Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2019-4-15

Remove all filters
Video!

Ave Maria païen

[1998]
Parole di Luc Plamondon (1942), paroliere canadese
Musica di Riccardo Cocciante
Canzone dall'opera musicale "Notre Dame de Paris"

Una preghiera laica per la Francia ed il suo simbolo distrutto.
Ave Maria
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/15 - 22:04
Video!

Aida

Io "Aida", alla luce degli ultimi quarant'anni, la farei continuare così:

Le bombe in piazza
Le rate in banca
L'anima stanca
Siringhe e tivù

Miliardari
E buttafuori
Sceriffi urlatori
"fatti più in là"

Aida
Come sei bella...
Andrea Manfredi 2019/4/15 - 21:12
Video!

Questa nuova realtà

le due strofe in tedesco suonano così:
Che notte
(Continues)
Contributed by Francesco Mazzocchi 2019/4/15 - 20:22
Video!

Kein Kinderlied

Chanson allemande – Kein Kinderlied – Mascha Kaléko – 1968

Poème de Mascha Kaléko (née Golda Malka Aufen, 1907-1975), poétesse juive polonaise, originaire de Galice austro-hongroise.
Un poème mis en musique, par exemple, par Jörg Hofmann in « Mascha Kaléko - Den Herbst im Herzen, Winter im Gemüt ».

Golda Malka Aufen, alias Mascha Kaléko, est née en Galicie dans une famille juive d’origine russe. Suite à la Guerre et à la misère qui s’ensuivit, la famille fuit en Allemagne, où Macha a grandi à Marbourg, puis à Berlin où elle poursuit des études de secrétaire. En 1928, elle épouse un enseignant, Saul Aaron Kaléko. En 1930, elle commence à publier des poèmes dans la presse. Ses œuvres la font rapidement connaître. Elle fréquente le « Romanisches Café », fréquenté par les journalistes, les écrivains et de façon générale, l’intelligentsia berlinoise.
En 1933, avec l’arrivée des Nazis au pouvoir... (Continues)
LA COMPTINE ADULTE
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2019/4/15 - 18:35

Profilation Cookies Blues

Hell yeah, no doubt that you're gone the very instant you plug in your computer!
Juha Rämö 2019/4/15 - 15:31
Video!

Детство - это я и ты

Детство - это я и ты (L'infanzia siamo io e te) è una canzone contro la guerra dei Pionieri sovietici, particolarmente popolare negli anni 80.
Детство, детство,
(Continues)
Contributed by ZugNachPankow 2019/4/15 - 13:14
Video!

Fabrizio De André: Dolcenera

La versione in greco cantata (e probabilmente tradotta) da Christos Thivaios (Χρήστος Θηβαίος), e inserita nel suo CD intitolato Μόνο νερό στη ρίζα (Solo acqua alla radice), edizioni: Lyra, 2003.
Μετέφρασε και τραγούδησε στα ελληνικἀ: Χρήστος Θηβαἰος (2003)
Greek version translated and sung by Christos Thivaios (2003)
Version grecque traduite et chantée par Christos Thivéos (2003)
Kreikankielinen versio: Christos Thiveos (2003)


ΜΑΥΡΟ ΜΑΡΓΑΡΙΤΑΡΙ
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" 2019/4/15 - 10:51
Video!

Self Evident

María José




Una traduzione integrale di Self Evident in una qualsiasi lingua è, giocoforza, un avvenimento, tale e tanto da giustificare mettersi pazientemente alla tastiera per trascrivere la traduzione spagnola che tale María José ha inserito come sottotitoli ad una declamazione della poesia originale che Ani DiFranco effettuò il 16 dicembre 2007 al 92nd Street Y, a New York. Dalla traduzione mancano pochi versi che abbiamo integrato; abbiamo corretto qua e là anche qualche errore ortografico o incongruenza. L'ultima traduzione di questa composizione, quella in francese, era stata inserita il 2 febbraio 2005. [RV]
EVIDENTE POR SI MISMO
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2019/4/15 - 09:35
Video!

Mar obert

(2018)
Con la partecipazione di più di 200 bambini e giovani musicisti del progetto ConArte Internacional, in appoggio a Proactiva Open Arms
Quan el vent bufi les veles els estels les guiaran
(Continues)
2019/4/14 - 23:48
Video!

Mare, me’n vaig a França

(2015)
Música i lletra: Rusó Sala
Album: Fil de Coure

Historiata

Omaggio ai catalani che hanno vissuto l'orrore dei campi di sterminio nazisti. Molti di loro non non sopravvissero all'esperienza e la maggior parte dei pochi che sono sopravvissuti sono ormai morti. Che questa canzone e questo video servano per dare un briciolo in più di luce a questo buco nero della nostra storia. Dedicata specialmente a Neus Català, Joaquim Amat i Piniella e a Montserrat Roig.

