Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-9-30

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable!

Ragged Hungry Blues

Il testo così come compare nel libretto del disco della Folkways del 1961.
HUNGRY RAGGED BLUES
(continua)
inviata da Dead End 30/9/2012 - 22:18
Video!

Honour and Blood

[1984]
Lyrics & Music by Alasdair "Algy" Mackie Ward and Michael "Mick" Thomas Tucker
Album: Honour & Blood
Are those ours, over head
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 19:45

Vorrei soltanto

complimenti molto bella.. intensa e veritiera
gentilemarisa@hotmail.it 30/9/2012 - 18:50
Downloadable! Video!

War Machine

[2010]
Lyrics & Music by Doogie White, Michael Thomas "Mick" Tucker and Chris Paulo Dale
Album: War Machine

Personnel: Doogie White (vocals); Cliff Evans, Mick Tucker (guitar); Leon Lawson (keyboards); Dave "Grav" Cavill (drums).
Bring us not to ruin
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 15:28
Downloadable!

Calling Steeler Nation

[2009]
Lyrics & Music by C. Michael Stout
Album: Steeler Nation
"Calling Steeler, –Steeler Nation"
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 13:37
Downloadable!

Global Warning Is Real

[2006]
Lyrics & Music by C. Michael Stout
Album: Break the Chains [2007]
Hurricanes come one after another,
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 09:56
Downloadable! Video!

When the Hunter Becomes Hunted

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still at War
Hell, yeah...
(continua)
inviata da giorgio 29/9/2012 - 16:35
Downloadable!

The Blood's Still on Their Hands

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still At War
Yeah, yeah, just one man is all it takes
(continua)
inviata da giorgio 29/9/2012 - 11:33
Video!

La fabbrica

Non so quale sia il vero titolo di questo brano, preso dallo spettacolo Il lavoro rende liberi
40 anni, 8 ore tutti i giorni
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/9/2012 - 10:19
Downloadable!

Conspiracy of Hate

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still at War
Now they're all together
(continua)
inviata da giorgio 29/9/2012 - 10:13
Downloadable! Video!

Passione Reporter

Spettacolo scritto da Daniele Biacchessi con musiche e canzoni dei Gang

Testo reperito in questa pagina del sito di Daniele Biacchessi
“E cala la notte a Mogadiscio. Non c'è elettricità. Alla luce di candele e lampade a gas degli uomini, resi ancora più simili a fantasmi nella luce fioca, prendono il fresco, giocano, bevono tè e caffè. La città è irreale. Un semaforo impazzito, l'unico funzionante, segna il rosso. Per la ripresa del paese, il segnale verde non sembra cosa di domani.”
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/9/2012 - 13:31
Video!

Still at War

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still at War

The New Wave of British Heavy Metal era is considered one of the most controversial movements in the whole history of metal. One of the most influential formations which emerged in the beginnings of the N.W. .O. .B. .H. .M. madness was TANK - a fierce, ambitious young band, taking all the best that was in punk and metal to a higher level. In 2002 Tank released their latest album, entitled "Still at War", which was a truly memorable comeback for the band. Produced by Algy Ward himself, the album featured a set of classic, powerful tracks, which instantly won the hearts of die-hard fans, who often compared it to the band's best effort to date, "This Means War". Members of Tank themselves seem to be satisfied with this record as well. Musically, the album was indeed a comeback to the roots of N.W. .O. .B. .H. .M. and remains one of... (continua)
All right...
(continua)
inviata da giorgio 28/9/2012 - 09:12
Downloadable! Video!

Who Killed Joey?

Who Killed Joey?

words & music
©2011 by Sharleen Leahey
August Echo Music / BMI

This song was written about a high school boy who was recruited into the military but never made it out of Iraq so he could go to college. It is dedicated to
veterans and the families
of soldiers who dare to speak
truth to power.
Gandhi once said "the first casualty of war is truth.”

"Who Killed Joey" was released on the CD Rumors of Peace on 11-11-11.
Who killed Joey
(continua)
inviata da Sharleen Leahey 28/9/2012 - 05:56
Downloadable! Video!

Misunderstood

I heard some news today, said they’re closing up shop
(continua)
28/9/2012 - 00:02
Video!

