Lingua   

Naufragio a Milano

Paolo Conte
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Miss Propagandiss
(Bogdan Olewicz)
Paolo Conte: Alle prese con una verde milonga
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
No Woman, No Cry
(The Fugees)


[1975]
Testo e musica di Paolo Conte
Lyrics and music by Paolo Conte
Album: Paolo Conte vol. 2

paoloconte


Mettiamo che, ovviamente, conosciate Paolo Conte. Come non conoscerlo, Paolo Conte? È uno dei più noti autori e cantautori italiani, in Francia lo idolatrano, in America lo adorano. L'attempato avvocato di Asti che, come tutti gli avvocati di questo mondo, ama la musica e particolarmente il jazz (io il jazz lo detesto, e anche per questo non ho mai fatto l'avvocato); quello che ha scritto Azzurro, Via con me, che ha la moglie che piace a Roberto Benigni, che disegna personalmente finanche i bozzetti di Razmataz, che ama le Topolino amaranto, che finisce persino nei fumetti di Cavezzali assieme a Guccini, Dalla e De Gregori (accadde nel mitico 1979, l'anno dei concerti di De André, l'anno degli stadi pieni), che fa il gran maestro del Palio di Asti. Paolo Conte è tutto questo: spiaceva, e molto, non averlo in questo sito. Poi mi sono imbattuto in questa canzone, vecchia, del 1975.

Ora, mettiamo che conosciate, e che io conosca, Paolo Conte. Stasera mi ritrovo a sentirgli cantare, con la sua voce roca e grassa al tempo stesso, voce di mille sigarette e di vino delle Langhe, una canzone in napoletano. Non so quanto maccheronico, ma pur sempre napoletano. Con accento astigiano. Una canzone che parla del naufragio a Milano di un emigrato, tra strade ignote, persone sconosciute, fredde lampade al neon. Uscire? E per andare dove? Non resta che una cosa, una cosa di vita: restarsene a casa e fare l'amore. Allegramente, disperatamente, nella notte fredda, su una branda d'un tugurio di periferia -viene da immaginare. Il disperato, antico, eterno amore che fa passare tutti i mali. [RV]
Integrazione, parola amara
collacamento… miezz’o’ciemento,
orario fisso e frastuono dint’a capa
Chist’è o’paese e’rraggiuniere
uommene, fimmene, creature
tutti raggiunano a tutte quante l’ore

Io comme puozzo raggiunà
e comme puozzo raggiunà,
si raggiuno l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme
i m’aggi’a scurdà o’sole, i m’aggi’a scurdà o’ mare e l’acque chiare
i m’aggi’a scurdà l’erba e a’voce antica d’o’silenzio
miezz’o’vico e a’caccavella e o’putipù - E come puozzo raggiunà.

Ah, stu naufragio dint’a Melano senza na varca e pure senza o’mare
e tu me dici «stasera usciamo» e dove?
Vie scanisciute e figure ignote, lampade al neon - Carmela cara,
torniamo a cuccia, oiné, ca nun è cosa -

E zitti senza raggiunà, e commo puozzo raggiunà,
si raggiuono l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme,
nun ce resta che l’ammore, nu disperato, antico, eterno ammore,
se smorza a’luce a’branda cigolando int’a nuttata fridda
tutti i mali nosti fa passà… - E comme puozzo raggiunà …

E stu naufragio dint’a Melano
se chiamma un nome: Immigrazione,
immigrazione signiffica terrone -
E poi terrone vuol dire fame
vuol dire suonno vuol dire figli
vuol dire paese volato via vuole dire nustalgia.

inviata da Riccardo Venturi - 10/4/2009 - 05:15



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org