Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2010-9-17

Rimuovi tutti i filtri

Le monde bouge

[1974]
Album "Le monde bouge"
Mais partout le monde bouge
(continua)
inviata da Bartleby 17/9/2010 - 11:10

Joue pas avec mes nerfs

[1979]
Album "Joue pas avec mes nerfs"

Una canzone di indignazione a 360°: la cacciata dello Shah dall’Iran nel 1979, i gulag comunisti, il conflitto mediorientale, la crisi occupazionale in Francia, il ghetto di Varsavia, l’eterna schifezza che è il Potere, l’eterno male che è l’intolleranza e l’eterna lotta che è la vita…
Joue pas avec mes nerfs
(continua)
inviata da Bartleby 17/9/2010 - 10:57

Exterminator

[1992]
Album “BéRANGER”
Dans la steppe au phosphore
(continua)
inviata da Bartleby 17/9/2010 - 09:52

Culture Mickey

[1992]
Album “BéRANGER”

La canzone è dedicata a Jack Lang, per molti anni ministro della cultura e dell’educazione sotto Mitterand e Chirac, quello che iniziò la sua carriera attaccando l’imperialismo culturale americano e la finì inaugurando Disneyland a Parigi e insignendo Sylvester “Rambo” Stallone della medaglia di cavaliere di Francia per le arti e la lettere
J'ai fait un rêve merveilleux
(continua)
inviata da Bartleby 17/9/2010 - 09:48

Combine anti-G

[2002]
Album “Profiter du temps”

L’anti-G è una tuta speciale indossata dai piloti di aerei da caccia e anche dagli astronauti e consente loro di sopportare gli alti livelli di accelerazione cui sono sottoposti all’interno dei loro velivoli. La tuta anti-G serve a prevenire la cosiddetta “ visione nera” (G-induced Loss Of Consciousness), cioè la perdita di conoscenza assai comune fra i piloti fino al primo conflitto mondiale. Oggi le tute anti-G, riempite di liquido, rendono tollerabili accelerazioni fino a 10G…

Siccome che io viaggio con una vecchia Panda che però ai 120 kmh vibra come una lavatrice, ne vorrei assolutamente una di queste tute… dove posso procurarmela?
Le beau pilote, le bel aryen
(continua)
inviata da Bartleby 17/9/2010 - 09:30
Video!

Gimme Hope Jo'anna

poichè la presunzione tipica di una certa mentalità, anche a voi proprio non manca, vi faccio presente, in qualità di una delle "tante" italiane che capisce "bene" l'inglese, così come dite voi, che in inglese la terza persona singolare (riferita a Jo'anna) usa la desinenza s e does nelle forme negative ed interrogative. Questi sono solo i principali errori nel riportare il testo originale. Visto che parlate di pace, tra l'altro, siate più umili e soprattutto invece di andare ad attaccare una sfera religiosa per prevenzione e partito preso (è proprio il caso di dirlo) CERCATE DI SEGUIRE LE ORME DI CHI DI PACE SE NE INTENDE DAVVERO COME GANDHI E MADRE TERESA DI CALCUTTA.
(blu)

Cara blu, intanto stai calmina... Comunque anche chi non sa "benissimo" l'inglese sa che nella lingua parlata e nello slang, soprattutto negli Stati Uniti e probabilmente anche in Sudafrica, la s della terza persona... (continua)
17/9/2010 - 09:26
Downloadable!

