Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2008-1-22

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Can We Go Higher ?

Nenad Bach wrote this song when war in Croatia broke out.
Its meaning is to get above the eavil and hatred in the world. In addition, he has performed all over the world with a wide range of artists, including Luciano Pavarotti, Bono & The Edge (U2), Brian Eno, Indigo Girls, Richie Havens, Garth Hudson & Grateful Dead, Martin Sheen, Michael York, John Malkovich, Ellen Burstyn, and many more. He performed at Woodstock '94, and in 1998 he made a compilation album with Bruce Springsteen, Leonard Cohen and Allen Ginsberg.
A thousand candles in the air
(continua)
inviata da Teo Zokvich 22/1/2008 - 23:24
Downloadable! Video!

Beautiful That Way

secondo me questo film è stato stabiliante anche se certe volte non ho guardato poichè mi sono messa ha piangere. Per chi non abbia ancora visto questo film (LA VITA è BELLA) corra subito a vederlo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

(chiara)
22/1/2008 - 18:15
Downloadable! Video!

La riva bianca, la riva nera

HO 38 ANNI E MIA MADRE LA CANTICCHIAVA SEMPRE! LA VOCE DELLA ZANICCHI FA VENIRE I BRIVIDI FORSE PERCHE' LEI VIENE DA UN PAESE VICINO AL NOSTRO E L'ACCENTO E' UGUALE. COMUNQUE BELLISSIMA! BRAVO E GRAZIE A CHI ME L'HA FATTA TORNARE IN MENTE
SIMONETTA 22/1/2008 - 17:41

Ballata della pace

Scritta e utilizzata per uno spettacolo dei frati cappuccini dell’Emilia Romagna negli anni settanta. In stile “deandreiano”, resta una delle più belle canzoni in assoluto sul tema pace-guerra. Non risulta purtroppo registrata da nessuna parte. L’autore, frate cappuccino, è stato vicedirettore della bellissima rivista “Messaggero Cappuccino” e oggi vive nei campi nomadi della periferia di Bologna.
Il re grande sovrano mandò i suoi cavalieri
(continua)
inviata da paolo predieri 22/1/2008 - 16:12
Video!

All Africa



"We Insist! Freedom Now", al quale parteciparono musicisti del calibro di Abbey Lincoln, Coleman Hawkins e Olatunji, è un disco seminale, colonna sonora del movimento per i diritti civili degli afro-americani che nel 1960 era nel periodo di massimo fulgore:

"[...] Nel 1960 Roach compose e incise per la Candid 'We Insist! Freedom Now Suite', un lavoro basato sui testi del poeta e cantante Oscar Brown, Jr e scritto in occasione del centenario della "proclamazione di emancipazione" di Abraham Lincoln. Un'operazione così esplicita, per l'epoca (anche per quanto riguarda la copertina del disco, veramente provocatoria), contribuì all'inserimento di Roach nella 'lista nera' dell'industria discografica americana nella seconda metà degli anni Sessanta, e lo costrinse a diradare la sua presenza in studio d'incisione. [...]"
(La citazione in questa introduzione è tratta da it.wikipedia).


We Insist!... (continua)
The beat has a rich and magnificent history,
(continua)
inviata da C. Viadel 22/1/2008 - 15:20
Downloadable! Video!

Freedom Day



"We Insist! Freedom Now", al quale parteciparono musicisti del calibro di Abbey Lincoln, Coleman Hawkins e Olatunji, è un disco seminale, colonna sonora del movimento per i diritti civili degli afro-americani che nel 1960 era nel periodo di massimo fulgore:

"[...] Nel 1960 Roach compose e incise per la Candid 'We Insist! Freedom Now Suite', un lavoro basato sui testi del poeta e cantante Oscar Brown, Jr e scritto in occasione del centenario della "proclamazione di emancipazione" di Abraham Lincoln. Un'operazione così esplicita, per l'epoca (anche per quanto riguarda la copertina del disco, veramente provocatoria), contribuì all'inserimento di Roach nella 'lista nera' dell'industria discografica americana nella seconda metà degli anni Sessanta, e lo costrinse a diradare la sua presenza in studio d'incisione. [...]"
(La citazione in questa introduzione è tratta da it.wikipedia).


We Insist!... (continua)
Whisper, listen, whisper, listen,
(continua)
inviata da Carles Viadel 22/1/2008 - 14:45

Famine

People die without Hope
(continua)
inviata da C. Viadel 22/1/2008 - 14:25

We Like the Flowers

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
We like the flowers, we like the vegetables
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/1/2008 - 14:15
Downloadable!

