Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Martin Carthy

Rimuovi tutti i filtri
Video!

The Brown Girl

anonimo
[Child #295A]
Una ballata che contiene echi ad altre sette- od ottocentesche come “Lord Thomas and Fair Eleanor”, “Barbara Allen” e “The Sailor from Dover”
Interpretata innanzitutto da Frankie Armstrong nel suo album “Lovely on the Water” del 1972, poi da Steeleye Span, Martin Carthy, Jon Boden e altri artisti

A proud, vengeful creature, spurned “because she was too brown”. The implication is, she wasn't fine enough, ladies had lilywhite hands, skin as fair as milk; working girls got suntanned and coarsened in the field, unfit for gentlemen. The ballad, containing echoes of Lord Thomas and Fair Eleanor, Barbara Allen, and others, doesn't seem to have been very common it its original form, more or less as Frankie sings it. But in altered shape, in which it is the man, sometimes a sailor, not the girl who is slighted and pitiless, it had wildfire success in England as The Dover Sailor, and... (continua)
“I am as brown as brown can be,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 28/11/2017 - 16:11
Video!

The Maid and the Palmer and the Well Below the Valley

anonimo
21A. The Maid and the Palmer
La versione eseguita dai Brass Monkey con Martin Carthy e John Kirkpatrick [The Complete Brass Monkey, 1983]
The version performed by Brass Monkey, with Martin Carthy and John Kirkpatrick [The Complete Brass Monkey, 1983]



Ripresa da Terre Celtiche di Cattia Salto. Sono inserite le note originali della curatrice.
Reproduced from Cattia Salto's Terre Celtiche. Original notes by the editor are included. [RV]
THE MAID AND THE PALMER
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/9/2017 - 11:09
Se per caso andate alla fiera di Scarborough assieme a Simon & Garfunkel, ci dovreste anche andare insieme a un Cavaliere Elfo, a un Cantico contro la guerra, a un minatore di carbone, a Martin Carthy, Ewan McColl e Peggy Seeger, a Bob Dylan, al grande studioso americano Francis James Child, a Edipo e alla Sfinge, a Sansone, all'Indovinello Veronese, a un Laureato, ai Muppets e persino al Diavolo in persona... Una canzone dalla storia millenaria per la quale abbiamo voluto completamente rifare una pagina composita ed esauriente, con una nuova introduzione (per ora soltanto in italiano): Una storia molto, molto lunga...
Riccardo Venturi 2/7/2017 - 00:54
Video!

Poor Murdered Woman

anonimo
[183?]
Una canzone il cui autore si dice sia stato tal Mr. Fairs, un fabbricante di mattoni di Leatherhead, nel Surrey inglese. Ma l’attribuzione è incerta.
Interpretata da diversi artisti inglesi, tra i quali Martin Carthy con Dave Swarbrick nel loro disco “But Two Came By” del 1968, e Shirley Collins in “No Roses” del 1971, con The Albion Country Band.
Testo trovato su English Folk Music.

Non ho voluto proporre la versione di Martin Carthy, che pure è precedente, ma quella di una donna, Shirley Collins, per il motivo che il 25 novembre è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Eppure credo che anche oggi saranno numerose le uccise, le ferite, le stuprate, che purtroppo It's a Man's Man's Man's World, un mondo in mano alla violenza dei maschi, potenti e/o impotenti, dove i più deboli (i maschi che rifiutano la violenza, e le donne non complici dei maschi aguzzini, e i bambini,... (continua)
It was Hankey the Squire as I've heard men say
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/11/2016 - 14:31
Video!

Here's Adieu to All Judges and Juries

anonimo
[19° sec.]
Una ballata ottocentesca ripresa innanzitutto da Martin Carthy nel suo album “Landfall” del 1971.
Testo trovato su English Folk Music

Se nel Regno britannico di 6-700 il destino di un ribelle, di un ladro, o di un “poacher”, un bracconiere, poteva essere la morte ‎per impiccagione (vedi Geordie [My Geordie Will Be Hanged In A Golden Chain]), ‎nei primi decenni dell’800 la giustizia preferiva non sprecare un paio di braccia e spediva i ‎condannati nelle colonie penali e nelle fattorie-prigioni in Australia.‎
Un modo piuttosto spiccio per colonizzare nuove terre ed ampliare i confini dell’Impero a costo ‎zero o, meglio, facendo pagare il prezzo a poveracci, criminali comuni e prigionieri politici…‎
Here's adieu to all judges and juries!
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/11/2016 - 13:31
Downloadable! Video!

