Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Lingua Inglese

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

El pueblo unido jamás será vencido

A PEOPLE UNITED WILL NEVER BE DEFEATED
(continua)
inviata da Lorenzo 22/6/2018 - 22:57
Video!

Scars and War

(2018)
From the album Around You I Found You

Isn't it easy to get into conflict and blame everyone else?

We wrote a song about war. About soldiers and battlefields, weapons and misery... Until we realised that Scars and War live among and in us. To change the world is to change ourselves.
Time for a little talk about the world and its owners
(continua)
20/6/2018 - 08:51
Video!

War Inside My Head

da Six Degrees of Inner Turbulence, lunga traccia che chiude l'omonimo album del 2002

Il protagonista di questa traccia è un reduce di guerra affetto da disturbo post-traumatico da stress, che non riesce a liberare la mente dalle immagini e dai rumori del conflitto.
Napalm, napalm, napalm showers
(continua)
17/6/2018 - 21:36
Video!

Blood on Your Hands

Album: New Religion (2007)

Un ritratto di un leader politico senza scrupoli pronto a sacrificare milioni di vite per la sua sete di potere
What in heaven's name has made you
(continua)
17/6/2018 - 21:28
Video!

Some Heads Are Gonna Roll

(1984)

Defenders of the Faith

I folli che governano la terra sono pronti a farti a pezzi per mantenere il loro potere.
You can look to the left or look to the right
(continua)
17/6/2018 - 21:21
Video!

Inertia

dall'album "Skunkworks" del 1996

Inertia nasce da una storia incredibile. Nel 1994 Bruce Dickinson, appena uscito dagli Iron Maiden per intraprendere una carriera solista, decide di entrare nella Sarajevo assediata per un concerto. L'aeroplano da Birmingham con a bordo la band atterra a Spalato, in Croazia. Ma non c'era modo dall'aeroporto di raggiungere la capitale bosniaca. Alla fine la band viene caricata su un camioncino di un'associazione umanitaria di nome "The Serious Road Trip" e dopo un lunghissimo viaggio riesce a entrare in città.

"Bruce Dickinson degli Iron Maiden suonerà al centro di cultura bosniaco alle 18" annunciavano pochi manifesti nella città assediata. La prudenza sconsigliava di pubblicizzare l'evento per radio, il luogo del concerto avrebbe potuto essere un obiettivo perfetto per i cecchini. Su un piccolo palco, con poche luci e davanti a poche centinaia di persone,... (continua)
These are the pictures
(continua)
17/6/2018 - 00:25
Video!

Strange Death in Paradise

Dall'album Skunkworks pubblicato dal 1996 dal cantante degli Iron Maiden durante la sua carriera solista.

Skunkworks doveva essere il nome della nuova band, che vedeva anche alla batteria un giovane italiano, Alessandro Elena, ma per ragioni contrattuali l'album uscì a nome di Dickinson.

La canzone descrive con metafore anche ardite l'impatto di una bomba nucleare.
Spiralling, falling ' a silver machine, from wings of freedom, silent above
(continua)
17/6/2018 - 00:03
Downloadable!

The Death of Carlo Giuliani

2015
Ryan Harvey/Marko Greyhound
See him crouched down low in the truck 
(continua)
inviata da Dq82 16/6/2018 - 12:19
Percorsi: Genova - G8
Video!

Orphan

Album: Everything Was Sound (2016)

“Orphan” explores the cultural chasm between the western and eastern world. In the recent political sphere, we’ve seen instance after instance of politicians framing our narrative of other cultures around the world—often painting other cultures and religions with one broad brush to lead us to unfounded conclusions. Simultaneously, we see the same political tactics being used on the other side of the world—often fanning the flames of fanaticism and anti-West sentiment. “Orphan” examines two men, caught between the poles of extremism and confusion at one another’s culture. The video shows how perception of one another can so often distort reality—bringing us to the greatest illness of all: Fear.

Garrett Russell
Respective perspectives worshiping directives
(continua)
15/6/2018 - 23:32
Video!

