Lingua   

Canzone del 30 giugno

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


Altra versione trovata in questa pagina Facebook

E POI POI POI CI CHIAMAVANO TEDDY BOYS

Fascisti e missini
con a capo Michelini
appoggiati da Tambroni
facevan da padroni.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

Teatro Margherita
volean fare il congressone
ma c'erano i genovesi
armati di bastone.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

Marescialli e tenentini
coi loro galoppini
volevano proteggere
gli eredi di Mussolini.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

Le strade e le traverse
tutte erano sbarrate
per proteggere i fascisti
e le loro buffonate.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

Con estrema decisione
entravano in azione
credevano di darci
una salutar lezione.

E poi poi poi
gliel'abbiamo data noi
e poi poi poi
gliel'abbiamo data noi.

Facevan caroselli
lanciando candelotti
ma noi a pietronate
li abbiamo mal ridotti.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

E piazza De Ferrari
in un attimo fu, presa
fascisti e celerini
ci chiesero la resa.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

Il trenta giugno è un giorno
che passerà alla storia
perché la Resistenza
coperta s'è di gloria.

E poi poi poi
ci chiamavano teddy boy
e poi poi poi
ci chiamavano teddy boy.

Guardatevi o padroni
dal premere i talloni
che torneremo un giorno
a prendere i bastoni.

E poi poi poi
ci direte teddy boy
e poi poi poi
ci direte teddy boy.
Mariuccia L'èmmo vinta a battaggia
l'èmmo vinta a De Ferrari,
i fascisti co-i compari
l'èmmo missi a priunæ.

Vegnivan quattro a quattro
co-o mitra e co-o bacco,
vegnivan a eutto a eutto
co-o mitra e co-o sccieuppo

Ma o l'è arivòu o Balilla
e a l'è sâtâ a scintilla:
valanghe de priunæ
che l'èmmo assotterræ.

Ean vegnûi pe fâ o congresso
i fascisti con Basile,
æn scappè co-o môro pesto
e no retorniàn mai ciù.

Ai fascisti do Tambroni
quattro calci nei... rognoni,
quattro câsci into panê
che ne fàn ancòn mâ i pê.

Vegnivan quattro a quattro
co-o mitra e co-o bacco,
vegnivan a eutto a eutto
co-o mitra e co-o sccieuppo

Ma o l'è arivòu o Balilla
e a l'è sâtâ a scintilla:
valanghe de priunæ
che l'èmmo assotterræ.

L'èmmo vinta a battaggia
l'èmmo vinta a De Ferrari,
i fascisti co-i compari
l'èmmo missi a priunæ.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org