Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2007-1-27

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Jag hade en gång en båt

[1965]
Svensk text: Cornelis Vreeswijk
Testo svedese: Cornelis Vreeswijk
Swedish lyrics: Cornelis Vreeswijk
Musik / Musica / Music: Beach Boys ("Sloop John B")
Album: Grimascher och telegram
Cantata con / Sjungen med / Performed with Ann-Louise Hanson
Jag hade en gång en båt
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/1/2007 - 23:59
Downloadable! Video!

Blues-ul generalului Pacepa

interessante... la canzone, ma soprattutto l'articolo. Mi é stato utile per alcune informazioni che ho usato nel mio libro, a cui ancora sto lavorando. Sono una rumena, adottata da questa meravigliosa patria... ho imparato la vostra lingua, senza però dimenticare quella nativa e tentando di debuttare come scrittrice qui, nella terra di Dante, Petrarca e Boccaccio.
Un caloroso saluto
loredana preda 27/1/2007 - 23:55
Video!

Signore, da qui si domina la valle

questa canzone mi ha colpito molto. e' bellissima
gabriele de carlo 27/1/2007 - 20:39
Downloadable! Video!

Dammi una mano

Le multinazionali ci fottono il vento
(continua)
inviata da adriana 27/1/2007 - 14:39
Downloadable!

Condann.a.t.o. 2002

Album : Sega sa cadena (2005)
Condannato nato condannato sei nato con la Nato condannato dalla Nato
(continua)
inviata da adriana 27/1/2007 - 14:01
Downloadable! Video!

Signornò

Dall'album :Sega sa cadena
Avanzano i soldati nella notte senza luna ululando l’uno all’altro per sconfigger la paura
(continua)
inviata da adriana 27/1/2007 - 13:53
Video!

L'alba di Piero

bellissima canzone.
la versione che ascolto io è come quella di Diego.

Nella prima strofa manca un pezzo: vienie cantata per 2 volte la frase:

[...e scende nera l'ombra del nemico su di te
Sparagli piero, Sparagli ora e se si rialza
Sparagli ancora!!!] (2 volte)
Paolo 27/1/2007 - 12:15
Downloadable!

Inga fler folkmord i mitt namn

Ciao Riccardo!
Scordavo dire che il nome originale di INGA FLER FOLKMORD e NO MORE GENOCIDE IN MY NAME.
E vero che la lettera mia e abbastanza diversa dalla lettera di Holly - salvo il choro.

Jan
post@janhammarlund.se 27/1/2007 - 09:42
Video!

800° [Åttahundra grader]

[1979]
Album: Kärlek & Uppror

"Toccante metafora della società, così ricca di ogni bene materiale, ma povera di valori"; così nel seguente, ed esteso, commento a questa impressionante canzone degli Ebba Grön. Ma non è tutto, per questa canzone. La metafora della società, alla fine degli anni '70, fa ancora i conti con la bomba atomica. Questa società fredda e vuota dove si "congela a morte" rischia di essere "riscaldata a 800° gradi", cioè di essere spazzata via dal "biggest blow"... [RV]

"800° är en punklåt av det svenska punkbandet Ebba Grön. Låten är det första spåret på Ebbas andra album Kärlek & Uppror. Låten handlar om kärnvapenkrig och hur det är innan kriget slår ut, innan atombomben faller. Då den kom i början av 1980-talet rådde kyliga relationer i det då pågående kalla kriget, som maktspänningen mellan NATO-medlemsstaterna och Warszawapaktens medlemsstater kallades."
sv.wikipedia

"800°"... (continua)
Varför förklara när jag slutat tro?
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/1/2007 - 03:01
Video!

Många barn är bruna

[1977]
Parole / Lyrics / Text: Britt Gerda Hallquist
Musica / Music / Musik: Jo Tenfjord

Una deliziosa canzone svedese per bambini (originariamente una poesia di Britt Gerda Hallqvist poi musicata da Jo Tenfjord) contro il razzismo. La canzone, ancora conosciutissima in Svezia, fu popolare nelle scuole svedesi negli anni '70.