We are Gentle Angry Women (Singing For Our Lives)

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
We are gentle angry women
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/1/2008 - 13:32

At the Peace Camp

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
When you're alone and life is making you lonely,
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/1/2008 - 13:17

Chant Down Greenham

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
35 women, campers for peace
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/1/2008 - 13:09
Downloadable! Video!

Refuse/Resist

22 gennaio 2008
RIFIUTARE/RESISTERE
(continua)
22/1/2008 - 02:56

Eroe caduto

che dire, molto molto bella
22/1/2008 - 00:03
Downloadable! Video!

Let The Sunshine In / The Flesh Failures

Ci guardiamo l’un l’altro affannati col fiato mozzo, camminando orgogliosi nei nostri vestiti pesanti che puzzano di laboratorio, di fronte a una nazione che sta morendo, di malinconici sogni di carta, ascoltando nuove bugie con grandi visioni di melodie melanconiche.
(continua)
inviata da Mario Todisco (Cava dei Tirreni, SA) 21/1/2008 - 20:57
Video!

Working Class Hero

John Lennon era troppo per quei tempi.
Figurarsi per oggi.
Mi manca.
Mi mancano quelle canzoni tanto semplici come tanto profonde.
Chalda Pnuzig 21/1/2008 - 16:03
Downloadable! Video!

We Are The World

ogni volta che ascolto questa canzone, la sua melodia, il suo significato mi vengono i brividi, è bella bella bella!!!!!!!! :-)
Bene 21/1/2008 - 13:46
Downloadable! Video!

Peace On Earth

Brano composto da Coltrane nel 1966 dopo la sua visita al Sacrario di guerra a Nagasaki.


Si parla di quella visita e del brano in questa recensione al libro di Wu Ming 1 intitolato "New Thing"

"C’è una foto di John Coltrane scattata nel luglio del 1966 al Parco Memoriale di Guerra a Nagasaki. Il gigante del jazz è assorto, ritratto in preghiera sul luogo in cui, nel 1945, un bombardiere americano sganciò quell’ordigno di morte sinistramente battezzato ‘Fat Man’. Ho pensato a lungo a questa immagine (in realtà mai vista dai miei occhi, poi “ritrovata” nel capitolo 18: L’uomo dei fantasmi), fin da quando nell’ultimo scorcio del 2001 ebbi notizia dell’inizio dei lavori intorno al primo libro ‘solista’ di Wu Ming 1, aka Roberto Bui, membro fondatore del collettivo Wu Ming. Devo esserci arrivato collegando (più o meno) inconsciamente il crollo delle Twin Towers al suono di Peace on earth,... (continua)
inviata da Alessandro 21/1/2008 - 12:03

Oh, Mr. Rich !

Many times I’ve seen
(continua)
inviata da C.Viadel 21/1/2008 - 11:40

Money Drives The World

It’s completely true
(continua)
inviata da C:Viadel 21/1/2008 - 11:38
Downloadable! Video!

Sueños

SONHOS
(continua)
inviata da Marcia 21/1/2008 - 11:28
Downloadable! Video!

Ho visto un re

La più popolare versione di questa canzone è tuttora sicuramente quella incisa nel 1968 da Enzo Jannacci nel 45 giri della ARC (casa sussidiaria della RCA) (il relativo video è visibile nell'apposita sezione)

L'arrangiamento - a sua volta godibilissimo - è di Luis Bacalov (che all'epoca, assieme ad Ennio Morricone, si occupava della quasi totalità degli arrangiamenti e delle orchestrazioni in RCA), ed è di recente così stato commentato dallo stesso Bacalov nel libro "C'era una volta la RCA" (2007), di Maurizio Becker, editore Coniglio, pagina 163:

Becker: Però i suoi arrangiamenti di quel periodo sono bellissimi e tutt'altro che standard ...

Bacalov: Forse perchè mi sforzavo di immettere qualcosa di diverso, di ispirarmi alla mia formazione classica. Con Jannacci ad esempio mi sono divertito molto.

Becker: C'è un arrangiamento che giudica significativo, in questo senso?

Bacalov: Quello di "Ho visto un re": seppur in maniera molto semplificata, è una rivisitazione di un certo modo di scrivere tipico di Stravinsky.
Alberta Beccaro - Venezia 21/1/2008 - 03:41
Downloadable! Video!

Lyndon Johnson Told the Nation

20 gennaio 2008
LYNDON JOHNSON HA DETTO ALLA NAZIONE
(continua)
21/1/2008 - 00:06
Downloadable! Video!

