Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-12-30

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Estadio Chile


Anche in Cile un passo contro l’impunità: arrestati gli assassini di Víctor Jara

di Gennaro Carotenuto

Sette ufficiali dell’esercito cileno, presunti assassini di Víctor Jara, incriminati per omicidio volontario aggravato, sono stati arrestati ieri in Cile. L’ottavo, Pedro Barrientos risiede dal 1990 a Miami, negli Stati Uniti dove si apre ora una difficile battaglia per l’estradizione. Nel 2004 era stato arrestato per quei fatti un semplice coscritto. Fu rilasciato dopo aver accusato (per poi ritrattare) i responsabili del campo di concentramento dove quello e molti altri omicidi avvennero.

Per il Cile dell’impunità, dove nessuno ha mai messo seriamente in dubbio l’autoamnistia proclamata dai militari, dove il carnefice di tutto un paese, Augusto Pinochet, è morto nel proprio letto e dove perfino le commissioni per il chiarimento delle violazioni sui diritti umani, che partorirono... (continua)
30/12/2012 - 22:35
Downloadable! Video!

L'Internationale

BRETONE [2A] / BRETON [2A]



La precedente versione di Charles Rol(l)and in grafia moderna. Così il forum del sito National Anthems (utente: Dieter, Forum Administrator) la indica cantata da Marthe Vassallo, riprendendone il testo da Chansons Révolutionnaires. La versione aderisce notevolmente al testo originale di Eugène Pottier.

Charles Rol(l)land's foregoing Breton version in modern spelling. The National Anthem website Forum (user: Dieter, Forum Administrator) calls it "a slightly different Breton version sung by Marthe Vassallo", but there's no real difference except modernized/unified Breton spelling. The lyrics are ultimately reproduced from Chansons Révolutionnaires. This version matches fairly well Pottier's original French lyrics. [CCG/AWS Staff]]



KAN ETREBROADEL AL LABOURERIEN
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 30/12/2012 - 00:49
Downloadable! Video!

Ge8

[2011]
[Nio]- They drank our blood, extracted that from our streets with pitch black gloves and faces hidden by masks \ It was a hot summer dominated by the heat and by the red zone separated from the yellow one \ Genova was waiting for thousands people from Italy and many other countries, white hands in the air but, were days of urban warfare, my city raped by the infamy army, it's been kicked in the face by plainclothes executioners who have fabricated evidence to break every law \ blood-red walls \ molotov and iron-bars between burning sheets and armored conscience \ stored practices, hierarchs have been promoted \ only people that have been paying have been the city and demonstrators \ fragments of reality planted into the eyes of a mother \ Truth and Justice suppressed for ten years...
(continua)
inviata da adriana 29/12/2012 - 15:24
Percorsi: Genova - G8
Video!

L'acqua della mola

[Lure]- E' la dignità di chi ha un lavoro monotono e lotta per avere un lavoro monotono , la casa non si paga lavorando qua e la e la cassa integrazione non basta a pagare il gas, lotta per le briciole e sestri che vuole vivere, la città e unita contro chi la vuol dividere, ora si mobilita lotta e si fortifica e il lavoro che nobilita beh chiediamo dignità, sestri e un eccellenza dei mari e ingegneri europei ci copiavano le navi, in ogni porto dove batte il sole c'e il cuore di Genova e il frutto del suo sudore, no lavoro no cash no vita, per il dipendente e per tutta la sua famiglia, dove non c'è vita il degrado dilaga e i figli fuori casa faccia a faccia con la strada
(continua)
inviata da adriana 29/12/2012 - 15:01
Downloadable! Video!

L'Internationale

L’Internazionale di Erri de Luca
Erri de Luca's Internationale

Dal sito Union des Amis Chanteurs
From the website of Union des Amis Chanteurs


Suonata alla fine dei comizi sindacali
era un disco a gracchiare in coda alla parata,
voce di bidelli a chiudere il portone.
Ma cantata di colpo in mezzo ai lacrimogeni
contro lo scioglimento imposto dalla carica
era il barattolo dietro la macchina dell’oggisposi,
violino strimpellato da uno zingaro,
piedi in scarpe bagnate, arrembaggio di grilli,
rumore di storia già accaduta,
scroscio di saracinesche e ruggine in trachea,
scambiarsi di coraggio, chi ne aveva ne dava
fino a restare senza, l’ Internazionale era il nostro
INVECE
nessun urto avveniva solo lì e in quell’ora,
ma faceva catena con il resto del mondo
che si grattava la rogna di potenze coloniali,
di tirannie pasciute, in divisa e stivali.
Suonata dalla Cina al Cile,... (continua)
adriana 29/12/2012 - 11:13
Downloadable! Video!