Und was bekam des Soldaten Weib?

La versione inglese di Martin Carthy dal suo album del 1967 intitolato "Byker Hill”, con Dave Swarbrick al violino.
Testo trovato su English Folk Music
THE WIFE OF THE SOLDIER
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/11/2016 - 11:36
Video!

The Lament Of The Border Widow

anonimo
Nell’introduzione a questa ballata Riccardo faceva riferimento ad un testo ben più lungo cui “The Lament of the Border Widow” si rifà. Si tratta per l’appunto di “Famous Flower of Serving Men”, il cui autore fu tal Laurence Price, balladeer londinese attivo tra il 1625 ed il 1680, che la pubblicò nel 1656.

Molti gli artisti inglesi che l’hanno interpretata, primo fra tutti Martin Carthy, a partire dal suo album del 1972 intitolato "Shearwater”.
Di seguito riporto note introduttive e testo della ballata nella versione di Carthy, come tratti da English Folk Music

“By common consent, the finest piece on the album is Famous Flower of Serving Men. The plot (brace yourself!): a mother sends violent thugs to her daughter's house to kill her husband and baby. The young woman digs their graves, buries them, dries her tears, cuts off her hair and dresses herself as a man. She goes to work at the... (continua)
FAMOUS FLOWER OF SERVING MEN
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/11/2016 - 08:33
Video!

Bruton Town

Un’antica murder ballad inglese, raccolta da Cecil Sharp tra le su “100 English Songs”, volume pubblicato nel 1904.
Nota anche con i titoli “The Bramble Briar” e “The Murdered Servantman”.
Tutti i testi (e informazioni più dettagliate) sono reperibili su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music

Interpretata da Martin Carthy (in “Second Album”) e da Ewan MacColl (in “The Manchester Angel”, con il titolo “The Bramble Briar”) nel 1966. In seguito anche dai Pentangle (nel loro disco d’esordio) e da Maddy Prior (in “Folk Songs of Old England Vol. 1”) nel 1968, e poi da Sandy Denny in alcune esibizioni del 1972 raccolte innanzitutto nell’antologia “Who Knows Where the Time Goes?” pubblicata nel 1986.
Comunque è impossibile citare tutti gli artisti che hanno interpretato “Bruton Town”…

La fonte originaria della canzone parrebbe addirittura essere il “Decamerone” del Boccaccio e,... (continua)
In Bruton Town there lived a noble,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/3/2016 - 16:10
Video!

Monkey Hair

(1985)
Interpretata anche da Martin Carthy nell'album The Moral of the Elephant (2014)

Monkey hair è una canzone più recente dello scomparso cantautore scozzese (apparsa nel 1985 in Gaels Blue) che parla della moglie di un prete a lui conterraneo stanca di mettere al mondo figli spediti dal marito a morire in guerra
Monkey hair has turned to fair
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 15/8/2015 - 19:13

The Bonny Moorhen

anonimo
[Traditional - ca. 1818]
[Tradizionale - ca. 1818]
Performed by Martin Carthy on his and Eliza Carthy's duo album The Moral of the Elephant [2014]
Interpretata da Martin Carthy nell'album in duo con Eliza Carthy The Moral of the Elephant [2014]

"Ho ricevuto l'ultimo cd di Martin Carthy (The Moral of the Elephant, 2014) e sono contenuti un paio di vecchi pezzi interessanti che non ho trovato nel sito." [Flavio Poltronieri]

"Martin Carthy sang Bonny Moorhen in 2014 on his and Eliza Carthy's duo album, The Moral of the Elephant. He commented in their album's sleeve notes:

Mike Bettison, having for many years been a mainstay of Flowers and Frolics and of The Fabulous Salami Brothers, is these days a Community Arts organiser in Hawes and he phoned a while back having run to earth the grandson of the man who sang Scarborough Fair to Ewan MacColl in the late 1940s. He is Floyd Anderson and... (continua)
You brave lads of Weardale, I pray lend an ear
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri + CCG/AWS Staff 15/8/2015 - 19:06

Home Fit for Heroes

[1992]
Parole di Les Barker (1947-), poeta di Manchester.
Musica di Martin Carthy.
Interpretata da Norma Waterson nel disco di Les Barker intitolato “Some Love”, con June Tabor, Roy Bailey, Eliza e Martin Carthy, Chris Harvey, Ken Nicol e molti altri
They died in their millions,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 30/4/2015 - 08:49
Video!

