Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2011-12-29

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Almost Gone (The Ballad of Bradley Manning)

[2011]
Scritta e interpretata dal vecchio Nash con James Raymond, figlio di David Crosby, in supporto a Bradley Manning, il giovane soldato e informatico statunitense che da quasi due anni si trova detenuto in un carcere militare con l'accusa di aver trasmesso a Julian Assange e a WikiLeaks documenti militari riservati e segreti sulla guerra americana in Iraq.
Anche Amnesty International ritiene che le condizioni di prigionia cui è sottoposto Manning siano eccessivamente severe, ingiustamente punitive ed inumane.
Locked up in a white room, underneath a glaring light
(continua)
inviata da Bartleby 29/12/2011 - 22:40
Downloadable! Video!

War Is Hell (on the Homefront Too)

[1982]
Scritta da Curly Putman, Bucky Jones e Dan Wilson.

"La guerra è l'inferno", così amava dire il generale unionista William Tecumseh Sherman.
Una frase storica la cui fama fu poi rinnovata nel secolo seguente grazie a questa celebre foto di un soldatino americano in Vietnam:

Ma lasciando da parte la "guerra e i suoi orrori", e scivolando sulla piega sessuale appena reintrodotta da Riccardo con Disperato erotico stomp, la canzone in questione - hit delle country charts americane nei primi anni 80 - parla di come a tanto dolore che la guerra sempre infligge alle volte possa trovarsi un po' di consolazione. E di come accada che la guerra possa ogni tanto essere non un'occasione per la solita inutile iniziazione di sangue ma per la prima, la più bella, la migliore, la più indimenticabile trombata! E per giunta con una donna esperta, la ragazza o la moglie di quel vicino di casa che in guerra gli è toccato di andarci davvero!
It was July hot in Georgia in 1942
(continua)
inviata da Bartleby 29/12/2011 - 21:31
Downloadable!

War Song

[1992?]
Album "Death Cows From Hell"
Scritta da Trevor Ayer
Interpretata da Trevor Ayer e Dana Shepard (Death Cows)
Aint got no arms aint got no legs
(continua)
inviata da Bartleby 29/12/2011 - 20:44
Downloadable! Video!

Lucio Dalla: Disperato erotico stomp

[1977]
Testo e musica di Lucio Dalla
Album: Come è profondo il mare


Scale tre alla volta
di Riccardo Venturi

Debbo fare una confessione: era da un bel po' di tempo volevo mettere lo Stomp di Lucio Dalla nel sito. La mia intenzione originaria sarebbe stata quella di scrivere una complicata e acrobatica introduzione per farla passare, usando tutte le arti dialettiche che sono in mio possesso, per una “canzone contro la guerra”; e sarebbe stata una cosa davvero degna del miglior sofista. Mi sarei sicuramente basato sul fatto che esiste Masturbate for peace e, da qui, il mio ragionamento più arzigogolato sarebbe partito fino a raggiungere vette inarrivabili. Poi, dopo un infinito rovello, ho deciso di soprassedere; fino all'altro giorno, quando Marco Valdo e l'Asino Luciano ci hanno fatto conoscere Ricet Barrier e il suo capolavoro “de salle de garde”. Non che in Italia non abbiamo canzonacce... (continua)
Ti hanno vista bere a una fontana
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 29/12/2011 - 20:28
Downloadable! Video!

Fires of Hell (Your Only Son) (or the Futility of War)

[1995]
Album "Sea of Light"
Scritta da Trevor Bolder
Oh I was born your only son
(continua)
inviata da Bartleby 29/12/2011 - 18:07
Downloadable! Video!

Morti bianche

Mi hai lasciato solo,
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:58
Downloadable! Video!

Buffalo Soldier

Bob...... sarai il mio idolo per sempre le tue canzoni sono fantastiche e ci cono ragazzi che le amano nella mia classe ce ne sono 4 ma sono pochi perche tu marti il meglio percio
tutti quelli che ti hanno scritto in questo link faranno diventare tutto il mondo cosi



w.Bob Marley
nicoletta 29/12/2011 - 12:54
Video!

Morti bianche su orizzonti neri (ai caduti sul lavoro)

Testo, voce e fotografia: Marco Cinque
Percussioni: Mathieu Hébrard
Chitarra e fischio(cover "Quello che" dei 99 Posse) e montaggio video: Damiano Spinelli
A grappoli, giù, precipitati
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:49
Downloadable! Video!

Bella Ciao

anonimo
4e. Bella ciao (English translation from Talco's official website)
One morning I awakened
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:40
Downloadable! Video!

