Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2011-6-10

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Due parti di idrogeno per una di ossigeno

Acquorum

[2011]
Parodia dell'Inno di Mameli, in occasione della campagna per il Referendum per l'acqua pubblica del 2011.
Testo trovato su Il Deposito

A dire il vero non riesco a capire perché l’acqua in bottiglia sia meno “bene di tutti” di quella che sgorga dai rubinetti delle nostre case… Fosse per me, nazionalizzerei tutte le varie società per le acque minerali… Stalinista, dici? Son cose che faceva gente come Allende secoli fa e guarda com’è finita, dici? Non se po’ fa’, dici? Vabbè, ma almeno giù le grinfie dalla rete di distribuzione pubblica! Con la speranza che un giorno anch’io, come tanti altri, possa bere l’acqua del rubinetto, cosa che ad oggi, almeno qui a Torino, è impossibile perché il sapore è davvero schifoso. E non lo sarebbe di meno se fossero i privati a fornirmela: stai a vedere che sarebbero disposti a vendere meno bottiglie!
ACQUORUM
(continua)
inviata da Bartleby, DonQuijote82 e CCG/AWS Staff 10/6/2011 - 23:05
12 e 13 giugno: TUTTI A VOTARE!
Riccardo Venturi 10/6/2011 - 21:59
Downloadable! Video!

AldroVive

MORTE ALDROVANDI: CONFERMA IN APPELLO CONDANNA PER 4 AGENTI

"La Corte di Appello di Bologna, confermando la sentenza di primo grado, ha condannato a una pena di 3 anni e 6 mesi i quattro agenti di Polizia imputati nel processo sulla morte di Federico Aldrovandi [AldroVive! ndr], il ragazzo deceduto a 18 anni il 25 settembre 2005 durante un intervento di Polizia in un parco a Ferrara. Sono stati condannati per l'eccesso colposo nell'omicidio colposo del giovane i quattro agenti di Polizia [assassini, ndr] Enzo Pontani, Paolo Forlani, Monica Segatto e Luca Pollastri. La sentenza e' stata accolta con commozione dai genitori di Federico Aldrovandi presenti in aula." (fonte: www.repubblica.it)

Ricordiamoci di Federico Aldrovandi.
Ricordiamo i nomi dei suoi assassini, "tutori dell'ordine" che senza ragione, per puro gusto sadico, massacrarono fino alla morte un ragazzo all'alba della vita: Enzo... (continua)
Bartleby 10/6/2011 - 21:02
Video!

Rifacciamo il muro di Berlino

Une belle chanson italienne qui parle du Mur..., qu'il disait...
Juste un rappel, mon ami Lucien l'âne, juste un rappel... Le Mur est tombé, certes, mais que d'un côté... Du côté bureaucratique, du côté formel, mais qu'attend-t-on pour faire tomber l’autre côté, le côté de l'exploitation, le côté du profit...

À voir ce qui se passe actuellement, c'est terrifiant cette chute du Mur... Cette Europe de la terreur financière, des chômeurs, de la destruction systématique du domaine public, cette Europe de la concurrence qui ravage tout, cette Europe de la privatisation, cette Europe des salaires de plus en plus bas, des pensions réduites, des emplois précaires, cette Europe des actionnaires, cette vassale du capital... Cette Europe qui se prosterne aux pieds du Veau d'Or. Les Grecs sont les premiers à la subir, mais si on n'y prend garde, on y passera tous. Cette Europe qui ruine les pauvres... (continua)
Marco Valdo M.I. 10/6/2011 - 18:10
Downloadable! Video!

O Lucky Man!

[1973]

Canzone scritta dal tastierista degli Animals per la colonna sonora dell’omonimo film di Lindsay Anderson, il regista britannico celebre per questa ed altre (“This Sporting Life”, “If…”, “Britannia Hospital”,…) pellicole iconoclaste.

