Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2009-2-10

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Malbrough s'en va-t-en guerre

anonimo
Alla luce dell’articolo che segue, propongo che la canzone Mambrú se fue a la guerra, insieme alla versione pure spagnola di Maria Elena Walsh, sia spostata qui.

“Mambron, Mambrù, Malbrouk, Malbrough: una canzone, mille canzoni.

di Enrico Lantelme, sulla rivista “la Beidana: cultura e storia nelle valli valdesi”, n.63, novembre 2008 – “Il francese attraverso il canto”.

Un esempio emblematico di una canzone popolare che sfugge a qualsiasi classificazione territoriale, linguistica e storica è la notissima (anche nel nostro repertorio valligiano) “Malbrough s’en-va-t’en guerre”. Spesso può accadere che testo e melodia di un canto tradizionale seguano strade diverse, dando origine a significative varianti: ma in questo caso si può ben dire che la realtà supera la fantasia, al punto che è praticamente impossibile seguirne le tracce nel corso dei secoli. Infatti queta ben nota melodia è cantata... (continua)
Alessandro 10/2/2009 - 14:27
Downloadable! Video!

Tammurriata nera

Ciao,

Questa è una versione un po' libera, senza rime, e fatta in fretta. La lingua è il portoghese del Brasile, che è diverso dal portoghese europeo e non è un dialetto, così come l'American English non è un dialetto dell'inglese britannico.
Sono brasiliano, figlio di italiani della provincia di Salerno.

Saluti.
TAMBORADA PRETA
(continua)
inviata da Angelo 10/2/2009 - 12:12

Songs of Children Cantata

La Songs of Children Cantata è composta da nove poesie scritte da bambini ebrei internati nel lager di Theresienstadt (Repubblica Ceca), meglio e più tristemente noto come Terezín.

A partire dal 1940 i nazisti allestirono a Terezín prima una prigione, poi un vero e proprio ghetto che servì da da campo di transito per gli ebrei diretti ad Auschwitz e ad altri campi di sterminio.

15.000 bambini passarono per Terezín. Ne sopravvissero solo 150.

"La comunità ebraica di Theresienstadt si assicurò che tutti i bambini deportati potessero continuare il loro percorso educativo. Quotidianamente si tenevano lezioni ed attività sportive; inoltre la comunità riuscì a pubblicare una rivista illustrata, Vedem, che trattava di poesia, dialoghi e recensioni letterarie ed era completamente prodotto da ragazzi di un'età compresa tra i dodici ed i quindici anni. [...]
L'insegnante d'arte Friedl Dicker-Brandeis... (continua)
Only take heed, and keep your soul diligently lest you forget the things which your eyes
(continua)
inviata da Alessandro 10/2/2009 - 09:14

Joseph est toujours là

Chanson française – Joseph est toujours là – Marco Valdo M.I. - 2009

(19 septembre 1943 - Suite en plusieurs tableaux.)

Joseph est toujours là est le résumé et la dernière étape, même si d'autres doivent encore venir s' y insérer, d'un cycle de chansons qui raconte l'histoire d'un jeune Italien qui déserta pour ne pas servir le fascisme; réfugié en France, il fut rendu par les pétainistes aux sbires du régime, emprisonné. Les étapes ultérieures de ce tour d'Italie un peu particulier se prolongent en Allemagne et racontent la suite de l'aventure qui se terminera à Dachau.
Comme on le découvrira ici, ces canzones racontent l'histoire d'un homme, aujourd'hui âgé de 88 ans, mais encore plein de vie, qui habite quelque part loin de l'Italie dans le Limbourg près de la frontière hollandaise, en pays flamand. Il s'appelle encore et toujours Joseph Porcu (en Italie, Giuseppe), il est né en Sardaigne... (continua)
César-Alexandre-Benito voulait guider le monde entier
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 9/2/2009 - 17:04
Downloadable! Video!

Requiem For A Dying Song

Dal disco "Float" del 2008
There's a government whip cracked across your back
(continua)
inviata da DonQuijote82 8/2/2009 - 21:07
Downloadable! Video!

Mis colegas

questa canzone parla della legalizzazione della marijuana!!
nn certo di guerra..
8/2/2009 - 21:03
Downloadable! Video!

