Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2007-9-2

Rimuovi tutti i filtri
Video!

From The Cradle To The Grave

DALLA CULLA ALLA TOMBA
(continua)
inviata da Kiocciolina 2/9/2007 - 21:37
Downloadable!

L'insurgé

Own translation.

Regards,

Lander Vander Linden
Belgium


Dear Lander, as we do not accept translation variants we have opted for "rebel". Thank you for your excellent translation. [RV]
THE REBEL
(continua)
inviata da Lander Vander Linden 2/9/2007 - 19:21
Downloadable!

Un pueblo que camina

Bibliografia/Discografia
Testo italiano: Centro Catechistico Salesiano - Musica: J.A. Espinosa - Da: "Canzoni dell'uomo nuovo", ed. Elle Di Ci (1972)- Edizione originale: Editorial Apostolado de la Prensa, Madrid.
UN POPOLO CAMMINA
(continua)
inviata da Gabriele Guccione 2/9/2007 - 15:59

La mano più forte

A Carlo Giuliani, ragazzo
Da quando l'Inferno bussò alle tue porte
(continua)
inviata da adriana 2/9/2007 - 14:32
Percorsi: Genova - G8
Downloadable! Video!

Redemption Song

Complimentandomi con i realizzatori della pagina, ricordo e invito all'ascolto della cover di Chris Cornell in occasione di un concerto europeo unplugged.
Fabio 2/9/2007 - 13:44
Downloadable! Video!

No Bravery

Semplicemente F-A-N-T-A-S-T-I-C-A
Andrea 2/9/2007 - 13:29
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

CECO / CZECH [2] - ladystrass.unas.cz

La versione ceca proveniente da questo sito
Czech version from this site.

Nepochybně nejoblíbenější píseň vojáků během II. světové války. Lili Marleen se stala neoficiální hymnou pěšáků obou válčících stran.
Původní německý text pochází z básně Píseň mladé hlídky z I. světové války od německého vojáka Hanse Leipa (narozen 22. 9. 1893 v Hamburku, zemřel 6. 6. 1983 ve Švýcarsku). Napsal tyto verše předtím, než odešel na ruskou frontu v roce 1915. Spojil v ní jméno své dívky Lili (dcera kupce), se jménem ošetřovatelky nazývané "Marleen", dívkou svého přítele, která se jednou, když byl na stráži, procházela v noční mlze.
Báseň byla vydaná v roce 1937 v jeho sbírce poezie. Tehdy upoutala pozornost Norberta Schultze (narozen 1911 v Braunschweigu, zemřel 17. 10. 2002), který ji v roce 1938 zhudebnil.

Schulze byl již bohatý a slavný, když napsal "Děvče... (continua)
LILI MARLEEN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/9/2007 - 03:23
Downloadable! Video!

La Chanson de Craonne

anonimo
Ricordiamo che nel 2003 la Chanson de Craonne è stata incisa in un singolo da Maxime Le Forestier.

Altri interpreti famosi della canzone sono stati Mouloudji e Marc Ogéret.
Riccardo Venturi 1/9/2007 - 22:12
Video!

È arrivata la bufera

[1939]
Testo e musica di Renato Rascel

«"La Bufera" nacque in Africa Orientale quando Rascel conobbe Italo Balbo che era allora Governatore della Libia. Renato gli pose la domanda che tutti gli italiani avevano sulla bocca: "L'Italia entrerà in guerra al fianco dell'alleato tedesco?". Balbo rispose con perfetto accento emiliano: "Mo senta mo bene, signor Rascel, se l'Italia fa la guerra con Hitler io mi taglio i cosiddetti...". Rascel tornò in Italia e disse a tutti di stare tranquilli, ma quando la guerra arrivò non gli rimase che cantare "È arrivata la bufera / è arrivato il temporale / chi sta bene e chi sta male / e chi sta come gli par!"» (Giancarlo Governi in "TuttoRascel", Roma, Gremese, 1993)
Nel 1939, durante una pausa in camerino, Renato Rascel scrive di getto le prime strofe di quella che suona come un'altra delle sue surreali filastrocche: "È arrivata la bufera / è arrivato... (continua)
Quando scende in ciel la sera
(continua)
inviata da Archimede Pitagorico 1/9/2007 - 18:55
Video!