Au point de sang

[1980]
Album “Article sans suite”


Parigi, Rue Copernic, 3 ottobre 1980

In Rue Copernic a Parigi c’è una sinagoga e la sede della Union libérale israélite de France, una delle più importanti istituzioni ebraiche di Francia, fondata nel 1907.
La sera del 3 ottobre del 1980, giorno di shabbat, i fedeli si erano riuniti per celebrare la festa di Sim'hat Torah. Alle 18.30, un’esplosione, una bomba piazzata nel bauletto di una motocicletta parcheggiata davanti al tempio. Morirono tre passanti, Jean Michel Barbé, Philippe Bouissou e Hilario Lopez Fernandez, e una fedele, Aliza Shagrir. I feriti furono una cinquantina. L’attentato antisemita fu rivendicato da un gruppuscolo di estrema destra, i Faisceaux Nationalistes Révolutionnaires, ma gli inquirenti si orientarono subito sulla pista mediorientale. Comunque le indagini non portarono a nulla. Solo recentemente il caso si è riaperto con l’arresto... (continua)
Une bombe dans une synagogue
(continua)
inviata da Bartleby 17/9/2010 - 09:06
Downloadable! Video!

Green, Green Grass of Home

VERDE, VERDE ERBA DI CASA
(continua)
16/9/2010 - 22:49
Downloadable!

NN.

[2000]
Álbum: Aktitud Suicida
http://www.antiwarsongs.org/img/upl/92661.jpg

2do track del primer demo grabado por Los Suicidas. Siendo en aquel tiempo un power trio en su formación, el vocalista cumpliendo doble papel como baterista. La banda logro grabar con exito su 1era producción.
Salgo a la calle
(continua)
inviata da giorgio 16/9/2010 - 16:09
Downloadable! Video!

Paris sera toujours Paris

[1939]
Scritta da Albert Willemetz e Casimir Oberfeld, celebre compositore degli “Années folles”, morto nel 1945 nel campo di sterminio di Auschwitz.
Testo trovato su Chansons historiques de France

Parigi durante la guerra: le restrizioni, gli allarmi, il coprifuoco, i monumenti sepolti dai sacchetti di sabbia per proteggerli… mais Paris sera toujours Paris ! Nessuno potrà mai spegnere la “Ville Lumière” !

Recentemente ricantata da Zaz in un album di riproposizioni di vecchie canzoni dedicate alla capitale francese.
Par précaution,
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 15:34

Voyez la grande offense

anonimo
[fine del XVI secolo]
Testo trovato su Chansons historiques de France

Come si è visto a proposito della Complainte de Mérindol, i “poveri di Lione”, i seguaci di Valdo, per sfuggire alle persecuzioni nel XV secolo si erano rifugiati nel selvaggio Luberon, in Provenza, e avevano fatto di paesi come Cabrières-d'Avignon e Mérindol le loro roccaforti. Ma meno di un secolo più tardi i persecutori, il re Francesco I con il barone d’Oppède Jean Maynier, li raggiunsero anche lì: Cabrières e Mérindol furono rasi al suolo e i loro abitanti massacrati. 3000 persone, uomini, donne e bambini, furono passati a fil di spada e i sopravvissuti venduti come schiavi… i campi furono interamente devastati ed il bestiame razziato o ucciso, cosicchè molti altri morirono di fame nei mesi successivi…
Voyez la grande offense
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 15:13
Downloadable! Video!

Así está la cosa

(2003)

Album: Actitud Maria Marta
Así está la cosa
(continua)
inviata da adriana 16/9/2010 - 15:04
Downloadable! Video!

Hijo de desaparecido

(1996)
Album :Acorralar A La Bestia
Dientes apretados cara contraida
(continua)
inviata da adriana 16/9/2010 - 14:28
Downloadable! Video!

Filles d’ouvriers

[1898]
Parole di Jules Jouy
Musica di Gustave Goublier

Cette chanson décrit une vie d'ouvrière semée de malheurs (viol, alcool, prostitution...) depuis son exploitation à l'usine ("chair à travail") jusqu'à sa déchéance physique ("chair à scalpel"). Véritable appel à la révolte, elle dénonce les conditions de vie des ouvrières et condamne le patron, le comparant au tyran Héliogabale, empereur romain dont le règne fut une suite de persécutions et qui finit assassiné par sa garde prétorienne.
Jules Jouy est à lorigine de textes de chansons s'inspirant des faits d'actualité, destinés à être publiés dans les journaux socialement engagés comme “Le cri du peuple” ou “Le parti ouvrier”. La chanson ouvrière est à l'époque un genre si répandu que de nombreux compositeurs s'y exercent. Ainsi, Gustave Goublier, chef d'orchestre à l'Eldorado, puis aux Folies Bergères, accepte-t-il tout naturellement... (continua)
Pâle ou vermeille, brune ou blonde,
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 13:38
Downloadable!