Hello Sailor


This is one of the best anti-war songs ever. Mixing in the nursey rhyme, "I'm a Little Teapot" is genius. She compares the situation to three main things: a dictator, a prostitute, and a liberal. Her theme, "Free love is whole lot of bullshit" sounds pro-war, but the free love would actually be directed towards the Sailor. This theme resonates in the three analogies very well. Dictators never openly give love or kindness, prostitutes always charge for their "love", and liberals are constantly condemning behavior. It's not anti-liberal either. It just shows how complicated the situation really is.

Read more at Song Meanings

*

"Hello, sailor" is a sexual proposition made to a sailor, presumably by a prostitute or promiscuous woman supposing the sailor to be male and sexually frustrated after a long time at sea. This usage has become a camp catchphrase, implying that sailors stay away at... (continua)
Hello, sailor, buy you a drink?
(continua)
27/9/2012 - 23:37
Video!

Shane

Girly Sound (self-produced cassettes) - 1991
Reworked in Whip-Smart (1994)

The narrator and her lover or potential lover are talking about the war. Probably the Gulf War, seeing as this is a girlysound production. Anyway, they seem to be alone in the night. Very important, seeing as this makes their understanding of the gravity of the war so much more important.
Anyway, they talk, and she gives him advice to be careful. She's worried about Shane. He says, "I know the people who can get keep me out of htis." She doesn't care. She just wants him to do what he wants.

The line "don't let em make you do, what you can't live with tonight in bed, with me, sleeping." Is really significant. She loves him, but doesn't want to force him into a relationship or sexy time. hee hee

Anyway, very powerful. A love song. Anti-war song. Song about lonliness and the ignorance of the general populations. It's amazing.

Read more at songmeanings
I know that it was the night the war broke out
(continua)
27/9/2012 - 23:29
Video!

Uğurlama

SENDING OFF
(continua)
27/9/2012 - 22:21
Downloadable! Video!

Asker kaçakları

Turchia: due musiciste del Grup Yorum torturate dalla polizia

Alcuni giorni fa la Polizia ha arrestato e torturato due musiciste del Grup Yorum, nota band della sinistra radicale turca. Un episodio che svelerebbe la brutalità della repressione di Ankara contro minoranze e opposizioni politiche. Se solo i media ne parlassero...

Due musiciste del Grup Yorum, storica formazione folk di sinistra della Turchia, sono state arrestate e torturate dalle forze di sicurezza di Ankara che da tempo perseguitano i componenti della band molto attiva a fianco dei movimenti che contestano il regime nazionalista e islamico di Tayyip Erdogan.

continua su contropiano
27/9/2012 - 22:18
Downloadable! Video!

Brigante se more

A proposito del testo riportato sul brigantaggio " libertà,non e' cambiare padrone...". Vorrei specificare che quelle parole sono state tratte dal monologo di Carmine Crocco del cinespettacolo "La storia bandita". E l'autore,per tanto....non e' assolutamente Carmine Crocco! Per l'amor di Dio,correggete questo orribile falso storico.

(Adeline)

La correzione è stata effettuata mediante una nota con rimando. Ringraziamo Adeline per averci fatto evitare questo orribile falso storico, peraltro non dovuto a noi ma a Aldo De Jaco. [CCG/AWS Staff]
27/9/2012 - 15:56
Downloadable!

Beans, Bacon and Gravy

‎[1931]‎
Album “Songs of the Open Road”, Folkways Records, 1962‎
Testo trovato su Cisco ‎Houston, The Songs He Sang.‎

Una canzone dalla Grande Depressione…‎
I was born long ago,
(continua)
inviata da Dead End 27/9/2012 - 15:11

The Pullman Strike

anonimo
‎[1894]‎
Sulla melodia della popolare "The Widow's Plea For Her Son"‎
Testo trovato su ‎‎“‎American Folksongs of Protest” di John Greenway, 1953.‎

‎Oggi non so, ma quand’ero ragazzo gli autobus li si chiamava ancora ‎‎“pullman”…‎