Αγρίμια κι αγριμάκια μου

anonimo
Trascrizione fonetica con assecuzione del canto

[ a'γrimña kj.aγri'makja."mu
(continua)
1/9/2007 - 16:33
Downloadable! Video!

Zombie di tutto il mondo unitevi

[1977]
Dall'album omonimo
Scritta assieme a Ricky Gianco
E attraverso i muri
(continua)
inviata da Mohamed il Lavavetri 1/9/2007 - 15:10
Downloadable! Video!

Iris e Silvio

Inno del Battaglione Partigiano "Silvio Corbari"

Italia, la vita che ci hai data
Noi siamo pronti a ridonar;
Per liberarti patria amata
Noi siamo pronti a tutto osar.
Una è la fede, l'ardimento
Per noi divisa ormai sarà
E correremo al gran cimento
Quando Lui vorrà.

Va, Corbari, va,
Niun ti fermerà;
La tua schiera ardita e forte
Pur la morte sfiderà.
Va, Corbari, va,
Niun ti fermerà;
L'Italia ti illumina il cammino.
Che il destino segnò.

Noi siam gli invitti partigiani
Dal cuore saldo nel pugnar,
Fuggite via repubblicani
E' duro il ferro dell'acciar.
Siamo gli alfieri della gloria
Che ormai s'irradia alle città,
Spicca già il volo la vittoria
Luce e civiltà.

Va, Corbari, va,
Niun ti fermerà;
La tua schiera ardita e forte
Pur la morte sfiderà.
Va, Corbari, va,
Niun ti fermerà;
... (continua)
1/9/2007 - 15:03
Downloadable! Video!

L'orologio del dottor Guida

[1969]
L’orologio del dottor Guida
(continua)
inviata da Mohamed il Lavavetri 1/9/2007 - 14:58
Downloadable! Video!

Amore vittorioso

Anno della prima pubblicazione: 1591 in Balletti a cinque voci (No.10)
Tutti venite armati
(continua)
inviata da Luciano Filippi alias Gildo dei Fantardi 1/9/2007 - 12:18
Downloadable! Video!

Zvijezda na Balkanu

Anche Adriano Sofri ci ha vissuto dentro, per la precisione tra le macerie di Sarajevo ... forse da lì era difficile avere una prospettiva diversa dal "non fecero abbastanza" e non invocare i bombardieri americani.

Per quanto mi riguarda, concordo con tutto il resto ... ancora una volta inquieta come a essere dotati di un minimo di lucidità il film era già chiaro dal 1989.

Mario

PS: quest'estate attraversando il Kosovo, il mio pullman montenegrino si è fermato in un posto tappa di fianco a tre pullman carichi di albanesi (facevano la tratta Skopje-Pristina-Tirana). Abbiamo mangiato vicini, fumato insieme, pagato in Euro. Con mia sorpresa, a Belgrado ho trovato in vendita per strada il documentario della BBC che racconta come si arrivò a quel macello. Come nel 1945, quando non restano che macerie è possibile ripartire da zero e ricostruire ...
Mario Ferrero 1/9/2007 - 00:59

Targato Na

Magari non è una poesia..ma valeva la pena citarla...no?
Daniela 31/8/2007 - 11:20
Downloadable! Video!

Solstizio di Nassirya

Testo e musica di Salvatore Azzaro.

Canzone stupenda per la pace a Nassirya.
Una canzone che contiene quattro canzoni: "Solstizio di Nassirya", "Quel mazzolin di fiori", "Sciuri, sciuri", "Bella ciao".
Fantastica!!!
Buon giorno o mia dolce amata
(continua)
inviata da Salvo 31/8/2007 - 02:23
Downloadable!

