Lingua   

Er ritorno dalla guera

Franco Califano


Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Viva la libbertà! (o Der libbero pensiero)
(Armando Trovajoli)
Trastevere
(Prince Faster)
Berluscone
(Villa Ada Crew)


bleah
"Ahò, che me la passate 'sta canzone der Califfo o ve pare brutta? O, è uno che cià pure la laura in filosofia a Niù Iorche!" [Alessandro]

calif


Ahò, t'a'a passamo, t'a'a passamo! Però sappi che d'ora in avanti te devi tené un poster der Califfo sopra er tavolo de cucina, sàppilo! [CCG/AWS Staff]
Che so' tornato a fa'...
Io non dovevo…
Sentivo de sbajà però corevo!
Eccome qua … so' io... so' ritornato...
e finita la guera finalmente
e pe' fortuna io me so' sarvato.
Aoh, nun dice gnente?
Si, so' vestito ancora da sordato,
perché ho voluto ariva' prima a casa,
pe' fatte 'na sorpresa!
Tu sei confusa,
io sto' tremanno come un ragazzino
pe' l'emozione d'essete vicino...
Me guardi fisso, ancora nun ce credi,
so' tutto intero dalla testa ai piedi,
quarche capello 'n meno come vedi,
la faccia stanca, qarche kilo 'n meno,
ma 'nzieme a te vedrai che me risano!
Un anno ar fronte sai, nun se cancella!
Tu invece, che ne so, sembri più bella!
Ma sai che nun te sei nemmeno accorta,
che stamo ancora fermi sulla porta?
Che nun m'hai detto manco "Bentornato",
nun m'hai abbracciato!
Sembri 'na donna che nun s'aspettava,
che l'omo suo dar fronte je tornava.
Tutto me sembri, forché emozionata,
anzi c'hai 'n'espressione 'mpaurita,
quasi preoccupa ta!
Oddio, ma ch'é successo?
Io sto' a parla' da solo come 'n fesso,
la guera forse m'ha rincojonito
Ma no, ho capito!
Tardi, ma ho capito!
Quest'anno quarche cosa ha combinato!
Me guardi i gradi? Si, so' Capitano!
Ero er più forte co' le bombe a mano.
Sai che er coraggio nun m'è mai mancato,
volevo torna' a casa graduato,
guarda quante n'ho vinte de battaje,
la vita mia pe' 'n pugno de medaje!
Quanno attaccavo,
sapessi li nemici che stennevo,
più ne vedevo e più ne castigavo.
Sai che 'n sordato solo se è 'ncosciente
po' diventa' in un attimo Sergente.
Poi nun t'ho scritto più...
avrai pensato: se lo so' fatto, è morto e te saluto!
Proprio quanno pensavo ogni momento a te
quanno sognavo casa mia,
me feci la più 'nfame prigionia,
nun te potevo scrive 'n quer momento,
stavo in un campo de concentramento
a beveme li sputi der nemico,
come fossero gocce da spumante!
C'avevo già li gradi da Tenente!
Per fatto ch 'ero er più indisciplinato,
le botte che ho beccato!
Ma te pensavo e sopportavo tutto
e me dicevo: "Lei starà soffrenno come 'na matta
ormai quasi da 'n anno!..."
Che so' tornato a fa'...
Io non dovevo...
Sentivo de sbajà però corevo!
Tu nun ce devi ave' nessun rimorso
perché pe' sbajo fui dato disperso
e si te sei rifatta 'n'artra vita,
mica hai sbajato! Armeno sei rinata!
Me lo sentivo, quanno ritornavo
solo che da 'ste parti ce passavo
e so' salito su' pe' sta' tranquillo,
ma me ne vado senza fa' macello!
No, nun di' gnen te!
Tanto er silenzio tuo m'è sufficiente
e poi... io devo avè sbajato porta,
forse chi cerco io, po' esse morta!
'Na donna che piagneva alla stazione
quanno partiva er Quinto Battajone.
Un anno fa' ricordo ch'era notte
e lei strillava sopra 'Ste Stellette
"perché 'ste guerre 'nfami e maledette!"
Una che me stringeva forte, forte,
pensanno alla mia morte!
Sì, sì, ho sbajato! Forse ho importunato!
Io cercavo 'na donna,
che 'n anno fa' quanno salii sur treno,
se 'nvento' delle frasi disperate,
che dar cervello mio nun so' più uscite,
"Sordato mio, lo so che c'hai coraggio,
ma nun anna' ogni vorta all'arembaggio,
l'eroi so' solo 'n gruppo d'esaltati,
che moreno per esse' decorati,
pensa a me qui da sola, nun fa' er pazzo,
che si nun torni vivo io t'ammazzo!
Che si nun torni vivo io t'ammazzo!
Che so' tornato a fa'...
lo non dovevo...
Sentivo de sbajà
però corevo!
Signora io sto' tornando dalla guera
e c'ho er morale proprio sotto tera,
nun ce capisco gnente, abbia pazienza,
perdoni intanto questa mia invadenza,
io sono il Capitano... no, me correggo,
io so' un Capitano, uno dei tanti Capitani ar monno,
è inutile ostentallo più 'sto grado,
nun so' nessuno, adesso me ne vado...
Oddio, ma sento piagne un ragazzino,
dev'esse appena nato, me fa' effetto!
E maschio?
Je vada a compra' subito l'ermetto...
oggi se nasce omini e se parte,
pe quelli fortunati c'è la morte,
pe' quelli come me che so' jellati allora so' dolori,
vedi solo manciate de medaje
medaje sopra e sotto, medaje 'n capo al letto,
medaje dentro ar piatto,
medaje come queste che c'ho attaccate ar petto
che pe' acchiappanne tante, me so' giocato tutto.
Sa che ce faccio io
co' 'ste decorazioni che c'ho addosso?
Pe' quanto so' servite ar caso mio,
le posso buttà tutte dentro ar cesso
tanto la guera mia, la guera vera
è quella che dovrò combatte adesso...
uno... due... tre... passo!
uno... due... tre... passo!