In “O Lucky Man!” Mike Travis, il ribelle già protagonista di “If…” e successivamente di “Britannia Hospital”, interpretato dall’inquietante Malcolm MacDowell – quello di “A Clockwork Orange”, per intenderci – ha apparentemente abbandonato il suo idealismo e si è gettato a capofitto sulla strada di un improbabile successo divenendo piazzista in una grande società d’importazione del caffè.
E sullo sfondo delle disavventure del protagonista, sorta di moderno Candido di Voltaire, scorre l’ipocrita e feroce Inghilterra degli anni 60, tutta intenta a preservare i vecchi fasti di superpotenza affinando le tecniche neocolonialiste moderne, fatte di controllo sulle fragili economie delle ex colonie e sul foraggiamento dei sanguinari dittatori che le amministrano per conto degli ex-dominatori.
If you have a friend on whom you think you can rely
(continua)
inviata da Bartleby 10/6/2011 - 14:14
Video!

Jarrow Song

[1974]
Album “Between Today and Yesterday”

Dal tastierista degli Animals, una canzone dedicata alla celebre marcia da Jarrow in Tyne and Wear fino a Londra Westminster (480 km) che un paio di centinaia di lavoratori, capitanati dalla suffragette e pasionaria Ellen Wilkinson detta “Ellen La Rossa”, intrapresero nell’autunno del 1936 per protestare contro la disoccupazione e la povertà che attanagliavano il nord est inglese.
La “Jarrow Crusade”, un’iniziativa della base cui si erano opposti anche i vertici del partito laburista di allora, non ottenne nessun miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro di quell’angolo di Inghilterra (ai manifestanti fu semplicemente dato qualche soldo perché non dovessero rifarsi i 500 km del ritorno a piedi!) ma gaudagnò al movimento dei lavoratori la simpatia e l’appoggio del paese reale.
My name is Geordie McIntyre,
(continua)
inviata da Bartleby 10/6/2011 - 13:17
Downloadable! Video!

Talking Dust Bowl Blues

[anni 30]
Pubblicata in “Dust Bowl Ballads” pubblicato nel 1940
Parole e musica di Woody Guthrie.

In fuga dalla siccità e dalle tempeste di vento e di sabbia che hanno sommerso la loro fattoria un tempo fertile, una famiglia di agricoltori è in viaggio verso la California su di una vecchia Ford dove hanno imbarcato i figli e i loro pochi beni… I bambini hanno fame, ma le fette di carne sono così sottili che ci si potrebbe leggere il giornale attraverso, oppure vederci le facce di quei grassi politici responsabili di un tale disastro e della rovina di centinaia di migliaia di americani….



Durante i primi decenni del XX secolo le grandi e fertili pianure al centro degli USA furono coltivate intensivamente e dissennatamente, senza badare alla rotazione delle colture e senza mai dare respiro alla terra. Durante e dopo la prima guerra mondiale la produzione agricola fu spinta ben oltre la... (continua)
Back in Nineteen Twenty-Seven,
(continua)
inviata da Bartleby 10/6/2011 - 11:46
Video!

Tè chi t'èi

Da "Munfrà" (2011)

Tè Chi T’éi? Cantato in italiano e arabo, racconta l’incontro di due persone che dialogano (il Monferrato è stato storicamente un luogo di passaggio e integrazione), e dialogando si conoscono e si scoprono uguali. Piemonte e Medio Oriente, culture che si incontrano (e non si scontrano) che si contaminano. Un testo splendido e profondo, uno dei vertici del disco. www.storiadellamusica.it

Tè chi t'éi?" e nelle sue sonorità tipicamente mediterranee (in primo piano l’oud di Franco Minelli). La canzone racconta di un incontro: uno è un abitante del luogo l'altro è uno straniero, forse un saraceno (incarnato dalla voce suadente di Nabil Salameh dei Radiodervish). Si chiedono entrambi nella loro lingua “tu chi sei”?, per poi riconoscersi come uguali. www.bielle.org
Si muove il prato che sembra il mare
(continua)
inviata da DonQuijote82 10/6/2011 - 11:20
Video!

Ghost Town

[1981]

N.1 nella UK Singles Chart del 1981, mentre le ricette della Thatcher cominciavano a spiegare i loro effetti nefasti sui lavoratori e gli strati sociali pù deboli.
This town is coming like a ghost town
(continua)
inviata da Bartleby 10/6/2011 - 11:13
Video!