Don Quixote

[1984]
Lyrics & Music by Nicholas D. Kershaw
Album: The Riddle

No comment..
Your mind can play tricks
(continua)
inviata da giorgio 29/12/2012 - 09:38
Downloadable!

War Is Mad

[2012]
Lyrics & Music by John Fredricks
Album: War Is Mad

A comment on the stupidity of the human propensity for war!
I love her
(continua)
inviata da giorgio 29/12/2012 - 08:50
Downloadable! Video!

We're All Beautiful

(2012)
Album: Unspoken Rhyme

'We're All Beautiful'is a protest song by singer-songwriter and recording artist Kizzy McHugh. It can also qualify as an anti-war-song. It is the last song on the album 'Unspoken Rhyme' and was porduces by multiple award winning producer Piet Souer.
We're all beautiful
(continua)
29/12/2012 - 07:19
Un Don Quijote lo abbiamo persino tra gli amministratori del sito; logico che, prima o poi, spuntasse un nuovo percorso su Don Chisciotte. Tra il Cavaliere dalla triste figura, la musica e la canzone esiste un legame molto forte, con tutta la simbologia che è lecito attendersi. Nel titolo del nuovo percorso c'è anche un omaggio al nostro amministratore, DonQuijote 82.
Riccardo Venturi 29/12/2012 - 01:32
Downloadable! Video!

Derrota de Don Quijote

[1979]
Música de Horacio Salinas
Musica di Horacio Salinas
Album: Canción para matar una culebra

Non esistono molti brani strumentali brevi (non parlo qui di sinfonie, naturalmente) che sappiano parlare come se avessero delle parole ben precise. Delle canzoni senza parole, insomma; la Derrota de don Quijote di Horacio Salinas è una di queste canzoni; nello spazio dei suoi tre minuti e quarantuno secondi sa dire tutto quello che deve.

E' un brano di una tristezza infinita; il cavaliere sconfitto che torna indietro. La fine degli ideali, delle avventure, degli slanci; impossibile non vedere in questo brano una metafora di un'epoca intera, gli anni succeduti al golpe cileno del 1973, la lotta internazionale sfumata, il consolidamento del regime militare, un esilio che allora sembrava non poter finire mai. Gli esuli sparsi per il mondo, come tanti Don Chisciotte sconfitti che si erano scontrati... (continua)
inviata da Riccardo Venturi 29/12/2012 - 00:27

Les classes dirigeantes

28 dicembre 2012
LE CLASSI DIRIGENTI
(continua)
28/12/2012 - 20:04
Downloadable!

L'impôt sur les feignants

‎[1930 o 31]‎
Versi di Gaston Montéhus
Musica di Georges Krier (1872-1946) compositore ed editore francese.‎
Nel disco “Montéhus, le ‎chansonnier humanitaire. Enregistrements originaux 1905-1936”, a cura di Marc Robine.‎
Una delle quattro canzoni di Montéhus interpretate da Marty, cantante dell’Opéra di Monte-Carlo, ‎all’inizio degli anni 30 su dischi Perfectaphone.‎

Et voilà, con questa ennesima semplice e pregnante canzone del buon Montéhus vi lascio per ‎qualche giorno e vi auguro un buon 2013, con la certezza che tra qualche settimana, che sia Monti, ‎Berlusconi o Bersani, le imposte saranno sempre sui salari dei lavoratori e non sui beni dei ricchi ‎‎“fagnani”… Ed io non so nemmeno se gioire di ciò visto che sto nel mezzo, cioè sono un salariato a ‎basso reddito ma sono pure un gran “fagnano”, considerato che da parecchio ormai passo il mio ‎tempo a contribuire CCG/AWS invece che... (continua)
Que l'on impose les très grandes richesses,
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 14:34

Si vous voulez des gosses

‎[Dopo il 1914]
Versi di Gaston Montéhus
Musica di Georges Krier (1872-1946) compositore ed editore francese.
Interpretata anche da Christian Borel in un LP intitolato “Répertoire Montéhus”‎



Quand la lutte sera finie
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 13:21
Downloadable!

On n'devrait pas vieillir

‎[1906]‎
Versi di Gaston Montéhus
Musica di Raoul Chantegrelet
Interpretata anche da Christian Borel in un LP intitolato “Répertoire Montéhus”‎
Originariamente pubblicata per i tipi dell’editore Delormel, Parigi.‎



On n'devrait pas vieillir quand on n'a pas d'fortune
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 13:09

L'abolition de la peine de mort

28 dicembre 2012

Il riferimento a "piazza Grève fuor di barriera" necessita forse di qualche spiegazione. Place de Grève è una piazza importantissima nella storia di Parigi e della Francia intera; è situata in riva alla Senna, e dal 1803 si chiama ufficialmente Place de l'Hôtel de Ville dato che vi sorge il Municipio Generale parigino.