inviata da Alessandro - 18/3/2009 - 13:34


NOOOO!!! ER POSTER DER CALIFFO NOOOO!!!
In cucina, poi, me si rimpone er pranzo e me si rinfaccia 'a cena!!!
Ma che è? 'na guera pisicologgica? Mejo annà a Guantanamo!

Alessandro - 18/3/2009 - 17:53


Vabbè, ho trovato il poster del Califfo da appendere in cucina, come intimatomi dai perfidi admins (ah, crudeli!)...

Alessandro - 18/3/2009 - 18:03


Carissimo Alessandro,

Er pòstere der Califano dovrebbe essere inteso come giusta ammenda per aver aperto le porte delle CCG/AWS a un personaggio del genere, che più che un fascista (lui si definisce "liberale e anticomunista") è un immenso, sesquipedale e a volte divertente cialtrone; ma se pure lui scrive 'a canzone contro 'a'a' guèra, e perché nun mèttejela?

Ad ogni modo, sono totalmente d'accordo con te sul vero "poster del Califfo" da mettere in cucina e rilancio con questo:

califfone


Il mitico "Califfone" della nostra adolescenza, almeno per chi era adolescente un po' di tempo fa!

Anzi, si potrebbe utilizzare opportunamente questa pagina per una collezione di motorini storici, ché sinceramente so' mejo de Califano, eh....

Riccardo Venturi - 18/3/2009 - 20:40


I' Betino a tre marce!

betatrem


Ecco, qui altro che Califfo/ne! Questo era il mio vero mito, e anche l'unico che abbia mai mandato !!!!! Moto Beta forever!

Riccardo Venturi - 18/3/2009 - 20:52


Beh, io sono affezionato al VeloSolex (qui con in sella brigitte bardot bardot, ah come avrei voluto essere quella sella!), quello smilzo, tutto nero, con il motore sulla ruota anteriore, la "Porsche di chi beve Pernod", per intenderci...

velosolex


Qui a Torino, quand'ero ragazzo, ne giravano un mucchio, perchè la dipendenza italiana era in corso Trapani, nel cuore del borgo operaio San Paolo... ho visto che oggi la Solex francese lo ripropone in versione elettrica disegnato da Pininfarina...
Ah, o tempora, o mores!
Ah, Brigitte!