Il grande libro dell'ombra

Da "Munfrà" (2011)

Il grande libro dell'ombra è il libro che contiene le piccole storie che non conquistano la ribalta della grande storia. www.bielle.org

Ancora un grande testo, quello de Il grande libro dell’ombra. Cantato in italiano, è il brano più cantautorale del disco, dalla grande atmosfera, suoni irlandesi (ancora in primo piano cornamuse e tin whistle) e un testo splendido. Storia della musica
Nel grande libro dell'ombra
(continua)
inviata da DonQuijote82 10/6/2011 - 11:09
Downloadable! Video!

Ghost Town (for the Victims of Chernobyl)

[2005]
Album “The Middle of Somewhere”
Scritta da Hunsbusher & Erickson
There was no way they could have known that morning
(continua)
inviata da Bartleby 10/6/2011 - 10:53
Video!

Al Gauchito Gil

Cumbia scritta e composta da tal Antonio Ríos.
Da www.santogauchitogil.com.ar.

EL GAUCHITO DE LOS MILAGROS

La fe se viste de rojo
el ocho de enero:
pañuelo, bandera, vinchas,
en todo el pueblo;
ofrendas para el Gauchito
de los milagros.

Toda la gente
le está rezando
y un acordeón
le está tocando
este cumbión.

Para el niño enfermo,
el desamparado;
para que el abuelo,
que queda olvidado;
por el que trabaja,
el desocupado;
por el que padece,
por el inundado.

Gauchito Gil,
escuchamé;
lo que te pido
concedemé.
Gauchito Gil,
te juro que
para agradecerte
yo volveré.

¡Para vos, Gauchito Gil!
¡Te pido salud, paz y trabajo ¡para toda mi gente!

Para el niño enfermo,
el desamparado;
para que el abuelo,
que queda olvidado;
por el que trabaja,
el desocupado;
por el que padece,
por el inundado.

Gauchito Gil,
escuchamé;
lo que te pido
concedemé.

Gauchito Gil,
te juro que
para agradecerte
yo volveré.
Bartleby 10/6/2011 - 10:26
Video!

Why Does My Heart Feel So Bad?

[1999]
Album “Play”

Indimenticabile tormentone di alcuni anni fa, indissolubilmente legato al malinconico personaggio con cagnetto (mi ricorda “Umberto D” di De Sica) protagonista del clip, un disadattato (come me, come molti) alle brutture, alla volgarità ed agli orrori di questo mondo, guerra compresa.

Non è forse un caso che Ridley Scott abbia scelto questo brano per la colonna sonora del suo “Black Hawk Down” del 2001 sulla disgraziata avventura americana (e dell’ONU, e dell’Italia) in Somalia nei primi anni 90, una vergognosa pagina di storia di cui ancora oggi vediamo gli effetti nefasti.
Why does my heart
(continua)
inviata da Bartleby 10/6/2011 - 09:26
Video!

We Shall Not Be Moved

anonimo
Que chantent les « indignés » espagnols ?

Chaque mouvement social a son hymne. Rarement décidée d'en haut, c'est une chanson qui s'impose au fil des manifestations comme le signe de reconnaissance des participants. Et bizarrement, ce mouvement de la jeunesse espagnole a remis au gout du jour la musique d'une série télé mythique de la télé espagnole datant de... 1981 !
Si "Verano Azul" est passé inaperçu en France (on signale tout de même une diffusion en 1984 sur FR3, sous le titre "le bel été"), elle est devenue mythique en Espagne et en Amérique Latine. Rediffusée à outrance, elle a même fait de Nerja, le village du tournage, un véritable lieu de pèlerinage.
Tous les Espagnols connaissent donc par cœur la chanson "No Nos Moveran", dont les paroles faisaient écho au siège de la Puerta del Sol.
Verano Azul - No Nos Moveran
Marco Valdo M.I. e Lorenzo 9/6/2011 - 21:24
Downloadable! Video!