"Många barn är bruna är en barnsång om barns olikheter världen över, men menar att olikheterna bara finns utanpå, som i hudfärg eller ländernas ekonomiska, politiska och sociala förhållanden. Texten är skriven av Britt G. Hallqvist och musiken Jo Tenfjord. Sången var vanlig i förskolorna och skolorna i Sverige under 1970- och 80-talen. En tidig inspelning gjordes av Christina Gunnardo, och gavs ut på skiva 1986 på albumet För små och stora öron. - sv.wikipedia
Många barn är bruna, bruna som kanel
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/1/2007 - 02:50
Video!

Jag har en dröm om en värld utan krig

[1986]
Martin Contra-Björn Frisén-Keith Almgren
Album: Melodifestival 1986


Jag har en dröm, även känd som Jag har en dröm om en värld utan krig, skriven av Martin Contra, Björn Frisén och Keith Almgren är en sång som den svenska musikgruppen Baden-Baden sjöng då de tävlade i den svenska Melodifestivalen 1986, och kom på sjätte plats. Bättre gick det på Svensktoppen, där sången blev en hit. Sångtexten har ett fredsbudskap. - sv.wikipedia

Jag har en dröm ("Ho un sogno"), nota anche come Jag har en dröm om en värld utan krig ("Sogno un mondo senza guerra"), scritta da Martin Contra, Björn Frisén e Keith Almgren è una canzone che il gruppo svedese Baden-Baden interpretò al Melodifestival, il Sanremo svedese, nel 1986, dove giunse al settimo posto. La canzone però ottenne un grande successo di vendita e fu a lungo nella hit-parade svedese. Il testo della canzone è un messaggio di pace. [tr. RV]
Jag har en dröm om en värld utan krig
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/1/2007 - 02:39
Downloadable! Video!

Jag vill leva i Europa

[1981]
Text och Musik: Jan Hammarlund
Testo e musica: Jan Hammarlund
Lyrics & Music: Jan Hammarlund

Sången handlar om fyra svenska turister som åker bil i Europas stater. Budskapet i sångtexten är drömmen om fred.
Då originalversionen kom 1981 levde världen "i skuggan" av det Kalla kriget. Kärnvapenhotet var huvudtemat i sångtexten.
1991 ändrades texten något i samband med Jans inspelning av en samlingsskiva för att bättre passa in i det samtida Europa, som just sett kommunistpartistyre störtas i flera stater. Vid denna tid präglades många delar av Europa av splittring och inbördeskrig mellan olika etniska folkgrupper och anhängare av olika religioner. Flyktingar blev nu huvudtemat i sångtexten.
När Arja Saijonmaa skulle spela in sången 1987 ville hon inte använda ordet "NATO-raketer" utan istället "silverraketer" för att inte verka så kritisk mot den internationella försvarsorganisationen... (continua)
Vi tog färjan till Travemünde
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/1/2007 - 02:23
Video!

No More Genocide In My Name

Questa canzone (il cui testo riprendiamo da questa pagina ha una riscrittura in lingua svedese di Jan Hammarlund, Inga fler folkmord i mitt namn.
Why do we call them the enemy this struggling nation
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/1/2007 - 01:49
Downloadable! Video!

Baghdad 1.9.9.1.

Non si riesce più a scaricare

E' purtroppo un problema che si presenta spesso coi link ad altri pagine. Cercheremo di ovviare presto cercando un'altra pagina per poter scaricare la canzone. Ci scusiamo per l'inconveniente, sinceramente. [RV]
Antonio 27/1/2007 - 00:39
Downloadable!

Balladen om kravallpolis 2243

Caro Riccardo Venturi!

Mi fa moltissimo piacere vedere i miei canzone cosí presentate in italiano:
Comunque, voglio communicare due correzioni:
Balladen om kravallpolis 2243, cantata per me, fu scritto (lettera e musica) di ERIK HÅGÅRD.
Inga fler folkmord originalmente fu scritta (lettera e musica) di HOLLY NEAR in 197...3 (credo) contra la guerra in Vietnam, sotto il nome NO MORE GENOCIDE IN MY NAME.

