Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-1-19

Rimuovi tutti i filtri
Video!

State Of The Nation

E' bellissima un ricordo dei miei 20 anni e delle mie amate discoteche!!
paolo 19/1/2012 - 21:48
Video!

Wallflower

Pochi artisti riescono a toccarti le corde dell'anima e Gabriel è uno di loro... le sue canzoni mi danno forza quando sono in difficoltà. Grazie Peter!
Gennaro 19/1/2012 - 19:52

Cantone pro Tric-Trac, soldadu-majarzu

Chanson italienne – Cantone pro Tric-Trac, soldadu-majarzu (Sarde) et BALLATA PER TRIC-TRAC, SOLDATO-STREGONE (Italien) – Frantziscu Màsala / Francesco Masala (1981)

Tirée du recueil « Poesias in duas limbas – Poesie bilingui » (bilingue : sarde-italien), Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎

La section qui inclut ce chant est intitulée : « Cantones pro sos laribiancos » autrement dit "Ballate per quelli dalle labbra bianche" (Ballade pour ceux aux lèvres blanches). « Ceux aux lèvres blanches » est surtout le titre de la première oeuvre de Masala publiée en 1962 chez Feltrinelli, le récit de l'épopée des gens de Arasolè, petit hameau de la commune de Tonara, dans la province de Nuoro (Sardaigne).

Les lèvres blanches sont celles des morts de faim, des morts d'épuisement, des morts de guerre... Les Chants contenus dans cette section des Poesias... (continua)
BALLADE DE TRIC-TRAC, SOLDAT-SORCIER
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 19/1/2012 - 16:36
Video!

Deutschland

‎[1981]‎
Da “Slime I”, album d’esordio di questa punk band tedesca.‎
Credo che sia al bando ancora oggi, a 30 anni dalla sua uscita…‎



‎“Deutschland muß sterben, damit wir leben können”, “La Germania deve morire, così noi possiamo ‎vivere” non è che il capovolgimento dell’agghiacciante motto hitleriano “Deutschland muß leben, ‎auch wenn wir sterben müssen”, ossia “La Germania deve vivere, anche se ci tocca di morire”…‎
Wo Faschisten und Multis das Land regieren
(continua)
inviata da Bartleby 19/1/2012 - 16:26
Video!

We Don't Need the Army

‎[1981]‎
Da “Slime I”, album d’esordio di questa punk band tedesca.‎
Credo che sia al bando ancora oggi, a 30 anni dalla sua uscita…‎
Millions of people dying in war, they just don't know why
(continua)
inviata da Bartleby 19/1/2012 - 16:07
A/I ha bisogno di te. Il collettivo Autistici/Inventati che fornisce il server al nostro sito ha bisogno di un sostegno economico.

Una donazione anche piccola aiuterà A/I e le CCG ad andare avanti.
Lorenzo Masetti 19/1/2012 - 14:12
Video!

Mother Russia

‎[1974]‎
Album “Turn of the Cards”‎
Parole di Betty Thatcher (1944-2011), che ha scritto quasi tutti i testi di questa band progressive ‎inglese.‎
Musica di Michael Dunford, leader dei Renaissance.‎





Canzone dedicata allo scrittore dissidente russo Aleksandr Solzhenitsyn (1918-2008), che proprio ‎nel 1974, dopo tre decenni in cui aveva conosciuto i gulag staliniani, il confino e la censura, era ‎stato costretto all’esilio dal governo comunista. Betty Thatcher scrisse questa canzone ispirata dalla ‎lettura del racconto “Una giornata di Ivan Denisovič” in cui Solzhenitsyn descrive cosa patì negli ‎‎11 anni di internamento nei gulag siberiani, dal 1945 al 1956, libro che fu pubblicato per la prima ‎volta in Unione Sovietica nel 1962.‎

Pays the price, works the seasons through
(continua)
inviata da Bartleby 19/1/2012 - 13:41
Video!

Campanades a morts

Solo diciassett'anni aveva la più giovane delle vittime. Per vedere morire il vecchio Fraga invece abbiamo aspettato i suoi 89 anni. Ed è stato senatore fino a pochi mesi fa senza mai rinnegare il suo passato...
CCG/AWS Staff 19/1/2012 - 10:03
Video!

