Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2007-12-25

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Tira Fiato

è bellissima!
carlo vive!
lucia 25/12/2007 - 13:00
Video!

Il povero Elia

[1962]
Testo e musica di Fausto Amodei
Lyrics and music by Fausto Amodei


Testo ripresto da: Cantacronache, Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, a cura di Emilio Jona e Michele L. Straniero, Crel-Scriptorium 1995, p. 117.
Lo chiamavano il povero Elia
(continua)
inviata da adriana 25/12/2007 - 09:41
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

Greetings from Czech Republic.
Oh my god! I love this song so much. It is the first song I learned by heart (I mean, not the czech version:D) I love how Dalida, Marlene Dietrich and Judita Čeřovská sungs it. May they rest in peace. Bye and thank you.)
Johny 25/12/2007 - 02:28
Downloadable! Video!

Violeta Parra: Volver a los diecisiete

To stih-dekinsebnyŭtig R.V. hē adgeveian kanūr nă săn gvī ad to kălart in nāg nă nahodlāig nă 2007 n.
ĀRGĪSTĀI LA DEKINSEB NYŬT
(continua)
25/12/2007 - 00:53
Downloadable! Video!

Violeta Parra: Volver a los diecisiete

Esperantigis pli-malpli deksepjarulo Nicola Ruggiero, administranto de tiu ĉi retejo
24 dicembre 2007
REIĜI DEKSEPJARA
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 24/12/2007 - 21:51
Downloadable! Video!

99 Luftballons

è una canzone meravigliosa e se si capisce il vero significato del testo, non si può dire che fa schifo...anzi
Valentina 24/12/2007 - 21:46
Downloadable! Video!

Il libro

[1983]
Testo e musica di Angelo Branduardi
Album: Cercando L’Oro

Canzone contro la guerra di forte impatto, si apre con gli imponenti violini che ci spingono ad aprire un libro e girarne le pagine per veder venir fuori bimbi, cavalli, mele e giardini, ma anche nuovole nere e guerra...

Straordinario il video-cartone del compianto Lele Luzzati.
Apri il libro, gira il foglio,
(continua)
inviata da Grampasso 24/12/2007 - 21:32

V hospodě na rynku

iniziata nel mese di aprile del 2007
terminata tra il 23 e il 24 dicembre 2007

La mia conoscenza della lingua ceca non è eccelsa. Per avere una traduzione da questa lingua devo penare, controllare e ricontrollare ogni parola. Ma alla fine, qualcosa ne viene fuori; e quel che ne viene fuori è questa canzone che sembra riprodurre, con un finale più amaro, la vicenda di un altro "soldato per caso", il buon soldato Sc'vèik di Jaroslav Hašek. Non si nasce negli stessi posti a caso, verrebbe da dire.

Vorrei dedicare questa traduzione all'amico e compagno Alessio Lega, che si è occupato recentemente di Jarek Nohavica (e di Karel Kryl) in una puntata della sua rubrica "...E compagnia cantante" pubblicata su A-Rivista Anarchica. Magari, chissà, forse un giorno il buon Lega, nella sua bella rubrica, riuscirà anche a dir mezza parolina su questo sito, che pure lo ospita (doverosamente e con piacere) in gran copia. Ci contenteremmo di pochino, anche un semplice "ciao"; ma comunque, pazienza. Vorrà dire che il saluto glielo facciamo noi.
ALL’OSTERIA IN PIAZZA
(continua)
24/12/2007 - 21:30
Downloadable! Video!

Christmas In Fallujah

NATALE A FALLUJAH
(continua)
inviata da Kiocciolina 24/12/2007 - 15:58
Downloadable! Video!