Auguri
Jan Hammarlund
(mi CD nuovo, RÖDA LINJEN, e venuto la settimana scorsa)
(Jan Hammarlund - post@janhammarlund.se)

Hej Jan! Tack så mycket för informationerna och jag gratulerar för din italienska. Redan har jag korrigerat felen jag gjort...och jag hoppas att du ska bli en ständig närvaro i vår antikrigssida. Verkligen är det så viktigt, att vi har här artister som är engagerade mot stats- och polisvåld, mot militarism och rasism, mot nazistiska idioter och skitstövlar som ännu... (continua)
27/1/2007 - 00:10
Downloadable! Video!

Island Of No Return

[1984]
Lyrics and music by Billy Bragg
Testo e musica di Billy Bragg
Album: Brewing Up with Billy Bragg

Una canzone sulla guerra delle Falklands/Malvinas.
Dal secondo album di Bragg, "Brewing Up with Billy Bragg", del 1984.
Digging all day and digging all night
(continua)
inviata da Alessandro 26/1/2007 - 22:50
Downloadable! Video!

Black Boys On Mopeds

Un'altra canzone contro la "Lady di Ferro", Margaret Thatcher.
Dall'album "I Do Not Want What I Haven't Got" del 1990 (pensa un po', lo stesso del tormentone "Nothing Compares 2 U" scritto per Sinead da Prince...)

Dedicata a Colin Roach, ragazzo nero inglese ucciso dalla polizia della Thatcher nel 1983 e anche a Nicholas Bramble, ucciso nel 1989 in circostanze simili.
Margareth Thatcher on TV
(continua)
inviata da Alessandro 26/1/2007 - 22:27
Downloadable! Video!

All She Wants To Do Is Dance

Dall'album "Building the Perfect Beast" del 1984.
Una canzone contro la politica estera di aggressione del governo USA, negli anni '80 particolarmente impegnato a massacrare sandinisti in Nicaragua...

"The lyrics are a personal commentary, critical of Americans for being more concerned with self-gratification than with the domestic and foreign policies of their government."
English Wikipedia
They're pickin' up the prisoners
(continua)
inviata da Alessandro 26/1/2007 - 22:09
- 3 ....
Riccardo Venturi 26/1/2007 - 22:07

(We Don't Need This) Fascist Groove Thang

Da "Penthouse and Pavement", album di debutto del gruppo (1981).
(Everybody move to prove the groove)
(continua)
inviata da Alessandro 26/1/2007 - 21:44

La ballata del Capitano Neri

Dall'album : Fantasmi

"Il Capitano Neri e la Gianna, si incontrarono, si innamoraronoe lottarono insieme sui monti del comasco durante la Resistenza.
La loro scomparsa è tuttora un mistero...
C'è chi dice che siano ancora in fondo al lago..."
Erano tempi di contrabbandieri e bricolle e attorno il profumo
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 26/1/2007 - 20:07

Terra e libertà

Dall'album "L'involuzione della specie"
Aveva la pelle segnata dal vento portato dai mari del nord
(continua)
inviata da adriana 26/1/2007 - 18:25
Downloadable! Video!

Bella Ciao

anonimo
20. Bella ciao (Romanian version)

...ecco anche la variante romena che mancava :))

Mulţumim pe Olivia şi Cristina pentru traducerea lor frumoasă! [RV]
Azi-dimineaţă când m-am trezit
(continua)
inviata da Olivia Rusu & Cristina Cretu 26/1/2007 - 01:26
Video!

Novembre '43

Dall'album "L'involuzione della specie"
La nebbia di novembre come un angelo caduto
(continua)
inviata da adriana 25/1/2007 - 18:28
Video!

Ora basta

[2003]
Album: Aquí Estamos

"L’utilizzo indiscriminato delle mine antiuomo:
il gesto più infame."
Per quanto tempo ancora dovremo indignarci
(continua)
inviata da adriana 25/1/2007 - 17:56
Downloadable! Video!

Rabbia dentro il cuore

Album: Guardo Avanti 2001
Quante volte rivedrò
(continua)
inviata da adriana 25/1/2007 - 17:19
Percorsi: Genova - G8
Video!

Plaza de Mayo

[2003]
Album: Aquí Estamos
Mi hanno detto che Pablo è scomparso
(continua)
inviata da adriana 25/1/2007 - 16:47
Downloadable! Video!