The Bloody Neat

‎[1967]‎
Nella prima edizione di “Malvina Reynolds Sings the Truth”, poi riedito nel 2008.‎
Don't be so bloody neat,
(continua)
inviata da Bartleby 19/1/2012 - 09:28
Video!

The Money Crop

‎[1966]‎
Nell’album collettivo “Save The Children: Songs From the Hearts of Women (Women Strike for ‎Peace)” del 1967. Presente anche in dischi successivi come “Malvina” (1972), “Ear to the Ground” ‎‎(2000) e “Malvina Reynolds...Sings the Truth” (2008)‎
Oh, money has its own way, and money has to grow,
(continua)
inviata da Bartleby 19/1/2012 - 09:16
Downloadable! Video!

Courage to Resist

[2011]
Lyrics & Music by Victor René Sadot
Album: Berkeley Calling

Vic Sadot's Crazy Planet Band



Courage To Resist is a tribute to GI Resistance and whistle-blowers in 2011. The title is taken from the name of the civilian organization called "Courage To Resist" that supports troops in service who become anti-war. Vic Sadot says: "The song was inspired especially by Private Bradley Manning and Wikileaks for exposing the lies, war crimes, and cover-ups of the corporate empire.....crimes against humanity and their use of American citizens as their robotic servants. Bradley Manning, Nichol Mitchell, Marc Hall, and others give us hope for truth and justice. For, if they can stand up when already bound up by the military and empire octopus tentacles, then we must summon up the "Courage To Resist" too! Let them know that they do not stand alone, even when these prisoners of conscience... (continua)
You know Private
(continua)
inviata da giorgio 19/1/2012 - 08:30
Downloadable!

Le cul de la patronne

IL EST BEAU LE CUL, LE CUL, LE CUL, LE CUL DE LA PATRONNE
UN CUL SOLIDE ET BIEN CHARNU
TOUT LE MONDE VOUDRAIT S'ASSEOIR DESSUS
IL EST BEAU LE CUL, LE CUL, LE CUL, LE CUL, LE CUL DE LA PATROOONNE
C'EST LE PLUS BEAU DE LA GARNISON
C'EST LA JOIE DU TROUFION
VIVA LE CUL 18/1/2012 - 21:27
Video!

Libre El Salvador

Bellissima canzone!
nella versione inglese, dopo "because a time", penso ci vada "I will be proud of it"
ciao!
matteo88 18/1/2012 - 20:38
Downloadable!

Cantone de Giuanna, sa ruja, bagassa de gherra

Chanson italienne –Cantone de Giuanna, sa ruja, bagassa de gherra (Sarde) et BALLATA DI GIOVANNA, LA ROSSA, PUTTANA DI GUERRA (Italien) – Frantziscu Màsala / Francesco Masala (1981)

Tirée du recueil « Poesias in duas limbas – Poesie bilingui » (bilingue : sarde-italien), Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎

La section qui inclut ce chant est intitulée : « Cantones pro sos laribiancos » autrement dit "Ballate per quelli dalle labbra bianche" (Ballade pour ceux aux lèvres blanches). « Ceux aux lèvres blanches » est surtout le titre de la première oeuvre de Masala publiée en 1962 chez Feltrinelli, le récit de l'épopée des gens de Arasolè, petit hameau de la commune de Tonara, dans la province de Nuoro (Sardaigne).

Les lèvres blanches sont celles des morts de faim, des morts d'épuisement, des morts de guerre... Les Chants contenus dans cette... (continua)
BALLADE DE GIUANNA, LA ROUSSE, PUTAIN DE GUERRE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 18/1/2012 - 16:44

Riccardo Scocciante: Ma 'ndo vai (se ce sta er badde gatevai)?

Dobbiamo ammettere che gli autistici da quando abbiamo segnalato il problema si sono dati da fare e hanno risolto egregiamente, tanto che il sito adesso è pressoché sempre accessibile. Suvvia, nonostante La Crisi (R), non fate i tirchi e fate una donazione, anche piccola!