Norwich Gaol

[1977]
Parole e musica di Peter Bellamy
In “The Transports. A Ballad Opera.”
Con la crema dei folksinger inglesi dell’epoca, tra cui The Watersons, Martin Carthy, Nic Jones, A. L. Lloyd, June Tabor, Martin Winsor, Cyril Tawney e Dave Swarbrick.
Testo trovato su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music

Un’opera che racconta una storia vera, quella di Henry Cabell e Susannah Holmes, “two poor fellows” che nel 1783 furono condannati alla deportazione per aver commesso dei furti a causa della miseria. I due erano amanti e dalla loro relazione era nato un bimbo ma ai due non fu in un primo momento concesso di sposarsi e la famigliola corse il serio rischio di essere smembrata. Uno dei loro carcerieri s’impietosì e intercesse per loro presso il ministro dell’interno.

Così Henry e Susannah poterono unirsi in matrimonio e nel 1787, dando corso alla sentenza, furono imbarcati con il... (continua)
The food is foul, the air is bad, the company not choice;
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 29/4/2015 - 14:02
Video!

Us Poor Fellows

[1977]
Parole e musica di Peter Bellamy
In “The Transports. A Ballad Opera.”
Con la crema dei folksinger inglesi dell’epoca, tra cui The Watersons, Martin Carthy, Nic Jones, A. L. Lloyd, June Tabor, Martin Winsor, Cyril Tawney e Dave Swarbrick.

Un’opera che racconta una storia vera, quella di Henry Cabell e Susannah Holmes, “two poor fellows” che nel 1783 furono condannati alla deportazione per aver commesso dei furti a causa della miseria. I due erano amanti e dalla loro relazione era nato un bimbo ma ai due non fu in un primo momento concesso di sposarsi e la famigliola corse il serio rischio di essere smembrata. Uno dei loro carcerieri s’impietosì e intercesse per loro presso il ministro dell’interno.

Così Henry e Susannah poterono unirsi in matrimonio e nel 1787, dando corso alla sentenza, furono imbarcati con il figlioletto su uno degli 11 vascelli del convoglio battezzato “First... (continua)
The times they are hard and the wages are poor
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 29/4/2015 - 13:42
Video!

And a-Begging I Will Go (or the Begging Song)

[XVII sec.]
Una ballata che deriva probabilmente dal The Beggars Chorus de “A Jovial Crew, or the Merry Beggars”, una commedia scritta dal drammaturgo inglese Richard Brome intorno al 1640.
Nella sua carriera Martin Carthy ne ha offerto più versioni, tutte riconducibili al testo accolto nella raccolta “Vagabond Songs and Ballads of Scotland” a cura di Robert Ford (Londra, 1899), dove però la paternità è attribuita al poeta scozzese settecentesco Alexander Ross.
Nel disco d’esordio, eponimo, di Martin Carthy del 1965.
Martin Carthy s’ispirò ad una precedente versione di Ewan MacColl (che incise la canzone nel suo disco del 1966 “The Manchester Angel”, con Peggy Seeger) che però non sono riuscito ad identificare con certezza tra le tante presenti in Rete. Contribuisco quindi qui innanzitutto il testo adottato da Carthy nel 1965, così come riportato su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music
Of all the trades in England the beggin' is the best
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 27/4/2015 - 08:43
Video!

Friday Morning

[1966]
Parole e musica di Sydney Carter (1915-2004), poeta, cantautore e musicista folk inglese.
Nel suo disco intitolato “Lord of the Dance - Carols & Ballads”, con Martin Carthy, Johnny Scott Trio e Mike Sammes Singers.

Un condannato a morte riflette sull’origine dell’ingiustizia rivolgendosi ad un altro prigioniero, un falegname, destinato come lui ad essere crocifisso...
It was on a Friday morning
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/5/2014 - 14:54
Video!

The Devil Wore a Crucifix

[1966]
Parole e musica di Sidney Carter (1915-2004), poeta, cantautore e musicista folk inglese.
Nel suo disco intitolato “Lord of the Dance - Carols & Ballads”, con Martin Carthy, Johnny Scott Trio e Mike Sammes Singers.
The devil wore a crucifix.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/5/2014 - 14:26
Downloadable!

