Lingua   

Kaddish

Ofra Haza / עפרה חזה


Lingue: Inglese, Ebraico

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Izieu
(Claude Hazan)
Se il cielo fosse bianco di carta
(Ivan Della Mea)


[1988]
English and Hebrew Lyrics by Ofra Haza and Bezazel Aloni
Testo inglese e ebraico di Ofra Haza e Bezazel Aloni
Album: Desert Wind [1989]

Ofra Haza, 1957-2000. עפרה חזה, 1957-2000
Ofra Haza, 1957-2000. עפרה חזה, 1957-2000


Questo sito nasce giorno dopo giorno, e ogni canzone che vi viene inserita ha una sua storia particolare. Non solo quella sua propria, ma anche quella di come ne siamo venuti a conoscenza e di come l'abbiamo chiamata a far parte di questa specie di immensa corale contro il militarismo, la guerra, la sopraffazione e l'oppressione.

Abbiamo, da circa un mese, una nuova amministratrice. Si chiama Marcia. Dovete sapere che, all'interno del sito, nella parte riservata agli amministratori (quella che scherzosamente chiamiamo la "stanza dei bottoni") abbiamo uno "spazio chiacchiere" dove –per così dire- facciamo il bello e il cattivo tempo alla più totale insaputa degli oramai numerosi frequentatori di questo sito; c'è persino una chat sulla quale chiacchieriamo davvero, in tempo reale; siamo sparsi ai quattro angoli del mondo, o quasi. Nello spazio chiacchiere mettiamo prove, scambi, suggerimenti, miglioramenti, ci prendiamo in giro, discutiamo, qualche volta ci incazziamo pure fra di noi, e scriviamo tutte le nostre cose. Stasera Marcia ha riportato nello spazio chiacchiere una lettura dal libro di 5a elementare di sua figlia. Una lettura che parla del Kaddish, la preghiera centrale della religione ebraica, la preghiera che accompagna nella morte. In questo caso, la morte dei bambini ebrei nei campi di concentramento; la morte di Chaim, dei bambini di Izieu e di migliaia di altri.

Ho pensato di mettere sotto questa cosa il testo del Kaddish; del tutto casualmente, mentre lo cercavo, mi sono imbattuto nel video YouTube di una canzone di Ofra Haza. Ci ho visto scritto "Kaddish" e ho pensato che avesse semplicemente messo in musica la preghiera; invece si trattava di una canzone a sé stante, di una bellissima canzone contro la guerra, ma non solo. Una canzone per la memoria di tutti coloro che amiamo e che abbiamo amato. Eccola qui.

Ofra Haza la scrisse nel 1988, e nel 1989 la inserì nel suo album "Desert Wind". Era all'ora all'apice del suo successo, con la sua voce pari soltanto alla sua bellezza. Era nata nel 1957 in un quartiere popolare di Tel Aviv, per alcuni addirittura malfamato, che si chiama esattamente come l'inno nazionale israeliano: Hatikva, "La speranza". Di origini yemenite, era la dimostrazione pratica che le persone e le cose più belle vengono sempre dalle mescolanze, da nessuna "purezza". E' morta nel 2000, a soli 43 anni, per una polmonite acuta conseguenza forse dell'AIDS contagiatole a sua insaputa dal marito, che aveva sposato da soli tre anni; marito che la seguì nella tomba soltanto un anno dopo. Così questo suo Kaddish che così meravigliosamente aveva cantato, lo vogliamo stasera cantare anche a Ofra. [RV]
For salvation, Kaddish,
For redemption, Kaddish,
For forgiveness, Kaddish,
For health, Kaddish,
For all the wars victims, Kaddish,
For all the holocaust victims, Kaddish

M'yiten shama'i keri'oh
Hamah gurah v'hamaym ka li retoh
Ha samovim rachu'ah
Hamah hareh 'al kah teru'ah


Why do I cry at night?
Why do I feel so bad?
Something holds me tight
It's something in the air.