Disastro aereo sul canale di Sicilia

Nessuna relazione tra una canzone di De Gregori ed il disastro aereo di Montagna Longa, è una bufala.
Qualcuno ha supposto che Francesco De Gregori avesse scritto la canzone "Buona notte Fiorellino", dedicandola alla prima moglie deceduta nel disastro aereo di Montagna Longa.
Non è così.
Luciano 20/1/2008 - 22:03
Downloadable! Video!

General Custer

20 gennaio 2008
IL GENERALE CUSTER
(continua)
20/1/2008 - 21:56
Downloadable! Video!

Mestizaje

grazie mille !!!!!!!!
la traduzione è perfetta!!!!!
kiocciolina 6 la mia salvezza tvtttb(ske)
ALBERTO 20/1/2008 - 21:19
Video!

The Byrds: He Was A Friend Of Mine

[1965]
The Byrds

Ho appena scoperto questa canzone; il sito AllMusic mi dice che è di McGuinn/Traditional; il sito in cui ho trovato il testo che è di McGuinn/Crosby. Non so dirvi quale sia la versione giusta. La canzone è nell'album "Turn! Turn! Turn!" del 1965 e ve la invio, qualunque sia il mio/vostro giudizio su JFK e sulla violenza dell'assassinio politico.

Penso che sia un adattamento di un traditional cantato anche da Dylan
L.

Una lunga, lunghissima riflessione prima di approvare la canzone seppure fra gli "Extra". Da un lato, certo, l'assassinio di JFK considerato generalmente un "uomo di pace" (crisi di Cuba ecc, new frontier ecc.; per dirla con Guccini, "i due Giovanni e pace un po' alla buona"); dall'altra il fatto che questo "uomo di pace" fu pur sempre quello che ordinò l'invasione della Baia dei Porci. Forse la cosa più corretta da dire è che JFK altro non fu che un...presidente.... (continua)
He was a friend of mine, he was a friend of mine
(continua)
inviata da Renato Stecca 20/1/2008 - 16:24
Downloadable!

My Son John

20 gennaio 2008
MIO FIGLIO JOHN
(continua)
20/1/2008 - 14:38
Downloadable! Video!

Brigante se more

vorrei dire a quel gran signore di Bennato di non sparare cavolate!!!e soprattutto di non appropriarsi di una canzone popolare della mia terra di cui lui non e' originario!!!!solo xche' ha successo!!!
cosi ha fatto con altre canzoni o tarante dice che son tutte sue!!!! ma perfavore!!!non ci faccia ridere signor Bennato!!!
(lady)

Ora, noi non lo sappiamo se il sig. Bennato legga o meno questo sito, e questa pagina in particolare. Pensa un po' però, lady, se lo facesse; e se magari arrivasse qui con tutti gli estremi del deposito alla SIAE [che iddio non l'abbia in gloria!] della canzone, i manoscritti, le registrazioni ecc...; cioè, ti rendi conto di quel che stai dicendo? Si può discutere quanto si vuole sull'origine di questa canzone, ma stai accusando un artista di plagio. Ti dico allora che ogni artista attinge comunque le sue fonti alla tradizione popolare; la quale, propriò perché è "popolare", è patrimonio libero di tutti quanti. Insomma, cerca di essere un po' più cauta! Saluti! [CCG/AWS Staff]
19/1/2008 - 17:07
Downloadable!

Ascoltate o popolo ignorante

anonimo
Composizione da cantastorie sulla stessa melodia assunta consuetamente da Addio padre e madre addio e, con minor frequenza, da O Gorizia tu sei maledetta, con le quali canzoni ha d'altronde più strofe in comune.

L'informatore ha cantato in altra occasione anche questa strofa (quale seconda):

Quando il foglio ci giunse in chiamata
sotto l'armi ben noi si tornò
per l'Italia da noi tanto amata
di combattere il cuore giurò


Portatore: Vittorio Renoldi (Belochio). Ricerca e registrazione di Gianni Bosio. Acquanegra sul Chiese (Mantova), 11 dicembre 1965. Depositato all'Istituto Ernesto De Martino.
(note tratte dal libretto di "Ci ragiono e canto")

cirag


Ascoltate o popolo ignorante
(continua)
19/1/2008 - 16:45
Downloadable! Video!

Blowin' in the Wind

ITALIANO [4 - Andrea Buriani]




Versione italiana (o "traducanzone") di Andrea Buriani
Italian version (or "translasong") by Andrea Buriani
RISPOSTE NEL VENTO
(continua)
inviata da Andrea Buriani 19/1/2008 - 16:02
Downloadable! Video!

Uno come noi

NON HO PAROLE
PACIFISTA
nO gLOBAL 19/1/2008 - 14:05
Video!