History Lesson

[1965]
Parole e musica di Leon Rosselson
La prima incisione del brano si trova in “Three City Four” album eponimo del gruppo composto da Martin Carthy, Leon Rosselson, Ralph Trainer e Marian McKenzie.
Leon Rosselson lo reincise da solo nell’album intitolato “A Laugh, a Song, and a Hand-Grenade” del 1968.
Testo trovato su Mudcat Café

“According to a note in my first (1966) songbook, this song grew out of memories of history lessons at my school on the edge of Parliament Hill Fields. The tedious recital of facts and dates and great men's deeds is just the sort of history our present rulers would like to reinstate.”

“Secondo quanto mi appuntai nel mio primo libretto di canzoni, risalente al 1966, questa canzone nacque dal ricordo delle lezioni di Storia che si tenevano nella mia scuola nei pressi di Parliament Hill Fields a Londra. La noiosa recitazione mnemonica di date ed imprese di personaggi celebri è proprio il genere di insegnamento della Storia che i nostri governanti vorrebbero ripristinato oggi”
Leon Rosselson
History lesson it's time to remember
(continua)
inviata da Bernart 27/8/2013 - 23:15
Downloadable!

Such a War Has Never Been

‎[1992]‎
Parole di Les Barker (1947-), poeta inglese noto per il suo piglio umoristico e parodistico
Musica di Martin Carthy
Nell’album di Carthy intitolato “Skin + Bone”, con Dave Swarbrick dei Fairport ‎Convention

“Come se una guerra del genere non fosse mai avvenuta per davvero”
Una canzone sulla prima guerra del Golfo, la prima guerra mediatica della Storia, combattuta (?!?) ‎con un occhio – quando non entrambi – all’audience e alle esigenze del “prime time” televisivo, ‎quella in cui la casta militare e la sua grancassa giornalistica sdoganarono aberranti espressioni ‎come “bombe intelligenti” e “guerra chirurgica”…‎
I fight the force of evil
(continua)
inviata da Bernart 14/8/2013 - 15:39
Downloadable! Video!

The Flowers O' the Forest

‎[XVI secolo / 1918]‎
Versi di Frederic William Moorman ‎‎(1872-1918), dalla raccolta “Songs of the Ridings”‎
Musica di Lal & Norma Waterson.‎
Nell’album intitolato “A True Hearted Girl” del 1977.‎
Interpretata anche da e insieme a Martin Carthy.‎
Interpretata anche da June Tabor insieme alla The Lone Tree Orchestra nell’album “We ‎Died in Hell - They Called it Passchendaele” del 1993.‎
Testo trovato su English Folk Music‎

Frederic William Moorman – predecessore di J. R. R. Tolkien sulla cattedra di lingua e letteratura ‎inglese dell’Università di Leeds – pubblicò diverse raccolte di storie e poesie tradizionali dello ‎Yorkshire, molte delle quali nel dialetto della regione.‎
‎“I fiori della foresta” sono qui i giovani inglesi che hanno trovato la morte nelle trincee delle ‎Fiandre durante la Grande Guerra ma i versi (come conferma Norma Waterson nelle note al disco) ‎derivano... (continua)
Day time is weary, and I caw' dusk dreary,
(continua)
inviata da Dead End 20/12/2012 - 15:31
Downloadable!

Coal Not Dole

[1984-85]
Parole di Kay Sutcliffe
Musica di Paul Abrahams
Interpretata da The Watersons, ossia Norma Waterson insieme ai suoi familiari (Lal, Mike e Rachel) e Martin Carthy, in un concerto del 1987.
In seguito inclusa in un’antologia di Carthy intitolata “The Carthy Chronicles” (2001)

I Watersons l’hanno poi a loro volta inclusa in un’antologia in 4 CD intitolata “Mighty River of Song” che hanno fatto uscire nell’aprile del 2013… E con prodigioso tempismo: proprio in occasione della dipartita dal mondo di Margaret Thatcher!

“Carbone (Lavoro) non (sussidio di) disoccupazione” fu scritta da Kay Sutcliffe, moglie di un minatore del Kent, all’epoca del grande sciopero dei minatori inglesi che li vide duramente contrapposti al governo dell’“Iron Lady” Margaret Thatcher.

“Coal Not Dole” era uno slogan che compariva scritto un po’ ovunque sui muri durante quel lungo e durissimo sciopero,... (continua)
They stand so proud, the wheels so still
(continua)
inviata da DoNQuijote82 & Bernart Bartleby 20/3/2012 - 10:10
Downloadable! Video!