Non c'è il mare

Da "Çiùscia -Il Satiro Danzante"
(Testo e Musica: Salvatore Azzaro)


Vi proponiamo l’album di un cantautore siciliano, Salvatore Azzaro, “Ciùscia-Il Satiro danzante”, un insieme di sonorità e contenuti culturali e sociali, che ha per sfondo la Sicilia e le sue vicende di vita e di morte.

MUSICA E IMMAGINI TRA STORIA E LEGALITA’
Salvatore Azzaro è un cantautore pop-folk siciliano che ama la cultura della sua terra e i buoni esempi, soprattutto quando sono rappresentati da coloro che combattono o che hanno combattuto contro la mafia. Il suo ultimo lavoro, autoprodotto, “Ciùscia- Il satiro danzante”, è un insieme di sonorità diverse, che accompagnano i differenti scenari descritti dalle canzoni. E’ possibile rinvenirvi le melodie tipicamente pop di “Mia principessa”, più vicine allo stile del suo primo album, “Io non sono Adriano”; le atmosfere caratteristiche della musica folk siciliana,... (continua)
“…ho molte perplessità
(continua)
inviata da salvo 31/8/2007 - 01:57
Downloadable!

Figlio ImPastato d'amore

Figlio impastato d’amore
-Testo e Musica: Salvatore Azzaro-
versione: 7 dicembre 2004 - a donna Felicia.


Vi proponiamo l’album di un cantautore siciliano, Salvatore Azzaro, “Ciùscia-Il Satiro danzante”, un insieme di sonorità e contenuti culturali e sociali, che ha per sfondo la Sicilia e le sue vicende di vita e di morte.

MUSICA E IMMAGINI TRA STORIA E LEGALITA’
Salvatore Azzaro è un cantautore pop-folk siciliano che ama la cultura della sua terra e i buoni esempi, soprattutto quando sono rappresentati da coloro che combattono o che hanno combattuto contro la mafia. Il suo ultimo lavoro, autoprodotto, “Ciùscia- Il satiro danzante”, è un insieme di sonorità diverse, che accompagnano i differenti scenari descritti dalle canzoni. E’ possibile rinvenirvi le melodie tipicamente pop di “Mia principessa”, più vicine allo stile del suo primo album, “Io non sono Adriano”; le atmosfere caratteristiche... (continua)
Oh Dio che è stato quel tuono
(continua)
inviata da Salvo 31/8/2007 - 01:50
Downloadable!

Çiùscia

Çiùscia
-Il Satiro Danzante-
(Testo e Musica: Salvatore Azzaro)


Vi proponiamo l’album di un cantautore siciliano, Salvatore Azzaro, “Ciùscia-Il Satiro danzante”, un insieme di sonorità e contenuti culturali e sociali, che ha per sfondo la Sicilia e le sue vicende di vita e di morte.

MUSICA E IMMAGINI TRA STORIA E LEGALITA’
Salvatore Azzaro è un cantautore pop-folk siciliano che ama la cultura della sua terra e i buoni esempi, soprattutto quando sono rappresentati da coloro che combattono o che hanno combattuto contro la mafia. Il suo ultimo lavoro, autoprodotto, “Ciùscia- Il satiro danzante”, è un insieme di sonorità diverse, che accompagnano i differenti scenari descritti dalle canzoni. E’ possibile rinvenirvi le melodie tipicamente pop di “Mia principessa”, più vicine allo stile del suo primo album, “Io non sono Adriano”; le atmosfere caratteristiche della musica folk siciliana,... (continua)
Ddassutta, intra ô mari scuru, çiùscia lu ventu,
(continua)
inviata da salvo 31/8/2007 - 01:43
Downloadable! Video!