Brigante se more

… ma quale importanza può avere se il pezzo sia stato scritto o soltanto rielaborato da Eugenio Bennato e Carlo d’Angiò?
Secondo il mio modesto parere non ha importanza se tra il presunto testo originale (allora esiste una ballata originale dell’epoca?) e quello di Bennato vi siano alcune differenze marginali: se si combatte per il re borbone o ce ne freghiamo del re, la sostanza è che “ 'a terrə è 'a noštrə e nun s'à dda ttuccà”; la preghiera e la bestemmia non sono forse le due facce della stessa medaglia al pari dell’amore e dell’odio?
Trascuriamo invece quello che secondo me rappresenta un aspetto fondamentale della lotta: la partecipazione attiva delle donne, che condividono in tutto e per tutto il destino dei loro uomini:
Fèmmenə bellə ca ratə lu corə,
si llu brigantə vulitə salvà
nun 'o cercatə, scurdatev'o nomə;
Mi sovviene in proposito la scena del film di Nanni Loy “Le... (continua)
Crescenz 24/12/2007 - 15:42
Downloadable! Video!

Wake Me Up When September Ends

... green day siete i mejo!!!!!!!!!! poi la canzone wake me up when september ends è bellissima ankora adesso se l'ascolto mi viene da piangere... Billie tu 6 il mijore in axoluto nn c'è nessino + bravo di te!!!!!!!!!!! tutte le canzoni k hai scritto sn bellissime ma la mia preferita è jesus of suburbia!!!!!! ... BILLIE, MIKE, TRé SIETE BRAVISSIMI!!!!!!!!!!!!!!!
24/12/2007 - 14:46

We Work For The Russians

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
We Work For The Russians
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 24/12/2007 - 13:55
Downloadable!

Los Desaparecidos (The Disappeared Ones)

I DESAPARECIDOS (GLI SCOMPARSI)
(continua)
inviata da Kiocciolina 24/12/2007 - 05:51

Speechless

SENZA PAROLE
(continua)
inviata da Kiocciolina 24/12/2007 - 05:44
Downloadable!

La tierra misma/The same ball of clay

LA STESSA TERRA/LA STESSA PALLA DI CRETA
(continua)
inviata da Kiocciolina 24/12/2007 - 05:20

We All Wanna A More Just World

VOGLIAMO TUTTI UN MONDO PIU' GIUSTO
(continua)
inviata da Kiocciolina 24/12/2007 - 05:15
Downloadable! Video!

Tammurriata nera

secondo me ...
i marrocchini se vottene e lanze significa che si buttano con impeto (logicamente durante l'incontro amoroso);
i parulani sono i contadini delle campagne di Ponticelli, quartiere periferico di Napoli;
e ciccillo (s'è arrubbato e materaz) sta per Francesco (Ciccio).
Saluti partenopei
francesco 24/12/2007 - 01:29
Video!

Happy Xmas (War is Over)

mi piace tantissimo qst canzone è la + bella d natale ke conosco
mi emoziona sempre
felina95 23/12/2007 - 22:50
Downloadable! Video!

Ascanio Celestini: L'amore stupisce

[2007]
Testo e musica di Ascanio Celestini
Da: "Parole sante", album premiato con il Premio Ciampi 2007 come "Miglior debutto discografico dell'anno"

Ci sono due palazzi.

Uno è il centro commerciale con la sua bella insegna, il tetto iperbolico e le vetrate lucide che lo fanno sembrare un autogrill da superstrada per Marte. L'altro, un parallelepipedo dritto pensato da qualche geometra con le coliche è il call center. Uno è fatto per essere guardato e infatti lo vedono tutti. L'altro è invisibile un po' perché non fa piacere vederlo, un po' perché il gemello sgargiante che gli sta accanto si prende tutta l'attenzione. Però si fa sentire. Ci parli al telefono quando ti chiama a casa per venderti un aspirapolvere o un nuovo piano tariffario. Ci parli quando chiami il numero verde scritto sull'etichetta di una bevanda gassata o un assorbente interno. Accanto ai gemelli di cemento armato... (continua)
L'amore no non è possibile
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 23/12/2007 - 18:31
Downloadable! Video!