Partigiano

Chanson italienne – Partigiano – Alberto Cesa – 2005

Tu vois, dit Lucien l'âne en se balançant d'un côté et de l'autre en frappant doucement le sol de ses petits sabots, on dirait une chanson de mémoire, une de ces chansons qui racontent l'histoire de ces partisans des montagnes qui surent faire face aux pires armées – les Valdèses et les Dolciniens qui firent face aux troupes de la papauté, les Garibaldiens et ceux de Justice et Liberté qui s'opposèrent aux Noirs de d'Adolf et de Benito.

C'est en effet exactement cela, une ode à la résistance. Mais ce n'est pas que cela... Oui, le partisan a vieilli, oui, le temps a passé, plus d'un demi-siècle depuis qu'ils ont chassé Kesselring et ses insectes noirs. Le partisan a fini de prendre l'âge, sa voix et ses souvenances ont pris leur envol dans les vallées et repassent sur les crêtes en chantant comme siffle le vent. Mais comme tu le sais,... (continua)
PARTISAN
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 9/6/2011 - 21:15
Video!

Stop that train

Esiste una versione di questa canzone 'O treno incisa nel disco Live Leoncavallo 1992 con Bisca e Almamegretta (regsitrato nel 1992 ma pubblicato nel 2000) con un testo molto meno impegnato, che parla di viaggi "alla portoghese" sul treno
DonQuijote82 9/6/2011 - 15:34
Downloadable! Video!

Little Emperor

I'll Never Get Out Of This World Alive 2011

This is Earle’s final kiss-off to the Bush era
Hey Little Emperor
(continua)
inviata da DonQuijote82 9/6/2011 - 15:19
Video!

Mineros

[1975]
Album “Pietre della mia gente”, ristampato l’anno seguente per I Dischi dello Zodiaco.
Testo trovato su La Musica de L’Altra Italia
Pietre della mia gente
(continua)
inviata da Bartleby 9/6/2011 - 13:29
Video!

Valigie di cartone

[1975]
Album “Pietre della mia gente”, ristampato l’anno seguente per I Dischi dello Zodiaco.
Testo trovato su Il Deposito
Prendi le valigie di cartone
(continua)
inviata da Bartleby 9/6/2011 - 13:22
Video!

Avrei voluto conoscervi

[1996]
Album: "Cerco Tiempo"
Avrei voluto conoscervi
(continua)
inviata da DonQuijote82 9/6/2011 - 09:28
Downloadable! Video!

La mia morosa cara

anonimo
Nel disco di Svampa “Milanese. Antologia della canzone lombarda n. 2 - Il Risorgimento, i mestieri e l'officina” del 1970.
Testo trovato su La musica de L’Altra Italia
LA MIA MOROSA CARA
(continua)
inviata da Bartleby 9/6/2011 - 09:10

I lament di tosann tutt disperaa perché gh'è i giuven che va a soldaa

[1868?]
Autore: Giuseppe Alfieri
Nel disco di Svampa “Milanese. Antologia della canzone lombarda n. 2 - Il Risorgimento, i mestieri e l'officina” del 1970.
Testo trovato su La musica de L’Altra Italia

Questo “Lamento delle ragazze disperate perché i giovani vanno soldati” è una “bosinata” composta da tal Giuseppe Alfieri, “bosinatore” piuttosto prolifico nella seconda metà dell’800. Probabilmente si riferisce alla terza guerra di indipendenza italiana.

“[…]Bosino a Milano [ma anche in Piemonte, nel novarese e nell’alessandrino, ndr] era il paesano (soprattutto, ma non soltanto, del territorio a nord della città), ignorante e grossolano. Esattamente come il burino (etimologia comune?) a Roma.
Le bosinate erano quindi componimenti poetici in lingua bosina che s'immaginavano esser usciti dalla bocca appunto di un bosino, quindi ridicole.
Le bosinate a Milano, erano lette per strada da... (continua)
O pover tosann che secol sii rivàa
(continua)
inviata da Bartleby 9/6/2011 - 09:03
Video!

Un giorno di fuoco

Trascritta direttamente dal video
Passano gli anni ma la storia noi non la scordiamo
(continua)
inviata da DonQuijote82 9/6/2011 - 08:54
Video!