This Is War

questa canzone è bellissima! e il testo tradotto è pieno di significato! grazie...
crespo 30/8/2007 - 23:41
Downloadable! Video!

Louisiana

da "Litfiba 3" (1988)
Testo e musica di Antonio Aiazzi, Ringo De Palma, Gianni Maroccolo, Piero Pelù e Ghigo Renzulli.
Arrangiamento dei Litfiba e di Francesco Magnelli

L'album "Litfiba 3" chiude la cosiddetta "trilogia del potere" di cui fanno parte anche Desaparecido e 17 Re.
Si tratta dell'album più politico del gruppo fiorentino. Politico già dalla copertina in cui è ritratto Willy Nelson Darden, un nero giustiziato sulla sedia elettrica in Louisiana il 15 marzo 1988, nonostante i forti dubbi sulla sua colpevolezza, espressi anche da alcuni membri della giuria. Ed al tema della pena di morte è dedicata anche la terza traccia dell'album (la splendida Louisiana).

da Wikipedia
Oh, Louisiana
(continua)
30/8/2007 - 16:33
Downloadable! Video!

Auschwitz

Una spoken song dove l'incubo è racchiuso nella snow-ball di una bambina.
Qui una recensione del brano: http://www.paperthinwalls.com/singlefile/item?id=1011
When I was a little girl
(continua)
inviata da Alessandro 30/8/2007 - 16:00
Downloadable! Video!

L'homme fossile

[1968]
Parole e musica di Pierre Tisserand
Nell'album “Serge Reggiani” pubblicato nel 1968

(B.B.)
V'là trois millions d'années que j'dormais dans la tourbe
(continua)
inviata da Jacky Fluttaz 30/8/2007 - 15:02
Video!

Boy Soldier

Lyrics and music by Johnny Clegg
Testo e musica di Johnny Clegg
Album: One Life

"My continent as well as part of South America and Asia have seen a dramatic rise in the use of children as soldiers in civil wars, private milicias, run by warlords and drug cartels." -Johnny Clegg.

Il mio continente, così come parte del Sud America e dell'Asia, hanno visto un drammatico aumento dell'utilizzo dei bambini soldato nelle guerre civili, nelle milizie private, finanziate dai signori della guerra e dai cartelli della droga." - Johnny Clegg.
I am a boy soldier
(continua)
inviata da CCG staff 30/8/2007 - 13:17

Waayaha Cusub

hey waayaha cusub you are beast in the work you are like song waayaha cusub

(adria )

Presumendo che si tratti di un'espressione di giubilo verso i Waayaha Cusub, forse quel "beast" sarà da interpretare come "best" (almeno speriamo) [RV]
30/8/2007 - 12:28
Downloadable! Video!

Chacun de vous est concerné

da questa pagina. Si tratta della traduzione della canzone di De André.
Esperanto version by Renato Corsetti from this page. The translation is conducted on Fabrizio De André's Italian version.
Esperantigis Renato Corsetti de tiu ĉi paĝo. La traduko baziĝas sur la versio itallingva de Fabrizio De André.
FRANCA MAJO
(continua)
inviata da Nicola Ruggiero & Riccardo Venturi 30/8/2007 - 12:28
Downloadable! Video!

Can't Take My Eyes Off You

BELLISSIMA!!!!!!!E LUI HA UNA VOCE STUPEFACENTE W I MUSEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
sery da perugia 30/8/2007 - 11:50
Downloadable!

Zu Potsdam unter den Eichen

[1928]
Text: Bertolt Brecht. Musik: Kurt Weill
Lyrics: Bertolt Brecht. Music: Kurt Weill
Testo: Bertolt Brecht. Musica: Kurt Weill

Interpreti / Performers:

Lotte Lenya
Ute Lemper
Milva


Faceva originalmente parte del Berliner Requiem (Requiem Berlinese), "piccola cantata dopo le poesie di Brecht", commissionato dalla Reichs-Rundfunkgesellschaft per essere trasmesso dalla stazione radio di Francoforte. Fu eseguito per la prima volta nel maggio del 1929. La canzone fu scritta soltanto per voci maschili, con accompagnamento di orchestra a fiati; fu poi arrangiata come "coro operaio" per le corali amatoriali (ora come allora diffusissime in Germania). Dopo la morte di Weill, il direttore d'orchestra Walter Goehr eseguì un altro arrangiamento per voce solista, espressamente per Lotte Lenya.