Alessandro - 18/3/2009 - 21:46


A proposito di Moto Beta, ecco un modello mitico costruito appositamente in base alle indicazioni, specie dimensionali, fornite a suo tempo nientepopòdimeno che da Silvio Berlusconi, che ancora oggi la custodisce gelosamente nella sua scuderia di Arcore (fra le sue mansioni, Mangano aveva anche quella di far girare ogni tanto la motoretta, perchè poi non ingrippasse sul più bello)... non a caso si trattava di una minibike e non a caso fu chiamata "Premier"...
(Alessandro)

Visto il costruttore, o meglio l'indicatore di costruzione, capisco come mai il link da un bel 403 Access Denied... [RV]

18/3/2009 - 22:02


Alessandro - 18/3/2009 - 22:26


Acciderbolina, ma a me la foto della moto del premier si apre benissimo!?! Non è la prima volta che fatti sì disdicevoli accadono... che la tecnologia si stia rivoltando contro di noi? Colpa tua, Riccardo! Vetero-luddista!
(Alessandro)

Sono oltremodo lieto che il mio arcivetero-luddismo funzioni ancora a meraviglia! Prima o poi riuscirò a far tornare 'sto mondaccio cane alla trazione animàla e al carretto a mano...o meglio ancora ai piedi! (Ghigno diaboliko - RV)

18/3/2009 - 22:29


Sulle mie montagne, i motorini non ce la facevano... i vecchi andavano - e vanno - con l'Ape (da diporto) o col Goldoni (da lavoro), i giovani con le scomodissime "trial", che in genere erano Fantic o Ossa, sempre belle luride e rumorose... i più snob, tra i giovani montagnards, c'avevano l'SWM... e con questo chiudo coi ricordi motociclistici.

Alessandro - 18/3/2009 - 23:12


Io continuo a visualizzare regolarmente l'immagine della Moto Beta Premier Mini Bike... provate a passare da qui.

Alessandro - 18/3/2009 - 23:24


Cattolico apostolico romano, liberale, anticomunista, amico di Craxi e di Alemanno... non gli è servito, è morto pure lui: "Er Califfo", "Il Maestro", Franco Califano, 14 settembre 1938 – 30 marzo 2013.

Però qualche bella canzone ce l'ha regalata, forse soprattutto quelle che ha scritto per altri: Mina, Mia Martini, Ornella Vanoni, Bruno Martino...

Addio Califfo!

Bernart - 30/3/2013 - 23:02


Scusate ma di ke anno e il betino ke ne ho uno uguale grazie

mario - 7/11/2014 - 12:59


E' del 1968. Saluti.

Vieni avanti, Betino! - 7/11/2014 - 13:20


Caro Bernart (intervento del 30/3/2013), in effetti una canzone degna di nota l'ha scritta pure lui secondo me e si tratta di "Io non piango" nel disco "Tac..!" del 1977, dedicata a Piero Ciampi.

Flavio Poltronieri - 9/11/2015 - 21:48


Grazie Flavio, non la conoscevo.
Un abbraccio

IO NON PIANGO

(Parole di Franco Califano
Musica di Franco Califano e Frank Del Giudice)


Io nun piango pe' quarcuno che more,
non l'ho fatto manco pe 'n genitore
che morenno m'ha 'nsegnato a pensare,
non lo faccio per un artro che more.
Io nun piango quanno scoppia 'na guera,
er coraggio de' l'eroi stesi in tera,
io lo premio co' du' fiori de serra,
ma nun piango quanno scoppia 'na guera.
Io piango, quanno casco nello sguardo
de' 'n cane vagabondo, perché,
ce somijamo in modo assurdo,
semo due soli ar monno.
Me perdo, nei suoi quell'occhi senza nome
che cercano padrone,
in quella faccia de malinconia,
che chiede compagnia.
Io nun piango quanno 'n omo s'ammazza,
il suo sangue nun me fa tenerezza,
neanche se allagasse tutta 'na piazza,
io nun piango quanno 'n omo s'ammazza.
Ma piango, io piango sulle nostre vite,
due vite violentate.
A noi, risposte mai ne abbiamo date,
ecco perché la sete...
e io piango, su tutto er tempo che ce resta,
e me ce sento male.
Domani, se non sbajo è la tua festa;
la prima senza viole... la prima senza viole... la prima senza viole...

Bernart Bartleby - 10/11/2015 - 09:55



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org