Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2005-7-14

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Luglio, agosto, settembre (nero)

Una piccola nota sulla musica: lo sanno solo in pochi, ma è stata quasi totalmente tratta da una canzone popolare greca della Macedonia, "Yerakina"... una bella ragazza che non stanca di chiedere al pozzo d'acqua del suo villaggio "Chi è la più bella?". Gli abitanti del villaggio a un certo punto, seccati, la spingono giù... perlomeno questa fu la spiegazione di Daniele Sepe quando lo sentii ri-eseguire lo stesso brano dal vivo. La trovate incisa in "Viaggi fuori dai paraggi"

Saluti

E, a mo' di completezza di questa pagina, riprotiamo anche il testo originale della canzone popolare greca, non in trascrizione come nella pagina linkata:

Η ΓEPAKINA

Kίνηση η Γερακίνα
για νερό κρύο να φέρει

Nτρουν ντρουν ντρουν ντρουν ντρουν
τα βραχιόλια της βροντούν

Kι έπεσε μέσ’στο πηγάδι
κι έβγαλε φωνή μεγάλη

K’έτρεξε ο κόσμος όλος
κ’έτρεξα κι εγώ o καημένος

Γερακίνα θα σε βγάλω
καί γυναίκα θα σε πάρω.

[RV]
Augusto il bibliotecario 14/7/2005 - 17:40
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

ITALIANO / ITALIAN [3] - Tony Fortuna/Massimo Rosso

As in the case of German soldiers before them, the song also became very popular with Italian soldiers who heard lyrics that were slightly changed from the original German text. Tony Fortuna, an Italian soldier during the war who was captured by the British army in Tobruk (North Africa) passed along to his nephew, Massimo Rosso, an unofficial variation in one stanza of the lyrics (the one starting with "Quando nel fango debbo camminar...")- Istrianet

Come era già successo per i soldati tedeschi, la canzone divenne molto popolare tra i soldati italiani. con parole leggermente diverse dal testo tedesco originale.
Tony Fortuna, un soldato italiano che durante la guerra fu catturato dall'esercito britannico a Tobruk (Nord Africa) trasmise al nipote, Massimo Rosso, una variazione non ufficiale di una strofa (al posto di "Quando nel fango debbo camminar...")
Quando son di ronda
(continua)
14/7/2005 - 13:01
Downloadable! Video!

Sopravviverò (ma questo non è il Cile)

Dall'album: Piccole vite da decifrare

È un racconto lucido sui fatti avvenuti a Genova. Cercando di evadere da certa retorica,senza slogan, ma tenendo presente il dolore e lo shock che può accompagnare un evento del genere.
Sopravviverò è un canto sussurrato che arriva comunque al cuore di chi ascolta(almeno secondo me!!!).
Rappresenta per noi il dissociarsi da certi metodi repressivi,dalla violenza che prescinde ogni cosa. L'aspetto musicale è basato su un arrangiamento abbastanza discreto,mai eccessivo che scivola via sulle parole di Francesco, ritmo lento e compassato in salsa reggae,con il basso a fare da cantilena/nenja al resto.
Se dovessi rivedere per un'ora quelle scene di dolore
(continua)
inviata da adriana 14/7/2005 - 08:27
Percorsi: Genova - G8

Corrido del desagravio

El veintisiete de agosto
(continua)
inviata da adriana 13/7/2005 - 08:35
Downloadable! Video!

Chicago (We Can Change The World)

Maggio 2004 (Rev. Luglio 2005)
Contributo alla revisione del testo e alle note di Artemisia
CHICAGO (POSSIAMO CAMBIARE IL MONDO)
(continua)
12/7/2005 - 18:11
Downloadable! Video!

L'amore ai tempi del caos

da "Terra e libertà" (1997)

Alcune parti del testo di questa canzone (e in parte anche la melodia) sembrano decisamente ispirati da "Love minus zero / no limit" di Bob Dylan.


Macondo Express - Il ritorno di Paddy Garcia - Il ballo di Aureliano - Remedios la bella - Radio Tindouf - Marcia balcanica - Danza infernale - Qualche splendido giorno - Transamerika - Lettera dal fronte - L'ultima mano - Cuore blindato - Don Chisciotte - Cent'anni di solitudine - L'amore ai tempi del caos
La radio chiama, il mercante grida
(continua)
12/7/2005 - 15:07
Downloadable!