Il Treno

[2008-2009]
Album: Mazel Tov

Dal sito ufficiale:

"Il cinema per me è una passione, e me ne sono servito, cercando nel mio piccolo di omaggiarlo, nell’affrontare il tema della deportazione degli ebrei, nell’intento di non sembrare troppo banale in una tematica in cui si potrebbe cadere nel ripetitivo e nello scontato. Train De Vie, è uno dei film che mi ha più entusiasmato, non solo perché sono molto affascinato dalle atmosfere alla Kusturica – anche se il film è di Mihaileanu - ma anche per l’idea dell’immaginazione per evadere da una realtà ingiusta, una tematica che anche in questo caso poteva rimandare anche alla nostra situazione…."

"Cinema is a great passion for me. I have tried to tribute it in addressing the deportation of the Jews so as not to seem trivial in an issue where one might risk being repetitive and dull. Train De Vie is one of the films that impressed me most, not... (continua)
Alla deriva al fin dell’innocenza
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:35
Video!

Thyssenkrupp

Uno, due, tre, quattro
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:29
Video!

Wrap the Green Flag Round Me

Wrap the green flag round me, boys,
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:06

The West's Awake

(Apart from skirmishes in the Wicklow Mountains the 1798 United Irishmen Rebellion was seemingly crushed after the siege and subsequent shelling of the rebels encampment at Vinegar Hill in June 1798.

Two months later however, in August 1798, a small French fleet beached near Killala in County Mayo. Men from Ireland’s most western counties Sligo, Mayo and Galway joined the French army and brought the rebellion back to life.
Initially the combined French-Irish army, commanded by General Humbert, achieved some great successes in a campaign commonly known as the Races of Castlebar. The successes of this small army filled up with untrained civilians, where primarily due to the lack of crown forces in the west. French reinforcements arrived too late and the advance came at a standstill when they met the English forces near Ballinamuck in County Longford. The ensuing Battle of Ballinamuck marked the end of this French invasion of Ireland.)

http://possecomitatus.wordpress.com/page/2/
When all beside a vigil keep,
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 12:03
Downloadable! Video!

For What Died the Sons of Róisín

testo di Luke Kelly
For What Died the Sons of Róisín, was it fame?
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/12/2011 - 11:58
Downloadable!

The War Confessions

An anti-war song from Catman Cohen's 4th CD entitled, "Confessions of a Shadow."
There’s a fury on the waves
(continua)
inviata da Arnold Levine 29/12/2011 - 11:18
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

LAZIALE ROMANESCO / ROMAN LATIUM VERNACULAR / PATOIS ROMAIN

"Sembra più una versione della Sora Lella che di Trilussa." [DQ82]

"It looks more like a version by Sora Lella than by Trilussa [DQ82]

Ça ressemble plus à une version de la Sora Lella qu'à une de Trilussa. [DQ82]

'NDO SO ANNATI I FIORI?
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 23:56
Downloadable! Video!

Osposidda

Ho in mente il ricordo chiaro e vivo di quel giorno, di quel drammatico giorno. Un mese di gennaio freddo, molto freddo, anzi gelido... Tutte le più elementari regole di giustizia umana, furono eliminate assieme ai 'rivoltosi'. La pietà completamente uccisa da chi avrebbe dovuto curarla, non tanto per rinnegare il proprio mestiere, ma di più come principio alla base dell'esistenza stessa. Invece no, la foga di uccidere, di cancellare, di colpire ed eliminare l'errore, ha prevalso su tutto e tutti. Quanto dolore, quanto rimorso e quanti rimpianti saranno stati a venire dopo nelle coscienze di coloro, che il 18 gennaio si sono improvvisati 'eroi' per il solo fatto di avere assaporato il gusto acre e malvagio della coltre nebbiosa lasciata dalla polvere da sparo. E quanto dolore nelle case, povere un pò di tutto... !
Rino 28/12/2011 - 23:25
Downloadable! Video!

Brothers In Arms

Mark Knopfler, John Lennon, Joan Baez, Bob Dylan... la vera musica ha un'anima buona!
Alessandro 28/12/2011 - 21:34
Downloadable!

Itchak El Baz

[2003]
Album: Souk System
Il y a des choses dont on cause, pendant les pauses
(continua)
inviata da giorgio 28/12/2011 - 19:21
Downloadable! Video!

Gandhi

(Smith/Kaye/Ray/Shanahan/Daugherty)
Album: "Trampin'" (2004)
I had a dream Mr King If you'll beg my pardon
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 18:25
Video!