Sappiamo che i visitatori di questo sito sono numerosi, tante piccole donazioni possono aiutare A/I e le CCG/AWS ad andare avanti.

Bilancio Associazione Investici
Schema riassuntivo 2011
Totale Donazioni: 6.500 E
Totale Spese: 12.000 E
Saldo: -5500 E


A/I Needs You
Il Webmaster 18/1/2012 - 16:11
Video!

Pace e guerra

1993
Musica: Frankie HI-NRG MC
Voce: Gassman
Testi: Dino Campana (Poesia facile) e Ugo Foscolo (Alla sera)

Album: Verba Manent

(krzyś)
Pace non cerco,
(continua)
inviata da DonQuijote82 18/1/2012 - 13:21
Video!

Il Bianco e il Nero

Sono al fianco di chi soffre umiliazioni e oppressioni per il colore della sua pelle. Hitler e Mussolini avevano la pelle bianchissima, ma la coscienza nera. Martin Luter King aveva la pelle color dell'ebano, ma il suo animo brillava della limpida luce come i diamenti che i negri oppressi estraggono dalle miniere del Sudafrica per la vanità e la ricchezza di una minoranza dalle pelle bianca.
inviata da DonQuijote82 18/1/2012 - 13:19
Video!

Precariato

Ho il precariato
(continua)
inviata da DonQuijote82 18/1/2012 - 13:17
Video!

Putain le beau métier

Putain le beau métier

Chanson française – Putain le beau métier – Ricet Barrier – 1977.
Paroles Ricet Barrier / Musique Bernard Lelou

Mon ami Lucien l'âne, attends-toi à être un peu dérouté par la chanson que je te propose aujourd'hui...

Salut, Marco Valdo M.I., mon ami, rien qu'au titre, je suis déjà sur le qui-vive... et j'entends bien de mes amies protester et hurler que c'est une honte une chanson pareille...

En effet, c'est bien ce qui se passe... Les dames protestent violemment... Et somme toute, elles ont raison...

Mais quand même, il y a des messieurs aussi qui se prostituent...

Elles ont raison pour ceux-là aussi, à ceci près, que ce ne sont pas ces dames, ni ces messieurs qui se prostituent, mais c'est qu'on les y oblige... Mais crois-moi, une fois qu'on a écouté le chanson de Ricet Barrier, elles aussi, changent d'avis. Tous comptes faits, Ricet Barrier n'a pas tort lui...... (continua)
Putain de métier
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 18/1/2012 - 11:27
Video!

He Had a Long Chain On

‎[1960]‎
Album “The Westward Movement”‎
Ripresa da Peter, Paul & Mary nel loro album del 1963 intitolato “In The Wind”‎



Un testo che può essere interpretato come una sorta di parabola evangelica ed anche antiautoritaria, ‎quella di un uomo che, senza fare domande, accoglie e sfama un fuggiasco, un evaso, un braccato, ‎uno schiavo in fuga, un povero Cristo, Cristo stesso, un po’ come ‎‎Il pescatore di De André, ma che, ‎leggendo una nota dello stesso autore (riportata su ‎‎Mudcat Café) potrebbe anche raccontare una ‎piccola storia vera di piccoli uomini che ebbero il coraggio di opporsi alla guerra. Infatti Jimmy ‎Driftwood racconta di una storia risalente alla Guerra Civile secondo cui, dalle parti dove lui ‎nacque, nella contea di Stone in Arkansas, molti uomini si rifiutarono di combattere sia contro le ‎giacche blu dell’Unione sia contro i loro amici sudisti. Per questo i confederati... (continua)
One night as I lay on my pillow
(continua)
inviata da Bartleby 18/1/2012 - 10:29
Video!

Stanno tornando

Piazza Fontana ti dice qualcosa?
(continua)
inviata da DonQuijote82 18/1/2012 - 09:11
Downloadable! Video!