Homenatge als catalans que van viure l'horror dels camps d'extermini nazi. Molts d'ells no van sobreviure a l'experiència, i la major part dels que ho van fer, ja són morts. Que aquesta cançó i aquest video-muntatge serveixin per posar una mica més de llum a aquest forat negre de la nostra història. Dedicat especialment a Neus Català, Joaquim Amat i Piniella i a la Montserrat Roig
Deixo la mar enrere i al davant els camins de la muntanya,
(Continues)
Contributed by Lorenzo 2019/4/14 - 23:29

La Sagesse de la Nation

La Sagesse de la Nation

Lettre de prison 21
24 mai 1935


Dialogue Maïeutique

En fait, Lucien l’âne mon ami, le titre « La Sagesse de la Nation » aurait dû être plus long, mais pur toutes ces lettres de prison, j’ai définitivement opté pour des titres courts.

Bonne idée, Marco Valdo M.I., mais du coup, tu m’intrigues. Qu’aurait été ce titre court, s’il avait pu être long ?

Bonne question, Lucien l’âne mon ami, il aurait été formulé comme ceci : « La Sagesse de la Nation,
de la Justice et de la Raison », mais tout compte fait, ce n’était pas nécessaire et je vais te dire pourquoi. Vois-tu, mon ami l’âne Lucien, quand on choisit un titre, il faut savoir pourquoi. Dans mon cas, je veux dire, dans ce cas-ci, j’utilise le titre pour attirer l’attention sur le point focal de la canzone. Ceci vu qu’une chanson parle de diverses choses et qu’il faut bien lui faire exprimer un caractère qui... (Continues)
Cette admonition
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2019/4/14 - 21:29
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Eiszeit

ERA GLACIALE
(Continues)
Contributed by Francesco Mazzocchi 2019/4/14 - 19:17
Video!

La sepoltura dei morti

il collegamento tra la canzone dei dodici mesi e Elliot è nel passaggio

"Con giorni lunghi al sonno dedicati il dolce Aprile viene,
quali segreti scoprì in te il poeta che ti chiamò crudele, che ti chiamò crudele..."

The Waste Land
bo 2019/4/14 - 17:13
Video!

Man With a Gun

[2016]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album intitolato "Continuance", pubblicato nel 2017
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
There’s a man with a gun and he’s got you on the run,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 14:59

America

[2013]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album intitolato "Perspective"
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
America They’re taking your liberty
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 14:49
Downloadable! Video!

Avanti popolo [Poiché non vogliamo sfruttati]

Testo finlandese / Finnish lyrics / Paroles finnoises / Suomalaiset sanat: Pentti Saaritsa

Audio link to the song performed by Arja Saijonmaa on her 1972 album Laula kanssani toveri (Sing with Me, Comrade): https://www.youtube.com/watch?v=qV1mvvQBd0U
BANDIERA ROSSA
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2019/4/14 - 14:35

I’m an American Child (on a Nuclear Pile)

[1978]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album intitolato "Transcendence"
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
I was born in Fort Worth, Texas with a silver spoon
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 14:34
Video!

Wailing Wall

[1976]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album intitolato "Rumplestiltskin’s Resolve"
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
A wailing wall
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 14:23
Downloadable! Video!

La caccia alle streghe (La violenza)


Eine deutsche Version erschien 1972 auf der allerersten Trikont-Platte, „Wir befreien uns selbst“ von der Arbeitersache München.

Una versione tedesca è apparsa nel 1972 sul primissimo disco Trikont, "Wir befreien uns selbst" ("Noi ci liberiamo da soli") dell'Arbeitersache München.


LA VIOLENZA
(Continues)
Contributed by David B 2019/4/14 - 14:16
Video!

Mr. President

[1974]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album intitolato "Furthermore..."
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
Great God! What do you see
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 14:09

Ninety Two Years

[1974]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album intitolato "Furthermore..."
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
Ninety two years of progress is beginning to decry the toil
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 14:06
Video!

8500 Years

[1971]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album "Collaboration", con Paul Buckmaster e Peter Robinson
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
For 8500 years it’s churning
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 13:41

For R.F.K., J.F.K., and M.L.K.

[1970]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album "Contribution"
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site
On a bright murky Tuesday dawning
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 12:11
Video!

Kai

Francesco Mazzocchi
KAI
(Continues)
Contributed by Francesco Mazzocchi 2019/4/14 - 11:58

Theme From the March on Washington

[1965]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nell'album "Shawn", riedito l'anno seguente con il titolo "First Impressions"
Testo trovato sul sito ufficiale dell'autore e sul fan site

Featuring Steve Winwood on piano and Jim Capaldi on drums.