Electric Funeral

FUNERALE ELETTRICO
(continua)
inviata da Adriano 18/1/2008 - 20:14
Downloadable! Video!

Sono nata il ventuno a Primavera

[2005]
Poesia di Alda Merini
A poem by Alda Merini
Musica e orchestrazione di Giovanni Nuti
Music and Orchestration by Giovanni Nuti


Con una dedyca a noi folly
di Ahmed il Lavavetri

Noi siamo nati il ventuno a Primavera, oppure il venticinque in autunno, il sette in estate o il quindici in inverno. Siamo nati sempre, perché siamo completamente pazzi, matti, folli, straniti, esagitati, cupi, infuocati, mesmerici, lattiginosi, verdi, levitanti, e non ci accontentiamo di realtà precostituite. Zolle? Noi apriamo qualsiasi cosa. Tempesta? Scateniamo anche la calma, la bonaccia, la pacificità che dichiarano più vento, quando ci sta, quando ci va, di un ciclone tropicale. Noi folly, che sovvertiamo le vocali, che innalziamo persino beffardi canti agli dèi quando il buio della mente sembra inghiottire ogni cosa, quando l'oscuro si fa vincente. Non ci resta che fabbricarcela, una luce tutta... (continua)
Sono nata il ventuno a primavera
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 18/1/2008 - 18:34
Video!

Le beatitudini

RINO VIVE
FEDE78 18/1/2008 - 17:37

Year Of Change

In a brilliant spring of 1968,
(continua)
inviata da C.Viadel 18/1/2008 - 13:22
Downloadable! Video!

Dogs Of War

[1995]
Album: "Dogs of War"
Lyrics/Testi: Byford/Glockler
Music/Musica: Saxon
Come to the reaper sing the song
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 17/1/2008 - 21:32
Video!

Walk On

Una canzone che ha assunto nel tempo un doppio significato: nata come omaggio ad Aung San Suu Kyi, la leader del movimento per il ritorno della democrazia nel Myanmar, nel 2001 è diventata una canzone simbolo della reazione del popolo statunitense agli attentati dell'11 settembre.

Altre canzoni su Aung San Suu Kyi:
Operation Visit Myanmar - Walk On - Aung San Suu Kyi - Guns and Bombs - Aung San Suu Kyi - Per San Suu Kyi - Lady, Lady - Suddenly - Peacock


Dall'album "All That You Can't Leave Behind" del 2000.

"The song was written about and dedicated to Aung San Suu Kyi. It is written in the form of a supporting, uplifting anthem, praising her for her activism and fighting for freedom in Myanmar. She has been intermittently under house arrest since 1989 for her efforts. Due to the political tribute of this album, those in Myanmar caught with possession of either the single for this song... (continua)
And love is not the easy thing
(continua)
inviata da Alessandro 17/1/2008 - 09:40
Video!

Sergio Endrigo: Mille lire

[1980]
Testo di Sergio Endrigo
Musica di Sergio Bardotti
Album: "...e noi amiamoci"

Mille lire, mille lire, che bellezza, ma si doveva cantare "Giovinezza"...
Ragazzina che mi salti addosso
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/1/2008 - 22:24
Downloadable! Video!

Waiting On The World To Change

16 gennaio 2008
ASPETTANDO CHE IL MONDO CAMBI
(continua)
16/1/2008 - 21:04
Video!

Chissà se è vero

Il brano "Chissà se è vero" è solo da poco reperibile su supporto CD nella sua versione originale anni Sessanta; per la precisione è contenuto in una peculiare compilation della Warner, uscita nel 2005 ed intitolata "Le più belle canzoni di Enzo Jannacci", contenente solo brani dello Jannacci antecedente al grande successo popolare ottenuto nel 1968 con "Vengo anch'io, no tu no":
Alberta Beccaro - Venezia 16/1/2008 - 13:09

Peaceable Kingdom

Un brano che fa riferimento agli attentati dell'11 settembre 2001. Dall'album "Vapor Trails", registrato nel corso del 2001 e uscito nel maggio 2002.
Away toward the clearing the sky
(continua)
inviata da Alessandro 16/1/2008 - 09:38
Downloadable!

Misteri paradisiaci



Il testo è ripreso dal Deposito - Canti di lotta, sito gemello.
In Paradiso ci succedon fatti strani
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/1/2008 - 01:50
Downloadable! Video!

Lowlands Of Holland

anonimo
15 dicembre 2008
LAMENTO DELL'AMANTE ADDOLORATA
(continua)
15/1/2008 - 23:19




hosted by inventati.org