Noi siamo gli asini

[2007]
Testo e musica di Ascanio Celestini
Da: "Parole sante", album premiato con il Premio Ciampi 2007 come "Miglior debutto discografico dell'anno"

Ci sono due palazzi.

Uno è il centro commerciale con la sua bella insegna, il tetto iperbolico e le vetrate lucide che lo fanno sembrare un autogrill da superstrada per Marte. L'altro, un parallelepipedo dritto pensato da qualche geometra con le coliche è il call center. Uno è fatto per essere guardato e infatti lo vedono tutti. L'altro è invisibile un po' perché non fa piacere vederlo, un po' perché il gemello sgargiante che gli sta accanto si prende tutta l'attenzione. Però si fa sentire. Ci parli al telefono quando ti chiama a casa per venderti un aspirapolvere o un nuovo piano tariffario. Ci parli quando chiami il numero verde scritto sull'etichetta di una bevanda gassata o un assorbente interno. Accanto ai gemelli di cemento armato... (continua)
Noi siamo una testa senza giudizio
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 23/12/2007 - 18:17
Downloadable!

Il mondo dei bruchi

[2007]
Testo e musica di Ascanio Celestini
Da: "Parole sante", album premiato con il Premio Ciampi 2007 come "Miglior debutto discografico dell'anno"

Ci sono due palazzi.

Uno è il centro commerciale con la sua bella insegna, il tetto iperbolico e le vetrate lucide che lo fanno sembrare un autogrill da superstrada per Marte. L'altro, un parallelepipedo dritto pensato da qualche geometra con le coliche è il call center. Uno è fatto per essere guardato e infatti lo vedono tutti. L'altro è invisibile un po' perché non fa piacere vederlo, un po' perché il gemello sgargiante che gli sta accanto si prende tutta l'attenzione. Però si fa sentire. Ci parli al telefono quando ti chiama a casa per venderti un aspirapolvere o un nuovo piano tariffario. Ci parli quando chiami il numero verde scritto sull'etichetta di una bevanda gassata o un assorbente interno. Accanto ai gemelli di cemento armato... (continua)
Nel mondo dei leoni viviamo da padroni
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 23/12/2007 - 18:09
Downloadable! Video!

Il popolo è un bambino

[2007]
Testo e musica di Ascanio Celestini
Da: "Parole sante", album premiato con il Premio Ciampi 2007 come "Miglior debutto discografico dell'anno"

Ci sono due palazzi.

Uno è il centro commerciale con la sua bella insegna, il tetto iperbolico e le vetrate lucide che lo fanno sembrare un autogrill da superstrada per Marte. L'altro, un parallelepipedo dritto pensato da qualche geometra con le coliche è il call center. Uno è fatto per essere guardato e infatti lo vedono tutti. L'altro è invisibile un po' perché non fa piacere vederlo, un po' perché il gemello sgargiante che gli sta accanto si prende tutta l'attenzione. Però si fa sentire. Ci parli al telefono quando ti chiama a casa per venderti un aspirapolvere o un nuovo piano tariffario. Ci parli quando chiami il numero verde scritto sull'etichetta di una bevanda gassata o un assorbente interno. Accanto ai gemelli di cemento armato... (continua)
1.
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 23/12/2007 - 18:00
Downloadable! Video!

La morte del disertore

[2007]
Testo e musica di Ascanio Celestini
Da: "Parole sante", album premiato con il Premio Ciampi 2007 come "Miglior debutto discografico dell'anno"

Ci sono due palazzi.