(No More) Paddy's Lament

tratto dal disco "Float" del 2008. Il titolo fa riferimento alla canzone Paddy's Lament (By the hush).
Wipe the blood from your lip
(continua)
inviata da DonQuijote82 8/2/2009 - 21:02
Downloadable! Video!

Diamante

DIAMANTE
(continua)
inviata da DonQuijote82 8/2/2009 - 20:16
Downloadable! Video!

Auschwitz (Canzone del bambino nel vento)

Vorrei scaricare questa canzone per inserirla in un lavoro che sto facendo sulla Shoah a scuola. Grazie.

(simone.bercigli@alice.it )

Puoi farlo in modo assolutamente libero. Saluti! [CCG/AWS Staff]
8/2/2009 - 19:19
Downloadable! Video!

Radio Aut

Peppino Impastato è il mio simbolo di rivoluzione.. io in suo nome ho fatto molte cose x cambiare la vita del mio paese.. è un vero esempio di vita e x me un idolo e un punto di riferimento x sempre sarà..!!
"Peppino Peppino 6 morto insieme a noi! Le nostre idee non moriranno maaaiiii!!"
8/2/2009 - 12:55
Downloadable! Video!

Le dormeur du val

Tradukis en Esperanton Kálmán Kalocsay el tiu ĉi retejo.
Arthur Rimbaud
(continua)
inviata da Nicola Ruggiero 7/2/2009 - 22:35
Downloadable!

Anthem For The New Millennium Generation

Album: A Benefit for Victims of Violent Crime (2007)
We stand against every lie they tell.
(continua)
7/2/2009 - 19:59

Juste un survivant

Juste un survivant
Chanson française - Juste un survivant – Marco Valdo M.I. - 2009

(19 septembre 1943 - Suite en plusieurs tableaux.)

Juste un survivant est la onzième étape d'un cycle de chansons qui raconte l'histoire d'un jeune Italien qui déserta pour ne pas servir le fascisme; réfugié en France, il fut rendu par les pétainistes aux sbires du régime, emprisonné. Les étapes ultérieures de ce tour d'Italie un peu particulier se prolongent en Allemagne et racontent la suite de l'aventure qui se terminera à Dachau.
Comme on le découvrira ici, ces canzones racontent l'histoire d'un homme, aujourd'hui âgé de 88 ans, mais encore plein de vie, qui habite quelque part loin de l'Italie dans le Limbourg près de la frontière hollandaise, en pays flamand. Il s'appelle encore et toujours Joseph Porcu (en Italie, Giuseppe), il est né en Sardaigne et connut une vie passablement agitée. Il connaît... (continua)
Deux ans de lager, deux ans,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 7/2/2009 - 19:31

War Outside

There's a war outside I can hear the distant guns tonight,
(continua)
inviata da DonQuijote82 7/2/2009 - 15:52
Downloadable! Video!

Addio mia bella addio

anonimo
Canzoni del tempo che fu , è passato e speriam non torni più , scherzi a parte , alcuni testi pian piano stanno svanendo e bene fate a chiederne il ricordo.
Addio mia bella addio
(continua)
inviata da mario 7/2/2009 - 08:43

Il court, il court...

Il court, il court...

Chanson française – Il court, il court... – Marco Valdo M.I. – 2009

Il court, il court le furet... Il est passé par ici, il repassera par là. Ces vieux bons Aryens vivent encore, tranquilles, tranquilles. On les voit ici, on les retrouve là. On les condamne un peu, beaucoup, pas du tout.
Mais enfin, comme l'on sait, les articles passent, les chansons restent...
Cette comptine, un peu aménagée – le furet est devenu le « tueur », en la matière, il faut appeler les choses par leur nom – je la vois, je l'entends bien chantée par un chœur de voix enfantines et suaves. Manière de rappeler celles de enfants partis en fumée par la cheminée....La chanson du Furet est aussi un jeu où les enfants cachent le furet, cherché par l'un d'entre eux, mais qui passe de main en main de sorte que le furet n'est jamais au même endroit.
Ce qui enfin semble bien être le cas de nos... (continua)
Il court, il court le tueur
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/2/2009 - 23:39
Video!