An Act of State: The Execution of Martin Luther King

[2009]
Lyrics & Music by Victor René Sadot
Album: Berkeley Calling

Vic Sadot's Crazy Planet Band

"A nation that continues year after year to spend more money on military defense than on programs of social uplift is approaching spiritual death. . . .
We can no longer afford to worship the god of hate or bow before the altar of retaliation. The oceans of history are made turbulent by the ever-rising tides of hate. History is cluttered with the wreckage of nations and individuals that pursued this self-defeating path of hate".
-Martin Luther King, "Beyond Vietnam", Address delivered to the Clergy and
Laymen Concerned about Vietnam, at Riverside Church, NYC, 4/4/67
The Assassination of Martin Luther King Jr. Was An Act of State

William F. Pepper was the King Family's lawyer-investigator in the 1999 Circuit Court trial in Memphis, Tennessee, King Family versus Jowers... (continua)
William Pepper was a young man when he first met Dr. King
(continua)
inviata da giorgio 18/1/2012 - 09:06
Video!

No Easy Walk to Freedom

‎[1986]‎
Album “No Easy Walk To Freedom”
Scritta da Peter Yarrow e Margery Tabankin‎

Brother Martin was walkin with me,
(continua)
inviata da Bartleby 18/1/2012 - 09:04

Cantone de su campanarzu de Arasolè

Chanson italienne – Cantone de su campanarzu de Arasolè (Sarde) et BALLATA DEL CAMPANARO DI ARASOLÈ (Italien) – Frantziscu Màsala / Francesco Masala (1981)

Tirée du recueil « Poesias in duas limbas – Poesie bilingui » (bilingue : sarde-italien), Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎

La section qui inclut ce chant est intitulée : « Cantones pro sos laribiancos » autrement dit "Ballate per quelli dalle labbra bianche" (Ballade pour ceux aux lèvres blanches). « Ceux aux lèvres blanches » est surtout le titre de la première oeuvre de Masala publiée en 1962 chez Feltrinelli, le récit de l'épopée des gens de Arasolè, petit hameau de la commune de Tonara, dans la province de Nuoro (Sardaigne).

Les lèvres blanches sont celles des morts de faim, des morts d'épuisement, des morts de guerre... Les Chants contenus dans cette section des Poesias in duas... (continua)
BALLADE DU SONNEUR D'ARASOLÈ
(continua)
inviata da Lucien Lane 17/1/2012 - 19:26
Video!

Corri free (Fausto e Iaio)

IDsconosciuto
Vedere anche Perché Fausto e Iaio.
Dove porti i tuoi occhi
(continua)
inviata da DonQuijote82 17/1/2012 - 19:05
Video!

L'armadio della vergogna

‎[2007]‎
Dallo spettacolo “Il paese della vergogna” realizzato con i Gang
Cinquant’anni dopo. Maggio 1994, a Roma.
(continua)
inviata da DonQuijote82 17/1/2012 - 17:56
Video!

Marzabotto

‎[2007]‎
Dallo spettacolo “Il paese della vergogna” realizzato con i Gang
Nel 1944 Sant’Anna di Stazzema si trova proprio sul filo della cosiddetta Linea Gotica, il fronte di guerra dove sono attestate le forze dell’Asse, i militari della Repubblica sociale italiana (Rsi), i soldati anglo-americani.
(continua)
inviata da DoNQuijote82 17/1/2012 - 17:53
Downloadable! Video!

Sant'Anna di Stazzema

‎[2007]‎
Dallo spettacolo “Il paese della vergogna” realizzato con i Gang‎


‎Quanto avvenne a Sant’Anna di Stazzema il 12 agosto del 1944 è ben descritto ‎in questa canzone.‎

I nazisti guidati dal Gruppenführer Max Simon, insieme a parecchi fascisti nostrani, uccisero 560 ‎abitanti, in maggioranza donne e bambini (la più piccola, Anna Pardini, aveva 20 giorni) a colpi di ‎mitra e bombe a mano. Erano gli stessi assassini bastardi che nelle settimane precedenti – sempre ‎aiutati da italiani della Xmas – avevano trucidato 68 persone a Forno e 340 tra Valla, Bardine e ‎‎Vinca e che avrebbero continuato a ‎massacrare in seguito (33 morti a Pioppetti di Montemagno, 108 detenuti del campo di ‎concentramento di Mezzano fucilati sulle sponde del fiume Frigido, 72 vittime a Bergiola) fino ‎all’eccidio di Marzabotto.‎

‎Max Simon, SS-Gruppenführer, condannato all’ergastolo per il massacro di ‎Marzabotto,... (continua)
Quanto pesano le ingiustizie?
(continua)
inviata da DoNQuijote82 17/1/2012 - 17:51
Video!