‎“Due sono gli scioperi più significativi da ricordare, perché riguardano i pilastri dell’industria ‎statunitense, sono lo sciopero nelle officine Pullman e quello di ‎‎Homestead.
George Pullman, famoso inventore e costruttore di omonime carrozze ferroviarie, aveva messo in ‎piedi una fabbrica dotata di una company town modello nei pressi di Chicago.
Quando i suoi operai scioperarono per l’ennesima riduzione salariale ottennero l’appoggio ‎dell’ARU (American Railway Union).
In poco tempo il loro sciopero si allargò a tutti i livelli dell’industria ferroviaria su scala nazionale, ‎ma venne sedato arrestandone i capi grazie anche all’aiuto del governo... (continua)
Near the City of Chicago, where riot holds full sway, ‎
(continua)
inviata da Dead End 27/9/2012 - 14:31
Video!

Le soleil noir

Pour ne plus, jamais plus, vous parler de la pluie
(continua)
inviata da MR 27/9/2012 - 13:18
Downloadable! Video!

Arma e ritaglia

Canzone scritta nel 2011 durante il bombardamento NATO ai danni della Libia, ennesima invasione militare mascherata da missione umanitaria dopo Afghanistan e Iraq. Il brano critica le insostenibili spese per gli armamenti militari e i paradossali tagli agli investimenti su lavoro, scuola, sanità e cultura.
Non ne posso più di finanziare guerre
(continua)
inviata da Ivan Guillaume Cosenza 27/9/2012 - 12:53
Downloadable! Video!

Αρκαδία Ι

Con la prima parte, inizia la ristrutturazione totale (a lungo rimandata per la sua estrema complessità) delle pagine dedicate a tali cicli di canzoni e componimenti theodoraciani. Come già si può vedere in questa pagina, è stato preferito non cancellare le canzoni "arcadiche" già presenti nel sito con le relative pagine integrandole nelle pagine complessive redatte da Gian Piero Testa, bensì ripetere il testo e la relativa traduzione (questo per salvaguardare comunque l'unità della composizione). Esiste naturalmente la coscienza di aver creato dei "doppioni", ma la questione poneva problemi non semplici (cancellare delle pagine esistenti da tempo e già indicizzate dai motori di ricerca non sarebbe mai opportuno, a meno di sviste clamorose o altri errori). Tale criterio verrà ovviamente seguito anche nelle prossime "Arcadie". Nelle pagine già esistenti è stato comunque inserito un rimando alla rispettiva "pagina complessiva" (o "paginona testiana").
CCG/AWS Staff 27/9/2012 - 11:55
Downloadable! Video!

Take This Hammer

In realtà, come spesso accade per gli antichi brani folk e blues, anche questa “Take This Hammer” ‎che ho attribuito a Leadbelly si fonda su una o più canzoni precedenti come “Nine Pound Hammer” ‎‎(nota fina dal 1915) o quella che ora vado a contribuire, ‎‎“Spike Driver Blues” registrata da Mississippi John Hurt nel 1928. Vi si fa riferimento ‎al protagonista dell’“hammer song” per antonomasia, John Henry.‎
SPIKE DRIVER BLUES
(continua)
inviata da Dead End 27/9/2012 - 11:54
Video!

Papà costruisce mine

…Ho finito il turno
(continua)
inviata da DoNQuijote82 27/9/2012 - 10:53
Video!

Palestina

Che diritto avete, voi
(continua)
inviata da DoNQuijote82 27/9/2012 - 10:36
Video!

Santissima Trinità (a Giuseppe Casu)

da "Versi di senno" di Marco Cinque

Per la storia di Giuseppe Casu si veda Sig. Giuseppe
Il primo giorno di Giuseppe
(continua)
inviata da DoNQuijote82 27/9/2012 - 10:15
Video!

Ombre rosse (canto per il popolo rosso)

Registrato presso Area Sismica, Forlì 2002
Ombre rosse invisibili
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/9/2012 - 09:58
Video!

Guantanamo Guantanamera

Lettura musicata dal concerto poetico "SignorNò", nell'ambito della rassegna "Diritti in versi", realizzata in 3 date presso l'auditorium della scuola n° 3 di Alghero; al Vecchio Mulino di Sassari e al Centro Sociale di Ploaghe. Rassegna coordinata da Margherita Serra e a cui hano partecipato Marco Cinque (testi, voce e fiati etnici), Maurizio Carbone (percussioni), Mariano Melis (chitarre) e Patrizia Ribelli (voce narrante). Le manifestazioni sono state realizzate grazie alla disponibilità di Andrea Scotto, Giovanni Salis e Giovannella Meazza
Voli segreti
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/9/2012 - 09:51
Downloadable!