Northern Fires (Guernica)

(2018)

Album: SP3

Thematically, much like ‘Orphan‘, this hard-hitting track is a battle-cry against the slow death of democracy, and how war (and the scapegoats of war) are often incorrectly framed to us by those in power for ulterior motives. Yet what’s always made Silent Planet stand out from the crowded flock is frontman Garrett Russell’s brilliant lyricism and his passionate, palpable vocal delivery. Nothing’s changed here as the well-spoken vocalist roars over crisp and busy instrumentals with poignant conviction. For just like the burning fires of war, throughout ‘Northern Fires (Guernica)‘ Garrett rages about conflicts; the deception and charade of politics; the harrowing experiences of soldiers dying hopelessly in vain on foreign shores; and a never-ending war machine that’s perpetuated across generations.
Kill Your Stereo
Ration my breath - terror clandestine in my chest
(continua)
15/6/2018 - 23:27
Video!

Stalker

Traduzione inglese di Jadwiga Smulko e Ryszard P. Kostecki
(Source - Fonte)
STALKER
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/6/2018 - 17:20
Downloadable!

The Famine Queen

2010

I wrote this song in 2010 when I heard that the town council of Killarney were inviting Queen Elizabeth to celebrate and commemorate the visit of Queen Victoria 150 odd years earlier. Firstly, though I wouldn't be for her visiting, I wouldn't be against it either, under different circumstances. But to have Queen Elizabeth come to celebrate the visit of a monarch who presided over the death of a people, I can not countenance. No matter that Victoria was a figure head, she was a figure head and symbol of a whole era. At any-rate the visit to Killarney never came to pass, though Elizabeth was paraded around Dublin and Cork.
Come gather round people what ‘er your persuasion,
(continua)
inviata da Dq82 12/6/2018 - 10:25
Downloadable!

Pa’ Los Del San Patricio 

2007
Songs From An Outpost

Per la storia del battaglione di San Patrizio si veda The Sands of Mexico.
Sull'argomento sono state scritte diverse canzoni:
March to Battle (Across the Rio Grande) dei Chieftains
Lullaby for the dead dei Chieftains
The Sands of Mexico dei Chieftains
San Patricio Brigade dei Black 47
San Patricios dei Street dogs
The Men That God Made Mad di Niamh Parsons
John Riley di Tim O'Brien
Saint Patrick Battalion di David Rovics
St Patrick's Brave Brigade di Damien Dempsey
Pa’ Los Del San Patricio  di Charlie O'Brien
47 too long a year, men died in chains men died in fear
(continua)
inviata da Dq82 12/6/2018 - 10:16
Video!

Büyük insanlık

GREAT HUMANITY
(continua)
inviata da B.B. 11/6/2018 - 08:30
Video!

Dünyayı verelim çocuklara

LET’S GIVE THE WORLD TO THE CHILDREN
(continua)
inviata da B.B. 10/6/2018 - 13:40
Video!

Strength Through Music

(2008)
dal primo album solista di Amanda, "Who Killed Amanda Palmer"

Il resoconto in prima persona di una delle tante stragi nelle scuole statunitensi, probabilmente ispirato ai fatti di Columbine. Anni dopo le stragi nelle scuole si sono moltiplicate e niente è cambiato nella legislazione sulle armi.
A peculiar thing happened to me this morning
(continua)
10/6/2018 - 11:48
Video!

In Harm's Way

Scritta da Amanda Palmer
Videoclip di Abel Azcona

rewind a year or so…to septemer 3rd, 2015.
remember this?

if you weren’t living out of the news cycle, you saw this.
this is aylan kurdi, a 3-year-old boy who was lying dead, face down on the shores of turkey during the crisis of 2015…and just happened to be captured by a news photographer.
but children were dying daily, hourly, minutely.

the world turned its attention to the crisis because of the photo, but the news cycle fades, and crisis didn’t go away. it persists.

when i saw the photo, like most people (i assume), my heart skipped a beat and i found myself crying.

how could all of us in this world be taking such poor care of one another?
what the fuck is happening?

i was due to give birth in two weeks.

my womb hurt.

two weeks later, i gave birth to ash in the woods of tenessee, far away from the news, far away from everything.... (continua)
What i cannot see cannot be not untrue
(continua)
10/6/2018 - 10:27
Video!

