Lingua   

Il Papavero: un fiore contro la guerra?

Timeline

papavero
Non è certo un caso che i papaveri rossi si ritrovino in tante e tante canzoni contro la guerra: tradizionalmente, nel mondo anglosassone, tali fiori sono dedicati alla memoria delle vittime sui campi di battaglia della prima e della seconda guerra mondiale. Ad esempio, in Gran Bretagna, nell' "Armistice Day", tutti portano un papavero rosso all'occhiello. Ma la cosa sembra risalire a ben più indietro nel tempo: si narra che Gengis Khan, l'imperatore e condottiero mongolo che conquistò il più grande impero che la storia abbia mai visto, portasse sempre con sé dei semi di papavero che spargeva sui campi di battaglia dopo le sue vittorie, in ricordo e rispetto di coloro che vi erano caduti, ed anche per "segnare", con il colore di quei fiori, che là si era svolta una battaglia.

(Riccardo Venturi)

26 canzoni in questo gruppo




As papoilas
(Fernando‎ Lopes-Graça)
Blood for Poppies
(Garbage)
Camí avall
(Joan Manuel Serrat)
Canções de Catarina
(Fernando‎ Lopes-Graça)
Cenotaph
(This Heat)
Champ d'honneur
(Les Sales Majestés)
Children's Crusade
(Sting)
Czerwone maki na Monte Cassino
(Feliks Konarski)
Dandelions
(Steve O'Donoghue)
Désertion
(Gilles Servat)
Felder von Verdun
(anonimo)
Field Of Poppies
(Dave Gwyther)
In Flanders Fields
(John McCrae)
La guerra di Piero
(Fabrizio De André)
Lied der Jaramafront
(David Martin)
Poppy Day
(Siouxsie and the Banshees)
Remembrance Day
(Leon Rosselson)
Remembrance Day
(The 4-Skins)
Six soldats
(Juliette Gréco)
Southampton Dock
(Pink Floyd)
That's Why (We Don't Comply With Your War Cry)
(Steve Ashley)
The Green Fields Of France (No Man's Land)
(Eric Bogle)
Veteran's Day Poppy
(Captain Beefheart)
White Poppies
(Harry Rogers)
Εαρινή συμφωνία
(Yannis Markopoulos / Γιάννης Μαρκόπουλος)
Στρατιώτη γύρνα πίσω
(Kostas Hatzis / Κώστας Χατζής)




Altri percorsi


hosted by inventati.org