1973

[2007]
Letra: Osamas Drummer
Música: Yerkoivan
Álbum: Okupa Tu Autogestión

5to track del demo 2007 'Okupa tu Autogestión'. Tema grabado en vivo y en directo. Con un toque particular '1973' retrocede en el tiempo quedando en un antiguo rock setentero, y agregandole una letra que recuerda esa fecha trajica y oscura.
¡Corre! ¡Huye! Te siguen...
(continua)
inviata da giorgio 16/9/2010 - 13:33
Video!

Bonhomme!

anonimo
[1882]
Canzone in memoria della Rivoluzione e della Comune di Parigi.
Testo trovato su YouTube
Bonhomme, ne sais tu pas
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 13:18
Downloadable!

Vas-y Léon

[1937]

Canzone con cui Gaston Montéhus - prima pacifista, poi interventista e militarista e quindi tornato al pacifismo finita la prima guerra mondiale (un uomo dei suoi tempi, non c’è che dire…) - esprimeva il suo appoggio a Léon Blum e al Front Populaire, coalizione dei maggiori partiti della gauche, che fu protagonista di una breve stagione di governo subito prima dello scoppio del secondo conflitto.
C'est tout l'pays qui frémit d'impatience
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 13:01
Downloadable!

$hile Es Una Mierda

[2000]
Letra y Música por Osamas
Álbum: Basta De Abusos [2002]

4to track del demo suicida Basta de Abusos, inicialmente esta canción era tocata por la antigua banda de Osamass llamada Bazofia (2000), luego paso al repertorio suicida cuando Osamass se incorpora a la formación suicida.
Inconformancia de un pueblo engañado
(continua)
inviata da giorgio 16/9/2010 - 12:45

Nada Más

[2000]
Letra y Música: Yerkoivan y El Seba
Álbum: Aktitud Suicida

3er track del primer demo suicida, Nada Más es un tema con bastante estilo grunge, marcado por el guitarrista Yerkoivan el cual en aquellos aos era fanatico de esa corriente musical.
Despertando sin saber
(continua)
inviata da giorgio 16/9/2010 - 12:28
Downloadable!

Trato De Poder Lograr

[2000]
Letra y Música: Yerkoivan
Álbum: Aktitud Suicida

4to tema del 1er demo suicida, este track viene ya totalmente cargado al estilo grunge con el toke suicida, compuesto por el guitarrista y cantado por el mismo, demostrando la gran cercania de este personaje con la corriente grunge en aquellos años.
Trantan de crear un mundo
(continua)
inviata da giorgio 16/9/2010 - 12:18
Downloadable! Video!

La Butte Rouge

Posto qui il testo di un'altra canzone di Montéhus appartenente al suo periodo militarista, scelta peraltro condivisa da moltissimi altri socialisti ed anarchici del suo tempo... giusto per rimarcare che razza di ipocrita sia stato l'autore de La Butte Rouge...

