Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2007-3-11

Rimuovi tutti i filtri
Dalla bella pagina Songs For Change ci proviene Na Gaidheil am Basra (The Gael in Basra), la prima canzone contro la guerra in Gaelico scozzese. E' anche la canzone nella settantesima lingua della nostra raccolta.
Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:39
Downloadable!

Sometimes I Get So Lonely

From/da Songs For Change

"Another song by James Donaldson."
(Per la serie: sulle canzoni del povero James Donaldson c'è molto da dire...)
Sometimes I get so lonely I feel as if I’m dyin’
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:29
Downloadable!

War, Lies & Lives

Copyright August 2006

"A song by Scottish singer-songwriter James Donaldson."
(Anche stavolta da Songs For Change ci proviene un commento davvero assai esteso)
Gunmetal, noise, hot oil, carnage on the streets
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:26
Downloadable!

I Am Sorry Ayad

"Another song by Liam Kane."
(dalla pagina di "Songs For Change" ci proviene stavolta un commento veramente pregnante).
I am sorry Ayad
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:15
Downloadable!

Lament For A Labour M(S)P

From/da Songs For Change

"Another song by Liam Kane. He writes 'this song was inspired by former MSP, Iain Grey, and the current MP for East Kilbride and former Armed Forces minister, Adam Ingram. Despite several years campaigning for third world causes, Iain Grey refused to speak out against the so-called war in Iraq while he was a minister in the Scottish Parliament; Adam Ingram not only supports the war enthusiastically, he behaves in an ignorant fashion to those for whom it has meant the ultimate sacrifice, as is the case with the way he has treated Rose Gentle.' "
You were brought up to tell right from wrong
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:11
Downloadable!

A Gentle Rose

From/da Songs For Change

"Liam Kane is a singer-songwriter from East Kilbride. His song, A Gentle Rose, was written for Rose Gentle, Scotland's most prominent anti-war campaigner since the death of her son, Gordon, in Iraq. Stevie Lawrence plays bouzouki on this track."
When you wake up in the morning
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:05
Downloadable!

War Wives

"John Fyfe is a Scottish singer-songwriter based in Haddington. His song, War Wives, 'mainly comes from my memories as a wee lad brought up during the Second World War, when four of my uncles served in various branches of the armed forces, with only two coming home. Sixty years later, war wives still suffer.' Vocals and pipes by Davie Robertson."
War wives, war wives, hae seen it a'
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 20:01
Downloadable!

March No More

by Eileen Pratt
From/da Songs For Change

"Sheffield-based Eileen Pratt and Sue Burgess sing in a folk duo called 'Useless Annie'. Eileen wrote this song on 'thinking about soldiers pining for the girls they'd left behind.' The melody is a traditional French tune called Les Filles de Mon Pays."
Farewell Susannah, we're off to Waterloo
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 19:58
Downloadable!

Give Him Time

From/da Songs For Change

"Another song by Steven Clark. He writes: 'A young boy named Ali Abbas became a media pet when his family was killed, and he lost both arms during the Allied bombardment of Baghdad. He subsequently was flown to the UK for treatment, and was given prosthetic limbs. When he appeared on television screens across the world, he was inundated with gifts from well-wishers. What made me write this song was hearing that he had been sent a Playstation. Just what you need when you have no hands. The 'God Willing' line came from his uncle and the boy himself. Whenever they were quoted, they would always add 'God Willing'.' "
There's a boy out playing on a street
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 19:55
Downloadable! Video!

Stalingrado

Nel NATALE 2006 abbiamo cantato "SANTACLARA" sull'aria di "STALINGRADO" (testo degli Stormy Six, variato da gin, delle LAME di Bologna) "RICORDANDO la BATTAGLIA del CHE a SANTA CLARA (la settimana di NATALE del dicembre 1958)"

"La radio al buio e sette operai,
sette bicchieri che brindano a FIDEL,

e SANTACLARA arriva nella cascina e nel fienile,
vola un berretto, un uomo ride e prepara il suo fucile:

sulla sua STRADA FERRATA IL TRENO BLINDATO lo sa,
d'ora in poi troverà SANTACLARA in ogni città".
Gianfranco Ginestri 11/3/2007 - 19:45
Downloadable!