Venditor di sassi

Il s'agit de la version italienne, plutôt libre sur certains points, du Marchand de Cailloux de Renaud (lequel est un chanteur français). Elle est encore inédite n album, mais Alessio Lega l'emmène déjà dans ses concerts. Il a donné ce titre à son blog – en italien, évidemment, mais pas uniquement – voir son blog.

Ici commence un commentaire de Marco Valdo M.I. - traducteur à ses heures.
Version italienne d'une chanson française... : Dès lors on aurait pu croire qu'elle ne nécessiterait pas elle-même d'être à son tour traduite en français. En somme que la messe était dite... Mais les choses ne sont pas si simples et tout sincèrement, il n'en est rien.
Et si cette traduction en français d'un texte français traduit en italien avait comme premier but de permettre au lecteur de langue et de culture françaises de pouvoir comparer les deux versions : celle de Renaud et celle d'Alessio, elle... (continua)
VENDEUR DE PIERRES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/2/2009 - 22:22
Downloadable!

Lettera di un soldato

cosí come l´ha cantata il grande Domenico Modugno.

Don Pompeo Mongiello

P.S. Oltre ad essere un traduttore dallo slovacco e ceco all´italiano, sono anche un traduttore dalla musica alle parole. Vale a dire un paroliere.
LETTERA DI UN SOLDATO
(continua)
inviata da Don Pompeo Mongiello 6/2/2009 - 19:48
Video!

Primi di luglio, secondo millennio

[2008]
Testo e musica di Carlo Demara
Lyrics and music by Carlo Demara

La pagina MySpace di Carlo Demara.
Quando
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 6/2/2009 - 19:34
Percorsi: Genova - G8
Downloadable! Video!

Come insetti giganti da un'altra galassia

[2008]
Testo e musica di Carlo Demara
Lyrics and music by Carlo Demara

La pagina MySpace di Carlo Demara.
Ci ammazzeranno tutti quanti
(continua)
inviata da Carlo Cabriolu Puddu 6/2/2009 - 18:25

Realpolitik

[2008]
Testo e musica di Carlo Demara
Lyrics and music by Carlo Demara

La pagina MySpace di Carlo Demara.
Sei molto più bella di me
(continua)
inviata da Carlo Cabriolu Puddu 6/2/2009 - 18:23
Video!

Stregato dalla pura grazia dell'amore

[2008]
Testo e musica di Carlo Demara
Lyrics and music by Carlo Demara

La pagina MySpace di Carlo Demara.
Come puoi sentirti forte
(continua)
inviata da Carlo Cabriolu Puddu 6/2/2009 - 18:22

C'eravamo tanto armati

Dev'essere un periodo di estrema malevolenza, perfidia e cattiveria creatività per il nostro Riccardo Scocciante, che stavolta s'inserisce ner dibbàttito sulla recente e sanguinosa invasione isdraeliana della striscia di Gaza (detta "Striscia la Nequizia") con una piccola composizione tratta, udite udite, nientepopodimeno che dalla vecchia e celebre canzone Come Pioveva. Sembra addirittura che il suggerimento gli sia arrivato nel bel mezzo di una segretissima telefonata con Alessio Lega, anche se le notizie al riguardo siano frammentarie. Naturalmente, con la stronzàggine delicatezza che lo contraddistingue, Riccardino Scocciante nostro ha volutamente tirato delle legnate sul groppone parlato con estrema moderazione rispetto a quelli che sono i suoi standard; di questo non possiamo che dargli atto. [CCG/AWS Staff]
C'eravamo tanto armati
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 6/2/2009 - 17:55

Ir merdaiolo

Temo di aver sbagliato l'autore. Si tratterebbe de" La Ghenga". Sono caduta in errore perché sono arrivata al sito di "Rime pisane" cercando i Gatti mezzi (mezzi nel senso di bagnati, non dimezzati)
Silva 6/2/2009 - 12:29
Downloadable! Video!

Il bonzo

a questo link trovate tutta la storia di Thích Quảng Đức e di quella celebre foto...
tonii 5/2/2009 - 18:50
Downloadable! Video!