LETTRE D'UN SOCIALO (1914)

Le premier choc fut terrible
la mélée indescriptible
on s'est battu comme des fous
j'ai pour ma première bataille
reçu une belle entaille
mais je suis resté debout

Moi qui détestait la guerre
car je suis humanitaire
j'pouvais pas en croire mes yeux
sans vouloir houer à l'apotre
c'est moi qu'entrainais les autres
oui j'étais le plus furieux

C'est pour notre indépendance
que l'on marche sans défaillance
comme si c'était le grand soir
que l'on soit syndicaliste, anarcho ou socialiste
tous, chacun fait son devoir

Certes cela est pénible
quand on a le coeur sensible
de voir tomber... (continua)
Bartleby 16/9/2010 - 12:13

L'homme rouge

[1914]
Testo di Charles-Louis Pothier
Musica di Charles Borel-Clerc

Una canzone patriottica contro i tedeschi aggressori ed il loro kaiser Guglielmo…
“L’homme rouge” rappresenta la riscossa francese, il combattente coperto di sangue, oppure il rosso della resistenza e della vita in contrapposizione al nero dell’aquila imperiale tedesca, della morte e della distruzione…
Sur la grande route, hier, bordée de moissons blondes
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 11:48
Downloadable!

Ingobernables

[2002]
Letra y Música por EL SEba
Álbum: Basta De Abusos

Primer track del demo suicida "Basta de Abusos", Ingobernables esta dedicado a todos los que luchan contra el Estado hostil, especialmente los pueblos indigenas como el Mapuche que desde la invacion española luchan por ser Ingobernables..
En esa absurda sociedad que hemos creado
(continua)
inviata da giorgio 16/9/2010 - 09:50
Video!

La canaille (La chanson des gueux)

[1865]
Album “Chants de révolte - 1796-1935” (1978, ripubblicato nel 2008)
Testo di Alexis Bouvier
Musica di Joseph Darcier

Canto rivoluzionario precursore della Comune di Parigi. Ho attribuito la canzone alla Dubois come interprete perché credo che la sua sia stata la prima incisione. Tuttavia la prima esecuzione fu di Rosa Bordas che nel 1871 la cantò davanti alla “canaille” assiepata nel salone dei Marescialli nel palazzo delle Tuileries. Credo che si sia trattato proprio di uno dei "concerts communards" che si tennero nel maggio del 1871 prima che il palazzo, simbolo del Secondo Impero, venisse incendiato dalla “canaglia pezzente”. Il rogo durò tre giorni e dei fasti di Napoleone III ed Eugenia di Montijo non restarono che le ceneri…

In tempi più recenti la canzone è stata anche interpretata da Marc Ogeret, Francesca Solleville, Serge Utgé-Royo e dal gruppo rap La Canaille (giustappunto).
Dans la vieille cité française
(continua)
inviata da Bartleby 16/9/2010 - 09:23
Downloadable! Video!

Ska de la tierra

2004
Pafuera telarañas
La tierra tiene fiebre necesita medicina
(continua)
inviata da DonQuijote82 15/9/2010 - 23:19
Downloadable! Video!

Caccia alla volpe

dall'album "Album" del 1981

Testo e musica di Maurizio Piccoli

Canzone sulla violenza alle donne
Suoni di passi nella via, lui bussa alla porta
(continua)
inviata da DonQuijote82 15/9/2010 - 23:16

和平歌 [Song For Peace]

CANZONE PER LA PACE
(continua)
inviata da Alessandra Gherardelli 15/9/2010 - 15:49
Video!

Comprenez-vous ? (ou Les reproches de la Tulipe à Madame de Pompadour)

anonimo
[1757?]
Testo trovato su YouTube

Interpretata dai Malicorne

Da taluni attribuita addirittura a Voltaire, questa canzone si riferisce ad un episodio della Guerra dei Sette Anni (1756-1763), la prima vera guerra mondiale, perché coinvolse non solo le potenze europee ma anche i loro possedimenti coloniali.
Nel 1757 a Rossbach, un paese della Sassonia-Anhalt, l’armata francese, pur avendo forze soverchianti, fu massacrata dai prussiani, e tutto a causa dell’inettitudine del suo comandante, tal generale Charles de Rohan-Soubise, posto a capo dell’esercito non per meriti militari ma cortigiani, in quanto protetto di Madame de Pompadour, la potentissima amante di Luigi XV.
Della serie: “quando l’inettitudine dei capi aggiunge macello al macello”
Ovviamente l’inetto generale continuò a restare in sella anche dopo la disfatta e dalle grazie della Pompadour passò a quelle di madame du Barry e... (continua)
Si vous vous contentiez, Madame, de rendre le Roi fou de vous
(continua)
inviata da Bartleby 15/9/2010 - 14:45
Downloadable!

