Lingua   

Georges Brassens: Le mécréant

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

Ayúdame Valentina
(Violeta Parra)
Questo mio amore (Una cosa già detta), nota anche come Vorrei dirtelo tutto d'un fiato
(Fausto Amodei)
Una storia sbagliata
(Fabrizio De André)


Sito scomunicatobrasschat
[1960]
Album: "Le mécréant"
Paroles et musique par Georges Brassens
Testo e musica di Georges Brassens

lemecrsoutane


Georges Brassens aveva, quand'era ragazzo a scuola a Sète, un professore di francese che lo appassionò alla lettura dei classici della letteratura; una lezione che Brassens apprese alla perfezione. I suoi versi sono quanto di più classicamente impeccabile possa esistere, alessandrini senza una sbavatura nei quali l'influenza non solo dei grandi (La Fontaine, Racine, Corneille...), ma anche di certi cosiddetti « minori » si tocca con mano. Non a caso Brassens sarà il più grande mettitore in musica della poesia del suo paese.

Il professore di francese si chiamava Alphonse Bonnafé. Quando il suo vecchio alunno divenne Georges Brassens, il « mostro sacro » della canzone d'autore, l'esempio che non si sa quanti altri cantautori (tra i quali De André) presero all'estero, Bonnafé divenne il suo biografo. Scrisse, tra le altre cose, lo storico volumetto « Brassens » per le edizioni Seghers, volumetto di cui sono in possesso e il cui primo capitolo è intitolato: « Petit Sétois deviendra grand ». L'ho letteralmente disfatto, quel libriccino, in tempi in cui Internet era qualcosa che al massimo si immaginava nei film di fantascienza, ed in cui non conoscevo abbastanza a fondo la lingua francese per poter seguire i testi direttamente all'ascolto. Conoscendolo a memoria, non posso non ricordare il mezzo capitolo filato che Bonnafé dedica alla canzone che ritiene il capolavoro di Brassens: è questa qui, di questa pagina. Le Mécréant, il « Miscredente ».

Difficile dargli torto. Una canzone è una storia, e questa è una storia perfetta. Una canzone racchiude un messaggio, e il messaggio di questa canzone è limpido: non importa « credere » o « non credere », non importa avere o non avere una « fede »: l'importante è vivere la propria vita in modo giusto, e se il Padreterno per caso c'è -dice fra le righe tonton Georges- non è affatto così imbecille come lo dipingono molti che dicono di credere ciecamente in lui; e saprà trarre le giuste conclusioni.

Una canzone è ironia, e qui dentro ce n'è quanta se ne vuole; ci s'immagina quasi il massiccio Brassens coi suoi baffi, figlio d'un muratore con un fisico da muratore, seguire i consigli di quel popo' di furbastro di Blaise Pascal, quello della famosa « scommessa » che riduce Iddio a una specie di Totocalcio, indossare un tonacone ed essere scambiato per un fantasmagorico prete-cantante che furoreggiava all'epoca (lo chiamavano, toh, il « Brassens cattolico »), padre Aymé Duval -che di Brassens tra l'altro era amico e che è nominato -ovviamente a presa di culo- anche ne Les trompettes de la renommée. Poi arrivano le « dame di carità », che, vogliose di sentire qualche « santa canzone », si sentono piombare nelle orecchie canzoncine come « Il gorilla » o « Brutta puttana » e che, scandalizzate, intenderebbero far subire al malcapitato il supplizio di Pietro Abelardo, detto familiarmente taglio delle palle. Qui mi fermo per non sciupare la « suspense » a chi non conoscesse questa canzone; sebbene il finale non sia a sorpresa, perlomeno per chi conosce un po' Brassens.

Sì, è un capolavoro questa canzone. Al pari di quel canto di libertà che è Oncle Archibald (la canzone che più ho cantato « dal vivo » in mezzo alle strade di mezz'Europa). E' un capolavoro, e non lo sciupa nemmeno la famosa strofa del « penchant pervers », nei quali molti hanno voluto vedere il segnale decisivo dell'omofobia brassensiana.

Brassens non era però « fobo » di niente. Era, sicuramente, per molti versi figlio dei suoi tempi e, ancora, di una certa « Francia profonda », rurale e machista, che vedeva l'omosessualità come una cosa « anormale »; ma da qui a trasformarlo in oggetto da graticola per due versi che, peraltro, nella storia raccontata s'incastrano alla perfezione, ce ne corre. Altre, casomai, sono le critiche che si possono rivolgere a Brassens, ma qui si dovrebbe adoperare solo un po' d'ironia.