Mr. Weinstein Will See You Now

(2017)
Amanda Palmer & Jasmine Power

Il monologo di una donna invitata nell'ufficio di un uomo potente, come il produttore Harvey Weinstein citato nel titolo, recentemente accusato di molestie e aggressioni sessuali da numerose attrici e personalità femminili dell'industria cinematografica.

Leggi Why Amanda Palmer Wrote A Song Called "Mr. Weinstein Will See You Now"
Your seven hundredth bedroom
(continua)
9/6/2018 - 18:13
Video!

Brothers

2018
Rifles and rosary beads

Non si può certo dire che Mary Gauthier sia un’artista particolarmente prolifica. E nemmeno troppo precoce, visto che ha pubblicato il suo primo disco quando era già trentacinquenne. Sono passati più di dodici anni dal bellissimo Mercy Now che la rivelò ad un pubblico più vasto e più di sette dall’ultimo album in studio, The Foundling. Tutti indizi che rivelano come le sue opere vengano più dall’anima che dal “mestiere”. E questo vale ancora di più per questo ultimo disco.

Mary Gauthier commenta l’America in guerra

Da quando gli Stati Uniti si sono assunti il ruolo di “gendarmi del mondo” quello dei reduci, dei war veterans, è sempre stato uno dei nervi scoperti della società americana. Negli ultimi vent’anni gli interventi in Kuwait, Afghanistan e Iraq non hanno certo migliorato la situazione, fino a far addirittura rivivere i fantasmi del Vietnam. In questo... (continua)
War ripped my baby from my breast
(continua)
inviata da Dq82 8/6/2018 - 11:15
Video!

Les corons

di/by: Delobel (L.Trans.)

THE MINING VILLAGES
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2018 - 22:17
Video!

A Hero in Harlan

A grey sliver casket rolls off the airplane
(continua)
6/6/2018 - 17:07
Video!

Yaşamaya dair

ON LIVING
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/6/2018 - 11:52
Video!

Why Black Man Dey Suffer

[1971]
Parole e musica di Fela Anikulapo Kuti (1938-1997)
Con l'orchestra Afrika 70 e Peter Edward "Ginger" Baker, celeberrimo batterista e percussionista inglese, membro fondatore dei Cream
La traccia che occupa tutto il lato A ed intitola un LP del 1971.
Testo trovato su Genius
This rhythm is called Kanginni Koko
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/6/2018 - 09:05
Video!

Colonial Mentality

[1977]
Parole e musica di Fela Anikulapo Kuti (1938-1997)
Con l'orchestra Afrika 70
La traccia che occupa tutto il lato B dell'LP Sorrow, Tears & Blood
Colo-mentality
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/6/2018 - 22:59
Downloadable! Video!

Celtica Patchanka

Una classica drinking  song con molto irish humor e una struttura che è anch’essa  tipica: un ritornello non-sense e la ripetizione degli ultimi due versi  cantati precedentemente dal solista.

THE JUG OF PUNCH
(continua)
inviata da Dq82 5/6/2018 - 09:45
Video!

Cé Tú Féin?

Who are you, kind stranger?
(continua)
inviata da Dq82 4/6/2018 - 18:13
Video!

Arrested in Shanghai

[2003]
Scritta da Tim Armstrong
Nell’album “Indestructible”

Son passati ormai 29 anni e ancora nemmeno sappiamo quanti ne ammazzarono…
Yeah
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/6/2018 - 13:11
Video!

What We're Fighting For

My dearest mama, they just gave us time to write
(continua)
3/6/2018 - 22:55
Downloadable! Video!

The​ ​Law​ ​of​ ​the​ ​Sea

2017
Songs of the sea
All my brothers now live in the sea
(continua)
inviata da Dq82 3/6/2018 - 12:26
Video!

Mary Gauthier: When a Woman Goes Cold

[2014]
Parole di Mary Gauthier e Gretchen Peters
Musica folk tradizionale
Dall'album "Trouble & Love"
Il testo dal sito ufficiale

EXTRA
She didn’t get mad, she didn’t even cry
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 3/6/2018 - 00:39
Downloadable!