All Mixed Up

‎[1960, forse riscritta nel 1964]‎
Dall’album “Pete” del 1965.‎

Parole di Pete Seeger.‎
Sulla melodia di “Woman Tawry Lang” di Louise Simone Bennett-Coverley (1919-2006), ‎altrimenti nota come Miss Lou, scrittrice, educatrice e studiosa di folklore giamaicana.‎
You know this language that we speak,
(continua)
inviata da Bartleby 17/1/2012 - 17:01
Video!

Don't Ever Take Away My Freedom

‎[1967]‎
Scritta da Peter Yarrow
In “Peter, Paul & Mommy, Too”, un disco dal vivo di canzoni per bambini edito nel 1993.‎
Non credo che il brano sia mai stato inciso in lavori precedenti.
Three horses grazing out my window
(continua)
inviata da Bartleby 17/1/2012 - 16:37
Video!

Le radici e le ali

Chanson italienne – Le radici e le ali – Gang – 1991

Les racines, c'est notre appartenance, nos liens et notre idéologie qui n'auront pas de développement si nous ne leur donnons pas une paire d'ailes qui leur permette d'aller au-delà, de comprendre qu'une élaboration est nécessaire pour être en mesure avec les temps. Il ne faut pas oublier d'où nous venons, mais il est nécessaire d'évoluer, façonner selon les nouveaux besoins, ce que nous avons reçu en héritage. Une obligation pressante pour ne pas manquer le train de notre émancipation.
LES RACINES ET LES AILES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 17/1/2012 - 15:11
Downloadable! Video!

Bury Me Far (From My Uniform)‎

‎[2010]‎
Album “Messenger”‎

I was fallen dead in battle,
(continua)
inviata da Bartleby 17/1/2012 - 14:17
Video!

Le Chariot

Chanson italienne – LE CHARIOT – Germano Bonaveri – 2011

(Texte et musique : Germano Bonaveri)

En novembre dernier, j'avais traduit les 11 chansons de de Germano Bonaveri. J'avais fait cette traduction à sa demande... Il m'avait contacté après avoir lu les traductions que j'avais faites de certaines de ses chansons sur le site des Chansons contre la Guerre. Comme vous le savez, l'album « L'ORA DELL'OMBRA ROSSA » est construit sur l'idée que les arcanes majeurs du tarot de Marseille ont un sens particulier et à leur manière, signifient le monde.
Ces traductions ont paru suffisamment intéressantes à Germano Bonaveri qu'il a décidé d'en faire la version française de « L'ORA DELL'OMBRA ROSSA » et de l'enregistrer en ce début d'année. Tout comme il l'a déjà fait bien évidemment pour sa version italienne, mais aussi pour la version espagnole.

Comme des traductions étaient une commande... et... (continua)
LE CHARIOT
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 17/1/2012 - 14:03
Video!

Take the Star Out of the Window

‎[1972]‎
Album “Diamonds in the Rough”‎

Robert was a sailor
(continua)
inviata da Bartleby 17/1/2012 - 13:59
Video!

Ballad of Vic Williams

‎[1991]‎
Dall’EP “Living In The Rubbish”‎

Prima guerra del Golfo. Il soldato britannico Vic Williams, 28 anni, sparì dalla base di Dortmund in ‎Germania il giorno prima della partenza del suo contingente per il Golfo Persico. Lasciò scritto che ‎disertava perché non vedeva la ragione di andare a combattere e a rischiare la pelle per difendere gli ‎interessi di sceicchi e petrolieri. Per due mesi e mezzo riuscì a sfuggire alla cattura della polizia ‎militare che gli dava la caccia, e intanto fece diverse apparizioni e rilasciò diverse dichiarazioni in ‎alcuni meeting contro la guerra. Poi si costituì in una base dell’esercito di sua maestà. Le autorità ‎sostengono che all’epoca Vic Williams fu l’unico soldato in servizio effettivo a disertare ma in ‎realtà i soldati britannici che si rifiutarono di andare in quella guerra furono alcune decine, solo che ‎se ne restarono nascosti in Gran Bretagna... (continua)
Not for me
(continua)
inviata da Bartleby 17/1/2012 - 13:41
Percorsi: Disertori
Downloadable!