Ad alta voce

“Ad alta voce” è una canzone tesa che denuncia i soprusi fatti da chi indossa una divisa e lo fa vivendo il proprio ruolo ad alta voce
Il giorno è lungo
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 18:22
Downloadable!

Sentieri di versi (pt. 8): Come gli uccelli nel cielo

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Come il bruco è destinato
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:43
Downloadable!

Sentieri di versi (pt. 6): M.o.n.d.o. Bazar

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Macchine, donne, bambini da stuprare, polmoni di bambini…
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:41
Downloadable!

Sentieri di versi (pt. 4): La contestazione

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Il fascista reprime e il borghese amministra,
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:39
Downloadable!

Sentieri di versi (pt. 3): Il boom

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Ministro dell'interno
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:37
Downloadable!

Sentieri di versi (pt. 2): 10Q

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Questurina del mondo
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:36
Downloadable!

CCCP (Cresci Consuma Crepa Porco)

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Ma chi sei se non hai
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:35
Downloadable!

Il dottor Ernesto

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Il dottor Ernesto
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:34
Downloadable! Video!

Geronimo

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Geronimo
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 16:32
Downloadable! Video!

Battalions of Strangers

[1981]
Lyrics & Music by John Watts
Album: Red Skies Over Paradise

Red Skies over Paradise is a 1981 album by Fischer-Z. This was the last album released under the classic line-up, despite the departure of keyboardist, Steve Skolnik. This album featured many songs about politics and several references to the Cold War, the album title and cover in particular..
The album received positive reviews from fans and encouraged band leader John Watts to pursue a solo career, thus ending Fischer-Z until its revival in 1987..
The map has gone
(continua)
inviata da giorgio 28/12/2011 - 15:38
Downloadable! Video!

Ákall

28 dicembre 2011
INVOCAZIONE
(continua)
28/12/2011 - 15:30
Downloadable!

Teschi e ossa

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Molto tempo fa, un uomo di nome Prescott Bush – che apparteneva alla setta degli Skull and bones, i teschi e le ossa – rubò il teschio di Geronimo, l'ultimo grande capo Apache. Questo era l'atto finale di arroganza dell'uomo bianco nei confronti dei pellerossa. Un atto che sanciva la vittoria dei bianchi e l'umiliazione degli indiani, costretti a vivere nelle riserve per non piegarsi alla loro cultura. La leggenda dice che, fino a quando il teschio di Geronimo non tornerà sulla sua testa e l'umiliazione non sarà vendicata, i popoli indigeni saranno sempre schiavi dell'uomo bianco
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 14:33
Downloadable!

Ma(t)rx

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
A ognuno secondo i suoi bisogni,
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 14:31
Downloadable!

Cochabamba

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
Qui, dove il furioso Serna il sangue suo versò,
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 14:30
Downloadable!

Sentieri di versi (pt. 1): La guerra è finita (?)

Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra



Poi dice che U.N.O. si butta a sinistra (ovvero il declino del capitalismo reale) è un disco marxista, ma in un duplice senso: risente delle teorie del filosofo tedesco, ma anche dell’ironia dei fratelli Marx; l’ironia è fondamentale quando si vuole trattare certi temi in una sede poco adeguata come la canzone. Non è un disco politico, nel senso che non prende alcuna posizione politica, anche perché la politica ha smesso già da un pezzo di dare risposte agli interrogativi che il mondo attuale pone all’uomo. «Poi dice che uno si butta a sinistra» è una battuta che il grande Antonio De Curtis in “Totò e i re di Roma” ripete molte volte. Una battuta per gente battuta. Buttarsi a sinistra significa qui, per noi, riconoscersi in tutte quelle realtà storiche (uomini, movimenti o partiti) che hanno lottato affinché la “ragione” dei pochi non prevalesse... (continua)
La guerra è finita, Italiani votate:
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 14:29

Bosnia

Io
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/12/2011 - 14:13
Video!

Let's Get Together

ne esiste anche una versione italiana cantata da loro stessi nel 1967 dal titolo "se qualcuno mi dirà"
Alessandro 28/12/2011 - 12:22
Downloadable! Video!

Πατάω ένα κουμπί

Togliere le parentesi quadre al link
28/12/2011 - 09:40
Downloadable! Video!

Wallflower

si può senz'altro affermare che questa è una delle più grandi canzoni mai scritte.assolutamente meravigliosa
bivox 27/12/2011 - 21:54
Video!