Fila la lana

Avendo molti fonemi, il Galliatese non è semplice da scrivere.
Per cui chi trova qualche errore può correggerlo.
FIRA ' LÄNA
(continua)
5/2/2009 - 16:55
Video!

Maria nella bottega di un falegname

Chiunque voglia correggerla, può farlo.
MARÎA 'NT 'A BUTÈGA D'UN LIGNAMÉ
(continua)
5/2/2009 - 16:28
Downloadable! Video!

Ero povero ma disertore

anonimo
"P.C., della provincia di Frosinone, anni 24, soldato del 17° fanteria; condannato alla pena di morte col mezzo della fucilazione nella schiena per diserzione in presenza del nemico.
(Tribunale militare di guerra del XXIII corpo d’armata. Ruda, 4 luglio 1917)

Il prevenuto mentre la sera del 6 giugno c.a. si trovava col proprio reparto nelle trincee di Palickisce in prossimità del nemico e mentre sapeva di dover portarsi colla propria compagnia in altre trincee ancor più avanzate del Velicki, si assentava arbitrariamente e scientemente dalle file del reparto, venendo arrestato il giorno 8 stesso mese dai CC.RR. a Papriano.
Il P. C. è comparso avanti il Tribunale macchiato già di una precedente condanna a venti anni di reclusione riportata nel novembre 1915 per codardia.
La pietà degli uomini, sospendendo la pena per il delitto infame commesso, aveva dato la possibilità a lui di redimersi,... (continua)
Alessandro 5/2/2009 - 15:26
Downloadable! Video!

Parlando del naufragio della London Valour

ehm, nella prima strofa ci sarebbe anche da correggere "un amore", senza apostrofo..
ciao
p.
paolo 5/2/2009 - 15:19
Video!

Poca voglia di fare il soldato

"V.A. della provincia di Avellino, anni 26, scultore, possidente, alfabeta, già condannato per reati comuni, sergente nell’82° fanteria; condannato a 6 anni di reclusione ordinaria, lire 2.000 di multa e rimozione dal grado.

Il 27 giugno 1918 spediva dalla zona di guerra una lettera scritta con inchiostro simpatico nella quale così si esprimeva: “Qui la guerra va molto a lungo e non si può sopportare. E’ un macello completo del mio plotone… sono rimasti 5 di 42… non so che santo mi ha salvato in questi giorni… Ho capito che qui si tratta di far macellare la povera gente e per questo si fa la guerra… quando è l’ultimo siamo chiamati stupidi pure che abbiamo fatto tanto, chi l’ha capito si è già dato da fare e chi ha voluto la guerra resta a casa sua, oppure imboscato, i pover stupidi sitrovano qui a combattere…” ecc.; e continua in altro punto: “A me interessa più di tutto la vita… chi è... (continua)
Alessandro 5/2/2009 - 14:12

Fraternité

P.G. della provincia di Agrigento, anni 20, calzolaio, soldato del 140° fanteria: condannato a 5 anni di reclusione militare;
M.G. della provincia di Reggio Emilia, anni 21, contadino, caporale nel 140° fanteria: condannato a 20 anni di reclusione militare;
R.G. della provincia di Marsala, anni 36, contadino, soldato nel 140° fanteria: condannato a 5 anni di reclusione militare;
V.C. della provincia di Caltanisetta, anni 37, contadino, soldato nel 140° fanteria: condannato a 5 anni di reclusione militare.

Durante le giornate del 23 e 24 giugno 1917 militari del 3° battaglione del 140° fanteria si erano messi in contatto con militari nemici, scambiando con essi parole e oggetti (pane, limoni, tabacco), e trattenendosi in cortesi conversazioni.
Venute a conoscenza del fatto le superiori autorità, il comando del reggimento emanava ordini severissimi per impedire in modo assoluto ogni ulteriore... (continua)
Alessandro 5/2/2009 - 13:56
Downloadable!

Christmas 1914

D.B. della provincia di Salerno, anni 33, decoratore, coniugato, censurato, caporalmaggiore del 129° fanteria; condannato a 1 anno di reclusione militare; C.M. della provincia di Avellino, anni 24, contadino, censurato, coniugato, caporale del 129° fanteria, condannato a 1 anno e 1 mese di reclusione militare; M.E. della provincia di Arezzo, anni 23, celibe, già condannato per rifiuto di obbedienza, soldato del 129° fanteria, condannato complessivamente a 8 anni di reclusione.