Ο πλοίαρχος Φλέτσερ

Insomma, dalle risultanze si ha conferma che la mamma degli scemi è sempre incinta. E mi ha ispirato due canzonette, sull'aria all'incirca di Partono i bastimenti.

NON EST IN VULGO DILIGENTIA

I
Peccato per Cirino
ch'era un bel bambino
il botto del buon anno
gli ha fatto qualche danno

Ma era il più bel botto
il botto del papà
il più botto più magnifico
di tutta la città

Ora Cirino bello
a Poggio dormirà
ma ho ancora suo fratello
per l'anno che verrà

II
Parte il gran Concordia
e lo comando io
trabocca di turisti
e d'ogni ben di dio

Ma questi qui s'annoiano
ci vuole un'emozione
la gente ha preso i vizi
dalla televisione

Quando saremo al Giglio
gli fo' veder la strega
io guido come Vale
questo barcone mega

Se la faranno sotto
terran le chiappe in mano
ma a casa poi diranno
che figo il Capitano!
Gian Piero Testa 17/1/2012 - 11:20
Downloadable!

Don't Be a Hero

[2010]
Lyrics & Music by LeRhay and Anna Lang
Album: TBA

Anna Lang ft. LeRhay! A song written about the Iraq conflict and senseless loss of live, bought to life by LeRhay who also played all instruments and supplied a outstanding vocal.
Bluesy type sound with piano and lone vocal, thought provoking content about the conflict in Iraq and the human cost. Superb vocals by LeRhay !
Like an ocean
(continua)
inviata da giorgio 17/1/2012 - 08:30
Video!

Et bâiller et dormir

[1953]
Chanson française - Et bâiller et dormir – Eddie Constantine Paroles: Charles Aznavour. Musique: Jeff Davis  
Testo di Charles Aznavour
Musica di Jeff Davis

Toi, dit Lucien l'âne, toi, mon ami Marco Valdo M.I., tu m'as l'air de bien te porter et d'être assez détendu dans ta vie... Ce qui n'est pas le cas de bien des humains que je rencontre quand je me promène en ville. Ils ont l'air comme écrasés par une sorte de chagrin ou d'ennui ou que sais-je encore... On dirait qu'ils courent après quelque chose qu'ils ont perdu, qu'ils sont à la recherche impérieuse de je ne sais quoi d'important, d'essentiel, qu'ils sont angoissés, qu'ils se tracassent avec ardeur... Ils sont sur leurs nerfs, ils se bousculent au portillon, ils se poussent du coude, ils se marchent sur les pieds... et c'est tout juste s'ils s'adressent la parole ou s'ils osent se regarder. Bref, ils me semblent harcelés... (continua)
Certains courent après la vie
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 16/1/2012 - 22:09
Downloadable! Video!

Lèyîz m' plorer

Magnifique chanson wallone, on ne l'entend plus jamais, c'est bien triste.
bernadette Severin 16/1/2012 - 21:54
Downloadable! Video!

זאָג ניט קײנמאָל

Versão portuguesa do prof. Pietro Nardella Dellova

Il prof. Pietro Nardella Dellova, nel suo blog Café e Direito ha praticamente riportato questa intera pagina così com'era fino alla presente ristrutturazione, corredandola della sua traduzione in portoghese che ha voluto a sua volta contribuire a questo sito. Lo ringraziamo naturalmente di cuore, sebbene con un po' di ritardo. [RV]
NÃO DIGA JAMAIS
(continua)
inviata da Pietro Nardella Dellova 16/1/2012 - 17:59
Downloadable! Video!