I have a prayer, a prayer,
A prayer from my heart
Night after night after daylight,
Memories of home...

Ba ha yakhon uv ya mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi de hone - kaddish
Al na homo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Al saliho wa chaporo - kaddish
Al hasolo al hasolo - kaddish
Al nahomo - kaddish
Al rafuho - kaddish
Al saliho - kaddish
Wa chaporo al hasolo al hasolo - kaddish
Oh kaddish de rabanon
Oh kaddish da amiran
Bo'olamo divoro - kaddish
Huyit gadal weyit kadash - kaddish
Al nahomo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Ba hayekhon uv ya'mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi dehon - kaddish
Al shalomo - kaddish
Min shamayo - kaddish
Ye helano - kaddish
Wa chaporo - kaddish
Al hasolo – kaddish

inviata da Riccardo Venturi - 5/12/2007 - 00:28




Lingua: Italiano

La versione italiana (della parte in inglese)
Fatta da R.V. il 5 novembre 2007 alle ore 1.15 della notte
[La traduzione della parte in ebraico verrà eseguita in seguito]
KADDISH

Per la salvezza, Kaddish,
Per la redenzione, Kaddish,
Per il perdono, Kaddish,
Per la salute, Kaddish,
Per tutte le vittime delle guerre, Kaddish,
Per tutte le vittime della Shoah, Kaddish

M'yiten shama'i keri'oh
Hamah gurah v'hamaym ka li retoh
Ha samovim rachu'ah
Hamah hareh 'al kah teru'ah


Perché piango la notte?
Perché mi sento così male?
Qualcosa mi tiene stretta,
È qualcosa nell'aria.

Ho una preghiera, una preghiera,
Una preghiera che mi viene dal cuore.
Notte dopo notte e dopo giorno,
I ricordi di casa mia...

Ba ha yakhon uv ya mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi de hone - kaddish
Al na homo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Al saliho wa chaporo - kaddish
Al hasolo al hasolo - kaddish
Al nahomo - kaddish
Al rafuho - kaddish
Al saliho - kaddish
Wa chaporo al hasolo al hasolo - kaddish
Oh kaddish de rabanon
Oh kaddish da amiran
Bo'olamo divoro - kaddish
Huyit gadal weyit kadash - kaddish
Al nahomo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Ba hayekhon uv ya'mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi dehon - kaddish
Al shalomo - kaddish
Min shamayo - kaddish
Ye helano - kaddish
Wa chaporo - kaddish
Al hasolo – kaddish

5/12/2007 - 01:16




Lingua: Francese

Version française de la partie anglaise, par R.V.
faite le 5 décembre 2007 à 1h21 de la nuit
[la traduction de la partie hébraïque sera faite plus tard]
Pour le salut, Kaddish,
Per la rédemption, Kaddish,
Pour le pardon, Kaddish,
Per la santé, Kaddish,
Pour toutes les victimes des guerres, Kaddish,
Pout toutes les victimes de l'Holocauste, Kaddish

M'yiten shama'i keri'oh
Hamah gurah v'hamaym ka li retoh
Ha samovim rachu'ah
Hamah hareh 'al kah teru'ah


Pourquoi je pleure la nuit?
Pourquoi j'ai tellement de mal?
Il y a je ne sais pas quoi qui me serre,
C'est bien quelque chose dans l'air.

J'ai une prière, une prière,
Une prière qui monte de mon cœur.
Nuit après nuit, jour après hour,
Mes souvenirs de chez moi…

Ba ha yakhon uv ya mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi de hone - kaddish
Al na homo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Al saliho wa chaporo - kaddish
Al hasolo al hasolo - kaddish
Al nahomo - kaddish
Al rafuho - kaddish
Al saliho - kaddish
Wa chaporo al hasolo al hasolo - kaddish
Oh kaddish de rabanon
Oh kaddish da amiran
Bo'olamo divoro - kaddish
Huyit gadal weyit kadash - kaddish
Al nahomo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Ba hayekhon uv ya'mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi dehon - kaddish
Al shalomo - kaddish
Min shamayo - kaddish
Ye helano - kaddish
Wa chaporo - kaddish
Al hasolo – kaddish