La notte tra il 19 e il 20 dicembre un plotone della sesta compagnia del 129° fanteria rilevava da una trincea di monte Zebio un reparto del 130° fanteria. La neve era così abbondante che aveva coperto le feritoie e impediva di far fuoco. Fu proposto di scavare gradinate sulla neve per poter salire sopra le trincee e costruirvi degli appostamenti per i tiratori. Durante i lavori il caporalmaggiore D.B. ebbe vaghezza... (continua)
Alessandro 5/2/2009 - 13:22
Video!

Chansons de La bande à Bonnot: 02. Les joyeux bouchers

“C.A. della provincia di Livorno, anni 23, marinaio, celibe, soldato del 57° artiglieria; condannato a 4 mesi di reclusione.
Nel giugno 1916 spediva un manoscritto dal titolo “S’io fossi mamma – Ai coscritti” che contiene, fra l’altro, le seguenti frasi: “S’io fossi mamma ed avessi un figlio che dovesse andare in guerra ad uccidere esseri umani per i capriccio e l’interesse dei governanti…”, “…hai l’obbligo di rifiutarti di fare l’assassino…”, “…se mio figlio ubbidisse inconsciamente al comando dei macellai di carne umana…”, “… tua madre non ti stillò brutali sentimenti di vendetta nel cuore… non ti viziò il sangue con feroci pregiudizi di superiorità e di oppressione, mai ti inculcò nell’animo canaglieschi sentimenti di patriottismo bellicoso… la guerra è la più feroce esplosione della cagnesca vendetta e della superstiziosa brutalità, l’assassinio legalizzato…”.

Così si legge nella motivazione... (continua)
Alessandro 5/2/2009 - 13:09
Downloadable! Video!

Le Déserteur

"G. E., di Torino, anni 21, legatore, celibe, incensurato, soldato nel 2° genio; condannato all’ergastolo per tradimento.
Nell’ottobre 1917 e posteriormente facendo tra i militari propaganda per la conclusione della pace, raccogliendo offerte destinate a sovvenire un giornale che notoriamente propugnava la pace a ogni costo, tentava di togliere alle truppe la necessaria forza di resistenza per agire e per difendersi contro il nemico."

Da "Sentenze dei tribunali militari italiani durante la prima guerra mondiale". Documenti dell'archivio centrale dello Stato. Testo a cura di Gioacchino Maviglia. Luciano Manzuoli Editore, Firenze (1972/1973). Collana della Biblioteca del Lavoro, a cura de gruppo sperimentale coordinato da Mario Lodi. (Lire 1.250)
Alessandro 5/2/2009 - 11:19
Downloadable! Video!

Mike Harding: Christmas 1914

“Era Pasqua, era primavera e c’era la guerra: italiani e austriaci si fronteggiavano sul Carso, rintanati nelle opposte trincee, attenti ad ogni mossa del nemico. Tutta la notte l’artiglieria e la fucileria avevano crepitato e ora, alba del giorno di Pasqua, tutto taceva: sembrava che, per un segreto accordo, italiani e austriaci intendessero festeggiare la ricorrenza.
Durante tutta la mattinata durò il silenzio; i soldati avrebbero potuto mettersi a cavalcioni sull’orlo della trincea a fumare le sigaretta, sicuri di arrivare indisturbati fino alla cicca.
In quel silenzio un soldato italiano, Molòn, salì sopra i sacchetti a terra della trincea e incominciò a fare degli strani gesti verso gli austriaci: con le segnalazioni che si fanno a braccia usando l’alfabeto internazionale augurava la Buona Pasqua ai nemici.
Quasi subito uscì dalla trincea austriaca un soldato che si mise a fare gesti... (continua)
Alessandro 5/2/2009 - 11:01
Downloadable! Video!