Si trattava di un antico terreno sabbioso e ciottoloso, da cui il nome: in francese, una grève è una sorta di spiaggia composta da un misto di ciottoli (graviers) e sabbia. Nei pressi della piazza si formò nel medioevo il porto fluviale più importante di Parigi; al porto tenne dietro ben presto un grosso mercato, e infine un nuovo quartiere intero. L'installazione del Municipio parigino sulla piazza è antica.

Data la presenza del porto e del mercato, i lavoratori disoccupati presero l'abitudine di raggrupparvisi all'alba in cerca di un impiego. Vennero... (continua)
L'ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
(continua)
28/12/2012 - 11:48
Downloadable!

Ohé! Vous pouvez rire

‎[1905]‎
Versi di Gaston Montéhus
Musica di Raoul Chantegrelet e Pierre Doubis
Nel disco “Montéhus, le ‎chansonnier humanitaire. Enregistrements originaux 1905-1936”, a cura di Marc Robine.‎
Originariamente pubblicata da Georges Krier (1872-1946) compositore ed editore francese.‎

Ohé! Vous ‎pouvez rire
Vous les rois de la finance
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 11:41

La Vierge Rouge

‎[1919?]‎
Versi di Gaston Montéhus
Musica di Georges Krier (1872-1946) compositore ed editore francese.
Nel disco “Montéhus, le ‎chansonnier humanitaire. Enregistrements originaux 1905-1936”, a cura di Marc Robine.‎
Interpretata anche da Christian Borel in un EP del 1964 dedicato a Montéhus.‎


Il riferimento all’assassinio del socialista e pacifista Jean Jaurès e alla fine della prima guerra ‎mondiale contribuisce a datare la canzone intorno al 1919, ma “La Vierge Rouge” era anche uno dei ‎soprannomi dati dal popolo parigino a Louise Michel, la militante anarchica che fu tra le ‎figure di spicco della Comune del 1871.‎

T'es toujours là, comme pendant la guerre
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 11:19
Downloadable! Video!

Ils ont les mains blanches

‎[1910]‎
Versi di Gaston Montéhus.‎
Musica di Raoul Chantegrelet
Nel disco “Montéhus, le ‎chansonnier humanitaire. Enregistrements originaux 1905-1936”, a cura di Marc Robine.‎
Spartito originariamente pubblicato dallo stesso Montéhus.‎
La registrazione originale di Gaston Montéhus può essere ascoltata su ‎‎Le Hall de la chanson
Interpretata anche da Marc Ogeret nel disco “Chansons « contre »” del 1968, ripubblicato ‎ed ampliato su cd nel 1988.‎

Voyez donc cet aristocrate
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 10:40

Les rafles

Versi di Gaston Montéhus, composti probabilmente tra il 1905 ed il 1914.‎
Musica di Raoul Chantegrelet e Pierre Doubis
Nel disco “Montéhus, le ‎chansonnier humanitaire. Enregistrements originaux 1905-1936”, a cura di Marc Robine.‎
Originariamente pubblicata sulla rivista musicale “Paris-Chansons”, Delormel editore, Parigi. ‎

Quand la nuit devient sombre
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 10:17

Morale à la débauche

‎[1906]‎
Versi di Gaston Montéhus ‎
Musica di Raoul Chantegrelet e Pierre Doubis
Testo trovato sul sito di ‎‎Marie-Victoire Louis ‎che cita come fonte il volume intitolato “La Mémoire des chansons - 1200 chansons du Moyen-Age ‎à 1919”, a cura di Martin Pénet, Omnibus/France culture, 2001.‎
Originariamente pubblicata sulla rivista musicale “Le rêve du chanteur” edita a Parigi da Honoré ‎Pion. ‎

Ben quoi, tu r’entres pas, mon homme,
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 09:49
Downloadable!

N’insultez pas les filles

‎[1906]‎
Versi di Gaston Montéhus ‎
Musica di Raoul Chantegrelet e Pierre Doubis
Testo trovato sul sito di ‎‎Marie-Victoire Louis ‎che cita come fonte il volume intitolato “La Mémoire des chansons - 1200 chansons du Moyen-Age ‎à 1919”, a cura di Martin Pénet, Omnibus/France culture, 2001.‎
Originariamente pubblicata sulla rivista musicale “Le rêve du chanteur” edita a Parigi da Honoré ‎Pion. ‎

Ah ! combien de jeun’s ouvrières,
(continua)
inviata da Dead End 28/12/2012 - 09:43
Downloadable! Video!

Una rosa bianca

[2010]
Testo e Musica di Patrizia Cirulli

Ancora sulla fabbrica e il lavoro femminile.. Con questo brano Patrizia è risultata 2^ classificata alla manifestazione "Note scordate", organizzata a Roma dall'INAIL e dall'ANMIL nel 2010.
Una fabbrica è per me
(continua)
inviata da giorgio 28/12/2012 - 08:52
Downloadable! Video!