5/12/2007 - 01:21




Lingua: Spagnolo

Versione in spagnolo (della parte in inglese) di Marcia Rosati [2010]
Por la salvación, Kaddish,
Por la redención, Kaddish,
Por el perdón, Kaddish,
Por todas las víctimas de las guerras, Kaddish,
Por todas las víctimas de la Shoah, Kaddish

M'yiten shama'i keri'oh
Hamah gurah v'hamaym ka li retoh
Ha samovim rachu'ah
Hamah hareh 'al kah teru'ah

Por qué lloro en la noche?
Por qué me siento tan mal?
Algo me oprime,
algo que flota en el aire.

Tengo una plegaria, una plegaria,
una plegaria que viene desde el corazón.
Noche tras noche, día tras día,
recuerdos de mi hogar...

Ba ha yakhon uv ya mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi de hone - kaddish
Al na homo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Al saliho wa chaporo - kaddish
Al hasolo al hasolo - kaddish
Al nahomo - kaddish
Al rafuho - kaddish
Al saliho - kaddish
Wa chaporo al hasolo al hasolo - kaddish
Oh kaddish de rabanon
Oh kaddish da amiran
Bo'olamo divoro - kaddish
Huyit gadal weyit kadash - kaddish
Al nahomo al shezovo - kaddish
Al rafuho uge'ulo - kaddish
Ba hayekhon uv ya'mekhon - kaddish
Al Yisrael tal mi dehon - kaddish
Al shalomo - kaddish
Min shamayo - kaddish
Ye helano - kaddish
Wa chaporo - kaddish
Al hasolo – kaddish

inviata da Marcia - 8/5/2010 - 10:39


KADDISH PER I BAMBINI SENZA FIGLI

C'è una piccola città nel cuore dell'Europa. In quella città arrivavano tanti bambini, chi da lontano, chi da vicino.
Tutti avevano una valigia piena di cose importanti per loro: giocattoli, quaderni, colori, pezzettini di stoffa, cordicelle, coltellini, palline di vetro, qualche pallina aveva dentro anche un arcobaleno. Poi c'erano i libri con tante belle favole, con disegni e lettere grandi.
In quella città il tempo non scorreva; anzi, nessuno si chiedeva: "Che ore sono? Che giorno è?". Era inutile, come le valigie piene di cose importanti. Infatti le valigie giacevano una sopra l'altra, sembravano la piramide di un faraone assai cattivo.
Nessuno, proprio nessuno aveva pensato di portare con sé una farfalla: non credevano che potesse mancare.
Allora guardavano in su: forse, per caso...
Ma il cielo non si vedeva. Il sole era coperto da una nuvola di polvere. Macché polvere! Era cenere, leggera come una farfalla, ma non così bella...
Non c'erano nemmeno i fiori, perché i pesanti stivali di cuoio li avevano calpestati.
Dove passavano cento soldati non cresce più nulla e lì i soldati passavano di continuo...I bambini erano contenti quando i soldati li radunavano per portarli via.Via da una città così brutta.
-Ma dove si va?
-Andrete nei campi!
-Rivedremo le farfalle!...
Il viaggio era lungo e senza le valigie. Da un buco del vagone chiuso si vedevano le stelle. Qualcuno ricordava una favola e la raccontava ai più piccini, ma senza i libri con le lettere grandi spesso cambiava la fine.
Al termine del viaggio c'erano i "campi", ma senza i fiori.
Mille stivali di cuoio nero e lucido calpestavano tutto. Anche le parole, anche i sogni, anche le stelle, quelle cucite sui vestiti dei bambini.
Così questi bambini non hanno potuto crescere, amare, sposarsi, avere bambini.
Così questi bambini non hanno potuto raccontare favole con le parole scritte a lettere grandi ai loro figli, alle loro figlie.
Così nessun figlio potrà recitare la preghiera che si dice quando un genitore viene a mancare. Quella preghiera che si chiama "kaddish": con le lettere ebraiche di questa parola si potrebbero inventare bellissime farfalle...
Quei bambini si chiamavano con tantissimi nomi diversi, formati con grandi lettere del alfabeto sacro.
Grazie al cielo, oggi ci sono tanti altri bambini che portano i loro nomi e che giocano con le farfalle nei campi e nei prati in tanti luoghi, in tutto il mondo.

