Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Bloodrockersband

Rimuovi tutti i filtri
Video!

La canzone dei migranti

Riflessioni su una umanità dolente che si interroga sul significato universale dell’accoglienza e della pietà.
Un altro muro, un’altra vergogna
(continua)
inviata da Fernando Ianeselli 15/12/2015 - 15:14
Video!

La maglietta rossa di Kobane

Tratto dall'opera rock Quo vadis - Storie di migranti.
Il titolo dice già tutto
Il tuo nome è Aylan,
(continua)
15/12/2015 - 15:09
Percorsi: Dal Kurdistan
Video!

Pace

La canzone è parte di un'opera rock in allestimento denominata Quo vadis - Storie di migranti.
L’opera nasce dalla consapevolezza che l’umanità intera sta vivendo un momento storico epocale: non soltanto il confronto/scontro di religioni e civiltà diverse, non soltanto la crisi e gli interessi economici mondiali ma la percezione di un punto di non ritorno globale per la sopravvivenza dell’essere uomo, dei suoi valori fondanti e dello stesso senso della vita.
In qualche modo vorrebbe essere la colonna sonora di un’umanità dolente e smarrita in cammino verso una destinazione ignota.
La tragedia dei migranti (o profughi, o rifugiati, o diseredati non fa differenza) ci pone di fronte a tutto ciò , analogamente a tutte le migrazioni del passato, ma anche diversamente da esse perché oggi questa è tragedia di tutti: di chi uccide, di chi lucra, di chi fugge, di chi accoglie e di chi respinge.
Sotto gli occhi di tutti.
Quando il tempo sparirà
(continua)
inviata da Fernando Ianeselli (autore e compositore) 15/12/2015 - 15:01
Percorsi: Dal Kurdistan




hosted by inventati.org