Lingua   

301 guerre fa

Pierangelo Bertoli


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

La storia di Elena
(Alberto Bertoli)
Marcia d'amore
(Pierangelo Bertoli)
Nero
(Tj DJ)


[2002]
Testo e musica di Pierangelo Bertoli
Da "301 guerre fa", l'ultimo album di Pierangelo.
tre
Riderebbe anche un mulo a vedere nel 3000
una barca tra le nuvole che va
e tu dici i nostri padri lo facevano
e sono storie di 300 guerre fa...
Dai, raccontami del sole che ti stava tra le mani
che di notte rischiarava le tribù
senza fare turni ad attizzare il fuoco
per paura che poi non si accenda più...
Parli bene, vecchio, che quasi potrei crederti davvero
se non altro per rispetto alla tua età
ma se il mondo era come dici tu
spiega come mai adesso non c'è più...

Le parole che volavano al di là delle montagne
senza fumo e senza colpi di tam tam
le parole che ci uniscono e ci dividono
e non ci lasciano soli nell'immensità...
Dai, raccontaci del tuono che ha bruciato la tua gente
e dell'acqua che bevevi tempo fa
senza avere mai paura della polvere
che sta in agguato e una morte lenta da...
Ho paura, amico, che un'altra guerra stia per cominciare
fa la punta ai bastoni la tribù
vorrei essere fra chi racconterà
storie di 301 guerre fa,
storie di 301 guerre fa...


Lingua: Francese

Version française - 301 GUERRES AVANT – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson italienne – 301 guerre fa – Pierangelo Bertoli – 2002
301 GUERRES AVANT

Un mulet même rirait à voir en 3000
Une barque entre les nuages qui va
Et tu dis nos pères le faisaient
Ce sont des histoires de 300 guerres avant...
Vas-y raconte-moi le soleil que tu tenais dans tes mains
Qui éclairait les tribus la nuit
Sans faire des tours pour attiser le feu
Par peur qu'ensuite, il ne s'allume plus...
Tu parles bien, vieux, que j'en viendrais presque à te croire vraiment
Au moins par respect pour ton âge
Mais si le monde était comme tu le dis toi
Explique comment à présent il n'y en a plus.

Les mots qui volent au-delà des montagnes
Sans fumée et sans coups de tam-tam
Les mots qui nous unissent et nous divisent
Et ne nous laissent pas seuls dans l'immensité...
Vas-y, parle-nous du tonnerre qui a brûlé ton peuple
Et de l'eau que tu buvais en ces temps-là
Sans jamais avoir peur de la poussière
Qui se tient aux aguets et donne une mort lente
J'ai peur, ami, qu'une autre guerre soit sur le point de commencer
La tribu prépare la pointe des bâtons
Je voudrais être celui qui te racontera
Des histoires des 301 guerres avant
Des histoires des 301 guerres avant

inviata da Marco Valdo M.I. - 24/2/2011 - 16:49


GRANDE COME E' SEMPRE STATO IL GRANDE BERTOLI....Ciao Pierangelo.............

ENZO - 26/7/2009 - 18:22


Devo confessare che questa canzone l'ho sentita oggi per la prima volta. Avevo seguito Pierangelo da sempre ma quest'ultima l'avevo persa. Gran bella canzone. Grazie ancora Pieragelo per quello che sei stato, per quello che mi hai insegnato con le tue canzoni. Spesso rimpiango di non averti ringraziato per quello che sei stato per la forza che hai impresso a tanti di noi ma soprattutto di non averlo fatto di persona con un grande abbraccio. E questa canzone mi pone ancor di più di fronte a questo rimpianto e se devo essere sincero e vero, come tu sei sempre stato, qualche lacrima ancora mi sta per scappare. Grazie.

Ampelio Pinton da Padova - 1/7/2010 - 18:53


La canzone, segnalo, è scritta a quattro mani con Danilo Amerio.

Salvo Lo Galbo - 18/3/2017 - 21:27


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org