Nel sito, questa canzone è stata messa tra le “Anticlericali”. Non è del tutto esatto. Con tutta probabilità, questa non è una canzone “anticlericale” in senso stretto, come non lo sono mai le canzoni di Brassens. E' una canzone di profonda, umana, autentica tolleranza, un inno al non giudicare mai le persone né dalle apparenze, né dalla “fede” che professano. Una canzone che, di questi tempi, è attuale quanto mai, proprio ora che “non credere” viene considerato un crimine; ma il vero crimine è la fede imposta a suon di legnate, o anche peggio. “Autoimponendosela”, come in questa storia diventata canzone, si corre soltanto il rischio di mentire a se stessi ed agli altri; e questo è un peccato mortale, anche secondo il Padreterno. [RV]

Partant de l'idée, du principe même que la chanson n'est pas faite uniquement pour enrichir certains marchands, ni pour divertir les demoiselles en mal d'amour et somme toute, elle est aussi, et principalement ici, un instrument de combat, c'est à cet usage qu'on la destinera.
Il y a des chansons de Georges Brassens qu'il faut parfois ressortir du vinyle ou de l'impression digitale et elles sonnent alors comme de généreux antidotes aux maux les plus pernicieux.
La Peste par exemple, celle qui frappe actuellement l'Italie. Celle-là même que le brave Jean de La Fontaine invoquait il y a quelques temps déjà, en disant:

"Un mal qui répand la terreur,
Mal que le Ciel en sa fureur
Inventa pour punir les crimes de la terre,
La Peste (puisqu'il faut l'appeler par son nom)"
On ne pouvait plus juste, on ne pouvait plus prophétique. Non ce n'est pas la Peste bubonique, dont il s'agit; c'est la peste catholique.

"Le Ciel en sa fureur" ou son irascible représentant sur terre, ce Jozef, devenu S.S. Benoit déchaîne la Peste, l'envoie sur l'Italie, d'où il convient d'extirper le laïc, l'incroyant. On le désigne du doigt, on l'accuse urbi et orbi d'assassinat et de tous les crimes et comme dans la fable de La Fontaine survient le Loup, instrument du ciel, grand inquisiteur, le Loup de Rome, le Loup aux dents plus blanches que l'hostie, le Loup de Dieu asservit l'Italie, on le voit là sur tous les écrans cracher sa haine et son indignité sur l'honnête âne, sur ce mécréant.
Voyez-vous çà :

"A ces mots on cria haro sur le baudet.
Un Loup quelque peu clerc prouva par sa harangue
Qu'il fallait dévouer ce maudit animal,
Ce pelé, ce galeux, d'où venait tout leur mal."

Alors pour tous ceux qui voudraient se soumettre aux diktats du Vatican et de ses sbires enjuponnés, Brassens rappelle quelques vérités et en appelle au penseur de Port-Royal.
Mais n'oubliez jamais que s'incliner, faire semblant, se rallier... ne suffira pas. Les Marranes sont là pour en témoigner, le fait de s'être convertis, de s'être reniés n'a pas empêché qu'ils se fassent massacrer....

Et en plus de tout, morale de Brassens, se soumettre aux oppresseurs de la foi ne sert à rien aux yeux de l'Éternel... Enfin, s'il existe.

Cela dit, en toute modestie, Marco Valdo M.I. se prétend mécréant et fier de l'être.

Ainsi Parlait Marco Valdo M.I.
Est-il en notre temps rien de plus odieux
De plus désespérant, que de ne pas croire en Dieu ?

Je voudrais avoir la foi, la foi de mon charbonnier
Qui est heureux comme un pape et con comme un panier.

Mon voisin du dessus, un certain Blaise Pascal
M'a gentiment donné ce conseil amical :

" Mettez-vous à genoux, priez et implorez
Faites semblant de croire, et bientôt vous croirez "

Je me mis à débiter, les rotules à terre
Tous les Ave Maria, tous les Pater Noster.

Dans les rues, les cafés, les trains, les autobus
Tous les de Profundis, tous les morpionibus.

Sur ces entrefaites-là, trouvant dans les orties
Une soutane à ma taille, je m'en suis travesti

Et, tonsuré de frais, ma guitare à la main
Vers la foi salvatrice, je me mis en chemin.

Je tombai sur un boisseau de punaises de sacristie
Me prenant pour un autre, en chœur, elles m'ont dit :

" Mon père, chantez-nous donc quelque refrain sacré
Quelque sainte chanson dont vous avez le secret "

Grattant avec ferveur les cordes sous mes doigts
J'entonnai "le Gorille" avec "Putain de toi".

Criant à l'imposteur, au traître, au papelard
Elles veulent me faire subir le supplice d'Abélard.

J'irai grossir les rangs des muets du sérail
Les belles ne viendront plus se pendre à mon poitrail.

Grâce à ma voix coupée, j'aurai la place de choix
Au milieu des Petits Chanteurs à la Croix de Bois

Attirée par le bruit, une dame de Charité
Leur dit : " Que faites-vous ? Malheureuses arrêtez

Y a tant d'hommes aujourd'hui qui ont un penchant pervers
A prendre obstinément Cupidon à l'envers

Tant d'hommes dépourvus de leurs virils appas
A ceux qui en ont encor ne les enlevons pas ".

