Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2008-12-16

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable!

Child Prisoners

Album: Dissidence [2007]

An urgent appeal to free the almost 400 Palestinian children locked up in Israeli jails, often without a formal charge and without proper legal procedures.
Take Huda - She was taken in a raid
(continua)
inviata da giorgio 16/12/2008 - 20:25
Downloadable! Video!

Mappe della libertà

[2008]
Album: Un'intesa Perfetta
Stavo in macchina ascoltando la mia radio preferita
(continua)
inviata da adriana 16/12/2008 - 19:38
Downloadable! Video!

Enea Super Rap

[2008]
Album: Un'intesa Perfetta
Questo è il rap di Enea, ooh Enea super rap
(continua)
inviata da adriana 16/12/2008 - 19:14
Downloadable! Video!

Mio fratello è figlio unico

Magyar nyelvre fordította Riccardo Venturi
2008-12-16án
TESTVÉREM EGYKE
(continua)
16/12/2008 - 18:22
Downloadable! Video!

Tommy Gun

La traduzione italiana non tiene conto del fatto che "Tommy Gun" è uno dei soprannomi del fucile Thompson: http://it.wikipedia.org/wiki/Mitra_Thompson

(da dove spunta fuori "Tommy Cecchino"?!)
;-)
Valerio 16/12/2008 - 17:06
Downloadable! Video!

I Shall Be Released

Versione di Francesco De Gregori, reintitolata "Come Il Giorno", presente sul secondo cd (live) del triplo album del 2003 intiolato "Mix".
COME IL GIORNO
(continua)
inviata da Alessandro 16/12/2008 - 13:19
Downloadable! Video!

We Are The World

e' una canzone bellissima
ralf790@libero.it 16/12/2008 - 13:04
Downloadable! Video!

Free Palestine

Album: The Musical Intifadah [2003]
Don't you think I see that my enemy
(continua)
inviata da giorgio 16/12/2008 - 12:15
Video!

Gimme Hope Jo'anna

..il mio nome è Joana,i miei genitori hanno deciso di darmi questo nome nel 1988,appunto quando sono nata;sicuramente anche loro credevano fosse una bella canzone d'amore,come daltronde anche io ho sempre pensato,oggi finalmente so che il mio nome e soprattutto il testo di questa canzone hanno radici molto più profonde e una vera storia..collegata alla città di Johannesburg,invocata come una "nuova terra promessa".
Joana,dalla bellissima terra lucana 16/12/2008 - 11:41

War In Iraq

Celebriamo la fine della presidenza di quel cane di Bush a suon di scarpe e di canzoni!

[2004]
Album: "Songs in the Key of W"

The George W. Bush Singers are probably one of my favorite discoveries in the last year. It's a chorus whose songs are all rather intricate arrangements built around actual quotes from George W. Bush. For example, they'll sample a sound byte of Bush saying something like, "I hope we're not headed to war in Iraq," and then they'll sing it in glorious harmony, backed by instruments that play anything from honky tonk to jazz and funk. If you want to laugh with your protest music, this is for you.
(from "Top 16 Songs Protesting Bush & the War in Iraq").
You said we're headed to war
(continua)
inviata da Alessandro 16/12/2008 - 10:43
Downloadable! Video!

When Will We Be Paid (For the Work We’ve Done)?

[1970]

This Staple Singers classic brings to light the entirety of African-American history until that point, including slavery, the construction of the railroads, and highways, and demands payment and reparations for the horrors and exploitation of the working class African Americans. "We fought in your wars ... to keep this country free for women, children, man ... When will we be paid for the work we've done?"

from Civil Rights Songs
When will we be paid for the work we've done?
(continua)
inviata da Alessandro 16/12/2008 - 08:41
Downloadable!

Intifadah

Testo trovato su di una pagina dell'Università del Minnesota.

Il sito dell'autore, un musicista olandese di origini palestinesi.
Occupation is a hazardous game
(continua)
inviata da Alessandro 16/12/2008 - 08:17
Video!

La lotta continua

[1991]
Album: Le radici e le ali

Ho notato che questa canzone mancava... Forse soffre un po' dell'ambiguità delle parole "lotta" e "insurrezione". Dovrebbe essere chiaro che si parla di lotta politica e culturale dall'ultimo ritornello "INTORNO A NOI LA LOTTA CONTINUA, DENTRO DI NOI LA LOTTA CONTINUA". Però è anche vero che dal vivo (questa canzone è datata 1991) diventa in Iraq la lotta continua, o in Afghanistan la lotta continua, e allora l'ambiguità rimane o forse aumenta ancora. Io ve la segnalo comunque in fondo come diceva Troisi ne "Il postino" ""La poesia non è di chi la scrive, è di chi gli serve..."
Per il pane e le rose
(continua)
inviata da Donquijote82 16/12/2008 - 08:07
Video!