Angelita di Anzio

Quando usci questa canzone avevo solo 6 anni. Eppure me la ricordo perfettamente, la triste storia di Angelita, una delle tante piccole ed innocenti vittime della II^ Guerra Mondiale. Questo episodio della guerra combattuta in casa nostra, mi aveva colpito nel profondo del cuore. Cosi, quando pensavo a lei divenivo triste. Ero triste al pensiero che, bimba che come me, non avevo potuto vivere la propria vita di adolescente.
claudio grazioli 16/1/2012 - 15:40
Video!

Soldiers

‎[1981]‎
Dall’ultimo album del gruppo, “The Visitors”.‎
Scritta da Benny Andersson e Björn Ulvaeus‎



‎“I soldati scrivono le canzoni che soldati cantano, canzoni che tu ed io non vogliamo cantare. Non ‎guardiamo dall’altra parte correndo il rischio, perché se il trombettiere comincia a suonare a noi ‎pure ci tocca ballare…”‎
Do I hear what I think I'm hearing
(continua)
inviata da Bartleby 16/1/2012 - 13:45
Video!

Perfection

‎[1971]‎
Album “Straight Up”‎
Scritta da Pete Ham

There is no real perfection
(continua)
inviata da Bartleby 16/1/2012 - 13:11
Video!

War Song

‎[1968]‎
Album “Tenderness Junction”‎
Scritta da Ed Sanders



Folk lisergico e testo grottesco e crudo contro la guerra in Vietnam, in puro stile Fugs…‎
Strafe them creeps in the rice paddy daddies (diddy womp)
(continua)
inviata da Bartleby 16/1/2012 - 10:54
Downloadable!

Where Do Soldiers Go

[2000]
Lyrics & Music by Fredrick J. Lynch
Album: Time Slips Away
Ronnie came home from the war
(continua)
inviata da giorgio 16/1/2012 - 08:33
Video!

Miséricorde

Canzone di Jacques Larue (1906-1961), cantata dalla Piaf anche in inglese con il titolo "Heaven Have Mercy". Da sentire anche l'emozionante versione di Diamanda Galás ( nell'album "Guilty,Guilty,Guilty").
Plus jamais ne prierai,
(continua)
inviata da emanuele pozzi 16/1/2012 - 00:25

Menino de rua

Pepe Moreno
Alô!
(continua)
inviata da DonQuijote82 15/1/2012 - 17:18
Video!

Io, Vittima Del Cpt

Quelli con cui è più arrabbiato sono i trafficanti "Che ti organizzano il viaggio" dice "gli uomini della rete: quando ci finisci dentro non riesci più ad uscirne." S. viene dal Kashmir ed è arrivato fino a Regina Pacis il cpt dove i muri erano imbrattati di sangue. Ha 35 anni ma gliene daresti qualcuno in più. Forse solo perché ha gli occhi tristi anche quando cerca di sorridere mentre racconta la sua storia. "Il primo campo è stato in Libia" comincia S. "e non lo dimenticherò mai. Soprattutto non dimenticherò chi c'era e ancora c'è dentro. Perché quel posto faceva paura e in ogni momento pensavi che potevi morire. Era in una città in mezzo al deserto Zawara, tutto chiuso, con le guardie. Noi stavamo in due stanze, sei metri per sei, eravamo in duecento, sembra impossibile ma era così. Ci... (continua)
inviata da DoNQuijote82 15/1/2012 - 16:58
Video!

The War Is Not Over

Ta na na na... na na...
(continua)
inviata da DoNQuijote82 15/1/2012 - 16:16
Video!

The War Is Over

Look at the window, to see the destruction
(continua)
inviata da DonQuijote82 15/1/2012 - 16:06
Downloadable!

The War Is Over

[2003]
Lyrics by Susie Breidenbach
Album: Shorty B
Bombs are flying, Baghdad has fallen
(continua)
inviata da giorgio 15/1/2012 - 14:50

Soldiers

Lyrics & Music by Eddie Carrigan
Album: The Mission Bell [2011]

"War is tragedy. Soldiers was written about the aftermath of war, how it destroys cities, infrastructures, sometimes societies, and more often than not the spirit of the individual, the civilian, the one who has to pick up the pieces, rebuild his devastated city, and his life."
The streets are empty of all virtue and all reason
(continua)
inviata da giorgio 15/1/2012 - 12:30




hosted by inventati.org