Prendi il fucile e gettalo per terra (Gran dio del cielo)

anonimo
"Gruppo di 7 giovanissimi contadini della provincia di Belluno, celibi, incensurati; 2 condannati a 5 anni e 7 mesi di reclusione ordinaria, 5 a 2 anni.
Gli accusati la sera del 21 gennaio 1917 si recavano nei pressi dell'accampamento di Bassanese, dove trovavasi a riposo il 2° battaglione del 136° fanteria, ed ivi intonavano ad alta voce una canzone che aveva per ritornello 'prendi il fucile e gettalo a terra, vogliamo la pace e non più la guerra'.
E' rimasto assodato che i prevenuti cantavano quella nefasta canzone, la quale non poteva avere altro scopo che quello di riuscire sediziosamente suggestiva per i soldati, oltre che scandalosa e pericolosa".

Da "Sentenze dei tribunali militari italiani durante la prima guerra mondiale". Documenti dell'archivio centrale dello Stato. Testo a cura di Gioacchino Maviglia. Luciano Manzuoli Editore, Firenze (1972/1973). Collana della Biblioteca del Lavoro, a cura de gruppo sperimentale coordinato da Mario Lodi. (Lire 1.250)
Alessandro 5/2/2009 - 08:16
Video!

Mahmoud Darwish / محمود درويش : Bitaqat Hawiyyah / Identity Card

Anche al Polo Nord si è manifestato per Gaza: la manifestazione più a nord del mondo a Longyearbyen, capoluogo delle isole Svalbard

L'articolo tratto dal quotidiano online delle isole Svalbard, Svalbardposten, il quotidiano più a nord del mondo redatto in lingua norvegese, mostra la manifestazione che si è svolta a Longyearbyen il 19 gennaio scorso, durante la notte polare (che nell'arcipelago dura dal 14 novembre al 29 gennaio) ed alle quali hanno preso parte ottanta persone. Si fa presente che la popolazione totale di Longyearbyen ammonta a 2060 persone. La temperatura, secondo lo Svalbard Weather Report, quel giorno ha avuto una massima di -21°C ed una minima di -33°C. Le isole Svalbard sono situate ad una latitudine di circa 81°N.

Riportiamo l'articolo scritto dal giornalista Torill Ustad Stav:

Mellom 70 og 80 personer møtte fram for å vise sin støtte til sivilbefolkningen i Gaza under... (continua)
CCG/AWS Staff 5/2/2009 - 00:16

Signé Vittorugo

Signé Vittorugo
Chanson française - Signé Vittorugo – Marco Valdo M.I. – 2009
tirée d'un récit de Riccardo Venturi : « Victor Hugo ».

Riccardo Venturi prétend urbi et orbi qu'il est mon camarade et mon ami. Cela me réjouit grandement, j'en augure les meilleures choses et je le remercie publiquement de ces très estimables compliments.
Il m'a fait cadeau de deux photos d'Elbe. Elles ouvrent de sublimes perspectives. Elles me rappellent le couvent abandonné que j'ai failli acheter là-bas au-dessus du Golfe de Gênes. J'ai failli acheter, mais je n'avais pas assez d'argent. On peut toujours rêver, n'est-ce pas. C'était pas cher cependant, mais bien trop cher pour moi. Que faire quand on n'en a pas ? Passer son chemin et continuer en rêvant.
Un vrai potlatch qu'on est en train de faire. Je lui fais , à mon tour, un cadeau, dont j'espère sincèrement qu'il lui chauffera le cœur. C'est une canzone.... (continua)
Un an de plus, un ami en moins
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I 4/2/2009 - 22:58
Downloadable!

Bergen-Belsen moje

Version française – BERGEN-BELSEN – Marco Valdo M.I. – 2009
D'après la version italienne de Riccardo Venturi – 2009

Le camp de Bergen-Belsen ( ou plus communément Belsen) était un camp de concentration nazi situé dans la Basse-Saxe, au sud-est de la ville de Bergen, près de Celle. Entre 1943 et 1945, on estime que 50.000 personnes moururent dans le camp, dont 35.000 de typhus dans les cinq premiers mois de 1945.

Au camp de Bergen-Belsen, entre autres, moururent l'écrivain et peintre Josef Čapek, la jeune Anne Frank et sa sœur Margot.
L'acteur et cinéaste Roberto Benigni est fils d'un ex-déporté du camp de Bergen-Belsen.
BERGEN-BELSEN
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 4/2/2009 - 19:47
Downloadable! Video!