Tomáš Simka Jelínek
Tomáš Simka Jelínek è maestro di arte drammatica al Teatro Nazionale di Praga.
Il brano è chiaramente ispirato dai Bambini di Terezín, la raccolta di poesie, pensieri e disegni dei bambini del lager di Theresienstadt (detto "il lager dei bambini"). Nella raccolta è presente anche una poesia su una farfalla, scritta da uno dei più "anziani" deportati: aveva 21 anni e si chiamava Pavel Friedman. [RV]

CCG/AWS Staff - 5/12/2007 - 01:05


English translation of the above tale, by Riccardo Venturi
December 5, 2007
including a small addition

KADDISH FOR THE CHILDREN WITHOUT CHILDREN

There is a small town in the heart of Europe. A lot of children used to come to that town, the ones from far away, the others from nearby places.
Everyone of them had a suitcase filled with things important to them: toys, exercise books, colour pencils, ribbons, strings, penknives, glass marbles, and some marbles had even a rainbow inside. Then, there were books with a lot of beautiful tales, with drawings and big letters.
The time did not pass in that town; nobody asked for the hour or the day of the week. It was no use, just like the suitcases filled with important things. In fact, the suitcases lay piled up, the one upon the other, and looked like the pyramid of some very bad pharaoh.
Nobody, I say nobody, had thought of taking a butterfly with: they could not believe there were no butterflies.
So, they looked at the sky: maybe, by hazard…
But they could not see the sky. The sun was covered with a cloud of dust. Dust? No way! It was ash, light as a butterfly, but not so beautiful…
There were no flowers either, for they had been crushed away by heavy leather boots.
Nothing can grow anymore where hundreds of soldiers are passing, and the soldiers used to pass non-stop by there…The children were happy when the soldiers gathered them to take them away. Away from so a disgusting town.
- Where are we going now?
- You go in the camps!
- So we'll see the butterflies again!…
The trip was long and no suitcase was allowed. From a hole in the locked waggon one could see the stars.
When a tale came to someone's mind, he would tell it to the youngest ones, but without big letter books he would often change the end.
When the trip was over, there were the "camps", but without flowers.
Thousands of black, polished leather boots crushed everything away. Even the words, even the dreams, even the stars, the ones that were sown on the children's clothes.
So, those children have not been allowed to grow up, love, get married, have children.
So, those children have not been allowed to tell tales from big letter books to their sons, to their daughters.
So, there will be no child who can tell the prayer that is told when one parent passes away. The prayer called "Kaddish"; one could shape wonderful butterflies with the Hebrew letters of this word…
Those children bore a great variety of names, formed with big letters of the sacred alphabet.
Thank heavens, there are today many other children bearing the same names as them, who play with butterflies in the fields and in the meadows, in so many places all over the world.
Tomáš Simka Jelínek.
Not in Palestine.
[an addition by R.V.]

5/12/2007 - 02:07


Versión en español de Marcia Rosati [2010]

Dedicata alla mia streghetta che spero non dimentichi mai le nostre domeniche trascorse all'aria aperta a inseguire le farfalle...ma soprattutto spero che non dimentichi quanto è stata fortunata a differenza di tanti altri bambini.

Poiché è pur sempre una favola, nella traduzione ho cercato di utilizzare un linguaggio adatto e comprensibile ai bambini.