We Are Not Dead


“To resist is to create. To create is to resist.” It’s now been 9 years since SLIVER started rocking on Belgian, French, German and Luxemburger scenes ; with always the same idea : using art and creation as resistance, music as a weapon. “Their riot scream floating like a flag,” SLIVER continue to sing their ideas with rockin’ hardcore as a soundtrack (and also in paper “communiqués” distributed for free at gigs and elsewhere). The band has played more than 100 shows in Europe since 1999 (with Feverish, Death Before Disco, Guerilla Poubelle...) and has released 6 self-produced records and now works with the Belgian label we are all liars records (distribution: Bang!) which released their latest EP: “Kamikaze” (reviewed in Rock Sound, Rock One, Abus Dangereux, Shoot me Again, Metalorgie…). As for the texts and ideas of the band, they even crossed the Atlantic Ocean and were noticed by the... (continua)
we can just beg
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 16/12/2008 - 01:12

Music Is A Weapon


“To resist is to create. To create is to resist.” It’s now been 9 years since SLIVER started rocking on Belgian, French, German and Luxemburger scenes ; with always the same idea : using art and creation as resistance, music as a weapon. “Their riot scream floating like a flag,” SLIVER continue to sing their ideas with rockin’ hardcore as a soundtrack (and also in paper “communiqués” distributed for free at gigs and elsewhere). The band has played more than 100 shows in Europe since 1999 (with Feverish, Death Before Disco, Guerilla Poubelle...) and has released 6 self-produced records and now works with the Belgian label we are all liars records (distribution: Bang!) which released their latest EP: “Kamikaze” (reviewed in Rock Sound, Rock One, Abus Dangereux, Shoot me Again, Metalorgie…). As for the texts and ideas of the band, they even crossed the Atlantic Ocean and were noticed by the... (continua)
20 something cigarettes
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 16/12/2008 - 01:05

General Programming


“To resist is to create. To create is to resist.” It’s now been 9 years since SLIVER started rocking on Belgian, French, German and Luxemburger scenes ; with always the same idea : using art and creation as resistance, music as a weapon. “Their riot scream floating like a flag,” SLIVER continue to sing their ideas with rockin’ hardcore as a soundtrack (and also in paper “communiqués” distributed for free at gigs and elsewhere). The band has played more than 100 shows in Europe since 1999 (with Feverish, Death Before Disco, Guerilla Poubelle...) and has released 6 self-produced records and now works with the Belgian label we are all liars records (distribution: Bang!) which released their latest EP: “Kamikaze” (reviewed in Rock Sound, Rock One, Abus Dangereux, Shoot me Again, Metalorgie…). As for the texts and ideas of the band, they even crossed the Atlantic Ocean and were noticed by the... (continua)
general programming
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 16/12/2008 - 00:56

Cash/Crash


“To resist is to create. To create is to resist.” It’s now been 9 years since SLIVER started rocking on Belgian, French, German and Luxemburger scenes ; with always the same idea : using art and creation as resistance, music as a weapon. “Their riot scream floating like a flag,” SLIVER continue to sing their ideas with rockin’ hardcore as a soundtrack (and also in paper “communiqués” distributed for free at gigs and elsewhere). The band has played more than 100 shows in Europe since 1999 (with Feverish, Death Before Disco, Guerilla Poubelle...) and has released 6 self-produced records and now works with the Belgian label we are all liars records (distribution: Bang!) which released their latest EP: “Kamikaze” (reviewed in Rock Sound, Rock One, Abus Dangereux, Shoot me Again, Metalorgie…). As for the texts and ideas of the band, they even crossed the Atlantic Ocean and were noticed by the... (continua)
this thing between you and I
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 16/12/2008 - 00:49
Video!

Battlefield

Direi che potrebbe essere inserito il testo dell'intera suite della side one di Tarkus...

Cito da en.wikipedia: "Greg Lake stated in an early interview that he viewed Tarkus as a representation of the military-industrial complex, and that his lyrics were about that, and about the futility of war and strife."

Se credete, ecco qui il testo integrale:

Part 1: Eruption

Part 2: Stones of Years

Has the dawn ever seen your eyes?
Have the days made you so unwise?
Realize, you are.

Had you talked to the winds of time,
Then you'd know how the water rhyme,
Taste of wine,

How can you know where you've been?
In time you'll see the sign
And realize your sin.

Will you know how the seed is sown?
All your time has been overgrown,
Never known.