Emigration song

Per DonQuijote 82. Ovviamente la canzone non te la abbiamo potuta approvare...perché c'era già :-) Cogliamo l'occasione per raccomandare a tutti i collaboratori di verificare con un "cerca" approfondito (ad esempio impostando parole chiave) se una data canzone non sia già presente nel sito.
CCG/AWS Staff 4/2/2009 - 19:09
Video!

Welcome in Occident

da "King of Bongo" (1991)
C'mon you little eastern bird
(continua)
inviata da DonQuijote82 4/2/2009 - 17:14
Downloadable! Video!

Red Army Blues

London April 1982
On "A Pagan Place" and "The Whole Of The Moon"

Years after this song was released I received a letter from a Russian man who said every word of the song was true except the line "It's not how many Germans you kill that counts, it's how many people you set free"(first verse). He told me "people went to the war to kill Germans". I realize that when I wrote the song I allowed youthful idealism to distort the sense and truth of the song with an out of context pacifist sentiment. I have now changed it. Mike Scott)

Al Stewart's 1974 song "Roads to Moscow" tells a very similar story. Both songs are based upon the book The Diary of Vikenty Angorov.
When I left my home and my family
(continua)
inviata da DonQuijote82 4/2/2009 - 16:35
Downloadable! Video!

#36 (Everyday)

[1999]
Dal live album "Listener Supported"

Una canzone dedicata a Chris Hani, dirigente di "Umkhonto we Sizwe", l'organizzazione armata dell'ANC sudafricano, assassinato su mandato di un parlamentare segregazionista, Clive John Derby Lewis.
Yeah, yeah I scream...
(continua)
inviata da Alessandro 4/2/2009 - 14:35
Downloadable!

No More War

Singolo del 1978.

Il musicista e produttore roots reggae giamaicano Prince Far I era certamente uno tosto, uno che cantava le cose chiare e che, seppur politicamente impegnato, disdegnava le battaglie fra partiti e fazioni che alla fine degli anni '70 insanguinavano le strade di Kingston e dell'isola intera... Nel 1983 dedicò il suo ultimo album alla lotta contro l'apartheid in Sudafrica, intitolandolo all'organizzazione di resistenza armata "Umkhonto we Sizwe" (o MK), espressione dell'African National Congress. Ma prima che l'album vedesse la luce, Prince Far I fu trucidato nella sua casa di Portmore da assassini rimasti sconosciuti. Si parlò di una vendetta per un debito non saldato, ma sono molti a pensare che si sia trattato di un omicidio politico...
Demagog rules mean: war
(continua)
inviata da Alessandro 4/2/2009 - 14:19

Los Macheteros/Spear of A Nation

[2009]
Album "Gutter Tactics"

La prima strofa riporta le date delle azioni dei cosiddetti “Macheteros”, i militanti del Boricua Popular Army, organizzazione clandestina armata portoricana, nata sulle ceneri delle FALN (Fuerzas Armadas de Liberación Nacional), che propugna la liberazione di Puerto Rico dalla soggezione statunitense. L’FBI ancora oggi cataloga “Los Macheteros” tra i gruppi terroristi. Il capo storico dell’organizzazione è stato Filiberto Ojeda Ríos, ucciso dagli agenti federali statunitensi nel 2005, citato nella prima parte del coro del brano, insieme ad altri dirigenti dell’organizzazione.

La seconda parte del coro riporta invece i nomi dei dirigenti di “Umkhonto we Sizwe”, “Spear of the Nation” in inglese, il braccio armato dell’African National Congress sudafricano.

La seconda ed ultima strofa si riferisce alle azioni armate condotte dai militanti di Umkhonto we Sizwe e si chiude con la loro sospensione nel 1990, in vista della fine del sistema di apartheid.
December 11th 1974: 336 East 110th Street East Harlem.
(continua)
inviata da Alessandro 4/2/2009 - 13:42

Who Medgar Evers Was...

[2009]
Album "Gutter Tactics"
Tell the truth, you never knew who Medgar Evers was...
(continua)
inviata da Alessandro 4/2/2009 - 13:13




hosted by inventati.org