Stolen Generation

2016
S/T
Extract. Misplace. Dissolve. Culture. 
(continua)
inviata da Dq82 1/6/2018 - 21:02
Video!

Euro Neuro

(2012)

Canzoncina che ha rappresentato il Montenegro all'Eurovision del 2012, che dedichiamo oggi al prof. Paolo Savona, ministro dell'economia anzi no, del prossimo governo grilloleghista che ci traghetterà brillantemente fuori dall'euro ma soprattutto con Salvini ministro dell'interno fuori dalla decenza!

Cantiamo insieme il ritornello:

I don’t like snobism
Nationalism, puritanism,
e neanche leghism e grillism!



Comunque in Montenegro hanno brillantemente evitato il dibattito. Nel paese hanno usato direttamente prima il marco tedesco e poi l'euro, senza entrare nell'Unione Europea o nella moneta unica. Tutto questo anche quando il paese faceva ancora parte della federazione jugoslava insieme alla Serbia....
Eurosceptic, analphabetic
(continua)
inviata da Lorenzo 31/5/2018 - 21:36
Video!

B.H.S.

[2017]
Scritta da Andrew Fearn e Jason Williamson
Nell’album intitolato “English Tapas”
Testo trovato su Genius

Era tempo che cercavo il modo di infilare nelle CCG/AWS un brano di questo “inqualificabile” duo elektro-minimalist-rap-punk di Nottingham, ma finora i miei tentativi si erano infranti un po’ sullo slang un po’ su testi certo duri, acidi, descrittivi dello squallore della società inglese vista dal basso, ma non certo canzoni contro la guerra…

Questa “B.H.S.” sta invece a pennello nel percorso della “Guerra del lavoro” perché racconta di quanto nell’estate del 2016 venne dichiarata fallita la grande catena commerciale British Home Stores, di proprietà fino al 2015 del magnate Philip Green. Costui, un imprenditore miliardario in quota al partito conservatore, comprò l’azienda – fondata negli anni 20 del secolo scorso - nel 2000 per 200 milioni di sterline e la rivendette a 1... (continua)
It's at night when they come,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 31/5/2018 - 09:46
Video!

Don't Fall In

[2016]
Versi di Kate Tempest
Musica di Kate Tempest e Dan Carey
Nell'album intitolato “Let Them Eat Chaos”
Testo ripreso da Genius

Let Them Eat Chaos è un ritratto di sette persone che alle 4.18 di mattina sono sveglie nei loro appartamenti nel sud di Londra. Non sono poveri né ricchi, ma sono immersi nel caos delle loro esistenze. Il che non può essere che dovuto a un caos più generale che è là fuori, nel mondo della politica e della società. […] Le storie private sono escamotage per parlare di una società malata, persa. […]

Ancora un brano da “Che mangino il caos”, parafrasi del “S'ils n'ont plus de pain, qu'ils mangent de la brioche”, espressione attribuita a Maria Antonietta ma certamente precedente. Anche questa “Don't Fall In” è scurissima e priva della speranza che invece comincia a trasparire, sotto forma di esortazione, solo alla fine dell’album, con “Tunnel Vision
We came from the four corners, we are the raw waters
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 30/5/2018 - 14:23
Video!