Have you walked on the stones of years?
When you speak, is it you that hears?
Are your ears full?

You can't hear anything at all.

Part 3: Iconoclast

Part... (continua)
Alessandro 15/12/2008 - 10:07
Video!

Blackbird

[1968]
Album: "The Beatles (White Album)"

Paul McCartney scrisse questa canzone come reazione alle tensioni razziali esplose negli USA nella primavera del 1968.

Durante il tour statunitense "Back In The U.S." del 2002, McCartney ha spiegato che la canzone fu scritta per sostenere il Movimento per i diritti civili americano, che aveva avuto molta eco in Europa e sulla stampa britannica. In particolare - ha spiegato il Beatle - la canzone fu scritta per Rosa Parks, la "blackbird" che il 1 dicembre del 1955 salì su un bus e si sedette nella parte riservata ai bianchi, rifiutando poi di spostarsi al fondo dell'automezzo, parte riservata alla gente di colore.
Durante i concerti, alle spalle della band, venivano proiettate immagini di Martin Luther King, Rosa Parks e degli scontri con la polizia durante le manifestazioni del Movimento...

A Woodstock, nel 1969, è stata interpretata magistralmente a tre voci da Crosby, Stills & Nash.
Blackbird singing in the dead of night
(continua)
inviata da Alessandro 15/12/2008 - 08:55
Downloadable!

Wasteland Of The Free

[1996]
Album: "The Way I Should"
Living in the wasteland of the free...
(continua)
inviata da Alessandro 15/12/2008 - 08:28
Downloadable! Video!

Township Rebellion

[1992]
Dal famosissimo album di debutto della band di Los Angeles.
Rebel, rebel and yell
(continua)
inviata da Alessandro 15/12/2008 - 08:17
Downloadable! Video!

Enola Gay

Ormai compaio solo da queste parti. Sono un abitudinario, che volete farci.
Però mi trovo in difficoltà: come membro della razza umana, di questa specie biologica, proprio non mi ritrovo. Sarà il mio provincialismo latente (e vi prego di condonarmelo), ma di "umano", in me, non sento niente.
Essere "umani" che cos'è? Che vuol dire abbandonare "questa o quella Nazione, Continente o Fede"? E in favore di cosa? Dell'umanità tutta? E cos'ha in più, questo spettro, che il luteranesimo, il Pakistan o l'Oceania non hanno?
Mi rifiuto di considerare me stesso e i miei cari come membri del consorzio umano tanto amato dai razionalisti di ogni epoca.
Perché dovrei avere a cuore, da uomo, le sorti dell'umanità più di quanto non abbia a cuore, da polinesiano, le sorti della Polinesia?
Mi state dicendo che, da esseri umani a esseri umani, saremmo, fondamentalmente, gli eredi della "religione dell'amore",... (continua)
mazzu 15/12/2008 - 02:32
Video!

Arbeit macht frei (il lavoro rende liberi)

---Maggiore Rudolf Höß, come si sente ricordato così?
>
Quante anime passate sotto quei cancelli, quante?! Direi... molti. Lavorare per la prosperità altrui, sto amando il prossimo come me. In alternativa, una bella respirata di Zyklon B, dicono che curi i reumatismi. (IG Farben, che bacchettoni!)
Oh Diefenbach, Diefenbach, Diefenbach... l'eroe del suo romanzo trova la strada della virtù tramite il lavoro. Ebbene sì, l'unico modo di trovar virtù è quello di lavorare e lasciarsi morire, lasciarsi abbracciare da quel dio del tetragramma, o dalla natura, o dall'ideale, o dall'amore. Quanto si sono sentiti liberi coloro che sono sopravvissuti?
Nelle tue miserie riconoscerai il significato di un arbeit macht frei. La etra economia e la quotidiana umiltà ti spingono sempre verso arbeit macht frei. La consapevolezza ogni volta di più ti farà vedere cos'è arbeit macht frei...
VIVA L'ETICO... (continua)
ΔΙΩRAMA Poco Ligio All'Ufficialità! 14/12/2008 - 23:07

Bushism

But you provoked us so try this shoe flood!
Ma tu ci hai provocato, perciò prova quest'alluvione di scarpe!


(BBC video, 2008/12/14)

Shoes thrown at Bush on Iraq trip

Lancio di scarpe a Bush durante il viaggio in Iraq

"A surprise visit by US President George Bush to Iraq has been overshadowed by an incident in which two shoes were thrown at him during a news conference.

An Iraqi journalist was wrestled to the floor by security guards after he called Mr Bush "a dog" and threw his footwear, just missing the president.