Uno è il centro commerciale con la sua bella insegna, il tetto iperbolico e le vetrate lucide che lo fanno sembrare un autogrill da superstrada per Marte. L'altro, un parallelepipedo dritto pensato da qualche geometra con le coliche è il call center. Uno è fatto per essere guardato e infatti lo vedono tutti. L'altro è invisibile un po' perché non fa piacere vederlo, un po' perché il gemello sgargiante che gli sta accanto si prende tutta l'attenzione. Però si fa sentire. Ci parli al telefono quando ti chiama a casa per venderti un aspirapolvere o un nuovo piano tariffario. Ci parli quando chiami il numero verde scritto sull'etichetta di una bevanda gassata o un assorbente interno. Accanto ai gemelli di cemento armato... (continua)
Se io fossi morto io non potrei
(continua)
inviata da adriana & daniela -k.d.- 23/12/2007 - 15:32
Percorsi: Disertori

We Are The Daughters Of Amazon

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
We are the daughters of Amazon
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/12/2007 - 19:16
Downloadable! Video!

L'unica superstite

assicuro che anche se queste cose sono in un certo senso lontane e anche se non si è di queste zone, non si può non fare a meno di piangere e di riflettere.

roberta bg
roberta 22/12/2007 - 17:29
Downloadable! Video!

La notte che ci rubarono le stelle

[2002]

Album: "...Ad un passo dal cielo..."
La notte che ci rubarono le stelle
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 22/12/2007 - 16:56

Bella Ciao

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Le BELLA CIAO delle CCG/AWS:
Bella Ciao - L'originale / The original
Bella Ciao (For Peace And Freedom)
Bella Ciao- Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles... (continua)
We are women,
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/12/2007 - 01:46
Downloadable!

You Can't Kill The Spirit

GREENHAM IN ITALIANO
A cura dello staff delle CCG/AWS
NON PUOI UCCIDERE LO SPIRITO
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 22/12/2007 - 01:21
Downloadable!

That's What Gets Us By

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
It ain't just the web
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 20:17

A Little Help From My Friends

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
What would you do if I closed down your base,
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 20:07

Here At Greenham On A Spree [Layabout Song]

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
Here at Greenham on a spree
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 20:01
Video!

The Vine And The Fig Tree

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
And everyone neath their vine and fig tree
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 19:45

Trident Trident

GREENHAM IN ITALIANO
A cura dello staff delle CCG/AWS
TRIDENT, TRIDENT
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 15:32

There's A Hole In Your Fence

GREENHAM IN ITALIANO
A cura dello staff delle CCG/AWS
CI HA UN BUCO NELLA RETE
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 15:25

The Chief Of Police

GREENHAM IN ITALIANO
A cura dello staff delle CCG/AWS
IL CAPO DELLA POLIZIA
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 15:18

Brazen Hussies

GREENHAM IN ITALIANO
A cura dello Staff delle CCG/AWS
SIAMO RAGAZZACCE SFACCIATE
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 15:11

Lilly Of The Arc Lights

The Greenham Common Women's Peace Camp Songbook

Greenham Common Women's Peace Camp was a peace camp established to protest at nuclear weapon being sited at RAF Greenham Common in Berkshire, England. The camp began in September 1981 after a Welsh group called "Women for Life on Earth" arrived at Greenham to protest against the decision of the Government to allow cruise missiles to be based there.

On 1 April 1983, tens of thousands of protestors formed a 14 mile human chain from Greenham to the Aldermaston nuclear power station and the ordnance factory at Burghfield.

On 4 April 1984, the women were evicted from the Common by Newbury District Council. However by nightfall the women all returned to reform the camp.

The last missiles left the camp in 1991 but the camp remained in place until 2000 after protestors won the right to house a memorial on the site.

en.wikipedia

Il Campo della... (continua)
Underneath the arc lights,
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 21/12/2007 - 14:53

Some Tears Around The Fields

Credo che questa canzone è la migliore che ho scrito, e credo che è impossibile odiarla in dispetto di tutte le obssessione che posso avere nella mia vita. Una altra questione, scusi ma il titolo della canzone di Amín Dadá era "Forgive"; scusi anche per il mio italiano per che l'ho dimenticato molto, nonostante mi dispiace molto non ricordare bene questa bella lingua.
A drownded man among this white tide
(continua)
inviata da C.Viadel 21/12/2007 - 14:12




hosted by inventati.org