(B.B.)
From the lowest prairie to the highest sea
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 11:28
Video!

Doesn't Anybody Know My Name

[1963]
Una canzone scritta da Rod McKuen e nota nella versione di Waylon Jennings del 1966. Interpretata anche da Shawn Phillips nel suo album d'esordio, "I'm a Loner" (1964)
I've been away so long
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 11:10
Video!

Su comunisti della capitale

Anonymous
COME ON, COMMUNISTS OF THE CAPITAL
(Continues)
Contributed by ZugNachPankow 2019/4/14 - 11:06

Nobody Listens

[1964]
Parole e musica di Shawn Phillips
Nel suo album d'esordio, "I'm a Loner", pubblicato nel 1965

Una canzone dedicata al grande cabarettista ed autore satirico americano (ed ebreo) ‎Lenny Bruce (1925-1966).
Well the senate's in order, they're callin' the roll
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/14 - 10:43
Video!

Where Are We Going?

Scritta da Larry Mizell e Larry Gordon
Una canzone presente in molte compilation successive alla morte di Marvin Gaye, avvenuta nel 1984 per mano del padre Marvin Pentz Gay Sr.
Il brano doveva però fare parte di un album, "You're the Man", che rimase nei cassetti della Motown e che è stato riesumato solo di recente per essere pubblicato lo scorso 29 marzo.
B.B. 2019/4/13 - 23:27
Video!

The World Is Rated X

[1972]
Scritta da Ezra Bolton, Marilyn McLeod, Mel Bolton e Robert Gordy
Una canzone presente in molte compilation successive alla morte di Marvin Gaye, avvenuta nel 1984 per mano del padre Marvin Pentz Gay Sr.
Il brano doveva però fare parte di un album, "You're the Man", che rimase nei cassetti della Motown e che è stato riesumato solo di recente per essere pubblicato lo scorso 29 marzo.
Testo ripreso da Genius
Oh, the world's situation should be Rated X, Rated X
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/4/13 - 23:13
Song Itineraries: War on Earth

Chanson für Morgen

Chanson allemande – Chanson für Morgen – Mascha Kaléko – 1945

Poème de Mascha Kaléko (née Golda Malka Aufen, 1907-1975), poétesse juive polonaise, originaire de Galice austro-hongroise.
Un poème qui est déjà une chanson en soi. Mais il a aussi été mis en musique, par exemple par le compositeur allemand Hans-Dieter Kuhn
Dans la collection "Verse für Zeitgenossen", publiée en 1945

Golda Malka Aufen, alias Mascha Kaléko, est née en Galicie dans une famille juive d’origine russe. Suite à la Guerre et à la misère qui s’ensuivit, la famille fuit en Allemagne, où Macha a grandi à Marbourg, puis à Berlin où elle poursuit des études de secrétaire. En 1928, elle épouse un enseignant, Saul Aaron Kaléko. En 1930, elle commence à publier des poèmes dans la presse. Ses œuvres la font rapidement connaître. Elle fréquente le « Romanisches Café », fréquenté par les journalistes, les écrivains et de façon... (Continues)
CHANSON POUR DEMAIN
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2019/4/13 - 20:44
Video!

You’re Not Alone

Songs of our Native Daughters (Smithsonian Folkways, 2019)

Allison Russell, vocals and 5-string banjo;
Rhiannon Giddens, backing vocals and minstrel banjo;
Leyla McCalla, cello;
Jamie Dick, drums and percussion;
Dirk Powell, accordion, piano, keys, electric guitar, and bass

Russell è, invece, la prima voce nella ballata “You’re Not Alone”, dichiarazione della forza della consapevolezza comune, un omaggio alla resilienza delle antenate da parte delle quattro Native Daughters, che chiude questo capo d’opera.  
blogfoolk.com

I became a mother to my daughter Ida Maeve almost five years ago. She’s been on the road with her dad and me since she was four weeks old. Nobody warned us about the unending fear and worry that attached to the deepest, truest love known to human- kind—and yet never had I felt more pow- erful and more connected to the ancestors than I did in giving birth to my... (Continues)
Hey, my little evening star
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/4/13 - 18:09
Video!