I Teddy Boys

[1965]
Album “Il cabaret dei Gufi”
Scritta da Nanni Svampa

Che sia ispirata alla o ispiratrice della E poi poi poi ci chiamavano teddy boys sul 30 giugno 1960 a Genova?
Solo che in quella mi pare che per Teddy Boys si intendano i giovani ribelli che le suonarono a Tambroni, ai fascisti e alla loro polizia, mentre qui – al contrario, e più propriamente – per Teddy Boys s’intendono i picchiatori del potere di turno. Non bisogna infatti dimenticare che i Teddy Boys inglesi (Londra fu infatti l’epicentro di quella subcultura giovanile negli anni 50) furono molto vicini alle organizzazioni razziste e neonaziste, vedi per esempio il gran casino di Notting Hill nel 1958 quando fascisti e teddy boys, con la compiacenza della polizia, attaccarono per un’intera settimana i quartieri abitati da residenti di origine indiana…
I teddy boys, signori, non è una novità
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 14:37
Video!

Allergia Nucleare

Reggae contro il nucleare
No nuclear energy
(continua)
inviata da cristiano 8/6/2011 - 14:09
Downloadable! Video!

Gabriella

[1964]
Prima nell’album “Ma bene, ma bravo!” dei Peos, dimenticata formazione milanese pre-Gufi, poi ne “Il cabaret dei Gufi” dell’anno seguente.
Scritta da Giampiero “Peo” Borella, Nuccio Ambrosino e Nanni Svampa.

Con il solito stile ironico e cinico che li contraddistingueva, ecco l’ennesima strigliata al buoncostume ad opera dei Gufi, con annessa adesione alle tesi favorevoli alle pratiche anticoncezionali e a quelle abortiste (“…Quel dottore disgraziatamente
riceveva solo nottetempo … La questione è grave… o si cambia il sistema di educare o si sposta l'orario dei dottor”
) che sarebbero prevalse solo molto anni dopo… Credo che possa tranquillamente trattarsi della prima canzone italiana ad affrontare questo tema ancora oggi (e figuriamoci allora!) scottante.
La la la la la la la la la la la la la la…
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 13:46
Downloadable!

La logica del potere

[1983]
Album: In nome del loro potere tutto è STATO fatto [EP]
http://www.7inchpunk.com/wp-content/wr...
È la logica del potere !
(continua)
inviata da giorgio 8/6/2011 - 13:15
Downloadable! Video!

Ferriera

[1966]
Album “Il teatrino dei Gufi n°. 2”
Scritta da Bixio Cherubini e Cesare Andrea Bixio.

Una terribile canzone di denuncia delle morti bianche mascherata dal consueto stile intriso di ironia e cinismo dei grandi Gufi. Straniante. E ascoltandola non si può non pensare al dramma della ThyssenKrupp.
Scende silente l'oscurità
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 12:12
Video!

È la domenica il giorno del signore

[1967]
Album “Non so, non ho visto, se c'ero dormivo”
Parole di Luigi Lunari
Musica di Lino Patruno
La la la la la la la la la la
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 11:44
Video!

Sfiorisci bel fiore

...Meravigliosa.....
8/6/2011 - 10:06
Downloadable!

Scimpanzè

[1974]
Scritta e cantata da Enzo Del Re
Da “Il banditore”
Testo trovato su Il Deposito
Scimpanzè
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 08:37

Povera gente

[1969]
Parole di Dario Fo
Musica di Enzo Del Re e Antonio Infantino.
Poi nello spettacolo “Qui tutto bene… e così spero di te (Emigrazione e Imperialismo)” realizzato nel 1971 della compagnia Nuova Scena diretta da Vittorio Franceschi (dopo l’uscita di Dario Fo e Franca Rame)
Testo trovato su Il Deposito
Povera gente...
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 08:35
Downloadable!

La fretta

[1974]
Scritta e cantata da Enzo Del Re
Da “Il banditore”
Testo trovato su Il Deposito

Canzone che fa davvero il paio con la sua famosa Lavorare con lentezza.
Se il mondo non avesse tanta fretta
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 08:09
Downloadable! Video!