Last Man Standing

From/Da Songs For Change

"Malachy Tallack is a 25-year-old singer-songwriter living in Fair Isle, Shetland, who has two albums of my own songs. 'This song was written after hearing a radio news feature about the last remaining British veterans of World War I. The report was discussing whether or not the last veteran to die should be given a state funeral. But it did not discuss whether or not they would want one. I wrote the song from the perspective of the last veteran, who has seen his country betray all of the ideals that he held, and who certainly does not want to be buried with a Union Jack.' "
90 years go by, like clouds in an autumn sky,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:43
Downloadable!

No War

Da/From Songs For Change

"Andrea O'Brien is a Coventry-based singer-songwriter. Her song, No War, was inspired by the recent war in Lebanon. It's a popular song now on the local music scene."
I see in the distance....a city is burning
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:39

Whatever Will Be Will Be

From/Da Songs For Change

"Another song by Tom Fairnie. Inspired by the events of September 11, 2001, Tom writes that this song 'is really an expression of fatalism and how we attempt to come to terms with these events but also asks the question "Why is it we retain the ability to carry out these acts, but we seem incapable of learning how to stop them?" '"
If I was at Calvary
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:31
Downloadable!

Rockets Over Babylon

by Tom Fairnie, Mike Dillon & Bob Shields
Da/From Songs For Change

"Tom Fairnie is an Edinburgh-based singer-songwriter. In his first song, Rockets Over Babylon, 'the chorus recalls the bombing of Berlin, Hanoi and the Lebanon, which is used to emphasise the fact that perhaps this isn't a strategy that works. The song isn't meant to be overtly anti-war but is meant more as a comment on the wisdom of a failed foreign policy that stretches back to the crusades.' "
Watched rockets flying over Babylon
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:28
Downloadable!

Too Much Bush

"The Home and Ug Lee Band are from rural Montana, USA. In their words 'they're tired of Bush being in office and aren't going to take it any longer. Their song, Too Much Bush, has an accompanying video which can be viewed at the official Too Much Bush website at www.toomuchbush.com where visitors are encouraged to express their views by voting."
I was a boy full of fire,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:22
Downloadable!

Hold On Tight

Da/From Songs For Change

"Simone Sahyouni wrote this third song 'for all who are on the verge of giving up: dreams, hopes, life.' "
Somewhere out there tonight,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:16
Downloadable!

Freefall

"Simone Sahyouni came to Scotland in 1989 as a refugee from the Lebanon and has been performing as a freelance classical singer in and around the UK ever since graduating from the RSAMD in 1995. She began writing songs in 2000 as a hobby and remarks 'it was interesting for me to see that most of them turned out to be protest songs of one kind or another.' Freefall, her first of three songs, is 'based on the events which took place this summer in my homeland. I was lucky that my parents were evacuated in the beginning of August but we still could do nothing for the ones left behind.' "
A thousand miles away, a nation starts to mourn
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:13
Downloadable! Video!

Home Uninjured

Just another day outside of Baghdad
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:10
Downloadable!

Not In My Name

Chorus
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/3/2007 - 17:07
Downloadable!

Poder

11 marzo 2007
POTERE
(continua)
11/3/2007 - 11:43
Downloadable! Video!

Ascanio Celestini: La casa del ladro

[2007]
Testo e musica di Ascanio Celestini

Testo ripreso da Il Deposito, sito fratello.
Da "Parole Sante" [2007]

Ci sono due palazzi.

Uno è il centro commerciale con la sua bella insegna, il tetto iperbolico e le vetrate lucide che lo fanno sembrare un autogrill da superstrada per Marte. L'altro, un parallelepipedo dritto pensato da qualche geometra con le coliche è il call center. Uno è fatto per essere guardato e infatti lo vedono tutti. L'altro è invisibile un po' perché non fa piacere vederlo, un po' perché il gemello sgargiante che gli sta accanto si prende tutta l'attenzione. Però si fa sentire. Ci parli al telefono quando ti chiama a casa per venderti un aspirapolvere o un nuovo piano tariffario. Ci parli quando chiami il numero verde scritto sull'etichetta di una bevanda gassata o un assorbente interno. Accanto ai gemelli di cemento armato ci passa la strada e intorno ci sta... (continua)
Così entro di nascosto come un ladro nella casa del ladro
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/3/2007 - 20:49
Percorsi: Gaetano Bresci
Video!