Tunnel Vision

[2016]
Versi di Kate Tempest
Musica di Kate Tempest e Dan Carey
Nell'album intitolato “Let Them Eat Chaos”
Testo ripreso da Genius

“Let Them Eat Chaos è un ritratto di sette persone che alle 4.18 di mattina sono sveglie nei loro appartamenti nel sud di Londra. Non sono poveri né ricchi, ma sono immersi nel caos delle loro esistenze. Il che non può essere che dovuto a un caos più generale che è là fuori, nel mondo della politica e della società. […] Le storie private sono escamotage per parlare di una società malata, persa. […]

L’ultima traccia, ‘Tunnel Vision’, ha il compito di lasciare l’ascoltatore con un sentimento meno amaro. È una vera chiamata alle armi, a vivere le nostre vite da svegli, a prenderci le responsabilità per quelle azioni che rendono il mondo malato («Sono state le nostre bombe a iniziare questa guerra che ora infuria molto lontano… Sono state le nostre imbarcazioni... (continua)
Indigenous apocalypse, decimated forest, the Winter of our discontent’s upon us
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 30/5/2018 - 09:47

Ben içeri düştüğümden beri

SINCE I'VE BEEN IN JAIL
(continua)
inviata da B.B. 29/5/2018 - 13:26
Video!

Zombie

INGLESE / ENGLISH 1

Cover dei Bad Wolves dall'omonimo album (2014)

Nel 2018 i Bad Wolves avrebbero dovuta reinciderla. In un comunicato la band ha dichiarato che Dolores O'Riordan avrebbe dovuto registrare le parti vocali per il brano proprio il 15 gennaio, giorno in cui è stata trovata morta a Londra.

I Bad Wolves hanno deciso di rilasciare la traccia in memoria della cantante scomparsa e di destinare tutti i proventi ai tre figli di Dolores: 
"È un grande onore sapere che le piaceva la nostra versione della canzone e che voleva cantarla con noi" dice il cantante dei Bad Wolves, Tommy Vext "Siamo profondamente rattristati dall'improvvisa scomparsa di Dolores e dal fatto che ha lasciato dietro di se tre figli, quindi doneremo tutto il ricavato della canzone ai suoi bambini".

ZOMBIE
(continua)
inviata da Dq82 29/5/2018 - 09:42
Video!

Sankara

2017
Baïkonour

Sankara is named after the african politician Thomas Sankara. Through metaphoric figures, the song deals with the imperialist capitalist system and it’s consequences that lead to the destruction of Earth.
Fears fall at night to ruin my day, 
(continua)
inviata da Dq82 28/5/2018 - 23:07

Yanmamış cigara

UNLIT CIGARETTE
(continua)
inviata da B.B. 28/5/2018 - 13:08
Video!

Nterini

Il testo è una canzone d'amore nei confronti di un amore emigrato lontano.
MY LOVE
(continua)
inviata da Dq82 26/5/2018 - 09:26
Video!

Brian Boru

BRIAN BORU
(continua)
24/5/2018 - 22:00
Video!

Gioco di bimba

Ho sempre adorato questa canzone! Spero che la mia traduzione in inglese possa essere utile. :)
LITTLE GIRL’S GAME
(continua)
inviata da Hagane 24/5/2018 - 16:58
Video!

Crazyman Dance

[1992]
B-side del CD singolo "Too Funky"

Testo, musica, arrangiamento e produzione di George Michael

Forse una delle canzoni di George Michael meno conosciute di sempre in quanto pubblicata come mera B-side del CD singolo "Too Funky" (1992), episodio discografico - ogni ricavo dalle sue vendite andò in beneficenza alla lotta contro l'AIDS - isolato e non legato a un album di inediti nonché ultima uscita per la madre-matrigna Sony Music, con la quale di lì a poco l'artista britannico avrebbe ingaggiato (e perduto) una lunga e aspra battaglia legale. Solo nell'ottobre 2017, a poco meno di un anno dalla morte di Michael, è stata data nuovamente al pubblico la possibilità di possedere "Crazyman Dance" su disco (o in alternativa - per la primissima volta - in digitale), essendo stata inserita nel CD3 della riedizione box set di "Listen Without Prejudice".
In effetti si tratta di un brano... (continua)
Well I'm still here
(continua)
inviata da Alberta Beccaro - Venezia 23/5/2018 - 02:06
Downloadable!

Waltz for Rachel Corrie

2016
Wars undeclared
She said, “We’re doing a play.”
(continua)
inviata da Dq82 22/5/2018 - 11:36
Percorsi: Rachel Corrie
Downloadable!