This piece was part of the original Berliner Requiem, "a little cantata after poems by Brecht",... (continua)
Zu Potsdam unter den Eichen
(continua)
inviata da jacopo 29/8/2007 - 23:30
Downloadable! Video!

Politik Kills

Trascritta all'ascolto... dall'album di prossima uscita (4 settembre), "La Radiolina"...
Politik kills
(continua)
inviata da Alessandro 29/8/2007 - 22:39
Downloadable! Video!

Buffalo Soldier

Questa canzone è bellassima come lo è anche il cantante che l'ha scritta...Bob Marley sei stato, sei e sarai per sempre un mito...
Yle 29/8/2007 - 16:23
Downloadable! Video!

Cortez The Killer

Uno splendido pezzo. È vero che il ritratto fatto della società atzeca è idealizzato, ma la potenza del messaggio resta intatta. Comunque, la canzone è un lungo brivido elettrico.
marco musicbox 28/8/2007 - 14:36
Video!

Europamerica

Cantautore di grande sensibilità e umanità - interessantissimi i suoi testi e bellissime le musiche. purtroppo troppo spesso ignorato dai media
segio oneto 28/8/2007 - 12:49
Downloadable!

Il massacro dei trecentoventi (Le Fosse Ardeatine)

anonimo
Le 335 vittime delle Fosse Ardeatine

1. Agnini Ferdinando - Studente di medicina.
2. Ajroldi Antonio - Maggiore del Regio Esercito.
3. Albanese Teodato - Avvocato.
4. Albertelli Pilo - Professore di filosofia.
5. Amoretti Ivanoe - Sottotenente in servizio permanente effettivo.
6. Angelai Aldo - Macellaio.
7. Angeli Virgilio - Pittore.
8. Angelini Paolo - Autista.
9. Angelucci Giovanni - Macellaio.
10. Annarumi Bruno - Stagnino.
11. Anticoli Lazzaro - Venditore ambulante.
12. Artale Vito - Tenente Generale d'artiglieria.
13. Astrologo Cesare - Lucidatore.
14. Aversa Raffaele - Capitano dei Carabinieri Reali.
15. Avolio Carlo - Impiegato (S.A.L.B.)
16. Azzarita Manfredi - Capitano di cavalleria.
17. Baglivo Ugo - Avvocato.
18. Ballina Giovanni - Contadino.
19. Banzi Aldo - Impiegato.
20. Barbieri Silvio - Architetto.
21.... (continua)
Riccardo Venturi 28/8/2007 - 11:09
Downloadable!

So Many Tears, So Many Flowers

COSI' TANTE LACRIME, COSI' TANTI FIORI
(continua)
inviata da Kiocciolina 28/8/2007 - 05:46
Downloadable! Video!

Kanjon Drine

Ciao! Mi chiamo Mario, vivo a Torino sono appassionato di ogni angolo della ex-Yugoslavia (dove sono già stato 4 volte dal 1996), e ho scoperto i Zabranjeno Pušenje grazie a un viaggio recente e alla vostra bellissima traduzione di Kanjon Drine

Mi sono imbattuto di recente in un altra canzone, Fildžan viška, che merita di essere segnalata perché piena di nostalgia per la Sarajevo prima degli eventi 1992 ... un posto in cui si lasciava sempre una tazzina di caffé in più per gli ospiti o gli sconosciuti. Appartiene al primo album che gli Z.P. (intendo la parte del gruppo che è rimasta a Sarajevo, non chi ha seguito Kusturica a Belgrado) hanno scritto dopo la fine della guerra nel 1997.