Il superuomo

[1974]
Scritta e cantata da Enzo Del Re
Da “Il banditore”
Testo trovato su Il Deposito
C'è troppa gente in giro
(continua)
inviata da Bartleby 8/6/2011 - 08:04
Downloadable!

Ti obbligano ad Obbedire

[1983]
Album: In nome del loro potere tutto è STATO fatto [EP]
I partiti sono una farsa
(continua)
inviata da giorgio 8/6/2011 - 08:03
Downloadable! Video!

Non posso sopportare

[1983]
Album: In nome del loro potere tutto è STATO fatto [EP]
Per te non c'è lavoro se non ti sottometti
(continua)
inviata da giorgio 8/6/2011 - 08:00
Downloadable!

Se acabó

Testo: Nicolás Guillén
Musica: Marta Contreras

La canzone fa parte dell'album "Marta Contreras canta Nicolás Guillén" pubblicato in Italia nel 1977.
La poesia è tratta dalla raccolta "Tengo" del 1964
I versi tra parentesi quadre non compaiono nella canzone.

"Guillén lo escribió al oír el histórico discurso de Fidel Castro en la clausura del Congreso Latinoamericano de Juventudes, realizada en el estadio del Cerro, en la noche del 6 de agosto de 1960. Fidel perdió la voz mientras leía el decreto de nacionalización de las empresas estadounidenses. Raúl Castro prosiguió la lectura hasta que el líder recobró la voz. Se publicó el 7 de agosto."
Da: La Jiribilla : revista de cultura cubana, mayo 2007

"Guillén lo scrisse dopo aver ascoltato lo storico discorso di Fidel Castro alla chiusura del Congresso Latinoamericano della Gioventù, la sera del 6 agosto 1960. A Fidel andò via la voce... (continua)
Te lo prometió Martí
(continua)
inviata da Maria Cistina Costantini 8/6/2011 - 00:03
E' morto Enzo Del Re. Ha lavorato con lentezza. Questo sito lo saluta con una sua canzone autenticamente rivoluzionaria. Ciao Enzo, buon riposo.
Riccardo Venturi 7/6/2011 - 23:46
Downloadable! Video!

L'uomo è una macchina che va a calci in culo

[2009]
Album “Scrotomanzia”

Lo ammetto, lo ammetto, questa non è certo una CCG doc, ma secondo me ci sta, ci sta, eccome se ci sta, per cui la propongo lo stesso... A voi, o perfidi Admins, l'ardua sentenza (e ringraziate che non sono garantista e non invoco i soliti tre gradi di giudizio!)

E i perfidi admins approvano calorosamente! E senza neanche passare dagli Extra. [RV]
L’uomo è una macchina che va a calci in culo
(continua)
inviata da Bartleby 7/6/2011 - 23:04
Downloadable! Video!

Lavorare con lentezza

E' morto oggi per un infarto, nella sua abitazione di Mola di Bari, Enzo Del Re, l'ultimo cantastorie di Puglia. Era nato nel 1944 ed era ammalato da tempo. Musicista autodidatta, Del Re si e' definito un ''corpofonista'' per le sue esecuzioni con voce sola e percussioni, in cui utilizzava oggetti estemporanei come la valigia di cartone o una sedia di legno. Ha lavorato, tra gli altri, con Dario Fo ed Enzo Jannacci
(ANSA)
CCG/AWS Staff 7/6/2011 - 21:51
Downloadable!

Amigo

Testo: Nicolás Guillén
Musica: Marta Contreras

Il titolo della poesia è "Canción"
Amigo ¿querrás decirme
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 7/6/2011 - 21:30
Video!

Tutti in pista

Una della canzoni della mia infanzia (l'ascoltai e l'amai la prima volta quando avevo si e no 11 anni)
Andrea Redskin 7/6/2011 - 20:57
Downloadable! Video!

Il giorno di San Patrizio

Ottima canzone, nulla da dire, ma viene spontaneo chiedersi che ne avrebbe pensato Bobby Sands, socialista, del venire strumentalizzato e "commemorato" da casapound e compagnia bella....
Andrea Redskin 7/6/2011 - 20:45




hosted by inventati.org