRAZIE ANCORA.
attilio mazzarini 4/11/2013 - 20:17
Downloadable! Video!

Invisible Sun

Versione dei Quintorigo con le strofe in italiano.
dall'album "Il Cannone" (2006)

Testo italiano di Luisa Cottifogli
video
SOLE INVISIBILE
(continua)
4/11/2013 - 15:15
Downloadable! Video!

Il cannone

(2006)

Dall'omonimo album che vede l'esordio alla voce di Luisa Cottifogli dopo l'uscita dal gruppo di John Di Leo.
Sono un mercante dai sani principi,
(continua)
4/11/2013 - 15:10
Downloadable! Video!

La Ballata del milite ignoto

Qui siamo sepolti per sempre

Un pezzo in prosa di Luigi Lunari che introduceva "La ballata del milite ignoto".
QUI SIAMO SEPOLTI PER SEMPRE
(continua)
4/11/2013 - 11:01
Downloadable!

‎¿Dónde están?‎

‎[1999]‎
Scritta da Patricio Manns e Ian Moya
Nell’album antologico dal vivo intitolato “América novia mía” registrato nel 2000 con il gruppo Parabellum.‎
Testo trovato su Cancioneros.com

‎¿Dónde están
(continua)
inviata da Bernart 4/11/2013 - 10:05

Quattro Novembre. Noi non applaudiamo.

Antiwar Songs Blog
Grazie Ragazzi. Così lo spot del ministero della Difesa che ci presenta la passerella di eroi rientrati dalle “missioni di pace” osannati dalla folla. La realtà è ben diversa. Il quattro novembre si potrebbe forse festeggiare non le forze armate ma la fine di uno dei più terribili massacri della storia dell’umanità, quella che persino […]
Antiwar Songs Staff 2013-11-04 09:44:00
Downloadable! Video!

Cecilia

anonimo
Finalmente ho trovato il testo che cantava mia nonna (1918) a mia madre e che mia madre (1945) mi ha sempre cantato fin da quando ero piccola (1968) e che ora canto alle mie due figlie (1999 e 2002) anche se tutte le parole non le ricordavo..........fantastico..........grazie a chi ha inserito il testo "c'erano tre sorelle...Cecilia era più bella...."............
Maria1968 3/11/2013 - 21:00

Χρυσό Αυγό

Riccardo, io non ho deciso proprio niente ed il 15 ottobre 2011 a Roma non c'ero e non so nemmeno cosa è successo...
Rileggiti il mio primo intervento: è pieno di "se" e di virgolette...

Chiedo comunque venia, perchè mi rendo conto che quel che ho scritto era più che altro una riflessione personale sulle reazioni a caldo di fonte alla violenza politica, molto condizionate dal "colore" di vittime e/o carnefici...
Avrei comunque dovuto tenermela per me in quanto di scarso interesse per la collettività...
Bernart 3/11/2013 - 19:19
Downloadable! Video!

Kappler

Io dormivo.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/11/2013 - 12:20
Video!

NoTAV nuovo canto popolare

anonimo
MISSIONE DI PACE
di Riccardo Venturi

Attenzione: il signore che si vede nella foto, nonostante il suo aspetto vagamente orientale, è in realtà un Valsusino.

Si tratta del sig. Armando Pelleroux, di Bussoleno (TO), NO TAV della prima ora. In Valsusa, come è noto, sono rudi montanari e amano gli abbigliamenti un po' sui generis. Nell'immagine vediamo il sig. Pelleroux assieme ad un marchingegno che si è costruito assieme ad un suo amico e sodale che ha un'officina meccanica sulla statale 25, poco prima di Susa; assemblando vari pezzi di vecchie Fiat Ritmo, la marmitta di una Lancia Ardea del '57 e altri componenti di risulta, ha ottenuto il Pecorella, arma notevolmente efficace nella sua elementarità. Del resto, mica si vorrà continuare in Valsusa a opporsi ad un esercito intero soltanto con sassi e frasche, anche se bastano a Caselli per spedirti in galera; occorrerà ingegnarsi, tanto poi... (continua)
3/11/2013 - 11:47
Downloadable! Video!

Świecie nasz

MONDO NOSTRO
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 3/11/2013 - 00:02
Video!

Canzone del tempo e della memoria

[2013]
Scritta da Umberto Fiori e Tommaso Leddi degli Stormy Six
Dallo spettacolo “Benvenuti nel ghetto” realizzato dal gruppo insieme a Moni Ovadia, in occasione dei 70 anni dall’insurrezione del ghetto di Varsavia.


Stormy Six con Moni Ovadia


“Eppure - chissà - là dove qualcuno resiste senza speranza, è forse là che inizia la storia umana, come la chiamiamo, e la bellezza dell’uomo.” Yannis Ritsos / Γιάννης Ρίτσος, frammento da “Ελένη”, 1970.

Tra l’aprile e il maggio del 1943 gli ebrei del ghetto di Varsavia — uomini e donne, vecchi e bambini — si ribellavano alla violenza delle SS e tenevano loro testa, armi in pugno, per quasi un mese. Si tratta del primo episodio di resistenza armata contro i nazisti; un episodio tanto più significativo perché a esserne protagonisti — in condizioni di disperata inferiorità militare e di quasi totale isolamento — sono le vittime designate della... (continua)
Questa pianta fiorita,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 2/11/2013 - 18:46
Percorsi: Ghetti
Downloadable! Video!

Ali di libertà

[2013]
Album : Ali di libertà

“Le immagini che sono dentro ad ALI DI LIBERTA' sono spesso la difesa di chi ha poco altro a cui aggrapparsi che non siano proprio queste ali. Non c'è alcuna cosa che conta di più nella vita di un uomo, non c'è nulla al mondo per cui tu possa farne a meno. E' proprio nel fotografare immagini di ultimi del mondo che chiedono aiuto al proprio angelo, più o meno identificabile nel suo aspetto da credente ma anche se volete rintracciabile in quel che chiamiamo bisogno di forza e di aiuto. Riascoltavo il primo Dylan, quello di hard rain's gonna fall per intenderci, mentre scrivevo questa canzone. Hard rain è un pezzo che da ragazzo spesso suonavo per strada nei miei vagabondaggi. Per molte righe che ho scritto in questa canzone, gli sono dichiarato debitore. Avevo nella prima registrazione inciso anche degli archi che caricavano ancora di più lo struggimento esistenziale.... (continua)
Dove sei, dove sei dolce angelo mio
(continua)
inviata da DonQuijote82 2/11/2013 - 18:40
Downloadable! Video!

Le mani

Chanson italienne – Le mani – Giorgio Gaber – 1991
Écrite par Giorgio Gaber e Sandro Luporini
Du spectacle “Il teatro canzone di Giorgio Gaber”‎

‎Il teatro canzone di Giorgio Gaber‎
LES MAINS
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/11/2013 - 16:27




hosted by inventati.org