KADDISH PARA LOS NIÑOS SIN HIJOS

Existía una pequeña ciudad en el corazón de Europa. A esa ciudad llegaban muchos niños, algunos venían desde muy lejos, otros desde más cerca.
Cada uno tenía una valija llena de cosas importantes para ellos, juguetes, cuadernos, lápices de colores, pedacitos de tela, cordones, navajas, bolillas, algunas de ellas tenían adentro un arcoiris. También tenían libros con bellisimos cuentos, llenos de dibujos y letras bien grandes.
En esa ciudad el tiempo no pasaba, nadie se preguntaba: "Que hora es? Que día es?". Pues hacerlo era tan inútil como las valijas llenas de cosas importantes. De hecho, las valijas yacían una sobre otra, parecían la pirámide de un faraón muy malo.
Nadie, a ninguno se le había ocurrido traer consigo una mariposa: nadie pensó que en ese lugar no las habría.
Entonces miraban el cielo: tal vez, en una de esas...
Pero el cielo no se veía. El sol estaba cubierto por una nube de polvo. Cual polvo! Era ceniza, liviana come una mariposa, pero no tan bella...
No había ni siquiera flores ya que las pesadas botas de cuero las habían pisoteado.
Se dice que donde pasan cien soldados no crece más nada y en ese lugar los soldados pasaban todo el tiempo...los niños se ponían contentos cuando los soldados los reagrupaban para llevarlos fuera de allí. Lejos de esa ciudad tan fea y triste.
-Dónde iremos?
-Irán al campo!
-Veremos mariposas otra vez!...
El viaje era largo y no se necesitaban valijas. Desde una grieta del vagón cerrado podían verse las estrellas. Alguno de ellos recordaba un cuento y se lo contaba a los más pequeños, pero al no tener los libros con letras bien grandes como guía, en la mayoría de los casos el final era distinto.
Al terminar el viaje se encontraron con el "campo" aunque sin flores.
Mil botas de cuero negro pisoteaban todo. Las palabras, los sueños, las estrellas, incluso las que estaban cocidas en sus ropitas.
Y entonces esos niños no tuvieron la posibilidad de crecer, amar, casarse y tener hijos.
Nunca pudieron contar cuentos escritos con palabras bien grandes a sus niños o niñas.
Ningún hijo pudo rezar la plegaria que se dice cuando muere uno de los padres. Esa oración que se llama "kaddish": con las letras hebraicas de esta palabra podrían inventarse bellísimas mariposas...
Aquellos niños tenían nombres distintos, escritos con grandes letras del alfabeto sagrado.
Gracias al cielo, hoy hay muchos otros niños que llevan los mismos nombres y que juegan con mariposas en los campos y en los prados de todo el mundo.

Marcia - 8/5/2010 - 13:36


Un saluto del tutto particolare alla Streghetta, la figlia di Marcia, la cui lettura scolastica è all'origine di tutta questa pagina. E fa anche piacere vedere che nella scuola di base c'è pur sempre qualcuno che tocca questi argomenti in un modo simile, con delle bambine e dei bambini. Forse ancora non tutto è perduto. [Riccardo]

Riccardo Venturi - 5/12/2007 - 12:37


La canzone è meravigliosa come Ofra, che l'ha composta.

Vorrei però poter comprendere il testo aramaico che non è ancora stato tradotto, ma che lo sarebbe stato in seguito: è possibile ?

Grazie mille
mSa
(Mariastella Argenti)

Ebraico, non aramaico! Vediamo cosa potrà fare il nostro traduttore di fiducia... (Lorenzo)

9/4/2010 - 01:13


A questo link - http://www.youtube.com/watch?v=aQ7PFoksnxk - troverete il video ufficiale della canzone con la traduzione in inglese della parte cantata in ebraico, così potrete inserire la traduzione completa ;)
E posso anche confermare che fa parte di un suo disco in cui parla del dolore umano e della guerra, temi ricorrenti in molte sue canzoni.
Un abbraccio
mSa

Mariastella Argenti - 5/5/2010 - 21:00


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org