Incerimonia: La ballata del sognatore

Questa è la ballata di chi vuol sognare
(continua)
inviata da adriana 12/7/2005 - 14:47
Downloadable! Video!

Oh my God

Album: "Stay human" (2001)

«Oh My God è una sorta di preghiera nella quale io chiedo a Dio di far andare le cose un po' meglio di adesso e di fermare gli abusi, le sofferenze, le ingiustizie. È una canzone spirituale e politica insieme, nello stesso spirito con cui scrivevano i pezzi Marvin Gaye o Bob Marley»
Intervista a Michael Franti dal Manifesto (12 luglio 2002)
Oh my, oh my God
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 11/7/2005 - 17:08

Everybody's Crying Mercy

I can't believe the things I've seen
(continua)
11/7/2005 - 16:44
Downloadable!

Don't drop that bomb on me

Brano che chiude l'album "Waking Up the Neighbours" del 1991.
We sailed our ships upon the shores
(continua)
11/7/2005 - 16:39
Un altro pezzo di musica colta inserito nella nostra raccolta: Il canto sospeso di Luigi Nono, composizione per tre voci soliste, coro ed orchestra con testi tratti dalle "Lettere dei condannati a morte della Resistenza Europea"
Lorenzo Masetti 11/7/2005 - 11:09
Video!

Pa te "Chile"

[1996]

Album :DA PETRAE DA VENTU

Ghjacumu Thiers - Brunu Susini
Aghju vistu u to celi
(continua)
inviata da adriana 11/7/2005 - 11:02

A me patria

NATALI VALLI
Cantu : G.Canarelli / J.P.Mangion
A me patria si chjama libartà
(continua)
inviata da adriana 11/7/2005 - 09:34

Minoranças

Tradut en francès
Comme un flocon de neige descendant droit du ciel
(continua)
inviata da Jean-Pierre 11/7/2005 - 05:45
Video!

Prijatelj ga kaže više ne poznaje

L'AMICO DICE DI NON RICONOSCERLO PIÙ
(continua)
inviata da Monia Verardi 10/7/2005 - 11:24
Downloadable! Video!

Le Déserteur

ITALIANO / ITALIAN / ITALIEN [7] - Renato Dibì


Versione italiana di Renato Dibì
[2002]

Version italienne de Renato Dibì
[2002]

Italian version by Renato Dibì
[2002]

Renato Dibì, nel suo album Canzoni nascoste del 2002, inserisce "Io disertore", altra personale traduzione, pure fedele, che rispetto ad altre rende bene il passaggio centrale che fa riferimento alle radici storiche del protagonista.
(Paolo Predieri, da Boris Vian, storia di un disertore)
IO DISERTORE
(continua)
inviata da Paolo Predieri 10/7/2005 - 09:48
Downloadable! Video!

Heal The World

spoken:
(continua)
9/7/2005 - 16:02
Downloadable! Video!

Receita para se fazer um herói

La poesia originale di Reinaldo Ferreira da cui è tratta la canzone

Il testo è tratto dalle "Opere complete" del poeta portoghese.
RECEITA PARA FAZER UM HERÓI
(continua)
8/7/2005 - 15:49

Elogio ai caduti

da "Le Pietre di Montsegur" (1993)
Che libertà salga dal fumo delle stoppie
(continua)
inviata da adriana 8/7/2005 - 07:18

Quiero ser tu hermano

Dall'album "El hombre vino del barro" (1974)
Quisiera ser poeta, cantar una canción
(continua)
inviata da adriana 7/7/2005 - 19:23

La guerra

Dall'album "BARRICANTOS, 30 AÑOS DE MEMORIA"
Entre una niebla, ora verdosa, ora rojiza,
(continua)
inviata da adriana 7/7/2005 - 17:22

Ninna nanna

Ricordo con simpatia e nostalgia il programma televisivo di cui la canzone era sigla. Furono raccolti se non ricordo male anche più di 200 milioni per i bambini della Bosnia.
sara rizzoli 7/7/2005 - 16:31
Downloadable! Video!

Non uccidere

(Colombini-Scoponi)
I Barritas: Non uccidere / Introito (1968)

I Barritas hanno inciso questo 45 giri "Non uccidere" nel 1968, riedizione di un precdente 45 giri del 1965.

È una limpida canzone cristiana che sposa il no alla guerra con la musica beat del tempo e con delle venature di musica religiosa ben evidenti nel retro del disco "Introito".