Supper's Ready

Conosco questa canzone da sempre grazie ad un fratello maggiore che aveva i gusti musicali giusti. Io ho 35 anni, una moglie e 2 bambini ed oggi ero in giro in macchina con loro ascoltando second's out...mi sono ritrovato a cantare parola per parola persino willow farm ed ho sorriso pensando quanto tempo ci avevo messo molti e molti anni fa ad imparare quella parte! Poi sono tornato a casa e mi è venuta voglia di tornare su ciò che la canzone racconta ed ho trovato questa pagina. Grazie davvero per lo splendido lavoro.

(Paolo)

Grazie a te, Paolo, e te lo voglio dire personalmente. Qui dentro cerchiamo tutti quanti di offrire un servizio, senza volere assolutamente niente in cambio; tutto questo per dire che cerchiamo di infilarci dentro la passione ed il cuore. Trovare una cosa come la tua, è la migliore (e l'unica) ricompensa possibile. Un saluto caro anche a tua moglie e ai tuoi bambini. [RV]
10/3/2007 - 19:26
Video!

Push The Button

Una canzone presentata all'Eurofestival 2007 con uno strascico di polemiche (si veda il blog Disordine Mentale).
Una canzone che prende posizione contro le guerre nucleari scatenate dai potenti che devono solo premere il bottone. Leggiamo la dichiarazione del leader del gruppo

"I know this song is not political. It does warn against the perils of a nuclear war and crazy leaders who might push the button. Some may think it refers to Israeli leaders, some may think it talks about other countries’ leaders. We are not taking sides. The message we wish to convey is that all we want is to live, smell the flowers bloom and have fun. Last year all of Europe had a laugh on horror movies monsters from Finland. This year we give the opportunity to laugh on the living monsters among us”


La canzone è in parte in inglese, in parte in francese ed in ebraico. Non avendo trovato il testo originale riportiamo qui, per le parti non in inglese, la traduzione di Gabe Salgado tratta da questa pagina myspace

Translation from Hebrew and French by Gabe Salgado
The world is full of terror
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 10/3/2007 - 14:30
Video!

Chiudere tutti i C.P.T.

A una settimana dalla manifestazione di Bologna, un appello dal Generale per chiudere tutti i C.P.T.
I centri di permanenza temporanea
(continua)
10/3/2007 - 11:37
Downloadable! Video!

Canzone fra le guerre

Gentile signor venturi,
voglio rispodere al commento e ai consigli che mi ha lasciato.
Innanzitutto le voglio dire che le ombre nere passate e presenti della storia della chiesa le conosco molto bene e non certo per la storia (ampiamente pilotata dagli storici di sinistra) che ho studiato a scuola...
come conosco bene le ombre nere della nostra politica, delle nostre e vostre ideologie che spesso hanno lasciato il posto al fondamentalismo cieco, al potere ad agni costo, alla soppressione della dignità umana e allo sterminio di tanti innocenti.
ciò che ammiro nella chiesa "istituzionale" è il coraggio di andare controcorrente, di avere sempre dei valori fermi e soprattutto di riconoscere i propri errori e tornare sui propri passi quando sbaglia.
cosa che ho visto fare a pochi.. parlo di leader politici, dittatori, ex dittatori, presidenti, ex presidenti e così via.
quanto all'accusa... (continua)
10/3/2007 - 11:18

How Many Soldiers Per Gallon Does Your SUV Get?

I saw you driving by
(continua)
inviata da adriana 10/3/2007 - 08:31
Downloadable!