We Are the Working Class

[2002]
Lyrics & Music by C. Michael Stout
Album: Soldiers of Solidarity [2006]
Inside the factories, out in the streets,
(continua)
inviata da giorgio 27/9/2012 - 08:22
Video!

Buddy Won't You Roll Down the Line

‎[1928]‎
Testo trovato sul blog Where Dead Voices Gather: The Anthology of American Folk Music ‎Project‎

Un’altra canzone sui Coal Creek Troubles scoppiati nel Tennessee tra il 1891 e il 1892, quando per contrastare ‎uno sciopero dei lavoratori, le compagnie minerarie e lo Stato fecero ricorso ai “convicts leased ‎out”, i “detenuti in affitto”. Scoppiò un bel casino, come potete leggere nell’introduzione alla ‎canzone appena citata, anche perché all’epoca i lavoratori lottavano per i propri sacrosanti diritti ‎armi in pugno, non come ora che vanno a mani nude a prendersi un sacco di botte dalla polizia ogni ‎volta che mettono il naso fuori per protestare! ‎


A differenza del brano di Jilson Setters, che racconta lo scontro dalla parte dei minatori liberi, ‎questo dello Zio Dave Macon - musicista di talento e personaggio estroso conosciuto anche come ‎‎“The Dixie Dewdrop” o come “Grandfather... (continua)
Uh, oh! Comin' up hard!
(continua)
inviata da Dead End 27/9/2012 - 08:08
Downloadable! Video!

La bambina in rosso

Version française – LA FILLETTE EN ROUGE – Marco Valdo M.I. – 2012
Chanson italienne – La bambina in rosso – Briganda

« se non sbaglio questa canzone si ispira al famoso film "Schlinder's List"; il testo della canzone fa venire i brividi quando ripenso a quell'unico particolare a colori in un film in bianco e nero »
Andrea - 19/8/2008 – 16:42

« Si je ne me trompe pas », disait Andrea en 2008, « cette chanson s'inspire du fameux film « La Liste Schindler » ; le texte de la chanson fait frisonner quand on repense à cette unique tache de couleur dans un film en noir et blanc. » et il est vrai que cette particularité crée une très puissante émotion... Et on peut certes confirmer la chose (à défaut d'explications directes de Briganda). Par contre, Lucien l'âne mon ami, l'affaire ne s'arrête pas là.

Quoi ? Que veux-tu dire, Marco Valdo M.I. mon ami ? Il y aurait une suite à cet épisode ?... (continua)
LA FILLETTE EN ROUGE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 26/9/2012 - 22:12
Downloadable!

Coal Creek Troubles

‎[1890s]
Testo trovato su Mudcat Café‎

‎Il violinista cieco Blind Bill Day (col nome d’arte di Jilson Setters imposto dal ‎suo scopritore e manager Jean Thomas) registrò questa canzone nel 1937, pochi anni prima di ‎morire, ma la scrisse probabilmente nel 1891 o comunque nell’immediatezza della cosiddetta “Coal ‎Creek War”, un conflitto armato durato più di due anni e costato decine di morti che nella contea di ‎Anderson, Tennessee, vide opporsi i minatori alle compagnie ed al governo che le spalleggiava.‎
Il motivo dello scontro era molto serio.‎

Crollato il sistema schiavistico, a molti vecchi e nuovi padroni del sud venne in mente che la ‎perduta forza lavoro a costo zero costituita dai negri poteva essere almeno in parte recuperata ‎attingendo con costi bassissimi all’altrettanto ingente e costante serbatoio di braccia costituito dai ‎detenuti (che oltre tutto erano in gran parte... (continua)
My song is founded on the truth,
(continua)
inviata da Dead End 26/9/2012 - 17:06
Downloadable!