È dedicata a Martin Luther King, pastore protestante molto popolare e molto attivo nella lotta per i diritti civili degli afroamericani, ucciso proprio nel 1968 dal fanatismo dell’intolleranza reazionaria nordamericana, ma è anche un esplicito richiamo ad uno dei Comandamenti della religione cristiana troppo spesso ignorato o aggirato da chi ha mandato e manda tante giovani vite a morire nello scempio di tutte le guerre e in alcune pretendendo anche di "avere Dio dalla propria parte".
Dio ci ha insegnato l’amore:
(continua)
inviata da i.fermentivivi 7/7/2005 - 09:40
Video!

Hijos

[2004]
Album "Hijos"
Hijos presos in Buenos Aires, solos tristos e iscurtzos
(continua)
inviata da adriana 6/7/2005 - 18:59

Nubi di guerra

Dall'album "Casbah"
Nubi di guerra
(continua)
inviata da adriana 6/7/2005 - 13:52
Downloadable! Video!

Sergio Endrigo: Anch’io ti ricorderò

[1968]‎
Lato B di un 45 giri del 1968.‎
Sul lato A, “La colomba”, versione italiana di “Se equivocó la paloma”, poesia di Rafael Alberti del ‎‎1938 dedicata a Pablo Neruda e messa in musica nel 1941 dal compositore argentino Carlos ‎Guastavino.‎

di Sergio Endrigo
Una canzone dedicata a Ernesto Che Guevara.
Era mezzogiorno e prigioniero
(continua)
inviata da adriana 6/7/2005 - 12:54
Downloadable! Video!

Oltre il ponte

Un testo emozionante che esprime tutta la vitalità di chi era davvero sui campi di battaglia e sopratutto fa riflettere chi invece non c'è stato.
È il pezzo forte della mia tesina d' esame. Grazie MCR
Francesca Stermieri 5/7/2005 - 15:33
Downloadable!

Ciao Amore

Dall'album "BLU"
(1996)
Ciao amore
(continua)
inviata da Marco Di Lillo 5/7/2005 - 12:55
Downloadable! Video!

L'Internationale

MALESE [2] / MALAY [2]


Un'altra versione letterale in lingua malese.
Alternative Malay, word-for-word version.
INTERNASIONALE
(continua)
4/7/2005 - 23:15
Downloadable! Video!

L'Internationale

INDONESIANO [2] / INDONESIAN [2]


La versione del Partito Comunista Indonesiano.
Il testo è ripreso da Wikipedia Indonesia.

The Indonesian version as sung by members of the Indonesian Communist Party. The lyrics are available at Wikipedia Indonesia.

Versi Partai Komunis Indonesia

Teks bahasa Indonesia lagu "Internasionale" ini adalah dianggap sah dan dipopulerkan oleh pimpinan PKI periode 1951-1965. Disalin dari brosur "Kumpulan Lagu 23 Mei", Panitia Nasional Ulangtahun ke-45 PKI, Djakarta, 1965.


Da/From Indomarxist

Dengan membaca tulisan Lenin "Eugène Pottier" kita mengetahui bahwa penyair sanjak "Internationale" adalah seorang anggauta Komune Paris yang dipilih oleh 3352 suara dari sejumlah 3600 suara pemilih. Dan lewat tulisan itu pula kita menjadi tahu bahwa penyair-buruh Eugène Pottier menciptakan sanjak "Internationale" itu pada saat sebulan sesudah terjadinya peristiwa berdarah... (continua)
Bangunlah kaum jang terhina,
(continua)
4/7/2005 - 23:00

Dividing You

[2004]
Testo e musica di Daniel Gannaway
Lyrics and music by Daniel Gannaway

"The song was inspired by John Howard and the Australian Government's actions over the 438 Afghan refugees trapped at sea in September 2001, and the Australian governments reaction and treatment. The asylum seekers were stranded at sea for more than a week after the Norwegian ship Tampa rescued them from the sinking Indonesian ferry they were aboard on 26 August. It took them to Christmas Island but Australia refused to let them land. They were taken to Papua New Guinea to be flown to New Zealand and the South Pacific island of Nauru for the processing of their asylum claims." -Daniel Gannaway.
Adrift in a boat
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/7/2005 - 19:16

Democracy

[2004]

Testo ripreso da:
Lyrics available at:
http://polsong.gcal.ac.uk/songs/rev12.html