A Stitch In Thime

[1988]
Album: "Right Of Passage"
Lyrics by Martin Carthy and Mike Waterson
Tune: “On Board Of A Man-of-War”

Un’altra canzone contro la violenza sulle donne.
“A true story put into song by Mike Waterson about four years ago. It happened about 1962 in the Hessle Road area of Hull and the tune is that of a brutal Royal Navy song called On Board Of A Man-of-war.” (Martin Carthy)
Oh there was a woman and she lived on her own
(continua)
inviata da The Lone Ranger 13/5/2010 - 11:37
Downloadable! Video!

Hard Times of Old England

[1963]
Album "Traditional Songs From Rottingdean"

Una canzone risalente al XVIII secolo e ripresa dalla Copper Family, un gruppo di cantori nato alla metà dell'800 su iniziativa dei fratelli James e Thomas Copper che, rinnovandosi di generazione in generazione, tramanda intatte le canzoni più antiche della tradizione inglese.

Tempi duri nella vecchia Inghilterra: chi è rimasto a casa ha perso il lavoro, chi torna dalla guerra non ne trova uno. Per tornare a casa a fare la fame era meglio restare a farsi ammazzare per il Re!

Il brano è stato ripreso anche da Martin Carthy e dagli Steeleye Span.
Come all brother tradesmen that travel alone,
(continua)
inviata da Alessandro 19/9/2009 - 15:38
Downloadable!

Company Policy

[1988]
Lyrics and music by Martin Carthy
Album: "Right Of Passage"

The wounds sustained in the Falkland War were mainly burns because men were left off shore in boats and landing crafts, waiting for the invasion. They were sitting targets for such Exocet missiles as the Argentinas could lay their hands on. The boats were of super-lightweight construction so they could carry all the electronic hardware that they needed.
Martin Carthy
I saw her by the showroom window,
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 20/4/2009 - 15:50

Our Captain Cried All Hands

anonimo
Questa è la versione cantata da Martin Carthy nell'album Byker Hill (con Dave Swarbrick, 1967)

*

Sung by Martin Carthy on his and Dave Swarbrick's 1967 album Byker Hill, this track was included in the 4LP folk anthology Electric Muse: The Story of Folk into Rock and its 3CD successor, New Electric Muse: The Story of Folk into Rock, and in 2003 on the Dave Swarbrick anthology Swarb!.

Martin Carthy said in the Byker Hill sleeve notes:

The tune of Our Captain Cried All Hands was noted down by Vaughan Williams and slightly adapted to John Bunyan's famous hymn He who would Valiant be. James Reeves, in his notes on the song in the Everlasting Circle, suggests that the song may at one time have been converted for religious use (in much the same way that the Salvation Army converted Oh, No John to Oh, Yes Lord) which would possibly explain the rather confusing last verse which suggests a... (continua)
Our captain cried, All hands and away tomorrow,
(continua)
29/8/2005 - 15:14
Downloadable! Video!

Scarborough Fair/Canticle, provided with The Elfin Knight, Whittingham Fair and Rosemary Lane, and with an Appendix on Riddles Wisely Expounded

A1. Scarborough Fair :
Tradizionale inglese / English Traditional Folksong (Child #2S)
T. Bruce / J. Stokoe, Northumbrian Minstrelsy, 1882
Rielaborazione di / Reworking of Martin Carthy (1962)
A2. Canticle:
Lyrics by / Testo di Paul Simon (1963)
(Reworking of / Rielaborazione di The Side Of A Hill)
Musica / Music: Art Garfunkel
Album: Parsley, Sage, Rosemary and Thyme
B. The Elfin Knight:
Tradizionale scozzese / Scottish Traditional Folksong (Child #2 etc)
William Motherwell, Minstrelsy, Ancient and Modern, 1827
C. Ulteriori Versioni di “Scarborough Fair” / Further Versions of “Scarborough Fair”
D. Whittingham Fair:
Tradizionale inglese / English Traditional Folksong
Rielaborazione / Reworking: Nancy Kerr, 1993
Album:Eliza Carthy & Nancy Kerr
E. Rosemary Lane:
Tradizionale inglese / English Traditional Folksong
Rielaborazione / Reworking: Liz Jefferies, 1976
in: Barry... (continua)
A1. SCARBOROUGH FAIR

(continua)
inviata da Riccardo Venturi




hosted by inventati.org