Blood and Bones

Songs of our Native Daughters (Smithsonian Folkways, 2019)

Amythyst Kiah, vocals, 5-string banjo, and percussion;
Rhiannon Giddens, backing vocals, minstrel banjo, and percussion;
Allison Russell, percussion;
Jamie Dick, drums and percussion;
Dirk Powell, electric guitar and percussion;
Jason Sypher, bass and percussion

La voce di Kiah diventa ancora protagonista in “Blood and Bones” scritta di suo pugno.  
blogfoolk.com

The chorus to this song had been floating around in my head, given life by my voice and banjo, but it didn’t really have a home in a song. I wrote it not long after reading reports and watching videos of white nationalists feeling more confident about asserting their views after the election of Donald Trump in 2016. There’s “not enough steel to reconcile” our humanity and our sense of selves. The verses were inspired by both a photo I saw of a black slave child... (Continues)
Blood and bones are what we're made of
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/4/13 - 18:03
Video!

Slave Driver

Rhiannon Giddens, Amythyst Kiah, Leyla McCalla, Allison Russell
Songs of our Native Daughters (Smithsonian Folkways, 2019)

Rhiannon Giddens, vocals and minstrel banjo;
Amythyst Kiah, vocals;
Allison Russell, vocals;
Leyla McCalla, vocals;
Dirk Powell, guitar and electric guitar;
Jason Sypher, bass

L’unica cover presente nel disco è “Slave Driver” di Bob Marley, l’artista resistente per eccellenza, proposta in un bell’adattamento.  
blogfoolk.com

Here we honor a man who used music as his weapon in the battle for human rights. Bob Marley sang about spirituality and sensuality, but also about militant resistance to oppression. His message, in total, was uni- fied—he was, in the words of his wife Rita, “a revolutionary.” Like Martin Luther King, his militancy has been whitewashed in the years since his death. But this song is more relevant than ever, not only for stating the... (Continues)
Dq82 2019/4/13 - 17:48
Video!

Don Gallo

2019
Indiani & Cowboy



Don Andrea Gallo (Campo Ligure, 18 luglio 1928 – Genova, 22 maggio 2013)


Andrea Gallo nasce a Genova il 18 Luglio 1928. Fin da piccolo fu attratto dalla spiritualità dei salesiani di Giovanni Bosco tanto che nel 1948 entrò nel loro noviziato di Varazze, proseguendo poi a Roma gli studi liceali e filosofici. Fin dall’adolescenza, fece sua la dedizione di don Bosco di vivere a tempo pieno con gli ultimi, i poveri , gli emarginati.

Nel 1953 chiede di partire per le missioni e viene mandato in Brasile a San Paulo dove compie studi teologici. Il clima per lui insopportabile della dittatura che vigeva in Brasile, lo costringe a ritornare l’anno dopo in Italia, ad Ivrea, dove prosegue gli studi e viene ordinato sacerdote il 1 luglio 1959. Un anno dopo viene nominato cappellano alla nave scuola della Garaventa, noto riformatorio per minori in cui introdusse una impostazione... (Continues)
Il toscano in bocca sa già prima chi siamo
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/4/13 - 17:03
Video!

Guido Rossa

2019
Indiani & Cowboy

Guido Rossa (Cesiomaggiore, 1º dicembre 1934 – Genova, 24 gennaio 1979) è stato un operaio e sindacalista italiano, assassinato durante gli anni di piombo dalle Brigate Rosse.
Rossa era anche un esperto alpinista: uno dei principali componenti del "Gruppo alta montagna" del CAI Uget di Torino, fece parte del coordinamento della spedizione italiana, organizzata da Lino Andreotti nel 1963 in occasione del centenario del CAI, che tentò, senza riuscirvi, di conquistare in prima ascensione il Langtang Lirung (7225 m) nel Nepal.
tanta è la fatica nel conquistare la vetta
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/4/13 - 16:51
Downloadable! Video!

Universal Soldier

E' vero che in "risposta" alla celebre canzone di Buffy Sainte Marie ci fu la violenta reazione di "The Universal Coward". a nome di Jan Berry del duo pop Ian & Dean. Un attacco al vetriolo, violento, colmo di ingiurie e insulti contro coloro che si opponevano alla guerra in generale e alla guerra in Vietnam in particolare. L'orrido pamphlet descriveva gli oppositori come "scrocconi", "contorti", "fanatici" e “thick-skulled". Una canzone piena di livore, volgare, reazionaria... Ma ad onor del vero c'è da dire che Il suo compagno Dean Torrance - che aveva prestato servizio militare nell'esercito americano -si dissociò da questa delirante invettiva, definendo il brano un brusco attacco, tipico della guerra fredda. Ovviamente l’operazione di Jan Berry non era solo disonesta, ma schifosamente opportunista perché ammiccava cercando di fare breccia nel cuore dei conservatori americani affinché comprassero il disco, ma la velenosa tiritera ebbe scarsissima diffusione radio e nessun successo di classifica.
Alfonso Napolitano. email: alfonsonapolitano09@gmail.com 2019/4/13 - 14:04




hosted by inventati.org