"After the WMD claim fizzled and evaporated as a justification for the Iraq war, America's leadership began trumpeting the case for spreading democracy throughout the world. Billions are spent rebuilding the cities and infrastructure we destroyed in Iraq. Meanwhile, American schools are crumbling, our roads are filled with holes, our urban centers are decaying, and millions and millions of American children are uninsured and cannot afford health care. Our own election process (in 2000) was marred by more inconsistencies and dubious dealing that one can count. And we are planning on spreading this democracy across the globe. Two of my fellow artists and I decided to collaborate to question this. What sort of democracy do we have here? Do we really have a say in our government? Or is this a plutocracy, an aristocracy? This song wouldn't have been possible without great verses from E. Rich and J-High, also emcees from upstate New York." -Rev1.
Do as we say, not as we do
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/7/2005 - 19:12
Riccardo Venturi parte per le vacanze e vi saluta con l'Internazionale in Latino. Avete atque valete, amici et sodales!
Riccardo Venturi 4/7/2005 - 17:22
Downloadable! Video!

L'Internationale

LATINO / LATIN [1]

La versione latina di Riccardo Venturi
Latin version by Riccardo Venturi
in Latinum vertit Richardus Venturi

4 luglio 2005
July 4, 2005
a.d. X Id. Iul. a.D. MMV






Hymnum composuit Gallicus laborator Eugenius Pottier a.D. MDCCCLXXI Lutetiae pro insurrecto populo et harmonizavit primo tempore ad hymnum Massaliensem. Postero, a.D. MDCCCLXXXVIII, proletarius Lillensis musicus Petrus Degeyter idoneam harmoniam composuit qua carmen est totius orbis laboratorum hymnus factus, et versus in permultas linguas. Sovieticarum Rerum Publicarum Foederationis fuit nationalis hymnus ab a.D. MCMXVIII usque ad a.D. MCMLXVI. Haec versio prima est in Latinum sermonem, sed ad harmoniam non adaptatur perfecte.
TOTIUS ORBIS LABORATORUM HYMNUS
(continua)
4/7/2005 - 17:11
Downloadable! Video!

L'Internationale

4 luglio 2005
CANTO INTERNAZIONALE
(continua)
4/7/2005 - 14:07

Cita mare

La canzone ispiratrice: "Little Mother" di Christy Moore
LITTLE MOTHER
(continua)
4/7/2005 - 12:42

Cân Victor Jara

Testo gallese di Dafydd Iwan
Musica e arrangiamento di John Abraham

Welsh Lyrics by Dafydd Iwan
Musica e arrangiamento di John Abraham

Testo ripreso da:
Lyrics available at:
cor.cochion
Yn Santiago yn saith- deg- tri
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/7/2005 - 03:07

Jackaroe

anonimo
[XVIII sec. / 18th century]

Ballata tradizionale di origine sicuramente britannica, ma proveniente dai Monti Appalachi, sul diffusissimo tema della ragazza che si traveste da uomo per andare alla guerra al posto del fidanzato (o per ritrovarlo). E' stata, tra gli altri, interpretata da Joan Baez nel suo "Ballad Book", volume primo. Si veda anche La guerriera.
There was a silk merchant in London he did dwell
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/7/2005 - 01:14

La guerriera

anonimo
"Ballata arcaica la cui versione si trova, uguale a quella italiana, in Francia e in Portogallo.
Qui manca la parte iniziale, dove la ragazza arriva a travestirsi da uomo pur di andare alla guerra al posto del fidanzato (o fratello).
In Italia e' stata pubblicata da Costantino Nigra, nel 1854."

[...]

"Gia' pubblicata nell'album "Io vado alla filandra" e nel doppio "Silenzio, canta la Macina", qui copiata da "Aedo malinconico e ardente, fuoco ed acque di canto".
Da non perdere per chi ama i canti popolari.

(Ezio, dal newsgroup it.fan.musica.guccini, 4 luglio 2005)

*

"...devo però dirti che il motivo della ragazza che si traveste da uomo per andare alla guerra al posto del fidanzato/fratello (oppure per ritrovarlo) è assolutamente presente in tutte le "Balladries" europee, da quella angloscozzese a quella danese, da quella bulgara a quella russa.
Nelle isole Britanniche, su tale... (continua)
Mamma la mia mamma scolà m'hai da 'nsegnà'
(continua)
inviata da Ezio (tramite Riccardo Venturi) 4/7/2005 - 01:05
Downloadable! Video!