Johnny I Hardly Knew Ye

anonimo
A me invece non pare giusto che la Seat utilizzi questa canzone così cruda per vendere una macchina, perchè la maggioranza della gente non saprà mai che canzone è questa. L'unica certezza è che lo schifo della guerra ci perseguiterà sempre.
(Bizio)

La politica del nostro sito è di accettare qualsiasi tipo di commento, ma è chiaro che -per quel che riguarda questa canzone, sottoscrivo in pieno quel che hai detto. Trovo assolutamente aberrante che un'antica (e cruda) ballata antimilitarista come questa sia sfruttata per vendere altri strumenti di morte (non esito un attimo a definire così le automobili, visto che il numero di persone che ogni anno muoiono in incidenti stradali è paragonabile a quello di una guerra). E mi fa piacere, caro Bizio, che ci sia ancora gente come te, che non ha perso la capacità di ragionare con la propria testa. Saluti. [RV]
25/1/2007 - 16:00
Downloadable! Video!

Lettera da lontano

Nella versione originale di questo brano (ossia quella contenuta nell'album "Come gli aeroplani" del 2001, pubblicato da Ala Bianca), la "lettera a Carlo Giuliani" era una "lettera per Silvia Baraldini/non servirà a niente ma almeno saprà che le siamo vicini"); successivamente Jannacci ha iniziato a sostituire il verso dedicato alla Baraldini con quello dedicato a Carlo Giuliani.
(Alberta Beccaro)
Lettera da lontano
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/1/2007 - 15:47
Video!

Che il Mediterraneo sia

che bellezza il suo concerto a sestri levante...il palco sul mare e noi tutti che ballavamo con le gambe nell'acqua.
grazie bennato e grazie al mediterraneo che ci circonda e ci vizia.
Clara, una genovese
Clara 25/1/2007 - 14:50

Almirante al Cantagallo

Canzone scritta da Piero Nissim e pubblicata in "Canti di lotta dura" (1974). Antonio Giordano la cantava assieme a Nissim nel Teatro Operaio e poi con il Canzoniere di Salerno.
(informazioni provenienti da una mail dello stesso Antonio Giordano inviata alla mailing list de Il Deposito il 23 gennaio 2007).

La canzone ricorda lo stesso episodio descritto da Janna Carioli (del Canzoniere delle Lame) in Allarmi siam digiuni. Grazie a Antonio per avere inviato il testo, che è stato, ovviamente, inserito anche nel Deposito, il nostro "sito gemello" del compagno e amico Sergio Durzu, che salutiamo con molto piacere.
L'altro giorno sull'autostrada
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/1/2007 - 14:34
Video!

Nuovi crociati

2006
Ancora non è finita

Unici depositari della cultura e della civiltà, soldati a stelle e strisce esportano la loro democrazia ipocrita e la impongono con le armi, forti di un presunto credito maturato dopo l' attacco alle torri gemelle. Il tutto visto da chi il fuoco lo subisce.
I nuovi crociati avanzano senti i loro cingoli che stridono... Vedi i loro uomini che marciano con i loro missili devastano
(continua)
inviata da adriana 25/1/2007 - 14:08
Downloadable! Video!

Una tristezza che si chiamasse Maddalena

Testo e musica di Enzo Iannacci
dell'album JANNACCI ENZO (1972), forse il più raro tra tutti i - purtroppo ancora numerosi - vinili mai ristampati di Enzo Jannacci.

Una canzone terribile e delicata al tempo stesso, nel quale il riferimento alla strage di Piazza Fontana sembra quasi sospeso, buttato là nella quotidianità della vita. Ed è quello che fu. [RV]
Una tristezza che si chiamasse Maddalena
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/1/2007 - 13:14
Downloadable! Video!

Quelli che

[1975]
Testo e musica di Enzo Jannacci
Edizioni musicali RCA/IMPALA
Album: Quelli che

Questa ve la lasciamo così com'è. Senza nessun commento. Si suggerisce solo di leggerla bene, di sviscerare i vari "quelli che". Per un certo periodo diventò famosa come sigla di "Quelli che il calcio", quando c'era ancora Fabio Fazio; ma certi "quelli che" non venivano detti. Qui ci sono tutti, ma proprio tutti!