Sorry, Sir

[2004]
Lyrics & Music by Jesse Davis
Album: And Thus The
You place a gun in my hand, and think it makes me a man
(continua)
inviata da giorgio 15/9/2010 - 09:24
Downloadable!

Stocker

[1st Verse]
(continua)
inviata da giorgio 15/9/2010 - 09:19
Downloadable! Video!

Colors

Album: Colors
Data di uscita: 1988
Yo Ease let's do this...
(continua)
inviata da Go-Go Spanky 15/9/2010 - 04:54
Downloadable! Video!

Tammurriata nera

Ancora qualche nota. Certamente il testo, come dice Tiziano, fa riferimento (nella sua parte originale di Nicolardi-Mario) ad un guaio occorso ad una ragazza napoletana e quindi puo' intendersi come una denuncia delle violenze subite da tante donne, anche se trattata con un certo umorismo che tende ad alleggerire la situazione, ma e' pure vero che la seconda parte, quella che si dice sia stata aggiunta da Eugenio Pragliola detto "Eugenio cu 'e llente" (Eugenio con gli occhiali), e' incentrata sulla figura delle "signurine". Questo e' vero in particolar modo quando l'autore le fa parlare direttamente nella strofa

American espresso ( o express)
ramme 'o dollaro ca vaco 'e pressa
sinò vene 'a pulisse,
mette 'e mmane addò vò isse.

E' cosi' ho due considerazioni da fare.
La prima riguarda proprio la strofa citata. Secondo me

mette 'e mmane addò vò isse

sta a rappresentare il fatto che... (continua)
Elena 14/9/2010 - 22:26
Downloadable! Video!

Ambush in the Night

AGGUATO NELLA NOTTE
(continua)
inviata da Patty 14/9/2010 - 21:09
Downloadable! Video!

La presa del potere

Chanson italienne – La Presa del Potere – Giorgio Gaber – 1972

La traduction des chansons , mon cher ami Lucien l'âne, je veux dire de ces chansons qui parlent de leur temps, qui s'essayent à décrypter le monde, cette traduction amène à considérer le monde au temps où ces chansons ont été écrites, chantées... et impose, sans qu'a priori, on s’en aperçoive, de comparer, de mesurer le passé à l'aune du présent. C'est le cas pour la chanson de cette fois.

Je le pense aussi, dit Lucien l'âne. Mais, dis-moi Marco Valdo M.I., où tu veux en venir ou dit autrement, quelle conclusion tu tires d'une telle prémisse ?

Je vais essayer de te répondre clairement, mon bon Lucien l'âne aux oreilles si luisantes qu'on dirait parfois qu'elles ont été lustrées. D'abord, je vais resituer la chanson de Giorgio Gaber. Son titre indique nettement qu'elle réfléchit sur le destin de la société, ici de la société... (continua)
LA PRISE DU POUVOIR
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 14/9/2010 - 14:40
Downloadable!

We Didn't Know (What Was Going On)

[1979]
Traccia aggiuntiva dall’album “TRB Two”

Sembra quasi una risposta molto pessimistica a The Times They Are A-Changin' e What's Going On
Beh, d’altronde in Inghilterra nel 1979, appena aperta la lunga stagione della Margaret “Iron Lady” Thatcher, non si poteva essere certo ottimisti…
The country was in turmoil
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 13:56
Downloadable!