Rachel Corrie

2014
Jump in

Feat. Nicky Sund, Julia Mcconahay & Megan Felt
Rachel Corrie, Rachel Corrie
(continua)
inviata da Dq82 22/5/2018 - 10:57
Percorsi: Rachel Corrie
Downloadable!

Rachel Corrie

2004
Blessed Are the Peacemakers
The Big Cat shakes the ground as it rumbles its way along
(continua)
inviata da Dq82 21/5/2018 - 22:26
Percorsi: Rachel Corrie

Song for Rachel Corrie

2012
Next Time Around
Look into the future, see the light that shines there
(continua)
inviata da Dq82 21/5/2018 - 20:07
Percorsi: Rachel Corrie

Rachel Corrie

2004
Menace
Stand up and be counted, throw your fist towards the sky
(continua)
inviata da Dq82 21/5/2018 - 20:00
Percorsi: Rachel Corrie
Downloadable!

The Ballad of Rachel Corrie

2015
Songs and Stories of the Border

da finire di sbobinare, se qualcuno ci riesce
We are under attack and surveillance
(continua)
inviata da Dq82 21/5/2018 - 19:38
Percorsi: Rachel Corrie
Video!

Last Letter Home

1977
Toucan do t too

A Touching Love Letter written during the Civil War dated July 25, 1864
I have heard the cannons thunderin' all night
(continua)
inviata da Dq82 21/5/2018 - 11:42
Video!

Still Waiting

(2002)
Album: Does This Look Infected?

A song like ‘Still Waiting’ was pre-Iraq War but going towards that, so I was writing an anti-war song, an anti-George Bush song. But I wasn’t out there saying ‘That’s what this is about,’ so nobody understood it. I’m a lot more direct in my writing now.”

Oakland Press
So am I still waiting
(continua)
20/5/2018 - 16:18
Video!

Rachel Corrie

2007
Forsaken Land
Come listen you fine people to a story cold
(continua)
inviata da Dq82 18/5/2018 - 15:44
Percorsi: Rachel Corrie
Video!

I Hate Wogs

[1980]
Parole e musica di Eric Bogle
Nell’album “Now I'm Easy”

Wogs è un termine spregiativo rivolto a chi non ha la pelle bianca ma, evidentemente, il protagonista di questo brano lo utilizza per tutti gli immigrati di qualunque colore e provenienza, europei compresi, dimenticando bellamente di non essere certo pure lui un aborigeno (sporchi wogs pure essi, peraltro...)!
I'm a dicky-dye Australian guy and me name is Billy Schmidt.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 18/5/2018 - 11:53
Video!

Ibrahim

[2002]
Parole e musica di Eric Bogle
Nell’album “The Colour Of Dreams”
Hey Ibrahim, tell me what do you think of Australia?
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 18/5/2018 - 11:22
Video!

Land Day

[2018]

1976/2018. Land Day was originally declared in the wake of a massacre carried out by Israelis against Palestinians protesting against ongoing theft of their land by Israel. Now we have a far bigger massacre to add to the ongoing saga.David Rovics
Another day, another massacre of children
(continua)
inviata da adriana 17/5/2018 - 17:28
Video!

Never Again – Remember

[1993]
Parole e musica di Eric Bogle
Nell’album “Mirrors”
Testo trovato su Mudcat Café

“I wrote 'Never Again' after a trip to the WWII concentration camp called Sachsenhausen, situated just outside Berlin (or East Berlin as it was then). Chilling little place. It seems the political and social obscenity that created Sachsenhausen, and many other death camps, is on the rise again. Could it all happen again? Of course it could. It already is.” (Eric Bogle)
I have been to hell today.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/5/2018 - 16:53

Dreaming of Waltzing

[1953]
Parole e musica di Edith Segal (1902-1997), danzatrice, coreografa, cantautrice e poeta ebrea americana
Testo trovato su Archive.org, nei file dell’FBI sul caso Rosenberg resi disponibili in base al FOIA (Freedom Of Information Act)

Sulla vicenda di Julius ed Ethel Rosenberg, ebrei e comunisti, che nel 1951 vennero giustiziati sulla sedia elettrica per spionaggio in favore dell’URSS, si vedano A Ethel Rosenberg di Jorge Cafrune, Si nous mourons (Lettre d'Ethel Rosenberg à ses enfants)‎ di Jean Ferrat, The Ghost of Ethel Rosenberg di David Rovics e My Loved One della stessa Edith Segal.
I'm dreaming of waltzing, darling
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/5/2018 - 14:48
Video!