Lebanon (2006)

Created September 2006

2009
Ten Thousand Miles Away
Two soldiers had been captured
(continua)
inviata da adriana 10/3/2007 - 08:26

Haditha

Testo ripreso dal sito ufficiale dell'autore
By the Euphrates River
(continua)
inviata da adriana 10/3/2007 - 08:08
Downloadable! Video!

Worlds Apart

dall'album "Amic Amat"
MONS APART
(continua)
10/3/2007 - 01:19
Video!

Nel perdono

(2007)
Testo di Renato Zero e Vincenzo Incenzo
Musica di Yari Carrisi e Alterisio Paoletti


L'interprete in questione non è esattamente tra i nostri preferiti e la canzone è arrivata addirittura seconda al Festival di Sanremo di quest'anno. Nonostante questo è una canzone contro la guerra, evidentemente, e la inseriamo.

Mettendo fine, con questo nobile gesto, all'indegna censura di una certa sinistra, che - sfruttando l'egemonia sui critici letterari - ha stroncato un capolavoro come "È la mia vita", la biografia di Al Bano ;)

(Lorenzo)
Ferma le mie mani
(continua)
10/3/2007 - 00:26
Video!

The Times They Are A-Changin'

La cover, del 1965, si avvale del testo scritto da Lennart Nijgh.


ER KOMEN ANDERE TIJDEN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/3/2007 - 00:26
Downloadable! Video!

Berlijn

[2004]
Lyrics and music: Boudewijn de Groot / Lennaert Nijgh
Text en muziek: Boudewijn de Groot / Lennaert Nijgh
Testo e musica: Boudewijn de Groot / Lennaert Nijgh
Album: Het eiland in de verte

Nell'album la canzone è preceduta da una intro musicale intitolata Unter den Linden.
Berlijn daar was ik nooit geweest
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/3/2007 - 00:17
Downloadable! Video!

La lunga notte

LA AMPLIA NOCHE
(continua)
inviata da Kiocciolina 9/3/2007 - 22:14
Video!

Máquina zero

Rui Veloso/Carlos Té
testo ripreso da questa pagina
Fui à inspecção ao quartel de infantaria
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/3/2007 - 19:18

A história do Manuel

Fado Canção - Canzone di fado (una delle poche del Cancioneiro do Niassa a non essere basata su un motivo ben preciso)

"O Cancioneiro do Niassa é uma colectânea de fados e canções centrados na vida dos militares portugueses colocados na região do Niassa, Moçambique durante a Guerra Colonial nos finais da década de 60. Constituem maioritariamente adaptações das letras de melodias em voga na altura e retratam uma visão humorística e sarcástica da própria guerra. As letras foram elaboradas essencialmente pelos próprios militares tendo sido efectuadas algumas gravações privadas que foram circulando rápida e clandestinamente entre os militares de outras zonas da guerra."
pt.wikipedia

Il "Cancioneiro do Niassa" è una raccolta di fados e canzoni incentrare sulla vita dei militari portoghesi di stanza nella regione del Niassa, in Mozambico, durante la guerra coloniale alla fine degli anni '60.... (continua)
Manuel era feliz,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/3/2007 - 18:51

Lá lá lá do Lunho

Sull'aria di "Lá lá lá" (canzonetta concorrente per il Portogallo all'Eurofestival del 1972). L'autore è stato individuato nel soldato Joaquim Correia. Per Lunho si veda Hino do Lunho.

"O Cancioneiro do Niassa é uma colectânea de fados e canções centrados na vida dos militares portugueses colocados na região do Niassa, Moçambique durante a Guerra Colonial nos finais da década de 60. Constituem maioritariamente adaptações das letras de melodias em voga na altura e retratam uma visão humorística e sarcástica da própria guerra. As letras foram elaboradas essencialmente pelos próprios militares tendo sido efectuadas algumas gravações privadas que foram circulando rápida e clandestinamente entre os militares de outras zonas da guerra."
pt.wikipedia

Il "Cancioneiro do Niassa" è una raccolta di fados e canzoni incentrare sulla vita dei militari portoghesi di stanza nella regione del Niassa, in... (continua)
Eu canto p’r’a minha terra,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/3/2007 - 17:00
Downloadable!