Ces arguments massue firent une grosse impression
On me laissa partir avec des ovations.

Mais, sur le chemin du ciel, je ne ferai plus un pas
La foi viendra d'elle-même ou elle ne viendra pas.

Je n'ai jamais tué, jamais violé non plus
Y a déjà quelque temps que je ne vole plus.

Si l'Éternel existe, en fin de compte, il voit
Que je ne me conduis guère plus mal que si j'avais la foi.

inviata da Marco Valdo M.I. - 14/2/2009 - 19:48




Lingua: Italiano

Versione italiana di Nanni Svampa
IL MISCREDENTE

Dicono che oggigiorno, e me lo dico anch'io,
niente è più scandaloso di non credere in dio.

Mi piacerebbe proprio essere come te:
felice come un papa e pirla come un re.

Un mio dirimpettaio, un certo Blaise Pascal,
mi ha dato dei consigli per incominciar.

"Mettiti giù in gionocchio, implora, prega e vai,
se fingerai di creder presto crederai".

Allora sai che ho fatto? Ho scelto il mio calvario:
mattina, giorno e sera in giro col rosario.

Intanto tra le ortiche vedo spuntare un saio
proprio della mia taglia! Me lo infilo e "ciao".

Chitarra sulle spalle, capello ben rasato,
verso la mia salvezza eccomi lanciato.

Ma dopo due passi incontro sei bigotte
che tutte emozionate quasi fanno a botte.

Per dirmi "Reverendo, ci canti qualche cosa
di veramente sacro cui la fede è sposa!".

Grattando con fervore le corde con le dita
prima canto "Il gorilla" e poi "Donne di vita".

Gridando "All'impostore" "Al vile" ed "Al bastardo"
voglion tagliarmi i cosi come ad Abelardo.

Mi toccherà, chissà, andare nel Kuwait
ad ingrossar le fila degli eunuchi in "tait".

Oppure tra i cantori, con voce bianca anch'io,
potrò cantar sereno le mie lodi a dio.

Sentendo quel baccano ecco arrivare là
per mia fortuna una dama di carità.

"E' pieno di figheta di rammolliti e gay
salviamo chi ha i coglioni se no sono guai".

Così m'han liberato convinte più che mai
poi m'hanno applaudito e m'hanno detto "Vai!".

Per conquistare il cielo non alzerò una suola;
se vuol venir la fede, venga, ma da sola.

Non ho ammazzato mai, neppure ho violentato,
e da due anni circa non ho più scippato.

E se l'eterno esiste, vede che in fondo anch'io
non mi comporto peggio di chi ha fede in dio.

inviata da adriana - 14/2/2009 - 20:14




Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)

Versione milanese di Nanni Svampa
LA VOCAZION

Disen che al dì d'incoeu l'è on fatto sconvolgent
De minga avè la fed, de professà –à on bell nient.

Me piasaria anca a mì vess come el mè barbee
Felice come un papa e pirla co -me un re.

Quell che stà su al quint pian, un certo Blaise Pascal
On dì el m'ha daa on consili che l'è minga mal:

« Fà come disi mì, mettess in genogion
Fà finta de pregà e te vegn vocazion ! »

Donca te seet s'hoo faa, anca per ‘bituamm
Hoo cominciaa a girà cont el rosari in man.

In tramm, sul lavoraa, al bar, in gir e in cà
Coi mè giaculatòri semper a pregà

Quand che me sont sentì on poo pussee sicur
Me sont vestì de fraa e sont andaa foeura al scur.

La cerega in sul coo, vestì de francescan
Hoo cominciàa a girà con la ghitarra in man.

Foo nanca quatter pass e rivi al primm canton
Me fermen des donnett dòpo benedizion

« Oh padre per piasè, cantii ona quaj canzon
Di quelle che il buon Dio v'ha daa l'ispirazion ! »

Allora in sul moment savevi nò se dì
Prima gh'hoo faa “El Gorilla” e poeu “Pelanda Tì”.

I avessi mai cantaa, han cominciaa a piccamm
E poeu a vosà : « vigliacch, adess te tajom i ball ! »

S’eri giamò bloccaa, scappà nanca parlann
Pensavi ai mè moros « adess come faran ?!

Insemma ai cereghett, con la vos de castraa
In mezz ai procession me toccarà cantà ! »

Ormai mancava pòcch, ma per fatalità
‘Riva de corsa ona “dama de carità”

« Ohej, sii diventaa matt?, hinn nò mestee de fà
Gh'è giamò tanti cú, quèj bon lassemej stà ! »

Inscì m'han lassaa andà per via de sto argoment
Anzi gh'è staa on applauso e l'è finida in nient.