The soles of shoes are considered the ultimate insult in Arab culture."
CCG/AWS Staff 14/12/2008 - 21:19
Video!

Military Man

[1985]
Album "Run for Cover".
con Phil Lynott dei Thin Lizzy
Mama take a look at your boy, he's a military man
(continua)
inviata da Alessandro 14/12/2008 - 14:22
Downloadable! Video!

Kepone Factory

[1981]
Album "In God We Trust, Inc."

Il Kepone, o chlordecone, è un insetticida altamente cancerogeno prodotto dalla Allied Signal Company di Hopewell, Virginia ed utilizzato in tutti gli USA tra il 1966 e il 1975, anno in cui fu bandito a causa della sua tossicità.
Ma il Kepone persiste nell'ambiente in cui è stato utilizzato per oltre 30 anni ed ancora oggi sono molti i casi registrati di patologie derivanti dal Kepone, specie tra le famiglie di agricoltori in Virginia.

Nel brano, Jello Biafra e i suoi Kennedys Morti fanno riferimento anche alla strage di Minamata, località giapponese dove aveva sede la fabbrica chimica Chisso Corporation, che tra il 1932 e il 1968 rilasciò nelle acque della locale baia una quantità spaventosa di metilmercurio. Il veleno causò un'intossicazione collettiva con devastanti effetti neurologici che si trasmisero per via genetica ai bambini nati da genitori... (continua)
I finally found a job in the paper
(continua)
inviata da Alessandro 14/12/2008 - 13:58
Downloadable! Video!

La ballata del Pinelli

Vive l'Anarchie! - Chansons révolutionnaires et anarchistes
Présenté par Insurrection Prolétarienne

LA BALLATA DEL PINELLI - 1969
(BALLADE DE L’ANARCHISTE PINELLI)

Paroles et musique : plusieurs auteurs avec plusieurs versions, dont Giancorrado Barozzi, Dado Mora, Flavio Lazzarini, Ugo Zavanella, David Turcato et Joe Fallisi.

Depuis les années 30 en Italie, les gouvernements réactionnaires et fascistes accèdent régulièrement au pouvoir grâce au soutien de la maffia, de francs-maçons, des industriels et financiers, ainsi que du Vatican. En conséquences de quoi les militants et les membres d’organisations dites subversives sont impitoyablement harcelés et parfois liquidés. Avec la chute de Mussolini et la peur du bloc communiste, des réseaux para-militaires se sont mis en place en Italie, comme dans la plupart des pays européens. Suite à d’importants et violents mouvements sociaux en 67,... (continua)
BALLADE DE L'ANARCHISTE PINELLI
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/12/2008 - 02:06
Video!

Millie Pulled A Pistol On Santa

Singolo del 1991.

Millie è una ragazzina abusata dal padre.
Millie cerca aiuto ma nessuno le crede: il padre è un brav'uomo - dicono - che fa pure il volontario al Macy's store travestito da Babbo Natale, per intrattenere i bambini.
Allora Millie capisce che nessuno la aiuterà e che è venuto il momento di agire da sola...
Si procura una pistola, entra da Macy e spara a Babbo Natale...

Un'altra lieta canzoncina... Merry Christmas!
"If you will suck my soul
(continua)
inviata da Alessandro 14/12/2008 - 01:29
Downloadable!

Christmas In Baghdad

[2007]

... ed ecco una bella canzoncina di Natale!
Christmas in Baghdad can be such a drag
(continua)
inviata da Alessandro 14/12/2008 - 01:13
Video!

Emigration song

Chanson anglaise – Emigration song – Reds – 1988

Version française – La chanson de l'émigrant – Marco Valdo M.I.
Chanson italienne – La canzone dell' emigrante – Gang – 2006

Extrait de la présentation de l' album « Cosmopoli » :

Aujourd'hui plus qu'alors, nous pouvons chanter que « COSMOPOLI EST NOTRE FUTUR ». Nos pères ont connu la pire des violences : le déracinement. Être arraché de sa propre terre et de ses propres racines est depuis toujours la condition première pour ensuite être humiliés, aliénés, exploités, rendus esclaves.
Nos pères furent échangés comme viande de boucherie pour la « Reconstruction ». Ils furent tenus par la faim et contraints pas le besoin d'émigrer.

Ensuite, ils réussirent à transformer la pierre, le fer en pain.
La même histoire se répète aujourd'hui et va dans l'autre sens. Ce sont d'autres aujourd'hui qui émigrent, contraints par la faim, la guerre et... (continua)
CHANT DE L'ÉMIGRATION
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 13/12/2008 - 15:24




hosted by inventati.org