L'Internationale

MOLDAVO / MOLDOVAN


NOTA SULLA LINGUA MOLDAVA:
NOTE ON THE MOLDOVAN LANGUAGE:

La lingua Moldava (Limba moldovenească), la lingua ufficiale della Repubblica di Moldova (o Moldavia), è considerata da molti assolutamente identica al romeno. Secondo molti romeni, ed anche la maggior parte dei linguisti, il "moldavo" semplicemente non esiste: si tratta del romeno così "ridenominato" per ragioni puramente politiche. Comunque sia, il moldavo è parlato da circa tre milioni e mezzo di persone nella repubblica (ex Sovietica) di Moldavia; per tre milioni di essi è lingua materna.
Durante tutta l'epoca Sovietica, il moldavo, oltre ad essere considerato una "lingua neolatina autonoma" (in realtà le differenze con il romeno, seppure sapientemente acuite durante il tale periodo, sono davvero minime), fu scritto con una versione modificata dell'alfabeto cirillico; tutto questo perché la Moldavia, storica... (continua)
ИНTEPHAЦИOHAЛА
(continua)
4/7/2005 - 00:41
Video!

Балладa о вечном огне

[1968]

Le motivazioni di questa canzone sono introdotte da Galič stesso nell'introduzione parlata alla canzone. Il testo originale polacco di Czerwone maki na Monte Cassino è di Feliks Konarski.

Una lunga e splendida ballata sulle peripezie di un soldato polacco che, sfuggito ai lager nazisti, raggiunge il battaglione di resistenti polacchi, inquadrati nelle forze alleate, che combatté a Monte Cassino nel '44. Una volta rimpatriato, deve di nuovo sfuggire alle persecuzioni staliniane...
Александр Галич
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/7/2005 - 23:29
Downloadable! Video!

Czerwone maki na Monte Cassino

[1944]
Testo di Feliks Konarski
Musica di Alfred Schütz

ripreso da:
available at:
questa pagina




"Czerwone Maki na Monte Cassino" ("I papaveri rossi a Monte Cassino") è una delle più note canzoni della resistenza polacca, che aveva formato diversi corpi partigiani che combatterono a fianco degli alleati in mezzo mondo, dall'Iran alla Palestina, dall'Egitto all'Italia. Da questa canzone (della quale verrà fornita una traduzione appena possibile), assolutamente straordinaria (ricordiamo che il suo autore, Feliks Konarski, che faceva parte del II Corpo Polacco dei resistenti, era uno dei più apprezzati poeti del suo paese), traspare tutto l'orrore per la guerra, non solo nel paese lontano, smembrato e raso al suolo dagli invasori nazisti sin dal primo giorno della II guerra mondiale, ma anche in tutti i paesi distrutti. Il II Corpo Polacco della resistenza si distinse nella battaglia... (continua)
Czy widzisz te gruzy na szczycie?
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/7/2005 - 23:25

Credo

Ho visto per caso il vostro bellissimo ed efficacissimo sito e mi permetto di inviarvi un'altra canzone del cantastorie siciliano Mauro Geraci sulla guerra in Iraq
Bibbia, Genesi 2, 8-17.
(continua)
inviata da Augusto Cecilia 3/7/2005 - 23:20
Downloadable! Video!

L'Internationale

CHANT INTERNATIONAL, ou INTERNATIONALE ANARCHISTE, ou INTERNATIONALE NOIRE

[1897]

Parole / Lyrics / Paroles: Louise Michel

Musica / Music / Musique: sull'aria di Wacht am Rhein
To the tune of Wacht am Rhein
Sur le motif de Wacht am Rhein.

Testo ripreso da questa pagina
Lyrics available at This page
Paroles tirées d'après la page suivante


Si tratta di un testo palesemente ispirato a quello di Pottier, ma cantato su una musica differente (sull'aria di una canzone popolare tedesca, Wacht am Rhein, ovvero "La guardia sul Reno", che fu l'inno della Germania bismarckiana e che in seguito divenne un inno nazista ed il cui nome fu persino utilizzato per la fallita controffensiva nelle Ardenne!) e dai contenuti più specificamente anarchici ed antimilitaristi.