Frankie Domagala

[2012]
Lyrics & Music by C. Michael Stout
Album: A Call To Action

Frank Domagala was a union activist at the Homestead Steel Mill and Local 1397 during the heyday of the plant shutdown struggle in the 1970's and 80's…
Frankie was a leader of the rank and file
(continua)
inviata da giorgio 26/9/2012 - 16:01

If We Will, We Can Be Free

anonimo
‎[1880s]‎
Testo trovato su ‎‎“‎American Folksongs of Protest” di John Greenway, 1953.‎

Inno del più grande ed importante sindacato dei lavoratori americani della fine dell’800, il “Noble ‎and Holy Order of the Knights of Labor” o più semplicemente, “Knights of Labor”. La sua parabola ‎si esaurì nel giro di soli 30 anni, anche in seguito al fallimento di alcuni importanti scioperi, ma ‎negli anni 80 potè contare su di un numero molto consistente di associati, quasi 800.000.
Base oppressors, cease your slumbers
(continua)
inviata da Dead End 26/9/2012 - 15:16

Swinging on a Scab

anonimo
‎[1948]‎
Sulla melodia della famosa “Swinging on a Star”, una delle canzoni della colonna sonora di “Going ‎My Way”, film del 1944 per la regia di Leo McCarey con Bing Crosby.‎
Testo trovato su ‎‎“‎American Folksongs of Protest” di John Greenway, 1953.‎

‎‎

Parodia di un brano famoso nata durante un grande sciopero ad Hollywood nel 1948, all’epoca delle ‎prime “blacklist” anticomuniste e dopo l’introduzione del “Taft-Hartley Act”, la legge federale che ‎mirava a ridimensionare i diritti dei ‎lavoratori e l’azione delle organizzazioni sindacali e da queste ‎subito significativamente ribattezzata ‎‎“Slave-labor Bill”. L’allora presidente Truman solo ‎formalmente si oppose a questa legge liberticida ma ‎poi, nel corso dei suoi mandati (1945-1953), vi ‎ricorse sistematicamente (si veda al proposito anche Reconversion Blues di Louis Jordan).‎

‎“Scab”, da tradursi letteralmente come crosta... (continua)
A scab is an animal that walks on his knees
(continua)
inviata da Dead End 26/9/2012 - 14:19
Video!

Co. co. co. (E Dio creò la collaborazione coordinata e continuativa!)

Ovviamente si tratta di un pezzo ironico, ma il problema affrontato è molto serio.

P.S.
La canzone è stata trasmessa su Radiouno Rai il 28/09/2010 nel corso del programma "DEMO - L'acchiappatalenti".
Successivamente ha vinto ill concorso "Vota i Demo" su www.demo.rai.it, risultando il brano più votato nel primo trimestre 2011.
The Best of Demo - edizione 2010/2011 - gruppo 1:
http://www.radio.rai.it/radio1/demo/edizioni.cfm
CO.CO.CO.
(continua)
inviata da DonQuijote82 26/9/2012 - 13:59
Downloadable! Video!

Signorsì! Signornò!

2012

Dedicata a tutti gli sfigati che, come me, hanno dovuto subire un intero anno di naja.
Quante belle divise, quanti bei soldatini,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 26/9/2012 - 13:55
Percorsi: Disertori
Video!

Tropicana

(1983)

«E i messaggi, cosa si può dire dei messaggi delle canzoni? Che sono tanti, differenziati, complessi e si nascondono là dove meno te li aspetti, se è vero che un poeta come Roberto Roversi ha potuto compiere su "Rinascita" del 25 novembre '83 un'analisi assai approfondita e ricca di spunti di due brani all'apparenza banalissimi, quel Vamos a la playa dei Righeira e quel Tropicana del Gruppo Italiano che hanno furoreggiato nel corso dell'estate 1983. La catastrofe atomica - dice Roversi - è già sopravvenuta, noi siamo i superstiti di questa catastrofe. Quindi non è più in atto il terrore dell'attesa e il conseguente impegno per prevenirlo. Ogni azione è conclusa, ogni progetto è annientato, ogni parola bruciata. Non c'è più nulla da raccontare in quanto tutto è già stato visto. Per questo le due canzoni sono "terribili" per l'assenza e non "catastrofiche" per la violenza, perché non... (continua)
Ma che strano sogno
(continua)
inviata da DoNQuijote82 26/9/2012 - 13:33




hosted by inventati.org