!Viva la Vida, Muera la Muerte!

VIVA LA VIDA, MUERA LA MUERTE
(continua)
inviata da BIANCABERGAMO 27/12/2012 - 20:43
Downloadable! Video!

Tapum

anonimo
Το τραγούδι αυτό γεννήθηκε στην διαρκεία του Α’ Παγκόσμιου Πολέμου, και αναφέρεται σ' ένα αιμάτινο επεισόδιο του, δηλ. στην φριχτή μάχη που έγινε το Ιούνιο 1917, για να οι Ιταλοί πάρουν το βουνό Ορτιγκάρα (Βουνό των Τσουκνίδων), κλειδί μιας αμυντικής γραμμής των Αυστρογερμανών πάνω στα βενετικά όρη. Σε τρεις εβδομάδες σχληρής μάχης, οι Ιταλοί δυο φορές πιάσαν την κορυφή 2105 μ. υψόμετρου και δυο φορές αποκρούστηκαν. Μια τρίτη και στερνή επίθεση πήγε ματαίως αφ’ου οι αντίπαλοι χρησημοποίησαν και φαρμακερά αέρια και φλογοβόλα. Στις προσπάθειες οι Ιταλοί χάσανε 30.000 μαχητές, σκοτωμένους, λαβομένους και συλλαμβανομένους. Μετά τα γεγόνοτα εκείνα, οι στρατιώτες φώναξαν Καλβάριο (Γολγοθά) το βουνό Ορτιγκάρα, και το τραγούδι, που τότε γεννήθηκε, πέρασε απó χείλη σε χείλη κι έγινε το πιο σημαντικό πολεμικό τραγούδι σ' όλο το ιταλικό στράτευμα, γιατί φωτογράφιζε κοινές όμοιες εμπειρίες και... (continua)
ΤΑ - ΠΟΥΜ
(continua)
inviata da Gian Piero Testa 27/12/2012 - 17:16
Downloadable! Video!

La giustizia degli indifferenti

written and composed by Davide Bernardin

Una storia assurda. Chico Forti, ex campione di windsurf, produttore di cortometraggi, era a Miami all'epoca dell'omicidio dello stilista Versace e del suicidio di Cunanan; penso' di realizzare un filmato sulla morte di Cunanan avvalendosi della collaborazione di un investigatore della polizia di Miami. Dopo tre mesi della realizzazione de "Il sorriso della medusa" (vedi su you tube) fu ucciso, con la stessa modalita' di Versace, l'australiano Dale Pike; questo era figlio di un albergatore con cui Chico era in affari ed era giunto a Miami, suo ospite, per fare una vacanza.
Chico fu interrogato per rispondere dell'omicidio Pike senza l'assistenza di un legale e senza informare l'ambasciata italiana (in violazione della convenzione di Vienna), l'investigatore Gonsalez gli straccio' la foto dei figli asserendo che non li avrebbe rivisti mai piu': una... (continua)
Il mondo è una città, di prigione e libertà
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/12/2012 - 16:23
Downloadable! Video!

Poem From Guantanamo

original poem by Shaker Abdur Raheem Aamer

2012
ADIOS PRISON hardcore benefit compilation
Peace, they say.
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/12/2012 - 16:13
Video!

Pro Patria

[2012]
Libro e spettacolo di Ascanio Celestini

Uno dei brani più significativi del libro, e dell'omonimo spettacolo.
Cittadini!
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 26/12/2012 - 23:26
Downloadable! Video!

Դլե յաման

thank you!!!

This is such a beautiful song!!!
Jenny Shliek 26/12/2012 - 19:57

Canzone di Portolongone

anonimo
Ma guarda un po' che bella cosina; riaccedo a questa pagina dopo parecchio tempo, per stabilire un link, e cosa ti trovo? Il commento del più classico dei forcaioli in italica salsa, con tanti di "bambini inculati". Vista la frequenza di tale paragone, ci sarebbe quasi da sospettare che inculare i bambini sia una specie di "sogno proibito" per tutti questi ridicoli giustizieri cui andrebbe ricordato che, in Italia, si finisce dentro spesso e volentieri avendo fatto poco o nulla. Stia quindi bene attento, il "Rocco giustiziere" che ha lasciato il suo geniale commento il 28 agosto 2011; in questo paese non è così automatico che non si finisca in galera senza aver fatto niente. Ripensando poi a quante bambine, in Italia, vengono violentate e ammazzate da fior di paparini amorevoli, sarà bene non prestare mai troppo ascolto a chi ostenta la propria voglia di farsi "giustizia" da solo, con tanto... (continua)
Riccardo Venturi 26/12/2012 - 17:03




hosted by inventati.org