O turra das minas

Sull'aria di "Júlia florista" di Max. L'autore è stato individuato nel soldato Jorge Ferreira.

"O Cancioneiro do Niassa é uma colectânea de fados e canções centrados na vida dos militares portugueses colocados na região do Niassa, Moçambique durante a Guerra Colonial nos finais da década de 60. Constituem maioritariamente adaptações das letras de melodias em voga na altura e retratam uma visão humorística e sarcástica da própria guerra. As letras foram elaboradas essencialmente pelos próprios militares tendo sido efectuadas algumas gravações privadas que foram circulando rápida e clandestinamente entre os militares de outras zonas da guerra."
pt.wikipedia

Il "Cancioneiro do Niassa" è una raccolta di fados e canzoni incentrare sulla vita dei militari portoghesi di stanza nella regione del Niassa, in Mozambico, durante la guerra coloniale alla fine degli anni '60. In maggior parte si tratta... (continua)
O turra das minas
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/3/2007 - 16:57
Video!

Πόσα χρόνια δίσεκτα [1940]

La trascrizione fonetica integrale della canzone nell'interpretazione di Nikos Xylours (si veda il video):
['posa 'xronja 'δi"sekta 'mesa 'se.mñan"ora
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/3/2007 - 15:03
Downloadable!

Canção com lágrimas

9 marzo 2007
CANZONE IN LACRIME
(continua)
9/3/2007 - 14:33
Downloadable!

Hino do Lunho

Scritta sulla struttura, e cantata sul motivo, de Os vampiros di José "Zeca" Afonso.
Sono tramandati anche gli autori: il soldato semplice Herculano do Carvalho ed altri suoi commilitoni.

"O Cancioneiro do Niassa é uma colectânea de fados e canções centrados na vida dos militares portugueses colocados na região do Niassa, Moçambique durante a Guerra Colonial nos finais da década de 60. Constituem maioritariamente adaptações das letras de melodias em voga na altura e retratam uma visão humorística e sarcástica da própria guerra. As letras foram elaboradas essencialmente pelos próprios militares tendo sido efectuadas algumas gravações privadas que foram circulando rápida e clandestinamente entre os militares de outras zonas da guerra."
pt.wikipedia

Il "Cancioneiro do Niassa" è una raccolta di fados e canzoni incentrare sulla vita dei militari portoghesi di stanza nella regione del Niassa,... (continua)
No céu cinzento, sob o astro mudo
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/3/2007 - 12:07

Ventos de guerra

9 marzo 2007
VENTI DI GUERRA
(continua)
9/3/2007 - 11:34

Taberna do diabo

9 marzo 2007
OSTERIA DEL DIAVOLO
(continua)
9/3/2007 - 11:25

Luta p'la vida

9 marzo 2007
LOTTA PER LA VITA
(continua)
9/3/2007 - 11:17
Downloadable! Video!

Tammurriata nera

QUELLA PISTOLA SFODERATA NELLA TAMMURRIATA NERA

Claudio Onorati - Santa Maria a Vico(CE)

Dottor Gargano, chissà se e quanti si sono mai chiesti il significato e l'origine del ritornello della famosa canzone
"Tammurriata nera" di Eduardo Nicolardi e E.A.Mario,che viene ripetuto alla fine di ogni strofa:

"E levate a pistulda'
Uhbe' e levate a pistulda'
E pisti pakin mama
E levate a pistulda'

Io me lo sono chiesto più volte e grazie a un amico ho trovato la risposta.
Altro non e' che la deformazione napoletanizzata di alcuni versi della canzone americana "Pistol packin' mama" del 1942 cantata da Bing Crosby e le Andre Sisters,e portata in Italia dalle truppe di occupazione alleata. Le parole,tradotte in italiano significano : "Metti giu' quella pistola, rimettila a posto"

Risposta di Pietro Gargano

Esatto,però quella strofetta non apartiene ai versi originali di Nicolardi. Di conio... (continua)
Willy 8/3/2007 - 15:22




hosted by inventati.org