Non resta che aggiungere che la canzone servì alla grande Lina Wertmüller come colonna sonora per il suo capolavoro Pasqualino Settebellezze (che ottenne una nomination come miglior film straniero all'Oscar del 1976 e che vide come protagonista un'impareggiabile Giancarlo Giannini), un film contro la guerra per eccellenza. La scena iniziale del film, con gli orrori e le devastazioni della guerra, è stata definita tra le più belle di tutta l'arte cinematografica. [RV]

Quelli che cantano dentro nei dischi perche' ci hanno i figli da mantenere, oh yes!
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/1/2007 - 13:07
Downloadable! Video!

Il bonzo

[1974]
Testo di Aurelio Ponzoni e Dario Fo
Musica di Dario Fo
Edizioni musicali Impala/Supersonic

Scritta originariamente da Jannacci e Fo per lo spettacolo di Georges Michel La passeggiata della domenica, fu incisa per la prima volta da Cochi & Renato nell'album E la vita, la vita, scritto e arrangiato da Enzo. Fu poi incisa più volte sia da Jannacci che dallo stesso Dario Fo. Una breve canzone che ricorda i "bonzi", i monaci buddhisti che, durante la guerra nel Vietnam (nel 1974 ancora in corso, vorrei ricordarlo) si cospargevano e si davano fuoco per protestare contro l'invasione americana. Accaddero diversi episodi del genere. Ci ricordiamo solo (e poco) di Ján Pálach. Chissà se qualcuno sa appena chi sia stato Trich Quang Duc. [RV]
La canzone era stata finora inserita esclusivamente con pochi versi di apertura, che erano stati quelli sinora reperibili in rete. Grazie a Alberta... (continua)
A un, a du, a un du tri quatr...
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/1/2007 - 12:45
Video!

Gli zingari

Testo e musica di Enzo Jannacci
ripreso da questa pagina

Tra breve, il 27 gennaio, sarà la Giornata della memoria. Vorremmo, con questa canzone di Enzo Jannacci, fare presente che nei lager nazisti non ci morirono "soltanto" sei milioni di ebrei. Anche circa un milione di zingari vi trovarono la morte come "popolo inferiore", come "Untermenschen", in quello che viene detto l' "olocausto gitano" o Porrajmos (una parola in lingua romanes che significa, alla lettera, "l'essere divorati").

Gli zingari. Per loro nessuno Yad Vashem. Nessun film di grandi registi che ricordi il Porrajmos. Niente di niente. Sono rimasti, e rimarranno, l'oggetto del più diffuso razzismo spicciolo, quel razzismetto di tutti i giorni che si sente dal pizzicagnolo, dalla parrucchiera, sugli autobus, dovunque. Il razzismuccio delle "fiaccolate contro i campi nomadi", il vomitevole razzismolino della "brava gente"... (continua)
Parlato:
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/1/2007 - 12:19
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

SWAHILI
Oğuz Tarihmen

Thank you for your wonderful page about "Where Have All the Flowers Gone?" I am the Turkish translator on your page. my name is Oğuz Tarihmen.

Now I would like to contribute to your page with another translation: into Swahili. This language is very common in East Africa and a lingua franca in broad parts of Africa. You can say, it is the most common African language on earth.

I used to live in Uganda for 14 months and learned Swahili there. Now I am doing professional translations from Swahili into Turkish for the first time in my country.

Even though, Swahili is not my mother tongue, I suppose I have got a good work at the end of the day.

Again, like the Turkish version, the Swahili version is singable...
Oğuz Tarihmen, 24/01/2007
WAPI MAUA YALIENDA?
(continua)
25/1/2007 - 09:27
Downloadable! Video!

Unknown Soldier

Qui "unknown soldier" non sta per milite ignoto, ma è lo "zombie" che per ordine del governo massacra la sua stessa gente, nascosto dalla cappa di impunità che il governo stesso gli accorda...
Dall'omonimo lavoro del 1979.
Il testo l'ho trovato a questa pagina

(Alessandro)
Fela: Make you no go when you hear.
(continua)
inviata da Alessandro 25/1/2007 - 07:48




hosted by inventati.org