Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Nada

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Aprite le città

(2016)
Album: L’amore devi seguirlo

“Gennaro rappresenta tutti i disadattati che soffrono, i disperati, gli incazzati. Di fronte alle file chilometriche di migranti, ai bambini che muoiono in mare, alla gente che non ha una terra in cui vivere, io dico di aprire le città, di spalancare le braccia. Esprimo la voglia di essere uniti e solidali”.

Nada
Gennaro parla una lingua amara,
(continua)
13/11/2016 - 17:31
Video!

Ballata triste

(2015)
Dal disco "L’amore devi seguirlo" (2016)

“Ballata triste” racconta una storia di ordinaria violenza domestica.

“Mi sono sorpresa anch’io a trattare un tema come il femminicidio. Non ci sarei mai riuscita se mi fossi messa lì a scriverne a tavolino. Questo disco racconta la nostra vita in mezzo a una vita che non è vita, dice dell’ingiustizia infinita che dilaga. È un grido di protesta”.
Intervista a Nada
Era una giornata
(continua)
31/3/2016 - 22:33
Video!

Maremma amara

anonimo
[Inizio del XIX secolo]
Canzone popolare della Toscana meridionale
[Early 19th century]
A folkson from Southern Tuscany

Maremma amara, Maremma maiala
di Riccardo Venturi

Il termine Maremma, per secoli e secoli, è stato un nome comune, col suo plurale: si poteva parlare, e si parlava, di maremme per indicare qualsiasi terreno costiero paludoso, compreso il suo tratto d'entroterra. Derivando dal latino maritima, il cui significato dovrebbe essere chiaro, se ne capisce il perché; tuttora qualche anziano, o qualcuno che ha il gusto della lingua italiana d'un tempo, si lascia sfuggire una maremma laddove, oggi, si preferisce un più scientifico ecosistema palustre o altri termini di quest'epoca così attenta all'ecologia.

Col tempo, quasi inutile dirlo, si è stabilita una Maremma per antonomasia: la zona paludosa costiera tra la Toscana meridionale e il Lazio settentrionale, per intendersi.... (continua)
Tutti mi dicon Maremma, Maremma...
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/2/2015 - 12:19
Video!

La terrorista

da "Occupo poco spazio" (2014)

Un potente brano quasi punk dal nuovo disco di Nada: una metafora della paura del diverso che attraversa la nostra società e della repressione contro chiunque si allontani dalle convenzioni, dal gregge, da quelle maggioranze che, come diceva De André, hanno la cattiva abitudine di guardarsi alle spalle e di contarsi...


«La ter­ro­ri­sta» – uno dei pezzi di mag­giore impatto – sem­bra in realtà la meta­fora della paura del diverso…

Sì, è il rac­conto di una bar­bona, ma potrebbe anche essere sem­pli­ce­mente una per­sona che non si veste in un certo modo, o alla quale è suc­cesso qual­cosa tanto forte da scon­vol­gerla. E quando fugge, nell’equivoco, viene rin­chiusa in car­cere. La paura del diverso – non parlo solo di extra­co­mu­nitari — mi lascia alli­bita all’alba del 2020…
Intervista a Nada


foto di Irving Penn
Il futuro è nero
(continua)
6/5/2014 - 21:40
Video!

Sulle rive del fiume

[2014]

Album: Occupo poco spazio

Un piccolo capolavoro che chiude il nuovo disco di Nada "Occupo poco spazio"
Sulla riva di un fiume di sangue
(continua)
27/4/2014 - 00:32
Video!

Gesù

[2001]
Album: "L'amore è fortissimo e il corpo no"

Dal Corriere della Sera

Nada canta «Gesù» sulle immagini del G8

ROMA - Nada canta il suo Cristo laico sulle immagini dei violenti scontri del G8 di Genova: i volti insanguinati delle persone, i corpi dei feriti sulle barelle, le cariche della polizia, nuvole di fiamme e fumo. Abbandonata la leggerezza pop, la cantante livornese ha voluto che fosse il regista Citto Maselli, sostenitore dell' impegno civile coniugato al cinema, a girare il video-choc del singolo «Gesù», dall' album «L' amore è fortissimo e il corpo no». «Anche se non sono religiosa - spiega Nada - mi ha sempre affascinato la storia di Gesù, il mio è un Cristo laico, una persona incompresa, emarginata, che porta le sofferenze del mondo. Mentre incidevo l' album sono scoppiati i disordini a Genova, io guardavo quelle immagini raccapriccianti e le legavo a questa canzone».... (continua)
Hanno incontrato Gesù
(continua)
inviata da adriana e daniela -k.d.- 19/11/2008 - 19:05
Percorsi: Genova - G8
Video!

Pioggia d'estate

dall'album "Luna in piena" (2007)
E vola questo mondo vola intorno
(continua)
inviata da mx 10/9/2007 - 10:57
Downloadable! Video!

Venezia-Istanbul

[1980]
Testo e musica di Franco Battiato
da "Patriots"
Interpretata anche da Nada

La canzone, come accade spesso nel cantautore siciliano, rappresenta la realtà delle cose inserendo momenti ed esperienze della sua vita.
E' singolare a mio avviso la capacità con la quale riesce a raccontare indirettamente la crudeltà della chiesa nel medioevo ("un tempo si uccidevano i cristiani e poi quest'ultimi con la scusa delle streghe ammazzavano i pagani...").

Ma molto più significativo è il passaggio finale della canzone: "e perchè il sol dell'avvenire splenda ancora sulla terra facciamo un pò di largo con un'altra guerra"
Pare propio il proclama del presidente dello stato più potente (economicamente!) sulla terra e del suo fedele compagno europeo...
Venezia mi ricorda istintivamente Istanbul
(continua)
inviata da Raffaele, Milano




hosted by inventati.org