Law & Order

[1979]
Album “TRB Two”
Scritta da Tom Robinson e Dolphin Taylor
Well I'm six foot nothing of muscle and bone
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 13:37
Downloadable!

Sorry Mr Harris

[1979]
Album “TRB Two”

Mr. Harris sta subendo un pesante interrogatorio nel corso del quale il suo aguzzino, un torturatore professionista delle forze dell’ordine, gli prospetta con tono pacato e molto professionale tutte le sofferenze che gli procurerà in mancanza di una sua “spontanea” collaborazione, spiegandogli che un amico arrestato con lui si è impiccato il cella e che hanno pure fermato suo fratello…
I'm sorry if the soldiers have to hurt you, Mr Harris
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 13:32
Downloadable!

Let My People Be

[1979]
Album “TRB Two”

Una canzone dedicata ai movimenti di resistenza latinoamericani che anticipa di un anno “Sandinista!” dei Clash
After the thunder
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 12:39
Downloadable! Video!

Power in the Darkness

[1978]
Album “Power in the Darkness”
Scritta da Tom Robinson e Mark Ambler.
Power in the darkness
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 12:00
Downloadable!

Better Decide Which Side You're On

[1978]
Album “Power in the Darkness”
All you downtrodden people
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 11:56
Video!

Man You Never Saw

[1978]
Album “Power in the Darkness”
Scritta da Tom Robinson e Mark Ambler.

Canzone sul clima di repressione che si viveva nell’Inghilterra di fine anni 70. Inutile ricordare che di lì a poco, nelle elezioni della primavera del 1979 i conservatori della Thatcher avrebbero stravinto con un incremento di oltre l’8%, trascinando con sé anche i fascisti del National Front, unico partito minore ad ottenere un aumento dei consensi (+ 0.2%).
Have you heard an ugly whisper
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 11:53
Downloadable! Video!

Ain't Gonna Take It

[1978]
Album “Power in the Darkness”
Scritta da Tom Robinson e Danny Kustow.

Un appello ai giovani, alle donne, ai gay ad unirsi nella lotta per i propri diritti, in particolare quello all’aborto e alla libera manifestazione della propria sessualità, contro “il veleno del pregiudizio che avvelena questa terra”, il veleno ogni giorno instillato dai fascisti del National Front e dai benpensanti razzisti ed omofobi che li sostengono.
Prejudice poison
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 11:02
Video!

Glad to Be Gay

[1976]
Nell’EP “Rising Free” del 1978
Parole e musica di Tom Robinson

Scritta da Tom Robinson in occasione della London Gay Pride parade del 1976, la canzone divenne subito l’inno del movimento gay britannico.
Il titolo si riferisce allo slogan stampato sulle spillette che circolavano nel movimento a metà degli anni 70.

Tom Robinson ha scritto parecchie versioni di questo suo brano, spesso con cambiamenti minimi nel testo. Rimando quindi chi fosse interessato alla pagina dedicata.
Ho scelto però di riportare qui il testo della demo del 1976, e non quello ufficiale del 1978, perché contiene una strofa in più dedicata a Peter Wells, un gay buttato in prigione perché sorpreso durante un rapporto con un diciottenne. Infatti all’epoca se per gli eterosessuali l’età consentita era i 16 anni, per i gay era invece 21. Nel 1979 Tom Robinson cantò questa versione ad un concerto organizzato per... (continua)
This song is dedicated to the World Health Organization, it’s a medical song and it concerns a disease whose classification according to the International Classification of Diseases is 302.0.
(continua)
inviata da Bartleby 14/9/2010 - 10:47
Video!

Loro sono là

Rarissima esecuzione live - si tratta di un concerto in Polonia - di "Loro sono là", risalente all'epoca dell'uscita dell'album che la contiene:

http://www.youtube.com/watch?v=4QdA3zUtTz4
Alberta Beccaro - Venezia 13/9/2010 - 16:00




hosted by inventati.org