Bez názvu (Chtěla bych jít sama)

I'D LIKE TO GO AWAY ALONE
(continua)
inviata da B.B. 17/5/2018 - 13:51
Video!

My Loved One

[1953]
Parole e musica di Edith Segal (1902-1997), danzatrice, coreografa, cantautrice e poeta ebrea americana
Interpretata da Helene Williams, voce, e Leonard J. Lehrman, pianoforte, nel loro disco “Songs Of Conscience” (1990), interamente dedicato all’opera della Segal.
Testo trovato su Archive.org, nei file dell’FBI sul caso Rosenberg resi disponibili in base al FOIA (Freedom Of Information Act)

Una canzone che Helene Williams canta da sempre all’annuale meeting del comitato nazionale americano per la riapertura del caso Rosenberg.
Sulla vicenda di Julius ed Ethel Rosenberg, ebrei e comunisti, che nel 1951 vennero giustiziati sulla sedia elettrica per spionaggio in favore dell’URSS, si vedano A Ethel Rosenberg di Jorge Cafrune, Si nous mourons (Lettre d'Ethel Rosenberg à ses enfants)‎ di Jean Ferrat e The Ghost of Ethel Rosenberg di David Rovics.

Dedicated to Ethel and Julius Rosenberg, “for the purity and dignity of their love.”
What shines from your cell
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/5/2018 - 08:39
Video!

Underneath the Spanish Stars

[1938]
Parole e musica di Edith Segal (1902-1997), danzatrice, coreografa, cantautrice e poeta ebrea americana
Interpretata da Helene Williams, voce, e Leonard J. Lehrman, pianoforte, nel loro disco “Songs Of Conscience” (1990), interamente dedicato all’opera della Segal.
Testo trovato su Mudcat Café
Oh I dreamed of Spanish gardens, señoritas and guitars,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/5/2018 - 16:34

Captive Song of Mary Queen of Scots

[1964]
Parole di Laurence Josephs, docente universitario e poeta statunitense
Musica di Jean Redpath, folksinger e musicista scozzese, nel suo album del 1987 intitolato “A Fine Song For Singing”
Testo trovato su Mudcat Café

Sulla triste storia di Mary Queen Of Scots, nota da noi come Maria Stuarda, si veda l’introduzione a Fotheringay di Sandy Denny.
Though I was crowned a French princess
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/5/2018 - 13:10
Video!

La rose sous les boulets

anonimo
words by Jack Caddigan
music by James A. Brennan
published by Leo Feist Inc.
sung by sheet music singer, Fred Feild
THE ROSE OF NO MAN'S LAND
(continua)
inviata da Dq82 16/5/2018 - 13:05

They Called It No Man's Land

[1918]
Sull’aria de "They Called It Dixie Land"
L’autore di queste strofe è stato tal R. Walker, pioneer, ossia soldato del genio, impegnato nella Grande Guerra sul fronte francese nelle squadre che si occupavano di allestire i cosiddetti “decoys”, diversivi per ingannare i nemici.

Nella raccolta curata da Frederick Thomas Nettleingham, sottoufficiale di Sua Maestà, e intitolata “More Tommy's Tunes: An Additional Collection of Soldiers' Songs, Marching Melodies, Rude Rhymes and Popular Parodies, Composed, Collected, and Arranged on Active Service with the B.E.F.”, pubblicata a Londra nel 1918.

Accurata descrizione della No Man's Land, la terra di nessuno tra le trincee nemiche che si fronteggiavano sul teatro di guerra delle Fiandre...
I used to have a dear old Mama
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/5/2018 - 09:17




hosted by inventati.org