The lyric are inspired by Pottier's Internationale, though they reflect Anarchist and antimilitarist views far more clearly. The music... (continua)
CHANT INTERNATIONAL
(continua)
3/7/2005 - 22:40

Dead Iraqis

[2003]
Testo e Musica di George Mann
Lyrics and Music by George Mann

Testo ripreso da:
Lyrics available at:
http://polsong.gcal.ac.uk/songs/mann.html

For the 11 members of Bakhat and Lamea Hassan’s family who died at a US checkpoint in Iraq, 3/31/03 -George Mann.
The missiles they fly and the bombs keep on falling
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/7/2005 - 19:12
Downloadable! Video!

Daring to Speak

[2004]
Testo e musica di Sharleen Leahey
Lyrics and Music by Sharleen Leahey

Testo ripreso da:
Lyrics available at:
http://polsong.gcal.ac.uk/songs/leahey.html
http://www.songs4peace.org/WebForm1.aspx

"Dedicated to the 911 Families for Peaceful Tomorrows" -Sharleen Leahey.
Daring to speak against the war machine
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/7/2005 - 19:06

Conspiracy of Silence

[2003]

Testo ripreso da:
Lyrics available at:

http://polsong.gcal.ac.uk/songs/kasper.html
http://nnytimes.com/John_Kasper_band.htm

"Conspiracy of Silence" is included on a compilation of anti-Bush, anti-war music entitled Election Day U.S.A.
Disturbing visions of flag-covered coffins each day
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/7/2005 - 18:59

Condoleezza

Peter Kastner
[2004]
Testo e musica di Peter Kastner
Lyrics and Music by Peter Kastner

Testo ripreso da:
Lyrics available at:
http://polsong.gcal.ac.uk/songs/kastner1.html

Una canzoncina dedicata a Condoleezza Rice durante la campagna elettorale per le scorse presidenziali americane; nella canzone, ovviamente, si "fa il tifo" per John Kerry; tutti sappiamo purtroppo com'è andata. Gli "United States of Canada" hanno perso contro "Jesusland"...

L'attuale segretaria di stato dell'amministrazione Bush porta un nome la cui origine merita di essere raccontata. Pare infatti che i genitori, autentici melomani, l'avessero in realtà battezzata "Condolcezza" (dal termine musicale "con dolcezza" che, al pari di tantissimi altri, come "adagio", "moderato", "andante" ecc., rimane in italiano in tutte le lingue); "Condoleezza" sarebbe derivato da un errore di trascrizione all'anagrafe. Meglio così. Che un pezzo di merda del genere si fosse chiamata pure "con dolcezza", sarebbe forse stato troppo.
Condoleezza, Condoleezza
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/7/2005 - 17:35
Downloadable! Video!

L'Internationale

KELARTICO / KELARTIC




La versione standard in Kelartico (1999)
Standard Kelartic Version (1999).

Per il Kelartico si ved qui.
See here for Kelartic.
TO INTERNASYONĀLE
(continua)
2/7/2005 - 21:10
Downloadable! Video!

Le Déserteur

OPEN LETTER TO PAUL FABER, TOWN COUNCILLOR

An excerpt from Boris Vian's open letter to the Paris town councillor Paul Faber (English translation by Riccardo Venturi)
No, Mr Faber, you should not look for an insult where it does not exist and, if you should find it, it is you who have put it there, I tell you. What I exactly mean does not allow misunderstanding: I have never wished to offend the veterans from both world wars, the Partisans (I have many friends among them) and the Victims of the war (and, among them, I had many friends, too). My insults are always frank and open-hearted, though very rare. I shall never insult people like myself, civilians who have been given a uniform only to be killed as things, and nothing more, and who have had their heads filled with empty words and pointless excuses. Only an idiot, not a hero, fights without knowing what is the fight for; a hero is he, who accepts death if he knows that it will be useful to the values... (continua)
2/7/2005 - 17:31
Downloadable! Video!

Sidùn

(ricevuta il 2 luglio 2005)

Φαμπρίτσιο ντε Aντρέ, 1984
ΣΙΔΩΝ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/7/2005 - 12:42
Downloadable! Video!

Sorrow

rivista da Lorenzo Masetti
DOLORE
(continua)
2/7/2005 - 12:00

Celebration

[2003]
Testo ripreso da:
Lyrics available at:
http://polsong.gcal.ac.uk/songs/stanton.html
The camera zooms in on the Square of Paradise,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/7/2005 - 10:47




hosted by inventati.org