Mi aiutereste molto se mi aiutaste a "ripulire" la traduzione dal serbo-croato-bosniaco (lo mastico appena e ho usato in larga parte un traduttore online ... dati i numerosi giochi di parole e i riferimenti... (continua)
27/8/2007 - 22:47

Drive the Yankee from Your Door

CONDUCETE GLI YANKEE FUORI DALLA VOSTRA PORTA
(continua)
inviata da Kiocciolina 27/8/2007 - 20:26

Another War Out There

UN'ALTRA GUERRA LA' FUORI
(continua)
inviata da Kiocciolina 27/8/2007 - 17:44
Downloadable! Video!

We Are The World

questa canzone è bellissima
francesca 27/8/2007 - 11:00
Downloadable! Video!

Changes

Come on come on
(continua)
inviata da Campo Oro Regna 27/8/2007 - 01:24
Downloadable! Video!

Ninna nanna delle dodici mamme

Grazie mille per questa magnifica canzone mia madre me la cantava quando ero piccina come ha fatto cn i miei 3 fratelli. e ora sono su questo sito per poter condividere anchio cn i miei bambini questa magnifica canzone...grazie
Chiara
Chiara 26/8/2007 - 21:41
Video!

Le chat de la voisine

[1959]
Paroles: R. Lagary
Musique: Philippe-Gérard
© Emi Publishing France

C'è chi dice che, durante i brutti periodi -una guerra, una crisi, un frangente d'incertezza- bisognerebbe "divertirsi", magari con qualcosa di "leggero", di poco o pochissimo "impegnato". In effetti, proprio durante questi periodi è tutta una fioritura di motivetti allegri, di papaveri e papere, di margherite; cose fatte, si dice, per non pensare alle brutture che si hanno davanti agli occhi. Già ci sono, perché cantarle? Yves Montand non era uno che la pensava a questo modo. Meglio cantare la strofetta insulsa sul gatto della vicina che parlare del soldato che ha paura, dell'operaio sfruttato, della ragazza precocemente sfiorita da una vita dura? Non aveva dubbi, lui, il monsummanese di Francia. Ed ecco che ne venne fuori, con questa canzone "double face". [RV]
Le chat de la voisine
(continua)
inviata da Silva 26/8/2007 - 19:10
Downloadable! Video!

Haiti

Versione inglese dal libretto dell'album
HAITI
(continua)
26/8/2007 - 17:34
Downloadable! Video!

Pra não dizer que não falei das flores

sono brasiliano e vivo in italia da 20 anni, e posso dire che la traduzione fatta di "Pra nao dizer que nao falei das flores" di Geraldo Vandré e demenziale, lui ha cambiato tutta la musica a suo piacimento, non rispetta per niente l'originale, è un altra musica, la sua, e non una traduzione come dovrebe essere.

(fernando)

A quale traduzione ti stai riferendo? A quella di Sergio Endrigo? Dispiace sentire parole del genere, perché Sergio Endrigo è stato uno dei più grandi cantautori italiani (peraltro conosciutissimo anche in Brasile e in tutta l'America Latina. Non mi piace, te lo dico sinceramente, sentire rivolgere l'epiteto di "demenziale" ad una sua versione magari non troppo fedele all'originale, ma comunque bella. Non mi piace, non lo trovo giusto e, inoltre, non mi sembra, caro Fernando, che tu abbia ben presente una cosa fondamentale: quando un artista prende una canzone di un... (continua)
26/8/2007 - 14:12

Boris Yeltsin

BORIS YELTSIN
(continua)
inviata da Kiocciolina 25/8/2007 - 21:40

You Can't Stop the Sun

NON POTETE FERMARE IL SOLE
(continua)
inviata da Kiocciolina 25/8/2007 - 21:27




hosted by inventati.org