Se veramente Dio esisti

(2010)
Album: Il tempo e l'armonia
Scritta dagli Avion Travel
Signore Mio,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 27/12/2011 - 18:34
Video!

Non è un film

'album "Sud" (gennaio 2012)

con Natty Fred e Frankie HI-NRG MC

Non sono disponibili le parole originali della parte di Natty Fred. Riportiamo la traduzione italiana.
MANNOIA:
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/12/2011 - 18:32
Downloadable! Video!

Crusade

[2004]
Lyrics & Music by Aurelio Voltaire Hernández
Album: Then and Again
Long ago I went to war
(continua)
inviata da giorgio 27/12/2011 - 18:16
Downloadable!

La Savoiarda

D.D.T.
"Per essere pienamente compreso in tutte le sue implicazioni, il gesto di Bresci va inserito nell'epoca e nella temperie culturale e sociale nella quale si verificò. E ciò a maggior ragione rispetto ad altri fatti di minore importanza, visto lo scalpore che suscitò nel mondo intero e le conseguenze che ne derivarono. Anche per questo, lo sguardo dello storico, come quello del militante, deve cercare di assumere una prospettiva e una larghezza di vedute particolarmente aperte e laiche.

Come abbiamo visto le ragioni di Bresci e quelle di Umberto di Savoia e del governo sono più che evidenti e, se dovessimo porle su un'ipotetica bilancia, le prime sono infinitamente più valide e convincenti delle seconde:
- La gratuita spietatezza della repressione, attuata non per perseguire maggiore stabilità sociale e per attutire le contraddizioni esplosive della società italiana, ma solo per raggiungere... (continua)
Riccardo Venturi 26/12/2011 - 22:43
Downloadable! Video!

Hildebrandslied

anonimo
Qui c'è un'altra canzone solo ispirata alla guerra epica tra "father and son" Link
26/12/2011 - 22:04
Downloadable! Video!

Les Spermatozoïdes

Les Spermatozoïdes

Chanson française – Les Spermatozoïdes – Ricet Barrier – 1987
Paroles et musique : Ricet Barrier – Bernard Lelou



Ben voyons, Marco Valdo M.I., mon ami, si je m'attendais à ce que tu me proposes une chanson sur les spermatozoïdes... J'aurais compris une chanson sur les rats, les lions, les éléphants, les kangourous, les fourmis, les araignées, les mouches, les poissons, les baleines, les orques, les hiboux, les hirondelles, les aigles, les militaires même... mais les spermatozoïdes... Te serais- tu armé d'un microscope et lancé dans l'exploration microbiologique ? En somme, que viennent faire ces spermatozoïdes dans les Chansons contre la Guerre ?

Pour répondre à ta question, mon ami Lucien l'âne, cette chanson illustre de la façon la plus péremptoire qui soit le fait que la guerre – du moins celle qu'elle décrit entre les spermatozoïdes – durera autant que les espèces... (continua)
Nous sommes trois cents millions, massés derrière la porte
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 26/12/2011 - 22:04
Downloadable!

Στον πόλεμο βγαίν' ου Ιταλός

Ho scoperto perché mai in questa canzone sia usata la lingua karangounika. Premesso che i Karangounides sono un ramo dei Vlahi, contadini e pastori della Tessaglia, che usavano portare pellicce di montone nero (Kara=nero; gouna= pelliccia: entrambe parole turche), Sofia Vembo aveva appreso una canzone tessala dalla madre e successivamente l'aveva adattata, con la pretesa di metterla nel suo repertorio, come in effetti fece nonostante il disgusto dei suoi musicisti per un canto dialettale di contadinacci tra i più disprezzati. La canzone si intitolava "Στ΄ Λάρισς΄ βγαίν΄ ο αυγερινός" (Esce la stella dell'alba sopra Larissa) ascoltabile qui nella interpretazione di Rozita Serrano. La canzone ebbe un successo imprevedibile, nonostante la strana lingua in cui la Vembo la cantava. Sopraggiunta la guerra, fu facile adattarla alla nuova situazione, e servì egregiamente a mostrare l'avversione anche di questi Greci emarginati per l'Italiano invasore. Interessante questo sviluppo per cui un canto locale diventò patrimonio nazionale.
Gian Piero Testa 26/12/2011 - 21:41
Downloadable! Video!

20.000 Leghe (in fondo al mare)

Che bravo questo Testa. Purtroppo i Testa non sono tutti uguali...
Gian Piero Testa 26/12/2011 - 19:02




hosted by inventati.org