Per andà in Paradis moeuvi pú nanca on pè
Se dev ‘rivà la fed, la vegna deperlee.

Hoo mai mazzaa nissun, hoo nanca violentaa
E l'è giamò duu ann che voo in gir pù a grattà

E s'el Signor el gh'è, ch'el varda giò inscì el ved
Che mì saria compagn anca con la soa fed.

29/8/2017 - 21:36




Lingua: Italiano

Versione letterale italiana di Riccardo Venturi
4 marzo 2009
IL MISCREDENTE

Esiste, nel nostro tempo, nulla di più odioso,
di più desolante del non credere in Dio?

Vorrei aver la fede, la fede del mio carbonaio
che è beato come un papa e idiota come un pollaio.

Il mio vicino del piano di sopra, un certo Blaise Pascal
mi ha gentilmente dato questo amichevole consiglio:

« Si metta in ginocchio, preghi e implori,
faccia finta di credere, e presto crederà. »

Mi misi a sciorinare, ginocchioni per terra,
tutte le Ave Maria, tutti i Paternostri,

Per le strade, nei bar, sui treni, sugli autobus,
tutti i De Profundis, tutti gli Sticazzibus

Nel frattempo, avendo trovato fra le ortiche
una tonaca della mia taglia, me la sono messa addosso

E, tonsurato di fresco, con la chitarra in mano
verso la fede salvìfica mi sono messo in cammino.

Mi sono imbattuto in un gruppetto di beghine
che, scambiandomi per un altro, mi hanno detto in coro:

« Caro padre, forza, ci canti qualche sacro motivo,
qualche santa canzone di cui conoscete il segreto. »

Strimpellando con fervore le corde con le mie dita
intonai Le gorille e Putain de toi.

Gridando all'impostore, al traditore, al farabutto,
quelle vogliono farmi subire il supplizio di Abelardo.

Andrò a ingrossare le fila degli eunuchi del serragglio,
le belle non verranno più ad aggrapparmisi al petto.

Grazie alla mia vocetta in falsetto avrò il posto d'onore
in mezzo ai Piccoli Cantori della cattedrale.

Attirata dal rumore, una dama di carità
dice a quelle: « Ma che fate? Disgraziate, fermatevi!

Ci son tanti uomini, oggi, che hanno una tendenza perversa
a prendere ostinatamente Cupido alla rovescia.

Tanti uomini sprovvisti dei loro attributi virili,
a quelli che li hanno ancora, non glieli leviamo! »

Questi argomenti pregnanti fecero grande impressione:
mi lasciarono andar via con un'ovazione.

Ma sul cammino del cielo non farò più un passo,
la fede verrà da sola, oppure non verrà.

Non ho mai ammazzato, non ho mai violentato,
è già da qualche tempo che non rubo più.

Se il Padreterno esiste, in fin dei conti vede
che non mi comporto affatto peggio che se avessi la fede.

4/3/2009 - 01:06




Lingua: Italiano (Toscano Livornese)

Traduzione-rielaborazione in vernacolo livornese di Pardo Fornaciari dallo spettacolo “Porci, poveracci e vecchi malvissuti” dedicato a Brassens.
IL BUON SENSO

l secolo che muor
mi fa rabbrividir
e sono disperato
non poterne uscir

con l’anima contrita
il sollievo nel cuor
godendo del perdono
dato dal Signor

Sarei tanto felice
potermi confessar
creder senza problemi
come vedo far

pinzocchere e beghine
devote come poche
ma che tanto cretine
pregan come oche

Un mio amico filosofo
più demo che cristian
m’ha dato un buon consiglio:
“Fa` come Pascal;

mettiti in ginocchion
incomincia a pregar
poi fai finta di crede`,
la fede verrà.

Se tu scommetti che
Dio che ti guarda c’è
se ‘un c’è non perdi nulla
ma se vinci, ohé

guadagni il Paradiso
quindi beato te
se riesci a comportarti
proprio come me”

A questo sacerdote
delle buone intenzion
mandai questo messaggio:
“Cogli l’occasion

fatti gli affari tuoi
non assillar perché
fai diventar cattivo
chi è meglio di te”

Ucciso mai non ho
violentato, mai più!
è già parecchio tempo
che non rubo più

Del resto è vero che
bestemmio ancora un po`
ma mi sto esercitando
e presto smetterò

Se esiste Dio e mi vede
sa che anche senza fede
non mi comporto peggio
di uno che ci crede

Anzi a guardar che fanno
certi che pregan Dio
c’è da esser disgustati:
io sto per conto mio!

inviata da Alessandro - 5/1/2010 - 11:52


Versione piemontese di Fausto Amodei, cantata anche da Gipo Farassino

Bernart Bartleby - 13/12/2013 - 14:15


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org